Rimaniamo in contatto

Dialetto

30 Km per unire e non per dividere

Published

on

Sará che passa ‘l temp, sará che son dré gni végg, sará che n’ ho visti a sè, sará che g’ hó pü voia da fa la guèra a nissün, e fa la guèra l’è mai bell, gnanca par giöch.

Sará parchè la puntisèla tra mi e i áltar urmai la lassi gió sensa pü tirala sü: ch’ a riva un po’ chi l’è che g’ ha voia da rivá, che tant g’ ho pü paüra da fam mal.

Sará che urmai son quasi cunsümá ‘mè ’n arlabach, o ch’ i son drera ingimbám ‘mè ‘na pèrga dla bügá, ma son pü bon da capí sta rivalitá cun Versé.

Un cünt l’è la balada, piáss in gir fin a mandás a da via ‘l cü (ho dí mandas eh, mia mandai!!), altra roba inveci l’è dí o scriv robi dal tipu ” massumai tüti ” o “asfaltumai”, cume se i füssi al padron d’una ditta ch’ l’asfalta i strai.

Cunfèssi che una volta la pensavi in manera difarenta e sensa tanti vèrs, ma ‘dèss, par i rasón che son spiegá cinq o ses righi chi dzura, i pudarii udiá nissüna, e quand i disi nissüna intendi anca cui da Versé; magari sensa diventà par forsa grand amisón.

Si, propi i tifus dla Pro Vercelli; che g’ hann una roba meravigliusa che spartuma insèma: lur i fann al tifo par la squadra dla sò citá, propi cume nün da Nuara, e da sti temp vissiá e scarúss l’è ‘na roba tantu rara e da difend cunt i ungi, par dó citá da pruvincia cume i nostri.

E propi cume nün i vöran mia sentí parlá da squadri cunt la maia a righi, anca se cume nün, truvá un quai vün che ‘l porta la duppia sciarpa sarissa mia una nuvitá.

Da dla dal Sesia i fann al tifo par Sant Eusebi, da chí dl’ Agogna par San Gavdensi che ‘s rivulgeva al vescuv da Versé ciamandal “Magister”. Lur i rüsavan mia par véss vün püssè impurtant dl’ àltar, i gh avevan altri robi da duvé pensá, lur eran amis e püssè fürb da nün che inveci suma bon da rüsá par un balón.

E dismentigumas mai che fin un quai ann fa i suma spartí la muntagna püssè bèla dal mund: al Monte Rosa: Alagna d’una part e Macügnaga dl’ altra, pö hin rivá cui dal Lagh Maggiur e dl’ Ossola e cui da Bièla e hin rabaiá cul che i pudevan e ciau merlu!

Par indulsís lur i mangian i bicciulan, nün i biscutín, ma sia vün che l’altar ìn sfamá la gent, propi cume la paniscia e la panissa che ìn nassü tüti e dó dla puvertá di cassini e dèss is permetuma da fa i sufistich: “l’è püssè buna custa, l’è püssè buna cul’ altra” sensa nacorgias che i suma propi tüti quanti di gratacü, nuares e versles: se ‘t piasa vüna at deva piasé par forsa anca l’altra, cüntumas mia di bali eh!!

Lur i g’ han al Gatinara e nün al Ghèmm…se propi propi i vurí mia bev al vin di altar purtimal a mi che da diferensi na fo mia da sicür.

La Basilica da Sant Andrea e la cüpula da San Gavdensi, che la cumencia a rampigá da dzura la só Basilica, e che se ti sè bon da rivá fin in scima, ti pudrè véd madumá di gran risèri, risèri tütt in gir, chí cume lá, sensa la püssè picula diferensa.

Furse chi l’è scernü o surtegiá cume spartí tüta sta roba, l’ ha fai sensa fa d’ingann, cume l’ avrissa fai San Giuàn, che lü da sti robi chì l’è un chècu.

E ‘l destin l’ è vursü mètt al sciampìn, propi int un mument cusì brüt da malatia, par mustrà a tüti che i diferensi i gh’ j avuma int la testa: quand l’ è inissià sta brüta storia, al Magiùr da Nuara, ìn ricuverà una dona da Versè pusitiva a stu merdus d’ un virus e al Sant Andrea da Versé un nuares giüstà a la stessa manera. Fursi l’è ‘l casu da fermas a riflèt un mument.

Suma nün che gh avuma al bun temp e suma diventá tantu, tantu smorbi, fin a quand, tütt d’un culp suma scuprì che ‘l mund l’è diventà picinin par culpa d’ un rob che as fa fadiga a guardagh doss anca cunt al micruscopi.

Suma gnü grand cunvint che dl’ altra part dal nostar urtisèl i vivan persuni diversi da nün; No, l’è mia cusì, e g’ ha vursü un “bastard e disunèst”, cust si, par capì che 30 chilometri o tri metar i devan ünì inveci da divìd, e … e quand l’ epidemia la finirà fursi un quai vün al vürarà pü turnà a la sò vita da prima, magara rifüdandas d’ avegh un lavur che par ani l’ ha sufegà è upprèss. Chi al decidarà da mètt al mund un fiö o da mia avegan. Agh sarà püra chi al cuminciarà a créd in Diu e chi smèttarà da créd in lü. E propi par ‘sti rasòn, ‘dèss, i fò la tradüssion da tüta sta papardèla … anca se son quasi sicür che püssè d’ un quai vün, da tüti e dò i parti, sturciarà al nas, par mia dì che am mandarissa vulentera a da via ‘l cü. Fa gnenta, va ben l’ istéss, saruma sü baraca e büratin e da ‘dèss, tüti insèma, fasuma sül seri. 

 Augüri a tüti, i gh n’ avuma bisogn, e bun derby … quand i la giügaruma se i la giügaruma.

Nonnopipo

Sarà che passa il tempo, sarà che sto invecchiando, sarà che ne ho viste abbastanza, sarà che non ho più voglia di fare la guerra a nessuno, e fare la guerra non è mai bello, neanche per gioco.

Sarà perchè il ponticello tra mè e gli altri ormai lo lascio abbassato senza più alzarlo: arrivi pure chi vuol arrivare che tanto non ho più paura di farmi male.

Sarà che ormai sono quasi paragonabile a un attrezzo consunto e che sto piegandomi da un lato come una pertica che sostiene i fili del bucato, ma non sono più capace di capire questa rivalità con Vercelli.

Un conto è la canzonatura, prendersi in giro fino a mandarsi a da via ‘l cü (ho detto mandarsi eh, non a mandarli!!), altra cosa invece è dire o scrivere robe del tipo “ammazziamoli tutti” o “asfaltiamoli”, come se fossi il padrone di una ditta che asfalta le strade.

Confesso che una volta la pensavo in modo diverso e senza tanti versi, ma adesso, per le ragioni che ho spiegato cinque o sei righe qui sopra, non potrei odiare nessuno, e quando dico nessuno intendo anche quelli di Vercelli; magari senza diventare per forza grandi amiconi.

Si, proprio i tifosi della Pro Vercelli; che hanno una cosa meravigliosa che condividiamo: essi fanno il tifo per la squadra della loro città, proprio come noi di Novara, e in questi tempi viziati e schifosi è una cosa tanto rara e da difendere con le unghie, per due città di provincia come le nostre. E proprio come noi non vogliono sentire parlare di squadre con la maglia a righe, anche se come noi trovare qualcuno che porta la doppia sciarpa, non sarebbe una novità.

Al di la del Sesia fanno il tifo per Sant’ Eusebio, al di qua dell’Agogna per San Gaudenzio che si rivolgeva al Vescovo di Vercelli chiamandolo “Magister”. Loro non litigavano per essere uno più importante dell’altro, avevano altre cose a cui pensare, loro erano amici e più furbi di noi che invece siamo capaci di litigare per un pallone. E non dimentichiamoci mai che fino a qualche anno fa abbiamo condiviso la montagna più bella del mondo cioè il Monte Rosa: Alagna da una parte e Macugnaga dall’ altra, poi sono arrivati quelli del Lago Maggiore, dell’Ossola, e di Biella, che hanno arraffato quello che potevano e ciao merlo!

Per addolcirsi loro mangiano i bicciolani, noi i biscottini, ma sia gli uni che gli altri hanno sfamato la gente, proprio come la paniscia e la panissa che sono nate entrambe dalla povertà delle cascine, e ora ci permettiamo di fare i sofistici: è più buona questa è migliore quell’altra, senza accorgerci che siamo proprio tutti quanti dei poveri bonaccioni, novaresi e vercellesi: se ti piace una, per forza ti deve piacere anche l’altra;  non raccontiamoci delle frottole eh!!

Loro hanno il Gattinara e noi il Ghemme … se proprio non volete bere il vino dell’altro, portatelo a me che di differenze non ne faccio di sicuro.

La Basilica di Sant’Andrea e la Cupola di San Gaudenzio, che inizia ad arrampicarsi di sopra alla sua Basilica e che, se sei in grado di arrivare fino in cima, potrai vedere solo risaie, risaie tutt’ in giro, qui come là, senza la più piccola differenza. Forse chi ha scelto o sorteggiato il modo di dividere tutta questa roba, lo ha fatto senza fare inganni, come avrebbe fatto San Giovanni, che lui di queste cose è uno furbo.

E il destino ha voluto metterci lo zampino, proprio in un momento così brutto di malattia, per mostrare a tutti che le differenze le abbiamo in testa: quando è iniziata questa brutta storia, al Maggiore di Novara, hanno ricoverato una donna di Vercelli positiva a questo merdoso di virus e al Sant’ Andrea da Versé c’ è un novarese nelle stesse condizioni. Forse è il caso di fermarci a riflettere un momento.

Siamo noi che abbiamo il buon tempo e siamo diventati tanto tanto schizzinosi, fino a quando all’improvviso abbiamo scoperto che il mondo è diventato piccolo per colpa di un “coso” che si fa fatica a vederlo al microscopio.

Siamo cresciuti convinti che dall’altra parte del nostro orticello vivono persone diverse da noi; no, non è così, e c’ è voluto un “bastardo e disonesto”, questo si, per capire che tranta chilometri o tre metri devono unire invece di dividere … e quando l’epidemia finirà, forse qualcuno non vorrà tornare alla sua vita precedente, magari rifiutandosi di continuare a occupare un posto di lavoro che per anni lo ha soffocato e oppresso. Chi deciderà di mettere al mondo un figlio o di non averne affatto. Ci sarà pure chi comincerà a credere in Dio e chi smetterà di credere in lui. 

E proprio per questi motivi, adesso, farò la traduzione di tutta questa pappardella … anche se sono quasi sicuro che più di qualcuno, da entrambe le parti, storcerà il naso, per evitare di dire che mi manderebbe volentieri a “da via ‘l cü.” Non importa, va bene lo stesso, chiudiamo baracca e burattini e da ora, tutti insieme, facciamo sul serio.

Augüri a tüti, ne abbiamo bisogno, e buon derby … quando lo giocheremo se lo giocheremo.

Nonnopipo

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Dialetto

Ferranti Massimo? No, l’è sè Massimo … e bom!!

Published

on

Quand im trovi al Piola, che l’è la mè secunda ca, e senti parlà al dialèt, istintivament im volti a la ricerca da chi, in cul precis mument, l’è dré parlal.

Un po’ cume quand tit trovi luntan da Nuara, o adiritüra a l’estero, e at capita da sentì cula lengua cusì particular.

Ti vurarij imediatament identificà al “pruprietari” da sta parlada, füssa mia d’ altar par ribadigh, urgugliusament la stessa pruveniensa e la cundivision sulidal dl’ identich idioma.

Parchè nüm, che i parluma al dialèt, i suma sicürament da Nuara, o quantumenu i n’ uma respirà l’aria fin da fiulìn.

Ti sculti cula parlada cusì particular, che g’ ha mai schiscià l’öcc a la réal Türin, e l’è luntanissima par cadensi e armunii a la püssè renta a nüm Milan, che sübit la ment la va a verificà se l’esista una quai cunuscensa cunt al tipu che ti gh è d’innai, süperand int un santi e amen tüti cui apicicus cunvenevul.

Suma da Nuara, a basta cul, l’è una carta d’identità a pèll, ansi, a lengua, una testimuniansa a cel düèrt, e l’è sè cusì.

E sübit ti entri in sintunia cun sta persuna, purtatur san da nuaresità, ambasciatur storich e cultüral e, ‘diritüra, Ministar di esteri dla to cità. Chissà se i Sindich che i hin guvernà Nuara eran, o i hin bon da parlà al dialèt? Da vün son sicür, l’era al Lisandar Bermani, che l’è scrivü di puesii che quand ti a légi it fan gni sü la pèl d’oca!!

Inveci al Sciur Nissüna che ti ghè davanti al parla un dialèt cun la certificassion da madre lengua nuaresa.

Ma gh è un particular, che püssè da qualsiasi altra cundivision teriturial, e püssè da qualsiasi legàm pulitich, agh i identifica cume citadin dla santa madre patria nuaresa, as manifesta quand ti vegni a savé che al fradèl che ti gh è davanti l’è, anca lü, un tifus dal Nuara Calcio 1908 (1908 parchè nüm i s’evan mai falì, fin a quand una brüta rassa da manigold, nissün da Nuara, l’è pensà ben da fa sciüstrina di nostar sentiment e dla nostra storia).

E cume tì al ricorda al prufüm di ass da legn bagnà dla cürva dal mercà, che d’ invernu i giasciavan, e suta al prim sul dl aprimavera, i rinsecchivan fin al punto da büsgat al cü suta furma da schegia. Tai lì i dü nuares d’una certa età che in mèss d’ una strà i ricordan i giügadur che i hin fai part dla vita da tüti e dü, ben sètt sü vündas i eran nuares!!, al Tato Lena, al Canto, Mascheroni, al Lüisin Giannini, al Renatino Gavinelli supranuminà la freccia da Catignaga, al Testa Celestino da Cameri e cul che ancura incö l’è cunsiderà la bandiera dal Nuara, profugo dl’ Istria, ma nuares a tuti i efètt: al grand Nini Udovicich. 

E cusì, cun un ricord dréra l’altar, i finissan par pruvà cumussion quand as va a finì a parlà dal President da cul Nuara, al geometra Santino, si, Santin e bom, parchè vün da famiglia ti la ciami mia par cugnom.

Is lassan dopu un po’, cinq, dés minut, forsi un’ura ‘bundanta, ma g ha mia impurtansa. I s’ han mia scambià al numar dal telefono e gnanca i nom … l’è bastà sentì girà par aria una quai parola in dialet nuares par demulì qualsiasi mür, qualsiasi barriera: in fund a basta poch quand l’è tantu cul che ti gh è in man e int al cör. L’è stai sè truvas e cunussas luntan da Nuara par ricurdà l’Alcarotti e cui ass bagnà cunt una quai a-scheggia che ta spungeva la pèl dal cü.

‘Dèss al Piola l’ è tüt fudrà da pultruncini che mì i cuntinui a ciamà scagnìn, e al dialèt l’è sempar püssè rar sentil parlà, testimuniansa sincera che al témp al passa e i tradission is trasfurman in ricord, ma una speransa am piasarissa cultivà cun tenerèssa: che un dumàn, tra tantu temp, al nostar President dal Nuara “Fulbar Clab” la ciamaruma madumà cunt al sò nom, Massimo, cusì cume i ciamavan Santìn cul che l’è stai al mè President.

L’è l’augüri püssè sincer che igh podi fa.

E dopu che i dü nuares i s’ han salüdà e i hin andai ognün par la so strà, al durs dla man al va a sügà l’ümid di öcc, intrament che al cör e l’anima i süssüran cun infinì amur “forsa Nuara tüta la vita”.

Nonnopipo 

Continua a leggere

Dialetto

I pagèli gnüranti in nuares

Published

on

Ho mia pudü véd la partida e gnanca ascultala par radio parchè a la mè  Phonola lè s-ciupà una bubina e s’ ha fülminà un transistor. Alura sti sicür che che custi chì i hin i pagèli d’ una gnürantissia che agh piasarà sicürament al diretur da stu blog.

1 Raspa : Al nostar purtié g ha una testa cunt una capigliadüra che se al füssa un aversari i gh avrissi già vusà almenu una desena da volti “tajat i cavéj, vunciòn”. Di volti l’è un po’ in ritard int i usciti cume al trenu Nuara Murtara. Paratuna al 16° dal secund temp.

2 Pagliai: g ha un facin duls e i cavéj rissulà cume un fiulìn dl’ uratori che i atacant aversari s’intenerissan madumà a guardagh doss. Incö al so aversari g ha regalà un ciupa ciupa.

5 Bonaccorsi: Al giöga cun un livèl d’atension püssè alt dal PIL dal Liechtenstai, fin a quand al fa un para d’entradi che i hin püssè criminal dal mustar dal Circeo, a la secunda al salüda la cumpagnia. 

6 Di Masi: Al cura e al fa dal tütt: al difensur, al centrocampista, al regista, al cameré e, di volti, anca al cögh. Strach ‘mè ’n ladar a capita che ‘na quai volta l’è menu lücid da Lapo Elkan dopu una sera a base da pulvri bianchi mia identificà.

8 Pugliese: Quand i l’ ho vist par la prima volta l’ ho scambià par al Buba. As murmura che suta la panca di spogliatoi al tegna una bursa frigo par tégn al frèsch i organ che al strupa a i aversari, as fa mal e al giasc stavolta agh serva a lü.

9: Vuthaj: Tüti i dumenichi matina al difensur central che al deva marcal, quand as disvégia, al sa che al duvarà sta ‘tént dés volti püssè parchè altrimenti al farà di figüri da merda. (ndr) al gol dl’ albanés la mè radio Phonola l’è s-ciupà e la funsiuna pü. 

20 Benassi: Al crunista l’avrà numina in tüta la partida tre o quatar volti. Al senta tirà un quai cus a l’internu dla cossa e inveci da véss cuntent al ciama la sustitüssion.

13 Agostinone: Quand a serva al pulissa l’area cume al salot da cà sua quand al fa i pulissii da sabat bassura. L’è Dumenica, e vèrs la fin dla partida al mèta al gambon e al salva al risültà. Maroncelli.

19 Gonzalez: L’è fai püssè chilometri in cinq partidi che int i ültim dü campiunà. L’è impara anca a druvà ghügia e fil par ricamà di passag da restà incantà, cume cul che incö l’è mandà in gol al nostar Dardan. Al cura ‘mè ’n danà fin a quand as ricorda da véss quasi mè cuscrit.

21 Bortoletti: Lè l’ünich giügadur al mund che l’è passà suta i turtüri da Rullo e Pavanati. L’è stai in terapia par tri més da vün brav dabon parchè adèss al fila ch’ lè un piasé.

32 Paglino: Al porta un cugnom da ‘Rmantin anca se l’è nassü a Sceràn, quasi al cunfin cun Cassö. L’è al püssè giuin dla trüpa e incö l’è rivà al Piola ‘péna in temp dopu avé fai i cumpit da scola e ripassà la lession dal catechismo.   

Sustitüssion:

7 Tentoni: Dopu al gol sü punission da dumenica passà as disa che lè uffrì la pizza a tüta la squadra. Al prim lè cumincià a mangià a vott uri la sera e l’ültim lè finì a un bot da not. Int al furnu da cà sua as poda fa una pizza cungelà par volta. Al sustitüissa la cuntrufigüra dal Buba che s’ ha fai mal.

3 Bergamelli: Prima dla partida l’è passà dal nudàr a firmà al rogito par diventà al padron dl area da rigur, al va in camp a sustitüì Benassi ma al trova l’ uficial giüdissiari che agh nutifica la sfratto.

10 Capano  11 Spina  35 Amoabeng: A smea che la Federica Sciarelli da RAI 3 l’è ciamà infurmassion sü tüti e tri. 

 All Marchionni: Par futüna in cantina ho truvà una Philco grossa cume un amplificadur di Månneskin, giüst in temp par sentì che cui dal brascin cört i hin paregià, e dopu al gol dal Pablo la Philco l’è pruvucà un cortocircuito che l’è fai saltà la luce a tüt al cundumini. Sò mia cume l’è finì la partida.

Nonnopipo   

Continua a leggere

Dialetto

Ecco perchè questo rimarrà il mio Novara per sempre

Published

on

Ecco perchè, nonostante la brutta gente che prima possedeva e ora detiene l’80 e il 20%, il mio Novara era quello descritto qui sotto, e lo rimarrà per sempre. Purtroppo con loro o, meravigliosamente, lontano da chi ha compiuto scelleratezze alla mia maglia che amo da sessat’anni. Possiate bruciare all’inferno, anche se credo che le fiamme eterne non basteranno a purgarvi, maledetti.

La storia la cumincia che i s’evan picinin,

là int l’aria sü la cürva che da legn gh’eva i scalin

San Gavdensi da là in scima una man sü la cusciensa

anca lü sensa al Nuara al pudeva mia stà sensa

Al bell l’è che sü la punta al gh aveva un bell’aspèt

anca se al vedeva a maca e al pagava mia al biglièt

Anca lü l’è nuares cume nüm sensa vargogna,

mia cume i tri cucù che i stann da d’ là dl’ Agogna

Suma tüti curagiùs a la disa la nostra storia

anche se agh pensa al temp a scürì un po’ la memoria

I vigiòtt n’ han visti tanti chi da crüdi e chi da cotti,

ma fà part da sta famiglia ch’ l’è nassü a l’Alcarotti

am fà gnì un pò al magòn ch’ l’è mis-cià da nustalgia

che par ti mè povar Nuara  son dré fa una malatia

Im ricordi la dumenica a mangià da sgurdiaton

parchè a dü bott e mèss a giugava al mè squadron

Un öcc se a passa al pulman as và giò al cantòn di uri

pö passuma in curs Italia sensa avegh tanti paüri

Ècu i suma ai Mutilati induva as bala anca d’està

e passà al mercà coperto uramai i suma rivà

Tri sold par al biglièt speransa e allegria

….alè…forsa Nuara!! vinciuma e cusì sia!!

Al Ricu al Renatino al Nini e ‘l Tato Lena

par lur ciapà dal frèd na vareva anca la pena

bagnà cume un pulìn suta l’acqua e la fioca,

e la nebbia che a Nuara l’è mai stai propi poca!!

Là int l’aria a s-giacòn dal vent cuarcià una quai manéra

al frèd l’ andava via quand l’era primavera

e i sciarpi agh n’era mia e ‘s babülava mè i cagnàsc

e cui scalin da legn i eran pien numà da giasc

e cusì ‘dèss al nostar stadio as ciama Silvio Piola

e quand al segna al Nuara scatuma in pé cume una mola

che la libera energia e la s-ciopa da passiòn

pruvì a tifà Nuara che im darì prestu rasòn

Cust chì l’era al mè Nuara che a m ha fai inamurà

e che par culpa da sta gentàia che i tifùs hin ümilià

i a odi tüti quanti brüta rassa da schifus vigliacòn e delinquent

iv fo un augüri cunt al cör da murì vécc però da stént

E a sta maniga da làdar iv ricordi una roba bela:

andì da via al cü però cun vèrt l’umbrela.

 

Nonnopipo

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: