Rimaniamo in contatto

Analisi Tecnica

L’esame di maturita

Published

on

Prima del gol di Benedetti l’idea era quella di intitolare il pezzo ‘Il culo di Jo’, con una foto del mitico libro di Gene Gnocchi ‘Il culo di Sacchi’, che ha come filo conduttore la fortuna, impersonata dalla più caratteristica parte del corpo che la rappresenta, del ct della Nazionale a USA ’94. Peccato, perché l’idea mi gasava già tantissimo, ma soprattutto perché avremmo avuto quanto meno un punto in più e una sconfitta in meno. Sì, perché obiettivamente nel primo tempo le abbiamo fatte tutte per provare a farli raddoppiare, mancava solo che Bellich e Sbraga la buttassero di giustezza nella propria porta con il tiro combinato dei gemelli Derrick. E invece, non solo siamo riusciti nell’incredibile impresa di non prenderlo, ma l’abbiamo addirittura riagguantata. C’erano tutti gli ingredienti nel secondo tempo per mettersi con calma a lavorare ai fianchi e a punire un’avversaria sprecona che, non fosse per il nostro schieramento da Zeman dopo una botta di mescalina, pareva non trascendentale, pur con ottimi sprazzi. E qui sta il primo punto: è già la terza volta dall’inizio del campionato che finita la partita penso che quelli per lunghi tratti non hanno giocato per nulla male. E allora forse il problema sta in quanto noi consentiamo loro di manovrare. Ancora una volta in campo con 3 punte + Schiavi (e con in più Firenze mezzala che difende come mia nonna), con due terzini messi in condizione dallo schieramento tattico di fare un lavoro talmente di merda che mi fa rivalutare la classificazione dei lavori usuranti delle tabelle INAIL – e posto che Lamanna secondo me al momento non dovrebbe fare il titolare (non vorrei sembrare banale dicendo che, se la Juve ce lo ha rifilato come contropartita tecnica di un pari età dopo aver sborsato 1 milioncino e passa di cucuzze, forse non era proprio in cima alle loro priorità tecniche) – siamo sembrati ancora una volta troppo perforabili. Vero che Lanni sul secondo gol ci ha messo del suo (e che Banchieri stava sclerando da qualche minuto chiedendo di coprire meglio il centrocampo) ma abbiamo davvero concesso troppo, dando spesso la sensazione di avere la squadra spaccata in due tronconi. In più sui calci da fermo credo ci sia da lavorare moltissimo perché fossero sul primo o sul secondo palo o con schema per il tiro da fuori, in 95 minuti non ci abbiamo praticamente mai preso.

Il secondo punto sta nella proposizione di gioco che non abbiamo mostrato soprattutto nel secondo tempo, quando c’erano le condizioni ideali per portare la partita dalla nostra, mentre, come l’Alessandria qualche giorno prima, gli avversari sono sembrati più rodati. Le soluzioni offensive sono sicuramente aumentate da quando l’anno scorso per lunghi tratti l’unica ricetta era ‘palla a Piscitella che rientra sul destro e crossa’, perché è aumentato il tasso tecnico in avanti. Ma la sensazione è che ci manchi ancora una vera organizzazione, pur con tutte le giustificazioni dovute ai tanti nuovi aggregati da poco, perché a parte qualche bell’uno due a tagliare fuori la pressione sul portatore di palla, io non ho visto granché onestamente. E’ giusto che il mister cerchi certezze non mischiando le carte ad ogni partita, il dubbio è se sia davvero questo il modo migliore per giocare sempre. L’anno scorso eravamo una squadra che aveva bisogno di trovare una sua identità e partendo a fari spenti ci siamo potuti permettere di giocare sempre uguale per trovare degli automatismi senza la pressione del risultato ad ogni costo. Ma quando hai Panico, Zigoni, Lanini, Firenze e tutti gli altri, è evidente che non puoi più permettertelo e devi trovare in fretta il modo di far giocare i migliori nel loro ruolo ma mantenendo un equilibrio e soprattutto facendo scelte. E questo significa magari far incazzare qualcuno e doverlo gestire. Perché nelle grandi squadre questo succede e i loro allenatori questo fanno, e la pressione sul risultato e sulla classifica è diversa da quando alleni un prolungamento del tuo settore giovanile e qualche giovanotto di belle speranze e poche pretese. Il primo esame di maturità è stato oggi, ed è stato fallito. Non penso che ci saranno molte sessioni di recupero.

Jacopo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Analisi Tecnica

L’importanza della normalità

Published

on

By

A volte quello che serve è solo una partita normale. Una partita in cui sei consapevole di essere superiore, riesci a stare un minimo equilibrato senza la frenesia di strafare, ti gira bene un episodio che potrebbe farti andare in merda (il colpo di testa del loro 9 appena prima del nostro gol), te ne gira bene un altro che ti fa svoltare la partita dalla tua (il sospetto fallo di mano di Laaribi sull’ 1-0 derubricato dall’arbitro come involontario o non visto) ed ecco che tutto sembra più semplice. Come è successo a dire la verità nel girone d’andata in una delle tante partite chiuse già dopo un tempo o poco più in cui l’ultima mezz’ora serviva solo a far passare i minuti e dare minutaggio a qualche riserva.

Ho rivisto un’avversaria abbastanza rassegnata alla nostra superiorità, con il loro mister che subito dopo il 2-0 toglie il giocatore più talentuoso, evidentemente per risparmiarlo in vista di partite in cui abbia qualche chance in più di fare risultato. Ho rivisto quella costruzione dal basso che è imprescindibile per noi, non avendo fisicità a centrocampo, per attirare la pressione degli avversari ed evitare che il nostro gioco diventi uno sterile titic titoc in orizzontale sulla trequarti. E certo, correremo qualche rischio quando ha la palla tra i piedi Desjardins, ma non abbiamo alternative. Ho rivisto un Paglino che, pur a tratti e con qualche momento di mancanza di lucidità, è tornato a dettare legge sulla sua fascia e due ragazzi come Bonaccorsi e Vimercati fare una prestazione di una maturità sorprendente.

Ho visto anche qualcosa che non mi è piaciuto. Un paio di passaggi in orizzontale troppo leggeri sulla trequarti avversaria che potevano innescare contropiedi, un giallo speso da Tentoni troppo presto e in una situazione di ripartenza che era ancora tutta da maturare, un buco preso da Vimercati nel primo tempo quando ha perso il riferimento fisico su Diatta, troppo poco filtro su un ottimo corridore come Arpino che sulle riconquiste ha avuto praterie per scatenarsi. Tutte cose che con un’altra avversaria, o con uno schema di partita un po’ meno ordinario di ieri, ci sarebbero potute costare molto più caro. Quindi come dice giustamente il Vannu, piano con gli entusiasmi (e lo dico soprattutto a me stesso), ma con la consapevolezza che, guardando le squadre che ci rimangono da affrontare da qui alla fine, quello che abbiamo messo in campo ieri dovrebbe essere sufficiente per avere la meglio su quasi tutte. E quindi, sempre citando il Vannu, non è utile eccedere ad esempio con le lodi a un ragazzo come Diop che ha ancora molto da lavorare sui fondamentali e sul fisico, anche se mostra un atteggiamento molto umile e che dovrebbe ispirare qualcun altro.

Chiudo con un appello e una considerazione. Il primo è a patron Ferranti, ed è quello l’anno prossimo di alzare gli abbonamenti in tribuna di almeno 10 volte per dimezzare la presenza di anziani con chiari problemi di prostatite che al primo passaggio sbagliato stanno già a frantumare le gonadi. La considerazione è extra Novara e mi sorge dopo aver visto Juve – Inter ieri sera: questa sarà anche una categoria di merda, ma meglio tutta la vita un guardalinee che non si accorge che Gonzalez sbagliando un cross si tira il pallone sull’altro piede e dà rimessa a noi pensando che sia stato deviato, piuttosto che una VAR che pretende che un giocatore a contrasto resti in sospensione in stile Matrix finchè non sia certo atterrando di non sfiorare neanche minimamente il piede dell’avversario. Se questo è il progresso, mi tengo volentieri i miei vecchi arbitri scarsi e fallibili e il mio calcio demodè.

Jacopo

Continua a leggere

Analisi Tecnica

Un bel puntone … di merda

Published

on

By

È piena di merda la testa dei 15 andati in campo oggi a Casale così come è piena di merda la testa di chi ce li ha mandati.

Non può esserci altra spiegazione se, dopo le cinque pere prese domenica, è stata reiterata una prestazione ridicola per grinta, carattere, capacità tecniche, atletiche e disposizione in campo.

Quella vista al Natal Palli è una squadra immobile e impotente, priva di un  minimo barlume di lucidità, incapace di costruire una manovra articolata per gli interi 95 minuti … una squadra che non è neanche lontanamente paragonabile a quella che all’andata rifilò quattro pere al Casale.

Tre centrali difensivi che, complici anche i piedi di piombo, non hanno avuto dal centrocampo il minimo aiuto costretti, obtorto collo, a passarsi continuamente la palla tra di loro per poi tentare un lancio lungo destinato costantemente a perdersi nel vuoto.

Un trio di centrocampo con Tentoni ( orfano di Capano) e Laribi irriconoscibili e con il solito Di Munno campione del mondo nel nascondersi o nel togliersi la responsabilità passando la palla indietro.

Due punte (che da sole dovrebbero valere il campionato) costrette il più delle volte a retrocedere per recuperare una palla giocabile ma, allo stesso tempo, incapaci di applicare i più semplici fondamentali come lo stop o la giocata sulle fasce.

I due quinti, che sono stati la nostra arma migliore fino a quando dominavamo il campionato, persi nella confusione generale con Paglino che dopo i millemila chilometri percorsi sino ad ora non ne ha più e dovrebbe riposare,  con Pagliai costretto a giocare su una fascia che non è la sua e con Di Masi ( l’unico capace, vedi il gol annullato a Diop, di saltare l’uomo ) inspiegabilmente in panchina in una partita che aveva una importanza vitale per lo sviluppo del campionato.

Non so se il gol annullato era regolare o meno ma, chiunque abbia un minimo di dignità, si sarebbe vergognato di tornare a casa con una vittoria dopo una partita giocata in questo modo.

E di quella merda che affolla la testa dei protagonisti in campo ed in panchina cominciamo a sentirne l’odore intenso pure noi che siamo seduti sui gradoni.

È un’aria mefitica quella che sta girando intorno a questo Novara … tutto questo  nervosismo in campo e fuori non fa presupporre niente di buono.

Marchionni invece di dare pugni alla panchina imitando Sergione Borgo dovrebbe cominciare a delineare soluzioni alternative nella disposizione in campo … quali alternative non spetta a noi dirlo … anche se qualche idea, tipo rafforzare il centrocampo, ce l’avremmo.

Vuthaj, al quale siamo perennemente grati per i gol che ci ha regalato, deve darsi una calmata perché ha sonoramente rotto i coglioni con questo lamento continuo per ogni giocata ( quando ci capita ) che non lo vede protagonista.

Ferranti ( anche a lui siamo grati sia chiaro per dove siamo arrivati ) la smetta di stringere mani, salutare gente, partecipare a cene o sminchiare discorsi su categorie lontane e ritorni alla realtà perché questo campionato è tutto meno che vinto.

Noi siamo il Novara e, al di là del risultato, abbiamo il dovere, anzi l’obbligo, di uscire a testa alta da ogni stadio in questa categoria… oggi, uscendo dallo stadio, due signori – tifosi del Casale – si dicevano fra loro ” beh per noi un bel pareggio ma questo Novara è stato proprio una delusione, chissà cosa mi aspettavo …”

pure io avrei voluto aggiungere… ma mi sono vergognato

Ciumi

Continua a leggere

Analisi Tecnica

Questione di fame

Published

on

By

Mi piace guardare la partita da dietro la panchina ospite. Un po’ perché in quella zona del rettilineo succedono sempre le cose migliori, un po’ perché ti permette di vedere la gara dalla prospettiva degli avversari. Mai come ieri ho avuto la sensazione di avere contro una ‘squadra’ nel vero senso della parola, guidata da un ragazzo di soli 33 anni, che dava l’idea di tenere letteralmente in mano gli 11 in campo, tutti pronti a eseguire a comando come soldatini ogni indicazione. Uno che a un certo punto, con la partita ancora in equilibrio si è permesso di togliere per motivazioni tattiche il capitano fino a quel momento tra i migliori (che per la cronaca ha la stessa età del mister) senza che questo si azzardasse neanche a fiatare, mettendo un centrocampista in più sul 2-1 che ha poi puntualmente segnato il gol del 3-1 e ha virtualmente chiuso la partita.

Tutta sta sviolinata non è per sminuire Marchionni che ha dimostrato di non essere certamente un coglione finora. Ma credo che tutti siamo rimasti sbalorditi di fronte a una formazione che sulla carta manco Zeman sotto peyote sembrava poter partorire. Un 3-4-1-2 che diventava spesso 3-4-3, con Di Masi e Paglino esterni, ma soprattutto con i soli Tentoni e Capano in mezzo che per usare un eufemismo non hanno proprio la propensione a difendere. Davanti i tre, con Gonzalez e Pereira a svariare su tutto il fronte d’attacco. A posteriori la spiegazione che mi do è che il mister volesse impedire quasi totalmente la fase offensiva a uno come Anastasia che purtroppo ha poi dimostrato che tutti i timori della vigilia su di lui erano giustificati. E siccome per me è sempre il campo che parla, dobbiamo dire che da questo punto di vista, considerato che siamo andati in vantaggio e che fino a dopo il 3-1 quando si sono aperte le praterie Anastasia non era pervenuto, l’aveva azzeccata. Il problema è che dopo aver messo la partita dalla nostra parte col gol di Vuthaj abbiamo dato subito l’impressione di avere la pancia piena. Già prima del pari, ricordo bene un paio di situazioni da ‘è mia, è tua, è di nessuno’ e un calcio d’angolo in cui ci siamo totalmente scordati l’uomo che veniva incontro per lo schema. La storia della partita è poi totalmente cambiata con il 2-1 ed è stato un mezzo miracolo non averne preso almeno un altro prima della fine del primo tempo.

La colpa più grande del mister per me è stata non cambiare subito a inizio ripresa, giocandosi già la turnazione portieri per il discorso under e mettendo Laaribi. Era a mio avviso evidente che l’inerzia mentale della partita fosse difficile da recuperare ed era chiaro anche che un Pereira in quelle condizioni non avrebbe spostato di un millimetro gli equilibri. E qui parte la bordata ad personam, perché il ragazzo ha già avuto innumerevoli prove d’appello. All’inizio si diceva che avesse bisogno di partire da lontano per fare la differenza in progressione, ieri che poteva partire da lontano ha dimostrato di non essere in grado di stoppare un pallone a meno di 3 metri, facendo perdere costantemente un tempo di gioco. Forse ha bisogno di partire dalla panchina, possibilmente per restarci, o di accomodarsi direttamente in tribuna.

Il secondo tempo è difficile da commentare perché onestamente non siamo scesi in campo. Troppa più fame loro, troppo avviluppati noi nel loop mentale della partita che doveva essere quella che chiudeva il campionato e che si stava trasformando in un Everest da scalare. Ho visto giovani finora intraprendenti con una paura fottuta a fare la giocata, giocatori che hanno un’autonomia neuronale che dura il tempo di cercare la prima rissa e poi staccano la centralina, difensori di esperienza che sono usciti a testa alta a impostare solo dopo il 3-1. Gli ultimi tre gol loro sono la dimostrazione che purtroppo avevamo contro una squadra vera, che non aveva intenzione di speculare sul vantaggio e di rinunciare, ma che soprattutto sapeva esattamente cosa fare e come farlo.

E questo è il dato più preoccupante per il futuro: il fatto di avere un’avversaria che stavolta non sarà come il Chieri, il Casale o il Varese di turno. Che non le vincerà probabilmente tutte da qui alla fine ma che non vedo come possa calare significativamente se nella partita più importante per rientrare in corsa, specie dopo aver visto il baratro col nostro vantaggio, ha questo approccio per 70 minuti. E che in questo momento ha tutto più di noi. Soprattutto ha più fame.

Jacopo

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: