Ombre e nebbia Analisi Tecnica

Per quindici minuti il Novara è riuscito a risvegliare il suo pubblico dal torpore, generato più dalla rassegnazione che dal freddo, mettendo in campo cuore, coraggio e abnegazione nel tentativo, parzialmente riuscito nella realtà … riuscito invece nell’immaginario di noi tutti (ormai abituati ad accontentarci di poco), di ribaltare un risultato che ci stava vedendo meritatamente sconfitti.

Ma quindici minuti non bastano … per settantacinque minuti, al di là delle formazioni ( ne abbiamo viste tre durante la partita ) improvvisate dall’emergenza, abbiamo visto la solita squadra: generosa ma confusionaria; impacciata nel controllo di palla; lenta nell’impostazione; con discrete individualità messe a caso in mezzo al campo nella speranza che inventassero qualcosa.

Settantacinque minuti nel corso dei quali siamo vissuti sulle accelerazioni, spesso infrante contro la difesa pisana, di Manconi; sulle sgroppate, alla fine estenuanti, di Mallamo; sulla crescente consapevolezza dei propri mezzi di Nardi; sulla incapacità da parte di Bianchi di capire quale fosse il suo ruolo in campo e, soprattutto, sulle sette – dicansi sette – palle perse da Ronaldo a centrocampo con conseguenti ripartenze della squadra ospite.

Questo il succo, su attacco e difesa ci arriviamo tra poco, di una partita interpretata male e, per una volta, finita meglio di quanto ormai tutti ci saremmo aspettati.

Novanta minuti nel corso dei quali abbiamo visto un riassunto dei vizi e delle virtù che ci hanno accompagnato per tutto il campionato sino ad oggi:

  • una punta pronta a sbattere in rete le palle giocabili che gli arrivano 
  • un interno basso di centrocampo ( adesso si chiama play … una volta centromediano metodista) rimasto per velocità, intuizione e brillantezza fermo agli anni 70 
  • una difesa , al di là degli improvvisati interpreti , disposta ad minchiam ( vedi le due foto sotto ) nonostante la densità ( parola cara al nostro Mister ) fatta in area 

Ci consola il fatto ( avendo visto tutte le partite giocate fino ad ora ) che le altre fanno cagare quanto noi per cui, da oggi, si chiude una porta nella speranza che a gennaio si aprano dei portoni e non delle botole.

Ciumi 


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: