La VIDEO-MOVIOLA di Giana Erminio-Novara Campionato

Dopo otto partite con arbitraggi tutto sommato sufficienti senza episodi eclatanti da commentare arriva il Sig. Michele Di Cairano di Ariano Irpino e ne combina di tutti i colori e tutti a senso unico. Non ho trovato un solo episodio dubbio che avrebbe svantaggiato la Giana Erminio e vi assicuro che è sempre la mia prima preoccupazione.

Al 34’ del primo tempo Cagnano supera Perna, entra in area affronta e dribla Persico che lo tocca sulla gamba destra facendogli perdere leggermente l’equilibrio e a questo punto viene abbattuto da Montesano che entra ad altezza ginocchio. Rigore ed ammonizione senza alcun dubbio.

 

Al 43’ Marcheggiani respinge di pugno mentre un attaccante della Giana lo contrasta ribaltandolo. Era senza dubbio punizione per il Novara. Nell’azione successiva la Giana segna il secondo gol.

 

Il secondo tempo si apre con una genialata dell’arbitro irpino: al 47’ Peralta supera netto il suo avversario che lo stende al limite dell’area. Il guardialinee segnala subito vigorosamente il fallo ma l’astuto arbitro indica di proseguire perché lui ha visto tutto. Era sicuramente fallo anche se Peralta ha accentuato troppo la caduta.

 

Altra decisione incomprensibile al 56’: Bortolussi viene trattenuto per i calzoncini dal suo avversario, cadendo trattiene con la mano il pallone. L’arbitro lucido ed inflessibile fischia incredibilmente il fallo di mano

 

Al 74’ bellissima azione degli azzurri che viene fermata con un netto fallo al limite dell’area su Nardi. Niente da fare anche questa volta: si prosegue.

 

Al 85’ la Giana Erminio chiede il cartellino rosso per Cagnano, questi i fatti: Cagnano subisce una spinta da Zulli e perde la palla, l’ala lombarda parte in contropiede inseguito dal nostro difensore che restituisce la spinta a palla ormai riconquistata dagli azzurri. Non c’è nulla.

Colpo di genio finale al 91’: l’arbitro Di Cairano fischia un fallo netto su Capanni ed indica chiaramente il disco del rigore. Viene corretto dal guardialinee e torna sui suoi passi: fallo dal limite. La decisione finale è corretta ma resta il fatto che l’arbitro aveva sbagliato anche questa volta

 


Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: