Lo spirito del Mondo Analisi Tecnica

Tra Rivolta d’Adda e Bagnolo Mella ci sono circa 68km, la prima in provincia di Cremona la seconda in provincia di Brescia … un bresciano, di norma, un cremonese “lo sputa” … e viceversa.

Uno, il cremonese, giocava ala … il secondo, il bresciano, interno di centrocampo….
Eccezione fatta per quei due campionati giocati con la maglia granata non hanno niente in comune.

Evidentemente non è così … da ormai tre settimane Eugenio Corini ha deciso di abbandonare tutti i suoi proclami estivi di bel gioco e di moduli proiettati alla profondità della manovra per abbracciare con forza il credo del Mondo: tutti dietro e poi vediamo come va.

Mi immagino un incontro a metà strada, in una di quelle trattorie padane dove i fumi dei bolliti si confondono con la nebbia dei campi, con Mondonico che spiega a Corini come il futuro sia “catenaccio e contropiede senza vergogna”.

Questa è l’unica spiegazione plausibile alle ultime due partite ….
Non che le altre ci avessero esaltato, per carità, ma almeno avevamo visto una squadra equilibrata e dimensionata sul campo, una squadra che cercava sempre di mantenere il baricentro alto… le ultime due invece, giocate con quelle che sono in fondo alla classifica, ci hanno visto in campo con la stessa altezza del baricentro di un nano.

È vero gli interpreti sono importanti e le punte sono determinanti per alzare la squadra; ma è altrettanto importante e determinante che i giocatori in campo si sentano spronati a fare quei venti metri in più …. noi invece, punte o non punte, quella profondità la cerchiamo raramente.

È un peccato soprattutto perché quelle poche volte che lo facciamo o andiamo in porta o ci andiamo vicino …. ma quelle volte, nelle ultime due partite, facciamo fatica a contarle con le dita di una mano.

“Tutti indietro”gridava il Mondo “poi ci pensa Bonazzoli …”

Corini oggi ha fatto come lui…. tre centrali bloccati, un terzino ( Calderoni) che ormai arranca sfiancato dai su e giù , l’altro poverino ( Di Mariano ) che un giorno gioca terzino e l’altro centravanti e quindi ha finito anche lui, pur essendo il più anti-Mondonico per impostazione, a non capirci più un cazzo.

Davanti una bella linea Maginot rinforzata da Macheda … il classico 9 zero 1… ma senza “Bonazzoli”.

Siamo diventati in un mese una squadra pigra, ordinata ma pigra, sempre e solo impostata a fare il compitino.

Così in serie B probabilmente ti salvi… ma ci sono modi e modi… a me questo modo non mi piace per un cazzo.

Torna a bere le bollicine Corini … fatti un bel bicchiere di Bellavista e lascia il Mondo al suo Barbera … non prendere più la BeBreMi quando torni a casa e, soprattutto, non urlare dalla panchina, a tre minuti dalla fine, “calma calma teniamo la palla che è finita” ….

Ciumi


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: