LE FORMAZIONI AZZURRE: 2001-10 Storia e memoria

Il decennio della rinascita, inizia con la terza salvezza ai play out e finisce con la storica promozione in serie B, nel mezzo la vittoria dei play off di C2 2002/03. Grandi emozioni e vittorie segnano il decennio, gli eroi della promozione in serie B, verranno suddivisi tra questa squadra e quella del prossimo decennio.

PORTIERE: il giovane Samir Ujkani dimostra subito le sue doti e difende per 82 volte la porta azzurra ottenendo due promozioni

DIFESA: Mavillo Gheller veste la maglia azzurra per la prima volta nella stagione 1996/97 per poi rivestirla dal 2007 al 2011 cogliendo anche lui due promozioni. Solido e roccioso è una sicurezza difensiva sulla fascia destra.

151 presenze tra C2 e C1 e 4 gol per il terzino sinistro Francesco Colombini, tanta grinta e sacrificio sulla fascia per il difensore toscano.

Tiziano Polenghi è stato impiegato come terzino e come centrale difensivo. Arrivato giovanissimo e cresciuto tantissimo sotto la Cupola, fino ad affermarsi come difensore di categoria superiore: 139 maglie azzurre e 8 gol, due dei quali segnati nei play out che sono valsi una salvezza fondamentale. Sandro Ciuffetelli uno degli ultimi simboli del calcio povero dei duri anni di C2 e C1. L’ultimo dei “liberi” con il vizio del gol, addirittura capocannoniere della squadra nel 2006/2007. Unico rammarico aver lasciato la maglia azzurra (contro la sua volontà) appena prima della storica scalata.

 

CENTROCAMPISTI: Pippo Porcari gioca con il Novara nelle tre categorie per 217 volte, insuperabile nel centrocampo di serie C1 e serie B, non solo sostanza ma visione di gioco e sagacia tattica.  Edoardo Ciccio Braiati, amatissimo dai tifosi, la generosità e l’impegno sono state le sue doti migliori. 165 maglie negli anni duri della C2 e della bassa C1, si è poi affermato in serie B con Pisa e Vicenza. Un altro uomo-simbolo della parte dura di questo decennio è Massimiliano Brizzi, centrocampista offensivo, utilizzato in tutti i ruoli del centrocampo e dell’attacco nelle sue nove stagioni azzurre e 227 maglie azzurre, impreziositi da 15 gol.

     

ATTACCANTI: il trio offensivo del decennio è strepitoso: i “calipso boys” Palombo-Rubino con l’aggiunta di Bertani.

Massimiliano Palombo, seconda o prima punta atipica, dotata di tecnica superiore, sicuramente la sua carriera è stata inferiore alle sue doti. Trentotto gol e sei stagioni in azzurro frenati da un brutto infortunio che ne ha limitato il prosieguo della carriera. Raffaele Rubino entra nella storia del calcio e non solo in quella del Novara per essere stato il primo calciatore ad aver segnato in tutte le categorie dalla serie C2 alla serie A con la stessa maglia. Secondo miglior marcatore azzurro di tutti i tempi.

Cristian Bertani ha giocato nel Novara tre stagioni strepitose: 100 presenze e 38 gol. Rapido, potente e determinato, protagonista assoluto nella doppia promozione. La macchia del calcioscommesse rimane però indelebile.

Attilio Tesser allena il Novara a cavallo tra i due decenni ottenendo due storiche promozioni, raggiungendo la serie A. E’ lui l’allenatore del decennio.

Squadra alternativa:

Fontana,

Cioffi, Cusaro, Notari, Maggiolini,

Lorenzini, Matteassi, Evola, Shala,

Pinamonte, Martinetti.


Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: