Rimaniamo in contatto

Campionato

Il rigagnolo di via Patti

Published

on

Tra le tante cose che adoro dello stadio, c’è il piccolo fiumiciattolo di persone che a fine partita si allontana a passo svelto e ben deciso in via Patti, passando davanti al Piazzano e disperdendosi poi verso il bar Novara. Un piccolo fiume composto puntualmente da allenatori, direttori sportivi, tecnici ed ahimè esperti di diritto sportivo.
Adoro sedermi su una delle vecchie panchine verdi e osservare, ascoltare, captando fra italiano e dialetto novarese, i vari punti di vista sulla partita.
Giovedì scorso, dopo la vittoria con l’Arzachena, mi sono messo ad osservare il fu fiume, ormai rigagnolo, composto per lo più da pensionati, fancazzisti e veri cuori azzurri, a casa in ferie.
E nonostante le dimensioni si siano ormai ridotte rispetto alle grandi piene di qualche anno fa, non ho potuto far a meno di notare un’enorme amore nella maggior parte dei presenti. Sarò un inguaribile romantico, ma giudico l’amore vero solo se incondizionato. E cosa è più incondizionato dell’amore per la propria squadra, di giovedì, in pieno pomeriggio, con il Novara ottavo in lega Pro contro l’Arzachena?

Tempo fa mi domandavo come portare giovani allo stadio. Il vento è cambiato e ora non lo reputo più una nostra priorità. Quantomeno, in termini assoluti lo rimane. Ma giudicando il breve tempo, l’unico obiettivo che da tifoso mi impongo è quello di non disperdere il rigagnolo di far sì che resti a lungo un fiume azzurro, colmo di passione. E pazienza se oggi tutti i “tifosi” sono arrabbiati per avere perso con il Monza in coppa Italia di lega Pro. Chi ama veramente ci crede. Non è il momento di mollare né il momento di farsi da parte. È piuttosto il momento di essere tifosi fino in fondo, senza pretendere nulla.

Forza Novara, domenica tutti allo stadio a sostenere i ragazzi!!

Lupo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

Per la statistica

Published

on

Il nuovo monDo, con 180 squadre divise in nove gironi è un contenitore di numeri che suscita interesse per chi come me è amante delle statistiche. Prevale comunque il desiderio primario di abbandonare il prima possibile la categoria con i suoi numeri e le sue 180 squadre , giusto per essere chiari.

I confronti sono aggiornati alla quattordicesima giornata perché dalla successiva con i rinvii causa neve i numeri non sono più paragonabili.

Il primo dato ad onore e gloria del FC Novara è il confronto con le società che come noi hanno subito l’onta dell’esclusione dai campionati professionisti:

Casertana (iscritta in serie D con la vecchia compagnie societaria) quarta in classifica nel girone H

Sambenedettese (iscritta in serie D con la vecchia compagnie societaria) addirittura quindicesima nel girone F

Athletic Carpi 2021 (nuova società come il Novara) sesta nel girone D

Il FC Novara è l’unica società tra quelle escluse la scorsa estate dalla partecipazione ai campionati professionisti, a guidare il proprio campionato. Non è un merito da poco, sono convinto che se per caso fossimo ancora il Novara Calcio 1908 a guida Pavanati-De Salvo, la nostra situazione sarebbe simile a quella della Sambenedettese.

I numeri del FC Novara alla quattordicesima giornata dicono: 29 punti, 33 gol fatti, 14 gol subiti.

Se confrontiamo questi numeri con quelli degli altri gironi notiamo che ben sei squadre in testa alla classifica hanno fatto meglio del Novara (Arzignano 31pt, Rimini 35pt, Trastevere 30pt, Giugliano 31pt, Cerignola 30pt, Gelbison 33pt). Altre due (Arconatese e San Donato) hanno fatto gli stessi punti del Novara, nessuna squadra in testa alla classifica ha fatto meno punti di noi.

Non conosco la consistenza tecnica delle squadre degli altri giorni, quelli esposti sono solo numeri che ognuno può interpretare come meglio o peggio vuole. Sicuramente al Novara mancano i punti lasciati per strada in trasferta.

L’attacco del Novara è eccezionale (33 gol) ed è il migliore del suo girone. Solo Arzignano (35 gol) e San Donato (38 gol) hanno fatto meglio nei campionati di serie D

I gol subiti sono invece oggettivamente troppi per chi come il Novara occupa il primo posto in classifica: le stesse squadre che hanno segnato più gol del Novara (Arzignano e San Donato) sono le uniche ad aver subito più gol del Novara nelle prime quattordici giornate. Eccezionale la difesa del Giuliano che ha subito solo tre gol ma anche nel nostro stesso girone tre squadre hanno fatto meglio degli azzurri subendo meno gol.

Nel nostro girone siamo nettamente primi come differenza reti che a mio parere è il dato che indica la vera forza di una squadra.

In generale i numeri dicono che il FC Novara è tra le migliori squadre di tutta la serie D, che deve migliorare nella classifica dei gol subiti ma con questi numeri il primato è assicurato. Per rimanere con i piedi per terra, ricordo però che la differenza tra Novara e Varese (quarta in classifica) è tutta nello scontro diretto, senza quei tre punti, tra noi ed i varesotti ci sarebbe solo un punto di distacco.

Depa

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Lavagnese

Published

on

Al 7’ il primo episodio dubbio, la Lavagnese reclama un rigore per un intervento in area. La mia impressione è che l’attaccante ligure si lasci cadere. Il rischio comunque è stato grande.

Al 10’ miracolo di Paglino che salva la porta azzurra. La palla non oltrepassa la linea di porta.

Al 50’ anche il Novara reclama timidamente un rigore. L’intervento su Bergamelli è duro ma non ci sono gli estremi per un rigore

Al 64’ un lancio lungo sorprende Paglino che come contro il PDHA interviene in maniera fallosa anche se l’intervento è meno evidente di quello di domenica scorsa, provocando il rigore fortunatamente neutralizzato da Desjardins

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di PDHA-Novara

Published

on

Al 31’ il primo episodio: l’intervento di Paglino è scomposto e falloso, rigore netto. Qualche piccolo dubbio sulla posizione di partenza dell’attaccante aostano ma le immagini non consentono un verdetto conclusivo.

Il secondo episodio sul risultato di 2 a 0 per il PDHA è l’espulsione di Bonaccorsi. Dalle immagini sembra che l’arbitro punisca la reazione del difensore azzurro verso un giocatore aostano, piuttosto che eventuali frasi fuori luogo di Bonaccorsi come invece risulta anche dal comunicato ufficiale. In ogni caso l’espulsione è esagerata anche se Bonaccorsi non ha giustificazioni.

Nel secondo tempo, il PDHA reclama un rigore: Di Masi è in ritardo e spinge palesemente l’avversario. L’intervento poteva essere sanzionato con un rigore.

Ultimo episodio al 90’: Vuthay cade in area e l’arbitro lo ammonisce per simulazione. A velocità normale può esserci qualche dubbio ma il rallentatore evidenzia la simulazione anche un po’ goffa, dell’attaccante azzurro.

 

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: