Rimaniamo in contatto

Campionato

La lotteria del lamento

Published

on

Mi divertono sempre un sacco le dinamiche che si creano in occasione di un torto arbitrale. Ricordo molto bene un Giampiero Gasperini anni fa, arrivato (o tornato, ora non ricordo sinceramente) sulla panchina del Genoa, che in occasione di un chiaro favore arbitrale di cui aveva beneficiato la sua squadra, con la faccia serena di chi ha chiaro il famoso teorema dei ‘torti che si compensano’ attaccò un discorso assolutamente ragionevole su come non si debba parlare degli arbitri, che sono una componente del gioco, che sono umani e sbagliano anche loro e via ovvietà discorrendo. Passarono forse due settimane e, al primo errore arbitrale a sfavore del Genoa, la conferenza stampa di Gasperini fu sostanzialmente un attacco a testa bassa all’arbitro che aveva condizionato la partita. Game, set and match.

Sta tutta qui l’ipocrisia del modo italico di intendere il ruolo dell’arbitro. Che è poi in fondo lo stesso che abbiamo nell’intendere il ruolo di qualsiasi organo decisore che abbia una qualche influenza sulle nostre vite: ci indigniamo e strepitiamo quando veniamo danneggiati, alziamo le spalle e ammicchiamo in segno di sfregio quando ne beneficiamo, assumendo di volta in volta con agilità olimpica uno dei due atteggiamenti in base al contesto senza curarci della contraddizione. In questo siamo incorreggibili.

E ovviamente nemmeno noi a Novara facciamo eccezione. Ricordo che l’anno di Toscano, con una rosa che costava il doppio di qualsiasi altra del girone, siamo stati in grado di produrre piagnistei per mesi riguardo i torti arbitrali quando l’unico motivo per cui alla fine avremmo potuto rischiare di non salire stava nell’inaugurazione della splendida arte della compensazione fiscale di cui abbiamo visto la più alta espressione la scorsa estate. Però non c’è nulla da fare, a parlare con qualcuno sembra che qui a Novara si sia in credito di ere geologiche di furti, ma, sarà che io non ho testimonianze dirette di prima della fine degli anni ’90 per motivi anagrafici, davvero faccio fatica a ricordare una serie di sviste coordinate e continuate ai nostri danni. E anche se ce ne fossero risalenti a prima, mi piacerebbe capire chi nel ‘palazzo’ sia così longevo e pervicace da accanirsi per decenni contro una squadra che rappresenta solo un centinaio di migliaia di abitanti e qualche migliaio di tifosi. È come se si dovessero a tutti i costi collegare dei puntini sparsi a caso per creare un disegno che, alla prima occasione in cui ritorna qualcosa indietro in beneficio, ci permetta di dire ‘beh, questo è il minimo con tutto quello che ci è capitato prima’. Una specie di lotteria, di raccolta punti del lamento che tanto i bollini te li danno gratis insieme alla spesa, e poi quando ne hai accumulati un po’ puoi ritirare il premio.

Ed è ovvio che questa cosa non riguarda soltanto noi, perché se intervistassimo qualunque tifoseria media, quasi certamente troveremmo una percentuale di gente che pensa di essere vittima di un complotto più o meno dalla notte dei tempi, che ovviamente non sarà mai ripagato nemmeno da un campionato intero in cui ti danno due rigori a partita e tre gol in fuorigioco.

Per questi motivi oggi mi fanno ugualmente sorridere sia l’insistenza con cui da Varese stanno chiedendo una specie di ammissione di colpa (e immagino a parti invertite Lord Ezio Rossi in conferenza stampa contrito e addolorato a scusarsi con gli avversari), sia, mi si permetta, anche l’atteggiamento inutilmente sprezzante e perculante verso gli avversari che molti di noi stanno dimostrando. Sia chiaro, io sono il primo ad aver goduto come un maiale e se potessi una vittoria così la vorrei ad ogni derby, ma quando fai il bullo in una situazione come questa è un po’ difficile poi al primo torto ripassare dalla parte delle vittime. Io, ma è una mia opinione personale e poi ognuno fa il cazzo che gli pare, sono dell’idea che la cosa migliore sia sempre quella di stare in silenzio ed aspettare il momento di gustarsi la vendetta. E vi dirò, 8 anni dopo, anche senza nel frattempo alternare piagnistei a ammiccamenti, io a sto giro me la sono goduta proprio.

Jacopo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: