Rimaniamo in contatto

Campionato

I giovani calciatori, la nuova frontiera della Lega Pro

Published

on

Una montagna di soldi, più di 10 milioni di euro, saranno distribuiti alle società di serie C, che hanno puntato sui giovani calciatori.

Questo è quanto emerge dai dati diffusi dalla Lega Pro, relativi alle prime 14 partite di campionato.

Per capire meglio come questa regola (della quale abbiamo parlato qui e qui) cambierà l’equilibrio all’interno dei bilanci di una società di lega Pro (eccezioni tipo Monza escluse) basterà pensare che una società come il Novara arriverà a fine stagione ad incassare mezzo milione di euro grazie ai giovani calciatori. Cifra sicuramente superiore alla somma degli incassi da botteghino (biglietti + abbonamenti) di un’intera stagione, superiore ai magri diritti televisivi elargiti in serie C  e probabilmente superiore alla somma delle sponsorizzazioni non legate alla proprietà. In pratica diventerà la cifra in entrata più importante del bilancio, cessioni di calciatori a parte che non sono prevedibili e quantificabili a priori.

Le società, e sono tante, che quest’anno hanno sottovalutato per scelta o per ignoranza questa nuova regola, ora che hanno toccato con mano la realtà dei fatti non potranno per la prossima stagione fare a meno di puntare sui giovani calciatori; incide troppo quella cifra nei piccoli bilanci delle società di lega Pro.

Il girone A è stato il più virtuoso: più di 2 milioni di euro distribuiti in 14 giornate e solo 3 società non hanno approfittato: Monza, Carrarese e Como

Nel girone B sono stati distribuiti circa 1,2 milioni di euro. La Cavese è insieme alla Pro Vercelli la società che ha incassato di più in tutta la Lega Pro ma ci sono ben 10 società del girone C che non hanno attinto ai fondi previsti. Tra queste, incredibilmente il Rieti, che nonostante sia avviato ad un probabile fallimento, non ha pensato a inizio stagione a puntare sui giovani per salvare il bilancio societario.

Il girone B sembrerebbe quello meno interessato ai giovani con il Ravenna primo in questa classifica con 151.237 euro, cifra che nel girone A lo classificherebbe oltre al decimo posto.

La mia impressione è che la vera rivoluzione, se il regolamento sarà confermato, avverrà il prossimo anno con una “caccia” ai miglior giovani della maggior parte delle società di lega pro e con una conseguente diversa distribuzione dei fondi.

Il Novara che quest’anno ha operato benissimo creando un perfetto equilibrio tra squadra giovane e squadra competitiva, dovrà rimodulare nella prossima stagione le sue scelte di mercato:

Non saranno più “giocatori giovani” i calciatori nati nel 1998: Bove, Pogliano, Cagnano, Collodel, Fonseca e Nardi.

Saranno ancora “utili” per il minutaggio giovane i soli Barbieri (2002) e Bellich (1999). Cassandro (2000) e Capanni (2000) rientreranno alle società di appartenenza dai relativi prestiti.

Diventerà quindi inevitabile per Banchieri nella seconda parte di questa stagione provare gli altri giovani della cantera azzurra: Parautis, Zunno, Petricci, Zacchi dovranno dimostrare al mister ed alla società se sono pronti a giocare in questa categoria. Sarà più importante verificare le loro qualità della conquista di qualche punto in classifica in più.

E’ un altro modo di fare calcio al quale dovremo in fretta ad abituarci, la meritocrazia alla fine vincerà sempre e lo dimostra la scelta tra Buzzegoli e Fonseca. Ma Fonseca ed in futuro i vari Zunno ecc dovranno essere provati e fatti giocare per essere valutati.

 

Fonti: Corriere di Romagna 29/11/2109, La Stampa 22/11/2019 https://thewam.net/serie-c-contributi-under-giovani-valore-cavese-rende-paganese-21-11-2019/

 

 

Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: