Rimaniamo in contatto

Campionato

Lupo racconta.. la Pergolettese

Published

on

Il prossimo avversario del Novara sarà la Pergolettese. La compagine lombarda torna al Piola, dove il 12 maggio, in concomitanza con la nostra sorprendente vittoria in quel di Siena, ha vissuto uno dei momenti più dolci della sua storia, battendo il Modena nello spareggio promozione valido per la serie C.
I ragazzi allenati da mister Contini non sono partiti alla grande, nonostante un mercato molto valido con svariati innesti d’esperienza, fra cui Coly, ex Cittadella, Melcore, ex Carpi, nonché marcatore del gol vittoria contro il Novara nell’ultima sfortunata trasferta in terra emiliana) e Agnelli, storico capitano del Foggia. Dopo due sconfitte nelle prime due giornate sono arrivati però i primi due punti, a Busto e in casa contro il temibile Arezzo. Rappresentano appieno la classica squadra di serie C, con un mix di giovani ed esperti, e hanno come obiettivo la salvezza.

Per il Novara è un’altra sfida preceduta dal punto di domanda, dopo l’onesto pareggio di Pontedera una vittoria significherebbe gettare la maschera ed issarsi nelle zone alte della classifica. Ovviamente il vero obiettivo, da tifoso, è continuare a vedere la garra mostrata nelle prime due gare casalinghe.

Concentriamoci sugli avversari, che hanno una storia assai curiosa. La Pergolettese è infatti la massima espressione calcistica della città di Crema, 35000 abitanti, seconda città della provincia di Cremona, capoluogo del cremasco, la zona a nord della provincia, non lontano da Bergamo e da Milano, famosa per i tortelli cremaschi e per gli organi musicali. Ad essere precisi, il nome “Pergolettese” deriva da Pergoletto, il quartiere cremasco dove è nata la squadra. L’altra compagine cittadina è l’A.C. Crema, che può vantare di aver disputato tre campionati di serie B negli anni 40’. Il derby di Crema una volta era molto sentito, con i bianconeri a rappresentare il centro città contrapposti ai gialloblu della periferia. Un’altra curiosità della Pergolettese è quella di aver cambiato spesso il nome. L’attuale denominazione è la stessa delle origini, poi cambiata in Pergocrema nel ‘74, poi in Cremapergo nel ‘94, in un contestatissimo tentativo di accorpare le due squadre della città, poi nuovamente Pergocrema, fino al fallimento del 2012, dopo il quale si è tornati al primo nome. Mi permetto di definire i gialloblu masimma espressione calcistica cittadina in virtù dei ben 32 campionati disputati tra i professionisti, di cui 24 in serie C2, record di partecipazioni condiviso con la Pro Vercelli.

Ci sono tutti i presupposti per una partita maschia, magari non bellissima ma da giocare con impegno e orgoglio. Nonostante il tempo incerto l’invito è come sempre di venire tutti al Piola a sostenere i nostri ragazzi.
Forza Novara sempre!

Lupo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: