30 Km per unire e non per dividere Dialetto

Sará che passa ‘l temp, sará che son dré gni végg, sará che n’ ho visti a sè, sará che g’ hó pü voia da fa la guèra a nissün, e fa la guèra l’è mai bell, gnanca par giöch.

Sará parchè la puntisèla tra mi e i áltar urmai la lassi gió sensa pü tirala sü: ch’ a riva un po’ chi l’è che g’ ha voia da rivá, che tant g’ ho pü paüra da fam mal.

Sará che urmai son quasi cunsümá ‘mè ’n arlabach, o ch’ i son drera ingimbám ‘mè ‘na pèrga dla bügá, ma son pü bon da capí sta rivalitá cun Versé.

Un cünt l’è la balada, piáss in gir fin a mandás a da via ‘l cü (ho dí mandas eh, mia mandai!!), altra roba inveci l’è dí o scriv robi dal tipu ” massumai tüti ” o “asfaltumai”, cume se i füssi al padron d’una ditta ch’ l’asfalta i strai.

Cunfèssi che una volta la pensavi in manera difarenta e sensa tanti vèrs, ma ‘dèss, par i rasón che son spiegá cinq o ses righi chi dzura, i pudarii udiá nissüna, e quand i disi nissüna intendi anca cui da Versé; magari sensa diventà par forsa grand amisón.

Si, propi i tifus dla Pro Vercelli; che g’ hann una roba meravigliusa che spartuma insèma: lur i fann al tifo par la squadra dla sò citá, propi cume nün da Nuara, e da sti temp vissiá e scarúss l’è ‘na roba tantu rara e da difend cunt i ungi, par dó citá da pruvincia cume i nostri.

E propi cume nün i vöran mia sentí parlá da squadri cunt la maia a righi, anca se cume nün, truvá un quai vün che ‘l porta la duppia sciarpa sarissa mia una nuvitá.

Da dla dal Sesia i fann al tifo par Sant Eusebi, da chí dl’ Agogna par San Gavdensi che ‘s rivulgeva al vescuv da Versé ciamandal “Magister”. Lur i rüsavan mia par véss vün püssè impurtant dl’ àltar, i gh avevan altri robi da duvé pensá, lur eran amis e püssè fürb da nün che inveci suma bon da rüsá par un balón.

E dismentigumas mai che fin un quai ann fa i suma spartí la muntagna püssè bèla dal mund: al Monte Rosa: Alagna d’una part e Macügnaga dl’ altra, pö hin rivá cui dal Lagh Maggiur e dl’ Ossola e cui da Bièla e hin rabaiá cul che i pudevan e ciau merlu!

Par indulsís lur i mangian i bicciulan, nün i biscutín, ma sia vün che l’altar ìn sfamá la gent, propi cume la paniscia e la panissa che ìn nassü tüti e dó dla puvertá di cassini e dèss is permetuma da fa i sufistich: “l’è püssè buna custa, l’è püssè buna cul’ altra” sensa nacorgias che i suma propi tüti quanti di gratacü, nuares e versles: se ‘t piasa vüna at deva piasé par forsa anca l’altra, cüntumas mia di bali eh!!

Lur i g’ han al Gatinara e nün al Ghèmm…se propi propi i vurí mia bev al vin di altar purtimal a mi che da diferensi na fo mia da sicür.

La Basilica da Sant Andrea e la cüpula da San Gavdensi, che la cumencia a rampigá da dzura la só Basilica, e che se ti sè bon da rivá fin in scima, ti pudrè véd madumá di gran risèri, risèri tütt in gir, chí cume lá, sensa la püssè picula diferensa.

Furse chi l’è scernü o surtegiá cume spartí tüta sta roba, l’ ha fai sensa fa d’ingann, cume l’ avrissa fai San Giuàn, che lü da sti robi chì l’è un chècu.

E ‘l destin l’ è vursü mètt al sciampìn, propi int un mument cusì brüt da malatia, par mustrà a tüti che i diferensi i gh’ j avuma int la testa: quand l’ è inissià sta brüta storia, al Magiùr da Nuara, ìn ricuverà una dona da Versè pusitiva a stu merdus d’ un virus e al Sant Andrea da Versé un nuares giüstà a la stessa manera. Fursi l’è ‘l casu da fermas a riflèt un mument.

Suma nün che gh avuma al bun temp e suma diventá tantu, tantu smorbi, fin a quand, tütt d’un culp suma scuprì che ‘l mund l’è diventà picinin par culpa d’ un rob che as fa fadiga a guardagh doss anca cunt al micruscopi.

Suma gnü grand cunvint che dl’ altra part dal nostar urtisèl i vivan persuni diversi da nün; No, l’è mia cusì, e g’ ha vursü un “bastard e disunèst”, cust si, par capì che 30 chilometri o tri metar i devan ünì inveci da divìd, e … e quand l’ epidemia la finirà fursi un quai vün al vürarà pü turnà a la sò vita da prima, magara rifüdandas d’ avegh un lavur che par ani l’ ha sufegà è upprèss. Chi al decidarà da mètt al mund un fiö o da mia avegan. Agh sarà püra chi al cuminciarà a créd in Diu e chi smèttarà da créd in lü. E propi par ‘sti rasòn, ‘dèss, i fò la tradüssion da tüta sta papardèla … anca se son quasi sicür che püssè d’ un quai vün, da tüti e dò i parti, sturciarà al nas, par mia dì che am mandarissa vulentera a da via ‘l cü. Fa gnenta, va ben l’ istéss, saruma sü baraca e büratin e da ‘dèss, tüti insèma, fasuma sül seri. 

 Augüri a tüti, i gh n’ avuma bisogn, e bun derby … quand i la giügaruma se i la giügaruma.

Nonnopipo

Sarà che passa il tempo, sarà che sto invecchiando, sarà che ne ho viste abbastanza, sarà che non ho più voglia di fare la guerra a nessuno, e fare la guerra non è mai bello, neanche per gioco.

Sarà perchè il ponticello tra mè e gli altri ormai lo lascio abbassato senza più alzarlo: arrivi pure chi vuol arrivare che tanto non ho più paura di farmi male.

Sarà che ormai sono quasi paragonabile a un attrezzo consunto e che sto piegandomi da un lato come una pertica che sostiene i fili del bucato, ma non sono più capace di capire questa rivalità con Vercelli.

Un conto è la canzonatura, prendersi in giro fino a mandarsi a da via ‘l cü (ho detto mandarsi eh, non a mandarli!!), altra cosa invece è dire o scrivere robe del tipo “ammazziamoli tutti” o “asfaltiamoli”, come se fossi il padrone di una ditta che asfalta le strade.

Confesso che una volta la pensavo in modo diverso e senza tanti versi, ma adesso, per le ragioni che ho spiegato cinque o sei righe qui sopra, non potrei odiare nessuno, e quando dico nessuno intendo anche quelli di Vercelli; magari senza diventare per forza grandi amiconi.

Si, proprio i tifosi della Pro Vercelli; che hanno una cosa meravigliosa che condividiamo: essi fanno il tifo per la squadra della loro città, proprio come noi di Novara, e in questi tempi viziati e schifosi è una cosa tanto rara e da difendere con le unghie, per due città di provincia come le nostre. E proprio come noi non vogliono sentire parlare di squadre con la maglia a righe, anche se come noi trovare qualcuno che porta la doppia sciarpa, non sarebbe una novità.

Al di la del Sesia fanno il tifo per Sant’ Eusebio, al di qua dell’Agogna per San Gaudenzio che si rivolgeva al Vescovo di Vercelli chiamandolo “Magister”. Loro non litigavano per essere uno più importante dell’altro, avevano altre cose a cui pensare, loro erano amici e più furbi di noi che invece siamo capaci di litigare per un pallone. E non dimentichiamoci mai che fino a qualche anno fa abbiamo condiviso la montagna più bella del mondo cioè il Monte Rosa: Alagna da una parte e Macugnaga dall’ altra, poi sono arrivati quelli del Lago Maggiore, dell’Ossola, e di Biella, che hanno arraffato quello che potevano e ciao merlo!

Per addolcirsi loro mangiano i bicciolani, noi i biscottini, ma sia gli uni che gli altri hanno sfamato la gente, proprio come la paniscia e la panissa che sono nate entrambe dalla povertà delle cascine, e ora ci permettiamo di fare i sofistici: è più buona questa è migliore quell’altra, senza accorgerci che siamo proprio tutti quanti dei poveri bonaccioni, novaresi e vercellesi: se ti piace una, per forza ti deve piacere anche l’altra;  non raccontiamoci delle frottole eh!!

Loro hanno il Gattinara e noi il Ghemme … se proprio non volete bere il vino dell’altro, portatelo a me che di differenze non ne faccio di sicuro.

La Basilica di Sant’Andrea e la Cupola di San Gaudenzio, che inizia ad arrampicarsi di sopra alla sua Basilica e che, se sei in grado di arrivare fino in cima, potrai vedere solo risaie, risaie tutt’ in giro, qui come là, senza la più piccola differenza. Forse chi ha scelto o sorteggiato il modo di dividere tutta questa roba, lo ha fatto senza fare inganni, come avrebbe fatto San Giovanni, che lui di queste cose è uno furbo.

E il destino ha voluto metterci lo zampino, proprio in un momento così brutto di malattia, per mostrare a tutti che le differenze le abbiamo in testa: quando è iniziata questa brutta storia, al Maggiore di Novara, hanno ricoverato una donna di Vercelli positiva a questo merdoso di virus e al Sant’ Andrea da Versé c’ è un novarese nelle stesse condizioni. Forse è il caso di fermarci a riflettere un momento.

Siamo noi che abbiamo il buon tempo e siamo diventati tanto tanto schizzinosi, fino a quando all’improvviso abbiamo scoperto che il mondo è diventato piccolo per colpa di un “coso” che si fa fatica a vederlo al microscopio.

Siamo cresciuti convinti che dall’altra parte del nostro orticello vivono persone diverse da noi; no, non è così, e c’ è voluto un “bastardo e disonesto”, questo si, per capire che tranta chilometri o tre metri devono unire invece di dividere … e quando l’epidemia finirà, forse qualcuno non vorrà tornare alla sua vita precedente, magari rifiutandosi di continuare a occupare un posto di lavoro che per anni lo ha soffocato e oppresso. Chi deciderà di mettere al mondo un figlio o di non averne affatto. Ci sarà pure chi comincerà a credere in Dio e chi smetterà di credere in lui. 

E proprio per questi motivi, adesso, farò la traduzione di tutta questa pappardella … anche se sono quasi sicuro che più di qualcuno, da entrambe le parti, storcerà il naso, per evitare di dire che mi manderebbe volentieri a “da via ‘l cü.” Non importa, va bene lo stesso, chiudiamo baracca e burattini e da ora, tutti insieme, facciamo sul serio.

Augüri a tüti, ne abbiamo bisogno, e buon derby … quando lo giocheremo se lo giocheremo.

Nonnopipo


Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: