Fa caldo Editoriale

Bollino rosso, bollino nero, traffico in tilt, caldo torrido. Il solito reportage estivo che ci dice che c’è coda quando sono in autostrada fermo sotto il sole e con le riserve d’acqua al lumicino. Provo a trovare ristoro nelle notizie sportive ma di quello che mi interessa il nulla più assoluto.

Faccio una seduta di training autogeno pensando al Novara calcio 1908. Un flashback mi porta a confrontare i tanti precampionati vissuti in ere geologiche (calcisticamente parlando) diverse. Con una frase abusata si può dire che come ogni partita fa storia a se anche ogni campionato fa storia a se con buona pace di monsieur Lapalisse.

Io credo che la chiarezza d’intenti dimostrata dalla società in questo frangente debba essere apprezzata senza per questo rinnegare le critiche passate e future, mosse da persone che amano i nostri colori e si incazzano quando vengono ridotti ai minimi termini non dalle sconfitte ma dalla mancanza di quell’animus pugnandi che spesso è mancato non solo in campo, ma anche a livello dirigenziale.

Squadra per forza di cose in costruzione ma che dalle avvisaglie ha come obiettivo di utilizzare logica e buonsenso con qualche sprazzo di fantasia. Non amo parlare di schemi perché il panorama pallonaro attuale è camaleontico pronto a cambiare minuto dopo minuto nell’arco di una partita. Eclettismo e buon senso il mantra che traspare dalle prime uscite.

Suona un clacson mi devo muovere e nonstante bollini rossi bollini neri e caldo torrido mi rimane una piacevole sensazione: tra poco si ricomincia e sarà un campionato col Novara protagonista.

Siviersson


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: