il circo Togni Editoriale

“ma che aspettate a batterci le mani

a metter le bandiere sul balcone? 

sono arrivati i re dei ciarlatani

i veri guitti sul carrozzone.

venite tutti in piazza fra due ore

vi riempirete gli occhi di parole 

la gola di sospiri per amore 

e il cuor farà seimila capriole” (Dario Fo)

 

Quando eravamo piccoli c’erano due circhi: l’Orfei più scintillante,  da sciùr come si diceva a Novara, ed il Togni, più popolare, con tanti nani e ballerine.

Un po’ la rappresentazione del management (anche se ci rendiamo conto che è azzardato usare questa parola) del Novara attuale che, ieri in ultima battuta, ha inanellato una serie di perle veramente di eccelsa fattura.

Passi il fatto che il giorno del tuo insediamento garantisci la B (ma forse la A) senza capire che sei davanti ad un popolo che ha  dignità da vendere  pronto a non farsi comprare con due cocomeri e un peperone; passi il fatto che a cinque giorni dall’iscrizione al campionato ti accorgi che devi farla; passi il fatto che dici di aver sbagliato la durata della fidejussione (cazzata megagalattica  venduta al popolo) e che forse l’hai presentata non conforme e te l’hanno rispedita al mittente … passino tanti altri fatti minori inclusi tutti i nani e le ballerine con cui ti sei circondato… ma lasciare che “La Stampa” (non stiamo parlando di Topolino o il Corriere dei piccoli) esca con un articolo dove ufficializza l’esonero dell’allenatore del Novara vuol dire solo due cose: o il “management” (e ci continuiamo a  scusare per la parola che ci azzecca proprio poco con gli interpreti) è composto da pirla o la redazione della “Stampa” si è fatta quattro belle canne di marijuana… propendiamo per la prima … e siamo sinceramente molto preoccupati e con un senso di vomito che faremo fatica a scacciare.

Pensiamo che, al di là dei messaggi mafiosi lasciati squallidamente sulla stampa locale, sia nel diritto di una proprietà, anche se monca, cambiare la gestione tecnica di una squadra … ma ci sono modi e modi e, sopratutto, bisogna avere i coglioni per farlo senza utilizzare mezzucci da avanspettacolo che nemmeno il citato circo Togni nei suoi gloriosi oltre cento anni di attività ha mai usato.

Ciumi

 

 

 


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: