Noi il risotto lo mangiamo a casa Altrimenti ci incazziamo

Comunque  vada entro fine mese desidererei  ricordare a tutta quella pletora di personaggi pubblici, di politici o di imprenditori  che, come riportato nel titolo, noi il risotto lo abbiamo sempre mangiato a casa e, quando possibile, in compagnia di amici che avevano gli stessi battiti del cuore.

Per troppi anni abbiamo visto la tribuna del nostro stadio affollata  di tacchetti, borsettine, pochette e cravattine pronte ad ingozzarsi di risotto al gorgonzola rigorosamente seduti su un seggiolino che non avevano pagato …

per troppi anni abbiamo visto mani sbracciarsi per salutare l’amico di turno, mani stringersi in segno di stima e spesso di riverenza da parte di tanti parvenues venduti per un piatto di risotto…

Queste poche righe solo per ricordare a tutti questi personaggi improvvisamente dileguatisi prima della pandemia e in questi giorni improvvisamente riapparsi su social e media che il Novara non è mai stato loro e che non lo sarà nemmeno in futuro.

Io comprendo che tanti di noi, probabilmente la maggioranza, sarebbero pronti a genuflettersi sui ceci per una sentenza positiva o, magari con qualche cecio in meno, per una riammissione in serie D.

Ma non è questo il tema ( il mio punto di vista su come affrontarlo l’ho già spiegato sabato ): il tema è diverso … il Novara non si compra per due lire e se non valeva un cazzo prima non vale un cazzo nemmeno ora … statene fuori.

Tanti, come me, non si sono venduti per un piatto di risotto nemmeno quando diluviava .. non lo facciamo ora.

Chi vuole affacciarsi, sempre comunque vada, a risollevarne le sorti o nel rilevarne il titolo sportivo dovrà, ma è chiaramente un mio personale punto di vista, scendere in curva, distinti, rettilineo abbandonando la tribuna ed assolvere e superare un’esame di dedizione e di purezza d’animo comparabile con il Nostro.

Ciumi

PS: forzanovara.net non facciamo polemiche stizzite; chiaro che le bandiere sono un segnale di appartenenza … ma in questo momento, ribadisco, oltre al colore non servono ad una beata minchia. Questo è il momento di andare a cazzo duro e le aste delle bandiere devono essere messe in culo a chi ci ha messo in questa situazione. Baci


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: