Rimaniamo in contatto

Campionato

Gli ultimi chilometri

Published

on

Siamo arrivati a 3/4 della Maratona serie C. Solitamente a questo punto della competizione le situazioni più ovvie sono la fuga solitaria di una squadra (come il Catanzaro nel girone C) che solo un improbabile crollo finale può mettere a rischio, oppure la sfida al vertice di due o tre squadre (come sta succedendo nel girone B tra Reggiana, Cesena ed Entella) che verrà decisa allo sprint, nelle ultime giornate.

Nel girone A la situazione è molto più complicata: le prime cinque in classifica sono distanziate di tre punti e tra la prima e la decima in classifica ci sono solo 13 punti di distanza (nei gironi B e C la differenza è di quasi 30 punti).

Il girone A è indecifrabile con due grandi sorprese (Lecco e Pro Sesto), una grande delusione (Triestina), due delusioni (Novara e Padova) molto al di sotto delle loro aspettative, due grandi favorite (Pordenone e Vicenza) che nonostante una stagione al di sotto delle loro potenzialità ambiscono ancora al primo posto ed un’altra favorita (Feralpi) che con il suo passo regolare è rimasta sorniona al vertice, per tutto il campionato.

Il ritmo è stato fino a questo punto lento e sotto la media ma proprio nell’ultima giornata le prime cinque in classifica hanno vinto lanciando la volata finale. Pordenone, Feralpi e Vicenza rimangono le grandi favorite come da pronostico della vigilia ma a questo punto Lecco e Pro Sesto hanno una possibilità vera ed irripetibile di vincere e potranno vivere il loro sogno fino alla fine.

Purtroppo, in questa analisi è scomparso il Novara, flagellato da tanti infortuni quanto da scelte societarie e tecniche scellerate. Oramai il focus è unicamente sulla zona play out: La Pergolettese è attualmente a 33 punti e mantenendo la media punti attuale, chiuderebbe a 45 punti. Contro i cremaschi abbiamo perso la partita di andata (1-0) e alla quart’ultima di campionato è prevista la partita di ritorno al Piola. Potrebbe diventare la partita più importante della stagione.

Marchionni ha una media punti terribile di un punto a partita che sarebbe però sufficiente per raggiungere la quota salvezza: 10 partite, 10 punti. Dieci fetidi pareggini ma anche tre vittorie un pareggio e sei sconfitte. Arriveranno altre sconfitte e altre incazzature ma dieci punti in dieci partite in qualche modo devono arrivare.

Parlare di moduli o disposizione dei giocatori in campo ha poco senso a questo punto della stagione: la Pro Sesto ha un’organizzazione di gioco che il Novara se la sogna, con il ritmo ed il dinamismo sopperisce alla mancanza di fisicità, filtro e interdizione. Quando attacca, la Pro Sesto porta in area 3-4 giocatori, creando pericoli continui come nel primo tempo. Al Novara manca questa prerogativa che abbiamo visto quest’anno solo nelle prime sei partite: Vuthaj come Bortolussi vaga sperduto in attacco e solo quando Marchionni è stato costretto dagli eventi (infortuni e svantaggio) a giocare con uomini con più propensione offensiva, siamo riusciti a creare qualche occasione da gol. Non sono convinto che uno schieramento ancora più remissivo e difensivo di quello attuale che è la strada seguita dall’ultimo Cevoli e da Marchionni sia la via giusta per raggiungere la salvezza.

Ma ormai la tattica e la tecnica contano veramente poco, domenica avremo gli uomini contati, non avremo esterni sinistri di ruolo (Lazaar non era neanche in panchina e quindi dubito sarà pronto per  domenica) e saremo costretti a schierare un giocatore fuori ruolo sulla fascia sinistra. Conterà solo la volontà di far risultato. Con qualsiasi disposizione tattica e con qualunque uomo a disposizione Marchionni deve tirarci fuori da questa situazione: ha continuato a seguire ed informarsi sulla squadra da esonerato, ha rifiutato la chiamata di altre squadre in attesa del Novara, ha voluto fortemente tornare al Novara, aveva le idee chiare su come migliorare il gruppo e le prestazioni, era convinto di scalare posizioni in ottica play off, ha fatto il mercato dando le indicazioni all’esecutore Pittino. Quindi basta lamentarsi, abbiamo capito che siamo nella merda, abbiamo capito che deve gestire giocatori tristi e litigiosi che non fanno gruppo neanche sotto tortura. Dieci punti Mister, devi tirare fuori dieci punti in dieci partite da questo gruppo. Ce la fai?

Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

Qui ed ora

Published

on

By

Quando eravamo ancora sullo 0-0, confrontandomi su WhatsApp col Sarto e col Vannu scrivevo: “per me fisicamente stiamo meglio di loro: appena calano fisicamente ce li inculiamo, non reggono il nostro ritmo”. A parte gli insulti che mi sono preso quando 5 minuti dopo ha segnato Nicco, credo che non sarei andato troppo lontano dalla realtà se solo fossimo riusciti a tenere quello 0-0 ancora per un po’. Sì, perché un dato a me pare evidente: sarà che è stata da subito una partita ‘aperta’ in cui nessuna delle due squadre per motivi diversi aveva programmato di fare una gara difensiva, sarà perché un derby è sempre un derby, ma è stata una delle partite più divertenti che si sono viste quest’anno, probabilmente seconda solo a livello di calcio al filotto di gloria Vercelli + Vicenza all’andata e alla mezz’ora dopo il gol a freddo preso a Salò. E soprattutto è stata una di quelle in cui alla lunga siamo usciti meglio rispetto agli avversari in quanto a predominio e qualità di gioco. Se solo il pari fosse arrivato un po’ prima sono abbastanza certo che saremmo stati a parlare di un altro risultato.

In definitiva, premesso che una rondine non fa primavera, questa mi pare una squadra che ad oggi sta molto bene fisicamente. Sembra in primis a me una follia dirlo, dopo che abbiamo avuto la più lunga serie di infortuni e il mercato con più inattivi e lungodegenti che si ricordino a memoria d’uomo, per giunta giocando in un turno infrasettimanale. E ammetto di non essere in grado di quantificare quanto questa presunta brillantezza derivi da noi e quanto dall’atteggiamento spregiudicato degli avversari. Ma non mi spiego altrimenti se non anche con una buona condizione fisica un Gonzalez del genere che, alla sua età, al 92’ riesce ancora a trovare la forza per sgroppare e prendere una punizione che con un po’ più di culo e precisione ci avrebbe regalato una vittoria pazzesca. Complice anche l’infortunio di Piu nel finale che li ha lasciati temporaneamente in 10 nel momento più difficile, ho avuto davvero la netta sensazione che i tre punti fossero lì a un passo, tanto che causa il leggero ritardo della mia connessione a Eleven Sports ho portato il cellulare in un’altra stanza per evitare trilli e vibrazioni premonitori che mi anticipassero un gol.

Non sono d’accordo con chi sostiene che loro fossero poca cosa. Se noi eravamo in palla, loro per buona parte della gara hanno dimostrato di esserlo almeno quanto noi, con un Nicco che evidentemente aveva dei sassolini da togliersi dopo gli insulti dell’andata perché ha fatto un primo tempo insensato. E credo che il concetto di essere ‘poca cosa’ stia ormai dimostrando questo campionato essere totalmente relativo: tanto per dire, nel momento in cui sto scrivendo, la Virtus Verona sta vincendo 2-0 sul campo del Vicenza. Se non ci ho capito un cazzo o se qualcosa è cambiato non penso lo vedremo domenica, perché a sensazione sarà un’ altra partita ‘aperta’ in cui il giudizio tecnico potrebbe essere ingannevole e condizionato da una serie di altri fattori legati più alla giocata del singolo, ma più probabilmente lo vedremo a Piacenza. Ma ormai abbiamo imparato che in questo campionato fare programmi, tabelle, simulazioni lascia il tempo che trova. Si vive alla giornata, con la consapevolezza che ogni partita può sgretolare tutte le certezze acquisite fino a quel momento.

Jacopo

Continua a leggere

Campionato

La prima tragica tabella

Published

on

E alla fine ci sono riusciti. A otto partite dal termine sono costretto a rispolverare la vecchia e fantozziana tabella salvezza. Anzi visto che la situazione, Marchionni docet, era fino a pochi giorni fa senza speranza, sarà una “tabella retrocessione” dove i pronostici saranno, il più possibile, a nostro sfavore. Non la chiamerò “tabella play off” per scaramanzia ma per inerzia potrebbe trasformarsi anche nella tabella con vista promozione.

Tutte le squadre coinvolte nella lotta retrocessione avranno almeno 3-4 scontri diretti e questo sarà un innegabile vantaggio per chi in questo momento è fuori dalla zona retrocessione.  Altro dato da tenere in considerazione saranno le partite delle ultime due/tre giornate dove le motivazioni delle squadre con obbiettivi da raggiungere saranno determinanti nei confronti di squadre che non avranno più nulla da chiedere al campionato.

La tabella è un gioco, con le stesse probabilità che si realizzi di un sei al superenalotto ma aiuta a formulare alcune considerazioni: con la formula “primo non prenderle” si retrocede. Non basterà giocare per il pareggio perché almeno un paio di partite dobbiamo vincerle a tutti i costi.

Contro il Sangiuliano per vincere con un misero gol abbiamo dovuto tirare verso la porta 14 volte (almeno 6 di questi tiri sono state occasione da gol vere). Nelle ultime sconfitte non arrivavamo a 3-4 tiri verso la porta avversaria in 90 minuti, questo ha fatto la differenza, non la fase difensiva che è stata simile se non uguale alle precedenti partite, con l’unica differenza che non abbiamo subito un gol al primo tiro avversario, anche se al 30’ alla prima occasione i nostri avversari un gol lo avevano segnato, gentilmente trasformato in corner dall’arbitro.

Le partite che dobbiamo vincere a tutti i costi sono contro la Pergolettese in casa (scontro diretto tra un mese) e contro il Trento all’ultima giornata, sperando che sia uno scontro diretto per i play off e non per i play out.

Giocando con l’obbiettivo salvezza e con il minimo sforzo, molto probabilmente alla fine del campionato ci troveremo tra il dodicesimo e l’undicesimo posto che grazie alla finale di Coppa Italia Vicenza-Juve NG potrebbe riservarci l’ultimo posto utile per i play off. A maggio (si spera) recupereremo infortunati e la miglior forma degli ultimi arrivati, forse riusciremo a vedere in campo per 90 minuti anche Laazar e allora sarà tutta un’altra storia.

in neretto le partite in trasferta

pos Squadra pt attuali 31g pt 32g pt 33g pt 34g pt totale punti
10 Padova 40 arzignano 1 pro sesto 1 albinoleffe 0 renate 1 43
11 Trento 40 pro sesto 0 pergolettese 3 virtus verona 1 feralpisalò 1 45
12 Novara 40 juve ng 0 pro patria 1 pordenone 0 piacenza 1 42
13 Virtus Verona 39 sangiuliano 1 vicenza 0 trento 1 pergolettese 1 42
14 Pro Vercelli 36 albinoleffe 0 juve ng 3 pergolettese 0 sangiuliano 1 40
15 Pergolettese 35 renate 3 trento 0 pro vercelli 3 virtus verona 1 42
16 Mantova 35 piacenza 0 arzignano 3 feralpisalò 0 juve ng 1 39
17 AlbinoLeffe 34 pro vercelli 3 sangiuliano 0 padova 3 pro patria 1 41
18 Sangiuliano 34 virtus verona 1 albinoleffe 3 arzignano 1 pro vercelli 1 40
19 Triestina 26 pro patria 3 renate 1 vicenza 0 lecco 0 30
20 Piacenza 25 mantova 3 pordenone 0 lecco 3 novara 1 32
 

 

 

pos Squadra pt alla 34g 35g pt 36g pt 37g pt 38g pt totale punti 
10 Trento 45 vicenza 0 padova 3 albinoleffe 1 novara 0 49
11 Padova 43 sangiuliano 3 trento 0 lecco 3 mantova 1 50
12 Pergolettese 42 novara 0 vicenza 1 pro sesto 0 triestina 0 43
13 Novara 42 pergolettese 3 arzignano 1 feralpisalò 0 trento 3 49
14 Virtus Verona 42 pro sesto 0 albinoleffe 3 renate 0 juve ng 3 48
15 AlbinoLeffe 41 mantova 3 virtus verona 0 trento 1 pordenone 0 45
16 Pro Vercelli 40 arzignano 3 pordenone 0 mantova 3 lecco 0 46
17 Sangiuliano 40 padova 0 juve ng 0 triestina 0 pro patria 3 43
18 Mantova 39 albinoleffe 0 renate 3 pro vercelli 0 padova 1 43
19 Piacenza 32 triestina 0 pro sesto 0 pro patria 3 vicenza 0 35
20 Triestina 30 piacenza 3 feralpisalò 0 sangiuliano 3 pergolettese 3 39

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Pro Sesto

Published

on

Grazie alle immagini in campo aperto di Roberto Fabbrica sulla pagina facebook dei Fedelissimi possiamo verificare la regolarità del gol della Pro Sesto. Il primo dubbio è su un possibile fuorigioco. Non è semplice la valutazione, considerata la velocità dell’azione ed il numero elevato di giocatori sulla stessa linea ma l’impressione è che il giocatore del Novara in basso a destra tenga in gioco l’attaccante della Pro Sesto che riceve il pallone.

Nella stessa azione però, Gerbi compie una scorrettezza evidente tirando oltre il lecito la maglia di Ranieri che cadendo ostacola il suo compagno. Scorrettezza a parte i nostri difensori dovevano gestire meglio quella situazione.

Un altro episodio da analizzare (unicamente perché segnalato da Vannu) è un potenziale rigore non concesso al Novara. Al 37’ Galuppini reclama per un fallo di mano in area che le immagini escludono nella maniera più assoluta.

Infine, il terribile incidente al povero Bonaccorsi. Il portiere Del Frate compie un grande intervento senza commettere fallo. Purtroppo Samu, cade proprio sul suo braccio spezzandolo. Bravo Ranieri, l’unico che rimane al suo fianco.

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: