La maglia è nostra e ve la prestiamo solo per giocare Editoriale

Siamo passati dalla boria spocchiosa degli ultimi tre anni ” io so io e voi non siete un cazzo” ad un ingresso quasi imbarazzato, in punta di piedi, un po’ come fai quando entri in casa di un ospite di riguardo ed hai paura di sporcare.

Orlando, Cianci e la Rullo non si sono messi le pattine nel corridoio ma i loro sguardi che si cercavano, un po’ per farsi coraggio ed un po’ per cercare consenso reciproco nel rispondere ad una serie di domande che sono parse, per lo più, scontate e ridondanti, ripercorrevano quel gesto antico fatto sui pavimenti di marmo o di parquet con la cera appena passata.

Ma i Rullo’s boys, un sodalizio che ha costruito qualcosa di importante negli anni, hanno dimostrato che quella apparente genuinità mostrata nasconde invece imprenditorialità, capacità di analisi e, soprattutto, quella sana e caparbia determinazione che hanno gli uomini del sud.

Le strade di Rullo e Cianci si incrociano circa cinque anni fa quando entrambi, in due diverse società poi cedute ad un’unica persona, sono stati amministratori.

Napoletano trapiantato in Brianza il Cianci, calabrese trapiantato nel milanese il Rullo le connessioni sulle società condotte insieme sono molteplici.

Ma questa è la loro storia che se vorranno un giorno ci racconteranno, quello che ci interessa in questo momento è capire la struttura imprenditoriale e finanziaria di chi controlla il Novara calcio.

Delle due capogruppo (MR VERWALTUNGS GMBH e TM COMMODITIES GMBH) non possiamo ancora produrre un’analisi finanziaria in quanto i dati, richiesti alla camera del lavoro tedesco, ci arriveranno in gennaio.

Ma se ci soffermiamo solo su una breve e sintetica analisi di R.M.C. spa (il dominus italiano, attivo dal 1998) i dati sono sorprendenti, soprattutto se comparati con quelli dell’anno precedente.

Vero che RMC si è ingrandita, nel 2018, attraverso una serie di acquisizioni, ma altrettanto vero, per chi è uso a masticare questi argomenti, che le acquisizioni, soprattutto il primo anno, ti fanno sì esplodere il fatturato ma contestualmente ti indeboliscono la posizione finanziaria.

Invece, a fronte di un fatturato passato da 13 a 36 milioni di euro ci troviamo davanti ad un EBIT ( parola tanto cara a Nespoli ) che passa da 500mila euro a quasi 2 milioni (con un incremento del 261%).

L’indice di indebitamento si riduce passando dal 2,38 all’1,34.

Gli oneri finanziari rapportati al fatturato rappresentano lo 0,08%

Al di là della loro freddezza questi dati dimostrano che non ci troviamo davanti a dei parvenues e che, soprattutto, la capacità di gestione dei nostri nuovi interlocutori è, a nostro modo di vedere, sorprendente.

Le connessioni con il primo personaggio emerso in questi giorni, Tommaso Leone, sono invece legate alla LEMAR GROUP SA con sede a Maroggia in Svizzera dove il Leone ha come compagni di consiglio nel cda sia il Cianci che la Rullo.

Siamo quindi di fronte ad un gruppo complesso, le cui attività sono tutte legate a quella principale, articolato in più paesi, la cui solidità per il momento non possiamo mettere in discussione.

Passiamo ora a cercare di rispondere ad alcuni quesiti emersi durante la conferenza stampa, risposte che diamo noi seguendo una logica e una serie di informazioni verificate.

Perchè Novarello in affitto? ma anche in precedenza il Novara Calcio aveva in affitto Novarello dalla Polisystem alla quale corrispondeva una canone annuo di 300 mila euro. Nulla è cambiato, se non forse incrementata la quota.

Perchè Servisan (azionista unico) resta con una quota del 20%? presumiamo perchè, assumendo che una quota del 20% non ti da nessun diritto (tanto meno quello di recompra, come ventilato da qualcuno), sia un atto dovuto per le garanzie prestate a favore del progetto Cittadella dello Sport. Crediamo che col tempo questa quota si azzeri.

Perchè Zebi è stato esonerato? Ci risulta che Orlando Urbano negli ultimi quattro mesi sia stato incaricato di valutare il progetto tecnico sotto ogni aspetto (staff, squadra, competitors, realtà del campionato). Pensiamo che la sua nomina a direttore sportivo non potesse che essere la naturale conseguenza del lavoro svolto.

Ci sono poi un paio di domande che ci facciamo da soli ed alle quali presumiamo non avremo risposta in tempi brevi:

la copertura della perdita del bilancio 2018 del Novara Calcio ( 2 milioni di euro ) è stata fatta utilizzando le riserve ed erodendo il patrimonio. Ma nella definizione della trattativa come sono stati conteggiati i 3,7 milioni riportati a bilancio come fatture da emettere per crediti vantati nei confronti della Lega (paracadute serie A per il quale il Novara si è costituito in appello – udienza dello scorso giugno 2019)?

i due finanziamenti erogati da Servisan per complessivi 2,7 milioni di euro sono stati inseriti nella trattativa?

Due semplici domande solo ed unicamente per capire; ribadiamo poi che sembra corretta la cifra corrisposta per l’acquisizione considerato che, come detto da Nespoli ad agosto, l’EBITDA della società superava di poco gli 800 mila euro.

va beh … troppi numeri e troppe parole. Ciò che conta, e ciò che resta, è quanto espresso nel titolo e recitato bene dalla nuova compagine societaria in conferenza stampa: abbiate cura della nostra maglia e non fate stronzate, perchè ve l’abbiamo prestata solo per giocare.

Ciumi


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: