Meno male che Silvio c’è. Editoriale

In un campionato che, visti i risultati delle due prime giornate, si prospetta essere caratterizzato da assoluto equilibrio, Dio benedica le eccezioni che confermano la regola come il Monza. Soprattutto quando il sorteggio del calendario te le fa affrontare entro le prime due tre giornate. La partita di ieri, provo ad essere volutamente e forzatamente ottimista, ci ha regalato una grossa opportunità: capire i nostri limiti e verificare, per quanto possibile, la nostra tenuta contro formazioni palesemente superiori. Fossi in Banchieri sarei davvero felice di aver incontrato i Berlusca boys subito, non tanto per il fatto che loro potessero non essere ancora al top, ma proprio perché le indicazioni che ci portiamo a casa da questa partita sono così importanti, e sotto certi aspetti così chiare ed inconfutabili, che possiamo solo farne tesoro. Non voglio prevaricare l’amico Ciumi nella sua analisi tecnica, per cui mi limito ora solamente ad elencare alcuni aspetti sui quali, a mio parere, occorre interrogarsi e, magari, apportare modifiche: Pablo può reggere costantemente 95 minuti di gioco per 40 partite schierato così? Non sarebbe più utile magari avanzare ed accentrare Piscitella così  da utilizzare Pablo anche solo per gli ultimi 25 minuti? Non conosco il nuovo acquisto Pinzauti, in attesa di vederlo però non vi è il sospetto che questo attacco possa segnare poco perché più chiamato a partecipare alla fase di gioco che a curarsi di tirare? Il centrocampo non è un po’ leggerino? Perrulli proprio era irrecuperabile? Domande forse retoriche, basate su sole due partite viste di cui una che, dal punto di vista tecnico, è scarsamente indicativa proprio in considerazione della palese differenza di valori in campo, tuttavia Mister Banchieri credo che abbia nel suo database già un buon numero di informazioni cui dovrà essere bravo a tramutare in accorgimenti tattici già da sabato sera prossimo.

Per il resto, sempre a sensazioni, rilevo che la più grande critica e perplessità (giustamente) rivolta a questo Novara è stata sul numero elevato di giovani in campo. Ecco, va però detto che nelle prime due partite di campionato i giovani sono stati il minore dei problemi. Presto per dirlo con certezza, per carità, ma che Cagnano e Cassandro siano così più scarsi di Visconti e Cinaglia mi pare parecchio dibattibile. Così come Pogliano che sia acerbo e inaffidabile mi pare una considerazione che, ad oggi, sembra affrettata. Qualche perplessità personali in più, già esposte poche righe sopra, sull’impianto avanzato, ma vedremo strada facendo. Per il resto attendiamo la sfida contro il Lecco che sarà inevitabilmente indicativa poichè alla nostra portata.

Ieri osservavo il pubblico di Monza e sorridevo. Un po’ mi ci rivedevo in quel nostro pubblico di una decina di anni fa. Lo zoccolo duro, ma in minoranza, a guidare una nuova piazza di tifosi che, buon per loro, sarà sempre più numerosa ma con aspettative sempre più alte. Ho sorriso quando la loro curva ha intonato cori per Galliani, e la tribuna, invece di applaudire la loro squadra che stava vincendo, si è girata ad applaudire la tribuna d’onore. Perché ogni mondo e paese, e anche a Monza la percezione collettiva che i goal li avessero segnati Berlusconi e Galliani invece di due giocatori di rosso vestiti era evidente. E’ capitato a noi, succede oggi a loro e chissà a quanti altri domani. E’ il loro momento e, onestamente, lo stanno vivendo parecchio bene. Anche perché avere quella proprietà è cosa che non succede a tutti, e loro lo sanno benissimo visto i precedenti. Per quanto mi riguarda il vero appuntamento col Monza sarà al ritorno, quando loro avranno probabilmente già incanalato il campionato verso la vittoria finale ma noi per loro magari saremo una rottura di scatole cui avrebbero fatto a meno.

Ora tutti con la testa a sabato sera contro una “classica” per noi; vietato perdersela, vietato mugugnare, assolutamente obbligatorio viverla con una sana dose di arroganza e buon spirito. Forza Novara, sempre, ovunque e comunque!

Claudio Vannucci

 

foto in testata presa da Novaracalcio.com

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: