Rimaniamo in contatto

Campionato

Il segreto è saper aspettare

Published

on

“Devi lasciar depositare il fondo…bisogna saper aspettare” – Mediterraneo, il Sergente Lorusso a Noventa nella celebre scena del caffè.

Troppo forte l’ispirazione dell’editoriale del Vannu per non citare a mia volta quello che è in assoluto anche il mio film cult. Saper aspettare, in fondo, è quello che ha fatto un pezzo di questa rosa che più o meno da ottobre non aspettava altro che questo momento. Il tutto mentre i Noventa di turno alla guida della barca sacramentavano per trovare una quadra ai vari mestrui assortiti. Un Noventa è stato di sicuro Semioli, e in questo momento va a lui la mia massima solidarietà. Non tanto per il valore in sé dell’allenatore che ad oggi, con un mese alla guida nessuno può quantificare, nemmeno Ferranti che ne ha lo stesso tessuto le lodi riparatorie in conferenza, ma per le condizioni in cui si è trovato a operare, facendo anche un mezzo miracolo con l’invenzione di Calcagni terzino, e con metà difesa sul mercato e l’altra metà infortunata o acciaccata nell’ultima partita che ne ha rappresentato la condanna finale. Credo che il suo ritorno alla Primavera sia un premio di consolazione abbastanza umiliante ma che rappresenti comunque un riconoscimento per aver lavorato in condizioni al limite dell’impraticabile.

Un altro Noventa è stato il buon Cevoli (e a proposito, al mister vanno anche i miei auguri per una pronta guarigione), che dopo l’inizio sprint si è trovato a fare i conti con tutta la plastica evidenza di una rosa drammaticamente rivelatasi più corta del previsto almeno negli elementi presentabili in questa categoria, oltre ad essere molto meno solida mentalmente del minimo sindacale atteso, con infine quella coda involutiva a livello di gioco che gli ho fin troppo aspramente rimproverato. Non paragonabili a quelli affrontati da Semioli i mestrui registrati, anche se proprio con Cevoli si è verificato il punto più alto della grande opera letteraria di ispirazione goethiana ‘I dolori del giovane giocatore più forte degli ultimi tre campionati di C’, oltre alla lacrimosa saudade marchionniana del prode Yohan culminata con l’espulsione più idiota della storia nella partita in casa col Piacenza, dopo aver preso nel primo tempo più buchi di Rocco Siffredi all’apice della carriera.

E infine, meno colpevole di tutti, ma che non è riuscito a nascondere in conferenza una certa goduria per averla avuta vinta alla fine, ha saputo aspettare anche il buon Marchionni. Che ora, rispetto ai predecessori, oltre a portare un bagaglio di indubbie capacità da trascinatore dimostrate lo scorso anno, torna con il vento in poppa di chi rappresenta l’ultima spiaggia per salvare la stagione. Oltre a questa forza personale, è bastato il suo ritorno per bloccare magicamente tutte le partenze in agenda da parte della vecchia gestione tecnica, tra cui ci sono elementi che, sono certo, torneranno miracolosamente ad essere top performer per la categoria e a dimostrare la voglia dei primi due mesi, rappresentando da soli un sontuoso mercato di riparazione, insieme a Spalluto che sulla carta i numeri ce li ha, e a qualche rinforzo dell’ultimo minuto che il buon Pitino riuscirà magari a portare a casa in extremis. E chissà, visto che il prestito a fine anno termina e tornare all’Alto Adige con questo ruolino potrebbe non essere il massimo per la sua carriera, magari si darà un andi anche quello che per un paio di mesi per me è stato il profeta di Brescia, prima della nota deriva egotica.

Alla fine, la partita della scena del caffè di Mediterraneo l’ha vinta Marchionni, e magari l’ha vinta anche qualcuno che in questi mesi ha lavorato per questo. Forse truccando un po’ i dadi, mentre altra gente che si è silenziosamente e costantemente messa al servizio della squadra e del gruppo si troverà a dover dimostrare tutto daccapo a un altro timoniere molto esigente, e che giustamente non guarderà in faccia a nessuno nello stabilire le nuove gerarchie. Ammetto che non riuscirò ad applaudire con la stessa convinzione i primi quanto i secondi quando scenderanno in campo. Ma se le cose gireranno bene, e ho molti motivi per prevedere che succederà, dimenticheremo tutto. Come gli otto reduci di Mediterraneo avevano ormai dimenticato la durezza della guerra nella splendida isola di Megisti.

Jacopo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

I numeri di sto c…. e la felpa rossa

Published

on

Quest’anno mi sono divertito a raccontare le partite del Novara partendo dai numeri: possesso palla, occasioni create, tiri in porta, tiri subiti, indici di pericolosità e così via. La realtà è che i numeri raccontano una storia che molto spesso non è quella del campo. Anche ai massimi livelli abbiamo visto il PSG perdere contro il Borussia nonostante il 70% di possesso palla, 21 tiri dei parigini contro 4 dei tedeschi e il famoso indice di pericolosità XG che indicava che il PSG avrebbe dovuto vincere 3 a 1 ed in invece 0-1 per il Borussia e Mbappè muto.

Per tutta la stagione il Novara ha avuto ottimi numeri e soprattutto in attacco, la squadra di Gattuso ha quasi sempre creato occasioni da gol, oltre a praticare spesso un calcio godibile. Non è semplice costruire un gioco organizzato e propositivo, molto più semplice e probabilmente più funzionale in questa categoria giocare in maniera speculativa, pensare a difendersi, infoltire il centrocampo e pungere in contropiede come 40 anni fa. Ma il calcio è cambiato e quest’anno Alessandria e Pro Sesto che praticavano proprio questo tipo di calcio, fondando la loro forza sulla compattezza difensiva per compensare la loro pochezza tecnica, sono retrocesse nettamente.

Ma se il Novara si salverà non sarà per le scelte tattiche di Gattuso, bravissimo a svicolarsi da assurde imposizioni societarie sul modulo, non sarà per la crescita continua del gruppo, non sarà per i cambi in corso che hanno cambiato il volto delle partite, non sarà per la pazienza ed il lavoro su Ongaro trasformato in giocatore di calcio in tre mesi, non sarà per aver inventato un difensore in capocannoniere, non sarà per la continua, incrollabile quasi maniacale convinzione che la salvezza sarebbe arrivata nonostante tutto. Se il Novara si salverà sarà soprattutto grazie alla felpa rossa di Jack Gattuso tenuta rigorosamente sulle spalle nella conferenza stampa prepartita e per tutta la partita con il Fiorenzuola dal riscaldamento fino ai festeggiamenti culminati con il regalo della stessa felpa ad un fortunato tifoso azzurro. Quella felpa rossa, indossata in egual maniera anche con il Legnago, appoggiata sulle spalle a 27 gradi è il vero segreto della probabile salvezza del Novara.

Grazie Jack, tieni duro ancora una settimana, recupera qualche ora di sonno e poi costruisci come sai fare l’ultima vittoria, con o senza  felpa rossa sulle spalle.

p.s. il Fiorenuzola ha dominato nei numeri: oltre ai 18 calci d’angolo anche 18 tiri in porta contro solo 5 (tre gol compresi) del Novara. Nel primo tempo abbiamo fatto due tiri in porta e tre gol. Secondo l’indice XG il Fiorenzuola doveva vincere 2 a 1 ed invece 1-3 e Tabbiani muto! Pur avendo enormi limiti tecnici e fisici il Fiorenzuola gioca a calcio e prova a vincere le partite come il Novara. Poi perde e retrocede perché questo nel calcio succede, ma almeno prova a costruire calcio. Alessandria e Pro Sesto giocando come 40 anni fa non hanno nemmeno provato a giocare e non penso che da quelle parti qualcuno si sia divertito.

Continua a leggere

Campionato

Come un biglietto in tangenziale

Published

on

Lunga e diritta correva la strada, forte il motore rombava, ma il finestrino era abbassato e fuori il foglio volava, e fuori il foglio volava.

Non si tratta di una modifica al bellissimo testo di Francesco Guccini, ma l’esatta trascizione di ciò che è successo ieri.

Complice una di quelle trasferte “ciccione” che resteranno scolpite nella storia e nella memoria, ammesso che si riesca a ricordare tutto.

Dunque, giusto per essere sintetici e non dilungarmi in quelli che il Ciumi classifica come pipponi,

mi tocca precisare che lo scenario è la campagna piacentina, non troppo diversa dalla nostra: sullo sfondo le colline invece delle alpi, ampi spazi coltivati a verde contrapposti al nostro mare a quadretti.

Case e cascine un po’ qua e un po’ la, e tra queste una trattoria, una di quelle sulla cui porta di ingresso non sono appiccicati gli adesivi delle stelle al merito culinario, ma un semplicissimo foglietto con su scritto “tutti i giorni dopo le 12:15 si organizzano corsi di recupero per astemi”.

Ecco, qui si comincia a intravedere la causa del ricorso a Guccini.

La complicità dell’ ottimo cibo e la semplicità di quel blend di bonarda e barbera che da queste parti chiamano gutturnio, si impadroniscono subdolamente della scena. 

Non è mica colpa nostra se il fischio di inizio è fissato alle 18, c’è da far trascorrere un po’ di tempo per arrivarci vicino e quindi il “felino”, la coppa, il lardo, la tagliata sono gli strumenti che si usano da queste parti, insomma, mica puoi stare li a rimirare il paesaggio e bom!

Vabbè, si parte per Fiorenzuola una volta pagato il conto, lievitato sensibilmente dopo la conta della bocce, le quali, in combutta con la temperatura esterna, inducono all’abbassamento dei finestrini delle auto.

Ed è proprio in questo frangente che si consuma la tragedia: tangenziale che conduce a Fiorenzuola, un rettilineo lungo un paio di chilometri, un ponte sotto il quale scorre il Trebbia, un foglio bianco che vola fuori dal finestrino della vettura che apre il “corteo”, le quattro frecce inserite per una sosta dove non esiste la benchè minima corsia d’ emergenza.

Il biglietto della Vivaticket valido per l’ingresso allo stadio, che svolazza per aria beffardo e impertinente per posarsi in mezzo alla carreggiata per poi riprendere il volo al passaggio delle auto che sfrecciano in ambo i sensi di marcia a più di 100 chilometri orari.

Panico nello sguardo del titolare del Vivaticket volante e in quello di Nonnalanto che urla “Ma dove vaiii, torna indietro che c’ hai il ginoccio bionicooo!!” quando si accorge che il più vecchio della comitiva … pardòn, il più anziano o diversamente giovane, sprezzante del pericolo, corre assieme alla bisteccona e al gutturnio verso il foglio che nel frattempo si è posato sul bordo del guardrail, fermo, immobile, inanimato … “ti ho visto, ti prendo, non puoi sfuggirmi”… col cazzo!!! uno stronzo con la maglia del Fiorenzuola strombazzando a centoventitre all’ ora, rimette in discussione tutto quanto facendo decollare il Vivaticket nella carreggiata opposta.

È lì che il più anziano diversamente giovane, sprezzante del pericolo attraversa le corsie impossessandosi definitivamente del Vivaticket per poi restituirlo al legittimo intestatario del medesimo dopo aver ripercorso i circa trecento metri a ritroso sotto un sole estivo che fissava il termometro a 30 gradi.

Un proverbio recita che la curiosità è femmina, ma secondo me è anche maschia, però credo non sia giusto, per i diritti che la privacy garantisce, rivelare il nome del proprietario del Vivaticket volante.

Ma siccome io della privacy me ne sbatto le balle rivelo pubblicamente il nome di colui che ha rischiato di perdersi cotanta memorabile partita: Ciumi.

Il resto lo conoscete tutti, ormai appartiene al passato, il futuro si concretizzerà tra sette giorni. Domenica tutti al Piola.

Nonnopipo   

Continua a leggere

Campionato

Atto d’amore

Published

on

Saranno circa seicento i novaresi presenti sulle tribune e nel settore ospiti di Fiorenzuola. Trecentocinquanta biglietti polverizzati in poche ore con la conseguente apertura del secondo blocco riservato agli ospiti.

La trasferta in Emilia, complicata per l’assenza di pullman organizzati, avrà una partecipazione che non si vedeva in tante trasferte in serie A per non parlare di quelle in serie B anche ai massimi livelli. Un risultato numerico sorprendente, alla fine di un campionato che ha fatto risultare il peggior piazzamento della storia del Novara insieme al 17°posto del campionato di C1 del 1996/97.

Evidentemente questi ragazzi di azzurro vestiti sono riusciti a smuovere il freddo cuore dei tifosi novaresi. Al di la dei risultati è innegabile che questo gruppo ha dato tutto quello che poteva, ha sempre giocato al massimo delle proprie possibilità ed è cresciuto nel corso della stagione dimostrando un attaccamento alla causa e forse anche alla maglia sorprendente.

Abbiamo visto i giocatori spauriti di inizio stagione come Corti, Donadio e Gerardini diventare credibili per la categoria partita dopo partita, giocatori che speravamo che se ne andassero via come Di Munno e Ranieri diventare colonne intoccabili del centrocampo, altri come Calcagni e Bonaccorsi trasformarsi in bandiere azzurre e nel caso di Urso abbiamo visto un giocatore ripresosi da un infortunio devastante e molto criticato nel suo primo anno azzurro, diventare Federico Di Marco. Ci siamo subito innamorati dell’impegno dei nuovi arrivati e soprattutto abbiamo visto una squadra che nonostante un inizio campionato da incubo con la prima vittoria raggiunta a fine novembre, nonostante le sconfitte devastanti subite negli ultimi minuti e nonostante gli schiaffi presi, si è sempre rialzata, ha sempre lottato e ha sempre espresso, un livello di gioco organizzato e propositivo.

Abbiamo perso strada facendo Khailoti, Calcagni, Donadio, Kerrigan, Scappini e Lancini. Sei titolari persi senza battere ciglio, chiunque sia entrato in campo lo ha fatto al meglio delle sue possibilità. Questa “chimica” è stata capita dai “maicuntent” novaresi che non hanno mai fatto mancare il sostegno alla squadra.

Ventitré anni fa il Novara che raggiunse la salvezza a Fiorenzuola capitanato da Giacomo Gattuso, appassionava i tifosi azzurri, come il Novara di oggi e costruì nella sofferenza della lotta per la salvezza le basi che portarono due anni dopo sei undicesimi di quella squadra al raggiungimento di una clamorosa promozione.  Che sia di buon auspicio, forza ragazzi, siamo pronti a soffrire con voi fino alla fine, fino alla vittoria.

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.