Rimaniamo in contatto

Dialetto

Par strupav un surìs

Published

on

I espression in dialètt chì da suta, fan part d’una racolta da “parulasci” vusà ’n ti ani a l’Alcarotti  e al Silvio Piola dai tifusi nuares, ‘nti cunfrunt un po’ da tutti: avversari, arbitro, segnalinee, e di volti anca a un quai giüdur dal Nuara. A vüaltar al piasé da leggian una quai vüna, che ho truvà in gir un po’ chì e un po’ là, e ’n ti ricord da chi g’ ha un quai ann e i cavei gris in abundansa, cun l’augüri che sta maniga da malnàt (da De Salvo a la banda Pavanati passand par la squadrascia di Rullo) i vagan tüti quanti fora di bali par sempar. Ricumincià da zéru ga spuénta mia.

Le espressioni dialettali qui sotto, fanno parte di una raccolta di insulti urlati negli anni negli stadi dell’Alcarotti e al Silvio Piola dai tifosi novaresi nei confronti di tutti: avversari, arbitro segnalinee e, alcune volte, anche a qualche giocatore del Novara.A voi il piacere di leggerne alcune che ho trovato in giro un po’ qui e un po’ là, e nei ricordi di chi ha qualche anno e capelli grigi in abbondanza. Con l’augurio che questi gruppi di “poco di buono” ( da De Salvo alla banda Pavanati, passando attraverso la squadraccia dei Rullo, possano tutti andarsene fuori dalla palle per sempre. Ricominciare da zero non ci spaventa. 

 

“Ti cünti cume una furchèta ’nt al bröt”   Riferito a un giocatore scarso e inutile quanto lo può essere una forchetta nell’atto di bere il brodo 

“L’è vist püssè arbion la to mama che al minestron dla mè nona”    destinata all’arbitro/segnalinee per informarlo della predisposizione della di lui madre al contatto assiduo con i “piselli”, assai superiori, numericamente, a quanti se ne possono contare nel ricco minestrone della nonna

“Tàiat i cavei, vunciòn”    invito rivolto di solito da un tifoso calvo al giocatore avversario particolarmente dotato di chioma fluente 

“Ti sè sempar par tèra cume ‘na siloria”   rivolta a Enrico Bramati detto “Ricu”  avvezzo spesso a spettacolari cadute

“Facia da cü da can da cacia”    A qualunque avversario, arbitro,segnalinee, con la faccia brutta, capitasse a tiro 

“Ti sè brütt ‘mè la mort da Camarian”    Variazione alla frase sopra riportata

“ Gnürant ‘mè ‘na sapa”    Dubbi espressi in merito al bagaglio culturale dell’arbitro

“Tato, ti tè fai passà una brèla in mèss di gambi”   considerazione rivolta al portiere Fausto Lena (Tato) dopo aver subìto un gol con la palla passata in mezzo alle gambe come fosse sterco di cavallo

“Impìcat cun la cruata”   Di solito all’ arbitro/segnalinee ma spesso anche a qualche giocatore avversario

“Facia ‘mè un urinari a sès uri la matina”   espressione tesa a paragonare il volto del denigrato a un pitale colmo delle urine della notte dopo il rilevamento effettuato alle ore 6:00 antemeridiane

“ Geometra!!! Fa sarà sü al Benevul prima dla partida, che incö hin tüti ciuch”   Invito rivolto al Presidente Tarantola Geometra Santino, dopo una brutta prestazione dei giocatori simpaticamente sospettati di aver consumato bevande alcooliche al banco di mescita del vicino bar Benevolo, prima dell’inizio della partita

“Ti ghè la sciarvèla cume cula d’un cirabibè”   Riservato all’arbitro/segnalinee il cui cervello veniva misurato a vista, e giudicato approssimativamete di dimensioni pari a quello di una libellula.

“Ti farè la stèssa fin chi fann i ratàsc da Mlogn”    informazione su quello che il destino avrebbe riservato a qualche componente la terna arbitrale, uguale a quella che facevano i topi di Lumellogno, paese popolato da un alto numero di gatti

“Nini, pìagh i misüri e po’ inviaral dal Geometra che la manda a da via ‘l cü”   Preghiera rivolta al Nini affinche prendesse le giuste misure al suo avversario diretto, per poi inviarlo al Presidente Tarantola che gli avrebbe rivolto il più classico e sincero degli inviti esprimibili in dialetto novarese

“Nasu, se ti ciuli cume ti fè al purtier, ti diventarè prestu cülatòn”   Considerazione espressa, dopo una papera del portiere Nasuelli, sulla sua futura sessualità se paragonata alla prestazione fornita. 

“Ti spüssi ‘mè la rüdera dla cassina dla Brignuna”   Urlato all’ arbitro/segnalinee accusato di emanare un odore sgradevole pari a quello emesso dalla concimaia o letamaio della Cascina Brignoni di Gionzana

“Arbitro, bastard e disunèst”   Non abbisognevole di spiegazioni essendo considerato insulto ufficiale da riservare all’ arbitro (copyright Carlo Afferni detto il Carlone)

“Arbitro, ti fè gni voia da cagà cume l’erba mudistina”   Considerazione sull’arbitraggio che viene paragonato alla capacità dell’erba modestina di inviare sul water chiunque assuma il decotto di tale erba, favolosa nel favorire una abbondante evacuazione

“Deh, ma ti sè dréra giügà suta l’efètt dl’ indormia?    Domanda urlata al nostro Grossetti soprannominato Moviola.

“Babaciu d’un lifròch, fora da chi ghè al Campagnon cunt i manèti in man prunt a ristat”   Informazione fornita all’arbitro/segnalinee, definito imbambolato e tonto, riguardo la presenza fuori dall’Alcarotti della guardia di quartiere, con le manette in mano per arrestarlo, in seguito all’arbitraggio pessimo. 

“Cul li l’è passà dla stra di Scülgaroli!!”   Dubbio espresso nei confronti di un avversario accusato di essere un simulatore. Tale strada null’altro era se non l’attuale Via Regaldi dove molti anni fa esisteva un laghetto che in inverno ghiacciava.

“ Ti füssi ingàmba ‘mè ‘l Gibula ti sarissi un campiòn”    espressione utilizzata con rammarico nei confronti di un giocatore la cui fisicità risultava assai scarsa, ben lontana dall’essere paragonata a quella espressa dall’ arzillo e scattante Gibula (Nicola Cresifonte, 1902-1982) massaggiatore del Novara Calcio.

 

Par strupav un surìs

Per strapparvi un sorriso

Nonnopipo       

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Dialetto

Grassie (quasi) a tüti

Published

on

Non traduco mai in italiano le mie poesie dialettali, ma questa volta faccio un’ eccezione affinché possa arrivare a tutti in modo chiaro, ad alcuni farà piacere ad altri forse no. Non si può piacere a tutti.

 

L’è una storia un po’ trop lunga par cüntala in puesia

ma una rima dréra l’altra, pü nissün la porta via.

L’era dré rivà l’autün, incertèssi e delüsion

parchè una maniga ‘d balurd l’è büsgà al nost balòn

Sensa pietà nè sentiment, al püssè unèst l’è un disgrassià

da mis-ciai insèma al rüt, in mèss d’un camp a cuncimà.

Ma lassuma sta sta gent, se de no am végn da tra sü

che a mètagh i man indoss ti a tirarji via pü

La memoria i la san tüti, g’ ha un’ inissi e mai una fin

e da sti quatar carugnon, is ricurdaràn anca i fiulin

Scüsim la sfogu anca parchè, custi chi hin dì da festa

scancelarò sti piöcc dal lüff, che im viundan par la testa

par fa dal post a un brav om, che cun curagg e cun ardùr

l’è pruvà a restitüì a tüti, dignità speransa e unùr

e dal Nuara a l’ha dimustrà, al sarà sempar al prim murus

e mi i speri che prestu o tardi, al diventarà anca al so spus

cul ch’ l’è fai al Sciur Ferranti, s’ ha infilà dentar la storia

e Nuara e i nuares tantu lunga g’ han la memoria

e par mia dismentigà al Di Bari, un pensier al diretur

che curénda dréra al temp, l’è creà un capulavur

grassie ai magaté, e un quai vigiot ch’ l’è rifilà un quai pé ‘nt al cü

in sta categuria vuncia e scarusa, igh turnuma propi pü

grassie anca al Marchionni, ch’ l’è pià in man sta caruana

e l’è fai da parafülmin a püssè d’ una scalmana.

grassie a tüta cula gent, che l’è sgübà dür par al Nuara

gent che ‘nt’al cör la purtarà, al ricord d’ un’alba ciara

grassie propi a tüti quanti, dai distinti a la tribüna

anca a tüti i criticòn che i na perdunan mia vüna 

E s’ l’è vera che da sempar, i migliur i stan in fund

un grassie ai NUARES, un grassie gross cume l’è ‘l mund

 

Nonnopipo

 

 

È una storia un po’ troppo lunga per raccontarla in poesia

ma una rima dietro l’ altra, più nessuno la porta via

Stava arrivando l’autunno, incertezze e delusioni

perchè un gruppo di gente senza scrupoli ha bucato il nostro pallone (metafora)

Senza pietà nè sentimento, il più onesto è un disgraziato

andrebbero mischiati insieme al letame, in mezzo a un campo a concimare

Ma lasciamo stare sta gente, se no mi viene da vomitare

che a mettergli le mani addosso non le tireresti via più

La memoria lo sanno tutti, ha un inizio e mai una fine

e di questi quattro carognoni, si ricorderanno anche i bambini

Scusatemi lo sfogo anche perchè questi sono giorni di festa

cancellerò questi pidocchi del lupo*, che mi girano per la testa

per far posto a un bravo uomo, che con coraggio e con ardore

ha provato a restituire a tutti, dignità speranza e onore

e del Novara lo ha dimostrato, sarà sempre il primo fidanzato

e io spero che presto o tardi diventerà anche il suo sposo

quello che ha fatto il Signor Ferranti, si è infilato dentro la storia

e Novara e i novaresi assai lunga hanno la memoria

e per non dimenticare il Di Bari, un pensiero al direttore

il quale correndo dietro al tempo, ha creato un capolavoro

grazie ai giovani giocatori e a qualche vecchietto che a loro avrà rifilato qualche scarpata nel culo

in questa categoria unta e sporcacciona (a qualcuno non piacerà questo termine, pazienza!) non torneremo proprio più

grazie anche a Marchionni che ha preso per mano questa carovana

e ha fatto da parafulmine a più di un fulmine

grazie a tutta quella gente che ha lavorato duro per il Novara

gente che nel cuore porterà il ricordo di un’ alba chiara

grazie proprio a tutti quanti dai distinti alla tribuna

anche a tutti i criticoni che non ne perdonano mai una

E se è vero che da sempre, i migliori stanno in fondo

un grazie ai NUARES, un grazie grosso come il mondo.

 

Nonnopipo

*semi di cespuglio di bosco a doppia punta, particolarmente odiosi, che si attaccano ai vestiti

Continua a leggere

Dialetto

Ann növ, stèss Nuara!

Published

on

Un altr’ ann l’ è in viá ch’al finissa e cumencia un ann növ … 

… però, giüst par fa un po’ al sufistich e par mia passà da smorbi, sarissi cuntent anca d’ un ann da secunda man.

Si … insuma, mè ’s poda dì, ècu: vün da cui giá duvrá.

Un ann giamò ténc e liss cume i calson cört chi purtavan indoss una volta, un ann un po’ bulà e sgarblá ‘mè i ginöcc strüsà sü la tèra d’un campètt dal fulbar in periferia, un ann immarlatá  ‘mè la roda d’ una biciclèta ch’ l’è ‘pena passà in mès dla palta. Am piasarissa anca ch’ al pudissa véss lungh ‘mè i eran lungh i ani una volta, quand i finivan pü parchè is misürvan mia cüntand i dì che i passavan, ma guardand i stagiòn che cambiavan dasiòt dasiòt, sensa prèssa, mia ‘mè dèss che sa scunfundan tra da lur.

Am piasarissa un ann cun al giasc da dicembar fin genár e magari un toch da febrar,

cun i candilö tacà suta i grundón e i foss gelà da un giasc spèss quatar dit, indua as faseva scülgarola.

La primavera pulida e fresca, quand i rundanin, d’un ann a l’altar, ti a cunussevi vün par vün.

E pö un’ està cun i tempural a rump la calùra, intrament che i cuntadin guardavan cun la man tacá la frunt da quala diression muntava al négar e disevan : ” se ‘l tempural al vegna

dla muntagna, ciapa la sapa e va in campagna, ma se al munta sü 

dal Munfrá ciapa la sapa e scapa a cá” … un para d’uri e un mèss litar al circul

e pö i turnavan indré a finí la giurná, mia cume dess che un’ ura d’acqua la fa disastar.

Pö rivava l’ autün, duls ‘mè ‘ l must d’ üga pistá cunt i pè  e cunt i scussalin ligà dal fioch blö suta al barbarott, inissiava la scola … e anca al campiuná dal fulbar … dess inveci la prima partida la fann dré feragust, quand la gent l’è al mar e in muntagna… mah!!!!

E già ch’ i son tirà man al fulbar, i darissi un toch da vita par respirá ancura una volta l’ aria dl’ Alcarotti, l’aria d’ una partida dal campiuná dal mè Nuara … magari insèma i mè amis d’incö, e fass bagná sensa nacorgias dla nebia cume cula d’una volta, che tacá la rét dla cinta la diventava grighèra … ecco, vürarissi un ann cusí, cume cui che mai pü turneran indrera … un ann növ ma vécc … insuma, par mia fala lunga, un ann püssè giüst e unèst … indua chi l’è bianch ‘mè la fioca e chi l’ è negar cume i nivli, che hin in vià a purtà al tempural, i podan sta insèma dentar la stèss almanàch.

E pö un pensier i la dedichi a la mè squadra dal cör che par püssè d’ un sécul l’è traversà la vita d’una cità e dla sò pruvincia sensa mai cambià la facia, sempar lé, da quand l’è nassü fin rivà a un quai més fa, quand un brav om l’è decidü che tüti i sò tifus i avrian pudü andà ancura in gir a testa alta e cun la schéna dritta. Grassie Sciur Ferranti, giügastron d’un milanes, che ti sè vursü sumenà speransa e urgoli in cula tèra rigugliusa, che tri raspatéc, sensa anima nè vargogna, i hin stai bon da sügà cume gnanca al Tardubi di sti temp. Sti tranquil, prima o pö tüt av turnerà indré, brüta maniga da vigliacòn, che i si scapà in mès dla not da scundòn, cume cui cunìn che i curan parchè dréra gh han la vulp che la senta l’udùr dla vostra rassa carogna.  

E a la fin dla féra, im senti da ringrassià e fà tanti augüri a tüti cui tifùs che i mòlan mia d’un milìm, e che tüti i volti che giöga al Nuara i hin sempar present, e di volti anca luntan da Nuara, par fa si che al nostar cör al poda cuntinuà a batt par cula maja che l’è diventà nostra dopu che  suma rubà un toch da cul ciél che i nostar sògn i hin culurà d’azzurro. In fund l’è cambià gnenta. 

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

Continua a leggere

Dialetto

Tanti augüri, Novara FC!!

Published

on

Suta un ciel ch’al sa da guèra da rassismo e suferensa

fasuma l’albero pö ‘l presepi in mèss un mar d’ indifferensa

 

sfularmà mè i can da cacia quand i nasan ben l’udùr

a ghè nissüna diferensa tra la belva e ‘l dumatùr

 

tüti dentar la stessa gabbia a lutà par tri dané 

sempar prunt a cambià la facia sensa mai vultàs indré

 

e i fiulìn ai cunfin dl’Europa dal frèd i moran ‘nt l’indiferensa

intrament che i discütuma in qual Paés dagh acugliensa

 

Purtuma indoss i stèss vistì cüsì cun al fil dl’ ignuransa

pö cercuma i fassulètt quand as piangia in abundansa

 

Però ‘dess a ghè ‘l Nadal e i suma tüti püssè bon,

e cul che püssè ‘dèss interessa l’è mangià mè di gurdiòn.

 

Tanti augüri a lü e famiglia, ch’ am salüda la so sciura!!!”

si, l’è cul ch’ al sta al quint pian, e la so dona l’è impustura

 

Quantu temp che it vedi mia, son cuntent da brasciàt sü “

A m’ha sempar stai süi bali, ma ch’al vaga a da via ‘l cü!!-

 

Suma fals ‘mè na bancunota dal valur da quindas euro,

e la sciarvèla in cunfüsión da ricuverala in Neuro!!

 

I püssè timurús da Diu i vann a messa a mèsanott,

ma pena fora dl’ üss dla gésa is ricordan pü na gott.

 

Pö van ca, pìcan la dona, una scarpá ‘n tal cü ai fiulín,

e cun la facia suridenta i düerdan i pachetìn.

 

Si la só ho fai una menda, “na got” la disan i milanes,

l’ho scrivü par al Sciur Ferranti, ch’ l’ è amis di nuares!!

 

Ma adèss l’è temp d’augüri, manca poch a la scadensa,

se im dismentighi un quai vün i pagaró la penitensa.

 

Bun Nadal a tütt al mund, bon Nadal al mè Nuara,

bun Nadal a cula maia che par nün l’è tantu cara.

 

Bun Nadal a l’ Alcarotti, grüp da storia e sentimént

bun Nadal ai mè amìs sensa da lur sarissi gnént

 

Bun Nadal al Sciur Ferranti al Marchionni e ai giügadur

dai tifus sti pür tranquil gh avrì indréra tantu amur

 

… ma una vuss putenta e forta sensa tropi resistensi

sü dla panscia la rampéga fin rivá a scavá i cusciensi.

 

Si l’ è véra, a Nadal a deva sempar vinc l’ amur

ma i podi mia smentigam da chi m’ ha fai pèrd l’unùr

 

Brüt Nadal a cui bastard che i hin pruvà a rubam un sogn

dla brüta rassa ‘mè vüaltar igh n’ uma mia da bisogn

 

I si rivà cun i pruclama e i si massà tüti cume in guèra

buriùs gnürant e disunèst da finì suta una mutèra

 

Sarìv sü bén in cula gabbia da duva vunc i si scapà

che Nuara e la sò gént i hin mai stai la vostra cà

 

Brüt Nadal a cula rümenta, giargianes sensa vargogna

turnì d’ ‘induva i sì rivà turnì a ca vostra o int una fogna

 

E dopu avé tucà al fund i alsi i öcc e guardi avanti,

bun Nadal al növ Nuara, bun Nadal a tüti quanti.

 

E quand la riva mèsanot e ‘nt la stala al Gesü Bambìn

ricurdiv che al Nonnopipo av fa i augüri e av da un basìn.

 

Forsa Nuara tüta la vita

 

Nonnopipo

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: