Of course…but maybe Analisi Tecnica

C’è un pezzo straordinario dello stand up comedian Louis CK, in cui spiega la dicotomia tra pensieri buoni e pensieri cattivi. Da una parte l’ovvietà, il pensiero universalmente riconosciuto, la certezza; dall’altro il dubbio che si insinua a scardinare quella certezza. E’ la dicotomia dell’ ‘of course….but maybe’.

Ecco, a mio parere questa dicotomia si adatta perfettamente alla nostra gara col Gozzano. Perché è OVVIO che un 4-1 è un risultato netto e senza discussioni. Ma a mio parere ci sono dei ‘ma’.

E’ ovvio che un bottino così di gol all’attivo è una manna, senza considerare che con un arbitro normale dovevamo essere uno in più e con un rigore a favore dopo metà primo tempo….ma l’avete vista la loro coppia di centrali difensivi? Uggè con almeno 5-6 kg in più del peso forma e Tordini che probabilmente non mangia più da Natale (e non escludo che le due cose possano avere un collegamento).

E’ ovvio che valorizzare Barbieri è un dovere e probabilmente contro gli scappati di casa di domenica era l’occasione più propizia per dargli minutaggio…ma siamo proprio sicuri di poterci giocare un tempo e un giallo contro chiunque prima di mettere Cassandro?

E’ ovvio che un calo di attenzione ci può stare sul 3-0…ma siamo tutti consapevoli del fatto che una sbandata presa in modo simile contro una Juve 23 qualunque ci ha fatto buttare al cesso 2 punti e che con una squadra normale ieri si rischiava fortemente che finisse allo stesso modo?

E’ ovvio che Bortolussi merita di giocare sempre e comunque…ma invece di lasciarlo in campo per 93 minuti a prendere botte e non avendo un sostituto credibile, possiamo non rischiarlo e magari lasciare in campo Cisco che di giocatori come lui fortissimi tecnicamente ma che sul più bello si addormentano sul pisulo ne abbiamo almeno altri 3?

In generale la mia sensazione è che il mercato di gennaio abbia cristallizzato una situazione a livello tattico da cui a questo punto difficilmente si può più tornare indietro. Squadra che gioca a molti tocchi, con una serie di centrocampisti che si buttano nello spazio e di esterni che cercano superiorità nell’1 contro 1. Soluzione ottima quando devi giocare in contropiede o contro squadre palesemente più scarse perché emerge il divario tecnico. Ho i miei dubbi che questa soluzione possa pagare contro squadre solide da scardinare con fatica e ragionando, o quando si vince ma fisiologicamente ci si abbassa di quei 10 metri perché le forze stanno venendo meno e il risultato si avvicina. In questo caso serve aumentare la velocità di gioco e noi in questo momento siamo a una sola velocità, quella che decide Buba, e siamo Nardi-dipendenti sulla creazione della superiorità numerica in mezzo al campo.

Ultima riflessione sulle gerarchie: un giocatore come Collodel farebbe il titolare ovunque in C. Dopo il fuoco di paglia dell’inizio del girone di ritorno, derivante probabilmente dalla volontà di trattenerlo, ha ricominciato a fare la riserva di Schiavi e Nardi, dando per assodato che Buba e Bianchi non si toccano. Sarebbe il caso di essere conseguenti tra le attestazioni di stima e il minutaggio, stessa cosa che sta succedendo con Pinzauti per cui ‘sta crescendo la fiducia’ e poi piuttosto che mettere lui, sul 3-0 Banchieri butta dentro un 2003. Dopo una partita in cui è girato tutto bene possono sembrare puntigli da cagacazzo, ma ne riparliamo alla prima influenza di Bortolussi o di Buba magari.

Jacopo


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: