LE PAGELLE IGNORANTI DI NOVARA-PRO VERCELLI 0-1 Pagelle Ignoranti

Essendo io sostenitore principale del fatto che il destino sia atroce quasi con tutti, ma col Novara lo sia sempre un pochino di più, ero abbastanza convinto che con quasi tutto a nostro favore avremmo perso. E infatti.

Non mi dilungherò troppo su cose che sono già state ampiamente analizzate, ma mi preme sottolineare due aspetti:

Il primo è che c’è modo e modo di perdere un derby in casa, o in maniera ignobile (0-1 di Morra) o avendo dato tutto. Nella partita di sabato si può imputare poco ai ragazzi, non si sarebbe dovuto perdere ma è successo. Ahimè. Voltiamo pagina e ripartiamo, anche perché la nostra classifica è rimasta quasi invariata.

Il secondo punto è forse il campanello d’allarme che lascia la sconfitta di Sabato: sicuramente miglioreremo (speriamo) ma è evidente che al Novara attuale manchi un ipotetico piano B per risollevare le partite, aspetto che per onestà avevo già accennato anche nelle vittorie. Non ne ho la riprova concreta, in quanto le due gare perse debbano secondo me essere analizzate singolarmente: a Monza, contro una squadra che adesso ne sta dando quattro a partita comunque facendo la nostra figura e l’altra sera che comunque archivierei come serata sfortunata, dove oggettivamente avremmo comunque potuto recuperarla. La verità è che per struttura fisica e di credo di gioco non riusciamo ad essere incisivi nelle mischie e palloni alti, che sono quasi sempre le uniche armi per segnare a squadre di C che si chiudono già sul pareggio, immaginarsi se in vantaggio. Anche perché può capitare di prendere gol, ma non si può pensare che la partita possa finire li’. A Nonno Bankers il compito di migliorare questo aspetto.

MARCHEGIANI: Oggi in versione Di Gregorio dello scorso anno, che non toccava palla se non per recuperarla dalla rete.

POGLIANO: Comi gli urla che ci sono i free drink gratis e lui si distrae.

SBRAGA: Si piglia un cartone in faccia da Comi, che peraltro sarà ritrovato nel fondo dell’Agogna solo due ore dopo. Rip.

CAGNANO: Oggi talmente male che l’unico tiro giusto che fa è quello dritto nelle palle di un difensore della Pro.

BARBIERI: Il treno si ferma nel mezzo della Lomellina e lui arriva al campo dopo 8 secondi. E infatti.

SCHIAVI: Ogni tanto chiede se può vedere e toccare la palla anche lui. Ma pare che anche stavolta la risposta sia stata negativa.

BUBA: Aspetta Pablo per riequilibrare il derby in una briscola chiamata a coppia contro Gilardino e Caridi.

BIANCHI: Non ha mai centrato la porta in vita sua, per una volta che accade prende il palo, poi continuate a dire che non siamo maledetti.

PISCITELLA: Se gli avversari capiscono il suo movimento siamo nei casini.

PERALTA: Oggi torna sui livelli del discretamente disarmante. Voltare pagina e ripartire.

BORTOLUSSI: A fine partita Nonno Bankers lo porta in gita a toccare la porta avversaria per fargli capire che esiste davvero. Tutto felice prende appunti.

Subentrati

COLLODEL, CAPANNI, CASSANDRO, PABLO: la responsabilità più grossa l’aveva Pablo a briscola, ma niente, sconfitti anche su quel campo.

Allenatore

BANCHIERI: Finalmente vive un derby da protagonista e si carica troppo col San Simone. Nel secondo tempo vuole far entrare prima Seferovic, poi Puscas ma capisce da solo di essere in condizione pietosa e si risiede calmo e sereno.

FORZA NOVARA SEMPRE!

Francesco Sartorio


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: