Il trend al ribasso Pensieri e parole

Questo blog, e in particolare il sottoscritto, non si è mai contraddistinto tanto nel legarsi alle singole persone o ai singoli giocatori, perché ha sempre considerato la maglia azzurra come la stella cometa da seguire. I giocatori vanno e vengono, e così gli allenatori, i dirigenti e tutto ciò che ogni stagione sportiva si porta in senno, eccezion fatta per il Novara Calcio 1908 (inteso come entità) e noi tifosi. Noi siamo la sola e unica costante. Di conseguenza, la notizia dell’addio del Dott. Francese non mi ha tolto il sonno, ma una riflessione più generale su una brutta tendenza in corso negli ultimi anni credo vada fatta.

Se è vero che i campionati e le partite del passato sono state vinte coi goal di Rubino, Motta, Rigoni, Evacuo, Corazza, Pablo ecc ecc, è altresì vero che questi campioni hanno rappresentato solo il terminale offensivo finale di una macchina tecnica e organizzativa ben più strutturata, e composta da professionisti ed assolute eccellenze nel settore. Pur ribadendo che ogni stagione è storia a sé, e che le partite si possono comunque vincere anche solo col cuore e con un gruppo di veri uomini (e questa stagione appena conclusa ne è la prova lampante), è però impossibile tacere sempre difronte alla costante perdita di elementi di valore, le cui doti professionali sono riconosciute nell’ambiente, e che continuano inesorabilmente ad abbassare il livello tecnico e professionale della nostra Società.

Il primo madornale, clamoroso ed imperdonabile errore strategico avvenuto qualche anno fa è stato quello di perdere Massimo Cataldi, uno dei più grandi professionisti e preparatore dei portieri esistenti in Italia, perso non per soldi e nemmeno per ambizione personale dell’interessato, ma semplicemente perché fu il primo a fiutare il pesante declino e ridimensionamento culturale prima che tecnico cui il Novara Calcio stava purtroppo iniziando a vivere. Si è perso poi Francesco Somma (in parte per le stesse motivazioni di Cataldi oltre che per legittima scelta di vita), che aveva reso professionale, e paragonabile ai livelli di Società in serie A, tutta la nostra comunicazione , lasciando per lo più solo il buon Carletto Magretti ovviamente perso anche lui qualche settimana fa. Abbiamo recentemente lasciato andare una figura di assoluto valore come Borghetti, e ora perdiamo il Dott. Francese, altra eccellenza nel settore.

Quest’ultimo addio, benché, per quanto ci è dato sapere, le “colpe” andrebbero ricercate più nella vecchia gestione che in quella attuale (rea però di non aver nemmeno provato a non farselo scappare), apre il primo vero banco di prova per la nuova proprietà: trovare un sostituto. La figura del medico sportivo, infatti, è una figura chiave di non facile sostituzione. E’ molto complicato oggi trovare medici specializzati nello sport (e nel calcio) che siano disponibili sul mercato, e tutti i protocolli anti Covid odierni di fatto rendono meno appetibile ed ambita agli occhi di questi medici una posizione come quella che ricopriva il Dott. Francese (che ovviamente la Società più in voga del momento non se l’è fatta scappare, immagino al giusto compenso).

Vien da sé che il riconoscimento, il ringraziamento e la stima di chi, negli anni, si è trovato (e si troverà) a sostituire le figure che ho appena citato è sincera e assoluta. Abbiamo fatto comunque calcio, a tratti pure bene, pur abbassando oggettivamente l’asticella della professionalità. E calcio faremo ancora. Ma spero sia chiaro a tutti che non ci svegliamo la mattina vogliosi di scrivere articoli come questo. Sono i fatti e gli eventi che purtroppo ci portano a farlo. Gli stessi che, con fiducia, attendiamo e ci permettiamo nuovamente di chiedere alla famiglia Rullo.

Claudio Vannucci


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: