Rimaniamo in contatto

Campionato

I giovani calciatori e la ripartizione delle risorse

Published

on

Con il Comunicato Ufficiale n°235/L del 17 aprile 2019 la Lega Pro definisce la ripartizione delle risorse sulla base del minutaggio dei cosiddetti calciatori giovani per la stagione 2019/20.

In breve: più fai giocare giocatori giovani più hai diritto a ricevere contributi dalla Lega. Diventa una scelta societaria decidere se sfruttare questa opportunità oppure come sicuramente farà il Monza, dall’alto della sua potenza economica, disinteressarsene.

Il Novara, mi pare evidente, ha scelto di costruire una squadra giovane, con tanti giocatori provenienti dal settore giovanile non solo per vocazione e convinzione ma anche per incassare più soldi possibile dai contributi federali.

E’ una scelta lecita e tutto sommato condivisibile che costringe lo staff tecnico azzurro ad avere coraggio: l’esordio del diciassettenne Barbieri, la promozione di Cagnano titolare al posto del collaudatissimo Visconti, il minutaggio di Fonseca ai danni di Buzzegoli potrebbero essere dettati da convenienze economiche oltre che tecniche. Ma non è detto che sia un male anzi, è solo una realtà nuova alla quale dovremo tutti abituarci.

Il problema è che il regolamento è terribilmente complicato: formule, medie ponderate, computi, quozienti, soglie, incrementi o decrementi percentuali. Insomma mi immagino il Dott Nespoli, carta e penna in mano, ogni domenica sera calcolare ogni variante per prevedere l’incasso, solo Lui può riuscirci, io ho rinunciato a farlo dopo poche righe. In nessun modo è dato saper quanto la società incasserà facendo giocare i giovani perchè la “risorsa” da distribuire non è conosciuta. Ma questo mi interessa relativamente.

Mi interessa maggiormente capire dentro quali confini sta lavorando il “povero” Banchieri. Un articolo in particolare del regolamento chiarisce il campo di azione:

ART. 4.2:

per ciascuna gara di Campionato Serie C sarà determinato il minutaggio  di ogni società solo  in caso di raggiungimento della soglia minima di 270 minuti e fino alla soglia massima di 450  minuti giocati da calciatori della stessa, tesserati con status 04 e 09 e nati successivamente al  1 gennaio 1998.

Quindi il primo obbiettivo è far giocare per ogni partita 450 minuti ai calciatori nati dopo il 1 gennaio 1998.

Tutto il resto servirà a migliorare il coefficiente finale utile al contributo (giocatore proveniente dal proprio settore giovanile, età dei giocatori schierati ecc).

Vediamo come è stato schierato il Novara in queste prime 4 partite:

NOVARA-JUVENTUS U23

Banchieri ha schierato inizialmente 5 giocatori “giovani” (Cassandro, Pogliano, Cagnano, Fonseca e Collodel). Durante il match sono usciti i giovani Fonseca e Pogliano e sono entrati i giovani Nardi e Bellich. Minuti giocati dai “giovani” 465, obbiettivo massimo raggiunto.

MONZA-NOVARA

Vengono schierati gli stessi 5 giocatori giovani. Nella ripresa entrano Nardi e Barbieri. Totale minuti giovani: 437 + i minuti di recupero. Non raggiungiamo la quota massima (450 minuti) ma siamo ampiamente sopra la quota minima di 270 minuti.

Per la prima volta Banchieri schiera Barbieri che in questo gioco è un vero e proprio jolly. La giovanissima età e la provenienza dal settore giovanile, moltiplicano i suoi coefficienti.

NOVARA-LECCO

Nei titolari, Barbieri prende il posto di Cassandro e si aggiunge agli altri 4 “giovani”. Nel secondo tempo entrano Cassandro e Nardi. Totale: 430 minuti giovani

PONTEDERA-NOVARA

I cinque giovani della partita precedente vengono confermati. Nella ripresa i soliti cambi: Nardi e Cassandro. Minimo minutaggio giovane stagionale (422 minuti) ma comunque sempre vicino al limite massimo.

Mi sembra evidente che per raggiungere l’obbiettivo dei 400-450 minuti per partita, bisogna partire dal primo minuto con cinque giocatori giovani.

Ed è forse qui la risposta alla opzione Fonseca/Buzzegoli. Se per scelta economica/aziendale il Novara deve partire con 5 giovani in campo, Buba giocherà dal primo minuto solo se verrà “sacrificato” un senatore al posto di un altro giovane. Per esempio Nardi al posto di Bianchi, garantirebbe lo stesso minutaggio totale giovane e consentirebbe al mister di poter schierare Buzzegoli al posto di Fonseca dal primo minuto.

Un’altra soluzione potrebbe essere l’inserimento dal primo minuto, del giovane Capanni al posto di Piscitella o di Gonzalez, sempre per consentire di far giocare Buba dall’inizio.

E’ all’interno di questi confini che Banchieri, al quale va tutta la mia comprensione, deve e dovrà muoversi.

Il campionato è lungo e sarà pieno di imprevisti (squalifiche, infortuni, stati forma ecc) che costringeranno il mister a compromessi e a scelte che potrebbero portarlo oltre ai confini dettati dalla società e dai regolamenti.

Ma la linea che Banchieri dovrà seguire è chiarissima. Non solo tattica, studio degli avversari e meritocrazia ma anche e soprattutto (per la gioia del Dott. Nespoli), carta di identità.

Depa.

 

 

 

 

 

 

Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: