Le Analelle Campionato

Per la contemporanea defezione del Sartorio e del Ciumi nel loro ordinario servizio per il blog, ho a questo giro il gravoso compito di fare una crasi tra l’analisi tecnica e le pagelle. Nascono quindi le ‘analelle’, che tra l’altro anche a livello onomatopeico si adattano perfettamente al posto dove per l’ennesima volta lo abbiamo preso in questo spumeggiante inizio d’anno. Data palindroma, Bortoluz contro Bortolussi, 2 squadre con lo stesso ruolino di merda da inizio 2020 ad oggi: non poteva che finire pari.

DIFESA: Abbiamo un pacchetto terzini che assomiglia alla classe di un kindergarten, peraltro ulteriormente indebolito da un mercato che se uno non sapesse che Banchieri mette schierati a 4 anche i sensori dell’antifurto di casa, penserebbe che giochiamo a 3 in difesa. Barbieri forse tra 3-4 anni sarà un fenomeno ma ad oggi a mio parere non può fare il titolare in un campionato professionistico, Cassandro non è un terzino sinistro e si vede. Non è un caso che quando entra Cagnano che è un giocatore vero e Cassandro torna dalla sua parte si veda qualcosa in più, aiutati anche dal fatto che dopo il passaggio al 4-2-4 c’è più densità in avanti che al Papeete a ferragosto. Lanni si presenta subito bene facendosi trovare ancora a centrocampo per i saluti di rito sulla rovesciata più lenta del mondo, sulle uscite non convince e sul rigore va dal lato sbagliato. Esattamente come Marchegiani ma più tamarro (e con 6 anni in più…)

CENTROCAMPO: Bianchi e Buba imprescindibili, ma con Schiavi a supporto non reggiamo. Appena smettiamo di giocare a 1000 all’ora prendiamo infilate epiche e perdiamo totalmente gli equilibri. Molto meglio con Collodel a mio parere. E’ il reparto più di esperienza e si vede, soprattutto nel momento in cui dopo l’1-1 quelli erano nervosi come una modella che ha finito la coca. Lì dopo il gol di Pablo una squadra normale li avrebbe schiantati, ma a noi chiudere le partite non piace proprio

ATTACCO: Quello delle ultime 4 partite è il miglior Pablo da quando è tornato. Tocchi quasi sempre di prima, quasi annullato quel suo maledetto vizio di sottovalutare la difficoltà della giocata semplice e tanto sacrificio dietro…pure troppo, visto che si trova nella sua area in una situazione di gioco non usuale, e come sempre succede in questi casi fa la cagata. Peccato. Cisco è un’ira di Dio, io non lo toglierei mai. In generale la sensazione è che i 3 davanti corrano come dei cavalli e poi non ne abbiano più quando c’è da far male. E i cambi non aiutano: si vocifera che Piscitella faccia il doppio passo anche per entrare in macchina, quando è passato in mezzo a 2 avversari con un prodigio e ha appoggiato sul palo del portiere hanno sentito le mie bestemmie fino al Torrion Quartara. Sembra che sia cresciuta la fiducia di Bancheri in Pinzauti come sostituto di Bortolussi, concetto ripetuto anche nel dopopartita. Forse perché non c’è un cazzo di nessun altro.

BANCHIERI: dopo aver messo il quinto difensore quando c’era da non indietreggiare con la Juve, dopo aver tolto la punta quando c’era da attaccare col Pontedera, stavolta ci ha sorpreso togliendo il regista quando c’era da ragionare.  Forse era meglio quando faceva i cambi ruolo per ruolo e buonanotte. Caduto in piedi anche stavolta, ma la sensazione è che il credito con le botte di culo stia finendo.

Jacopo Foradini


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: