Lettera di una moglie di “quelli di Novara Siamo Noi” Pensieri e parole

Caro 20% e caro 80%, da un paio d’anni avevo già colto un’aurea cupa sulla squadra di calcio da voi acquisita, perché la domenica di pace che si creava a casa mia durante i 90 minuti + tempo indefinito pre e dopo partite, veniva surclassato da santi e madonne che volavano nelle mille telefonate che si ricevevano, peraltro senza porsi minimamente il problema di poter disturbare ( meglio conosciuto come rompere i coglioni) , oltre al fatto che palesemente taluni hanno sempre portato sfiga già dal “pronto…”
Non credendo ad un infausto destino, da quella NON tifosa del NovaraCalcio quale sono io, ma ben connessa al mondo amministrativo e finanziario, posso asserire che le pedine mosse con becere manovre per arrivare sin qui, dopo l’apparente e poco credibile entusiasmo iniziale indotto a quelli tipo mio marito dove “iuppiiiiii questi sono ok”…siamo salvi” , siano state del tutto da voi subliminalmente pilotate e volute.. poiché mi risulta difficile credere alla rappresentazione del manga giapponese di stupore e ingenuità muovendo una quantità di “danè” cosi elevata, scoprendo solo dopo che tale operazione non rientrasse nei canoni fiscali del giuoco calcio…

Detto ciò, si sa, che se sbagli a tirare la palla in porta non fai goal. Ecco.., solo per le rotture di coglioni che per colpa vostra ora ho in casa, la palla ve la tirerei in faccia, sperando vi vadano di traverso cuccioloni e l’infradito in uso nel mentre camminate verso il TAR perché, caro 20% e caro 80%, le conseguenze delle azioni che avete commesso non ricadono più su di voi, ma bensì su gli altri.. e questo non è mai una buona cosa…e adesso, credetemi, c’è davvero poco da fare i Life Coach perché l’avete combinata troppo grossa.
Non vi siete mai messi nei panni di quelli che avreste dovuto “guidare” e con i quali intraprendere un nuovo percorso. Siete stati capaci solo di sminuire la preoccupazione evidentemente creatasi da settimane dando colpe a tutti, tranne che a voi.. barricandovi dietro scudi in divisa (ciao amici carabinieri rispetto sempre i limiti di velocità e sono gentile con tutti) e transenne bisbigliando “stiamo facendo il possibile”.
Siete vittime e carnefici in un unico rogito …. mi immagino già il notaio sudare dalla fronte e con il tremolio alla manina…

Leggo post da ieri di persone non proprio giovanissime , che trasmettono dispiacere e delusione di quanto avete fatto accadere.  Avete rovinato tutto ciò che si poteva rovinare ma a voi probabilmente “fottesega” ….Da non tifosa, però, non capisco ancora il nesso logico di mandare all’aria tutto ciò, anni e anni di storia…quando se non la volevate, bastava andare avanti a cucire mutande e reggiseni fashion ed entrare nelle stanze a decantare “andrà tutto bene figliuoli la vita è bella non arrabbiatevi”.
Potremmo star qui a farci mille domande, poi vi offendereste andando a bloccarmi sui social (peraltro uno di voi l’ha già fatto) dove solo un favore mi fareste, e non certo uno sgarbo….
Siete artefici di una grande storia a finale imbarazzante…e adesso dovreste avere almeno la decenza di lasciare giù la penna e pedalare via, stando attenti a non rovinare le piastrelle del centro sportivo perché poi il proprietario non ha piacere..oltre forse a non avere i soldi per sistemarle.

Secondo me…è proprio oggi che tutti voi che vi siete riparati dietro a quella transenna potete davvero sentirvi dei coglioni…Perdenti…e coglioni..

Ely

 


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: