Dieci ragazzi per me … Analisi Tecnica

È uno schieramento sbagliato quello schierato per circa 60 minuti oggi al Piola, l’ennesimo tentativo di  sparigliare le carte dove cuore, intraprendenza e coraggio hanno supplito ad una evidente carenza tattica.

Non significa che non si sia visto un buon Novara ma, al di là della vittoria (importante per il morale ed il rinsaldamento del rapporto con il popolo dei tifosi), la copertura del campo vista per un tempo e moneta ci ha lasciato diverse perplessità. Spesso una vittoria diventa la panacea di tutti i mali ma dobbiamo essere coscienti che quella di oggi è solo frutto dell’abnegazione dei dieci in campo (poi spieghiamo dopo, non è un refuso) … e di un po’ di culo.

Dieci perché il giocatore più importante del nostro organico ( Cacia ) in campo non ci è mai entrato, prigioniero dei malanni che lo attanagliano ( evidente il disappunto raccolto dal suo labiale all’uscita del campo ) e innervosito dal fatto di aver realizzato che certi acciacchi, ad una certa età, sono difficili da smaltire.

Archiviato l’argomento Cacia, argomento che rimandiamo ormai a gennaio ( dobbiamo lasciargli il tempo di recuperare sia  per non sporcarne il ricordo che per sfruttarne col caldo quelle potenzialità fino ad oggi viste a sprazzi ), ritorniamo – brevemente – sul fatto che schierare un centrocampo ( tra mediana e trequarti ) fatta da nani senza far partire , palla a terra, l’azione dal portiere è semplicemente demenziale e ti mette, costantemente,  nella condizione di dover recuperare la palla senza poterla gestire. Così come è difficile da digerire un modulo ad albero di Natale ( che si deve fare rigorosamente dopo sant’ambrogio) che diventa sterile sia per la statura dei due trequartisti che per la mancanza assoluta di due esterni bassi che siano in grado di interpretare la fascia con qualità.

Completamente diversa l’ultima mezz’ora quando, pur con un Cattaneo sacrificato a punta, il centrocampo a quattro ( e l’ingresso di Bianchi a sostituire uno sfiancato Fonseca ) ha dimostrato la stessa qualità e quantità vista a Chiavari domenica scorsa.

Continuiamo ad essere convinti, a maggior ragione dopo aver visto per la prima volta anche Nardi, che abbiamo un organico fatto da un quartetto di centrocampo importante con valide alternative in corso d‘opera… siamo altrettanto convinti che, pur dovendo supplire al suo disordine tattico,  Cattaneo possa diventare una valida alternativa ai quattro … siamo convinti insomma che tutti sti cambi di modulo da parte di Viali ci hanno un po’ rotto il cazzo e che, forse, sarebbe ora di cominciare ad abbandonare il sogno del trequartista perseguendo una impostazione più quadrata, forse meno ispirata, ma più solida e proiettata ( perché è di quelli  abbiamo bisogno ) a fare punti importanti, punti brutti sporchi e cattivi.

Si vedrà …. ad majora

Ciumi 


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: