Rimaniamo in contatto

Storia e memoria

20 ottobre 1912 – LA PRIMA VOLTA

Published

on

Diciamo la verità ed al tempo stesso una banalità: questo campionato non ci sta regalando sfide da ricordare.

Non solo non ci ricorderemo le partite fin qui disputate ma non posso neanche accendere i ricordi della nostra storia: Albissola, Arzachena, Gozzano… cosa racconto? Entella? Già fatto l’anno scorso, no grazie.

E allora torniamo indietro che più indietro non si può, più lontano possibile da questo periodo.

Per la prima volta, nell’ottobre del 1912, il Novara Calcio compare nelle cronache de La Stampa: un trafiletto di poche righe con una prosa d’altri tempi e con parole ormai perdute.

Il Novara disputa il suo primo campionato ufficiale e per accedere al girone finale, deve giocare una partita preliminare a Torino contro la squadra locale del FBC Vigor Torino.

 “La Federazione Italiana del giuoco del calcio aveva deciso che le squadre aspiranti alla promozione di categoria per concorrere al massimo Campionato Italiano, dovessero eliminarsi fra loro in una serie di metches; le squadre vincitrici avrebbero poi acquisito il diritto di allinearsi a fianco delle sorelle maggiori nei singoli giorni regionali degli imminenti Campionati.”

Il cronista non è per niente tenero con gli azzurri, seppur largamente vittoriosi per 4-0 contro la Vigor. La sua analisi tecnica è degna del peggior Ciumi dopo una delle peggiori sconfitte della nostra squadra.

“La partita fra il F.C. Novara ed il F.C. Vigor fu molto disordinata e si svolse fra un gridare continuo ed una riprovevole indisciplina che costrinse l’arbitro ad interrompere spesso il giuoco, non lesinando nelle punizioni.

La squadra novarese, forse perché mancante del Pensotti, non ci parve all’altezza della fama che le fu fatta di recente. Annovera dei buoni elementi, specie tra gli avanti: dimostra di conoscere le astuzie e di essere rotta alle fatiche del giuoco, ma non è poi la rivelazione che molti vollero decantare, con quell’eccessiva compiacenza che pare essere divenuta di moda per le squadre di provincia.

Quel che certo, è che ieri giuocò piuttosto male, ma avendo trovato nell’avversaria Vigor una squadra che giuocava ancor peggio potè ottenere una vittoria per 4 goals a zero, ed aggiungere così un nuovo alloro a quelli ottenuti in questo inizio di stagione.”

Nonostante il rendiconto del cronista de La Stampa, unica fonte di informazione in un mondo senza televisione e senza pubblico al seguito della squadra, bastò la notizia della vittoria e della qualificazione per i gironi finale per entusiasmare l’intera città che accolse i suoi beniamini di ritorno dalla trasferta come trionfatori.

E così mentre cominciavano a soffiare impetuosi i primi venti di guerra che portarono poco dopo al primo conflitto mondiale, nei bar novaresi non si parlava d’altro del “Minga” e di quei ragazzi d’azzurro vestiti che dovevano affrontare nei giorni seguenti “squadroni” come la Pro Vercelli, il Torino, il Casale e la Juventus.

L’esordio avvenne nella storica giornata del 3 novembre 1912: inaugurazione ufficiale del campo di Via Lombroso e prima partita ufficiale in un campionato nazionale del Novara Calcio. L’avversario il Torino allenato da Vittorio Pozzo, destinato a diventare bi campione del mondo qualche anno più tardi.

Questa volta il cronista de La Stampa, è generoso verso la squadra azzurra e narra di personaggi novaresi di un secolo fa che nei cognomi ci appartengono ancora.

“Oggi, alle ore 15, davanti ad un pubblico numeroso, coll’intervento delle autorità, cittadine, il “Novara F. B. C.” inaugurò il proprio campo di giuoco. Alla cerimonia inaugurale fece da madrina la gentile signora Camilla Beldi-Griffini, moglie al presidente, del Novara F. B. C., ing. Guido Beldì, e da padrino il marchese Luigi Tornielli di Borgolavezzaro. Dopo brevi parole dell’ing. Beldì a cui fecero seguito l’Ing. Moro quale rappresentante della Federazione, e l’avv. Castoldi quale presidente del Torino F. B. C. venne dalla madrina rotta la tradizionale bottiglia di spumante italiano. Alla signora Beldì, dalle squadre dei giuocatori vennero offerti due bellissimi mazzi di fiori. Subito dopo l’arbitro Ferrari”, della Pro Vercelli, dà il segnale dell’inizio della partita. Nel primo tempo il giuoco si svolge vivace sotto ambedue le porte.

All’attacco del Torino, il Novara efficacemente rispondendo riesce sempre ad opporre, una ammirevole difesa, tanto che trascorrono 45 minuti senza che alcuna delle squadre riesca a segnare alcun goal a proprio favore. Nei secondo tempo il giuoco aumenta sempre più di vivacità; al 30’ minuto, per opera di Bologna, il Novara riesce a segnare il primo goal. La Torino si rianima maggiormente, incalza nel giuoco, ed approfittando di una improvvisa sortita del portiere avversario a sua volta segna essa pure un goal, a cui ne aggiunge poco dopo un secondo. La partita si chiude così con 2 ad 1. Per ambedue le squadre di giuoco fu spigliato e corretto: quello del Novara persino forse più brillante. E’ certo però che di fronte alla superiorità del Torino, il Novara seppe tener testa molto bene.

 Componevano la squadra del Torino i signori Morandi, Morelli, Capra, Demarchi, Ruffa, Rubly, Bachmann, Mosso III, Mosso I, Debernardi e Zuffi.

La Novara era composta del giuocatori sig. Terzi. Baldi. Stoppa. Omodei’. Bianchi. Cantoni, Quaglia, Restano, Tomaselli, Meneghetti e Bologna.”

Da notare come i tabellini dei libri che ripercorrono la storia del Novara Calcio ( “un Amore lungo 90 anni” e ed il “Romanzo del Novara Calcio”) riportano Meneghetti come primo realizzatore della storia del Novara Calcio mentre la cronaca quotidiana dell’epoca indica Bologna come realizzatore.

E fu così che 106 anni fa, sul campo di Via Lombroso, la storia cominciò.

 

 

Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Storia e memoria

La giornata del quadrilatero

Published

on

Una storia affascinante che parte da una contrapposizione geometrica. Il triangolo dei grandi agglomerati con le squadre di: Milano, Torino e Genova contrastato dal quadrilatero di una provincia tutt’altro che subalterna costituita da: Alessandria, Casale, Novara e Pro Vercelli. Una giornata dedicata al Quadrilatero non è un’operazione meramente nostalgica ma ribadisce la possibilità di poter emergere anche se non si posseggono risorse auree. Città e territori che si sono costruite una propria identità nonostante l’ingombrante triangolo delle città industriali. Grigio, Nero, Azzurro e Bianco colori scritti con la maiuscola perché crogiuolo di passione e vita di un orgoglio ancor oggi mai sopito. I momenti bui e quelli esaltanti percorrono l’esistenza di tutti i clubs con cambi di ragione sociale e proprietà ma il fascino di vedere la maglia che ti rappresenta e rappresenta la tua comunità non ha eguali . Il Quadrilatero è un territorio orgoglioso ed attuale che sa rinascere e ricostruirsi sempre anche se in Piemonte non abbiamo gli sceicchi. Il nostro augurio e auspicio è che nei prossimi anni, quando si celebrerà nuovamente l’evento, la città di Novara e la sua Amministrazione Comunale daranno maggiore importanza e risalto a questa giornata.


Siviersson

Continua a leggere

Storia e memoria

Restiamo solo Noi

Published

on

By

“viaggiatore non c’è sentiero, il sentiero si fa mentre cammini ” (Antonio Machado)

A partire da oggi ogni passo che compiremo, sarà il frutto del destino che ci stiamo scegliendo, giorno dopo giorno, attimo dopo attimo. Se non vogliamo che essere trascinati, se desideriamo farci interpreti del nostro destino, non dovremo far altro che avventurarci in terre che non abbiamo mai avuto i coglioni di percorrere, per lasciare la nostra impronta in questo mondo che noi vediamo dipinto d’azzurro e definire il nostro  futuro.

Basta parlare dei Rullo, dei De Salvo e dei Pavanati … dobbiamo essere onesti con noi stessi … ce li siamo meritati.

E basta anche col le pippe del sindaco e delle “famose istituzioni” …  ci hanno sonoramente rotto il cazzo.

Novara, il Novara, siamo Noi e ce lo riprendiamo … ovunque sia.

E basta anche con queste manifestazioni da terza media con le letterine e le bandiere sul balcone che sono di una tristezza infinita e non servono ad una beata minchia.

Il Novara deve ritornare ai novaresi, come una volta … e se “la decisione inopportuna” dovesse il 27 tramutarsi in “deprecabile ma accettabile” dovremo comunque essere pronti e organizzati per incidere, controllare, verificare … a muso duro .. se serve.

Il mio Novara nasce quasi 55 anni fa ed era un Novara povero ma pulito … serie B o serie C ( che si alternavano) non facevano paura perché il Novara era una festa .. a prescindere.

Percorreva i primi passi il Santino che con tanti sacrifici e probabilmente un po’ di culo è riuscito per dieci anni a farlo diventare un fortino regalandoci la memoria della nostra gioventù . Ora i tempi son cambiati, certe cose non sono più realizzabili, e di Santini in giro non ce ne sono più …

Ma ci siamo Noi!
Tra di noi ci sono manager, avvocati, fiscalisti e tributaristi, imprenditori …. forse pochi per sopportare lo sforzo economico necessario per affrontare la gestione di un campionato; ma tanti e bravi per organizzare un comitato di controllo, una “Blu Union” a protezione non dei calciatori o dei dipendenti ma della maglia azzurra.

Mi aspetto che le tre organizzazioni ( Nuares, Fedelissimi e Coordinamento ) quanto prima, indipendentemente dalla lettera che caratterizzerà il nostro prossimo campionato inizino a scegliere una decina di personaggi a cui demandare la vigilanza di ciò che succederà nei corridoi di dove saremo. Un comitato che sorvegli, con competenza e cognizione di causa, su tutto ciò che succede perché, penso concordiate con me, ci siamo sonoramente rotti i coglioni di subire azioni improprie da parte di personaggi che con Novara e il Novara non c’entrano un cazzo.

E anche se, in un prossimo futuro, un nuovo Novara sarà in mano a novaresi questo comitato dovrà continuare a sorvegliare, suggerire, mettere il dito nella piaga e poi porgerlo nel culo di chi potrebbe fare qualcosa di inappropriato.

Torniamo pure a mandarci affanculo sugli spalti o sui social per diverse opinioni sul gioco, o per questo o quel giocatore, ma torniamo tutti ad essere uniti e pronti a rimboccarci le maniche da persone adulte e mature.

Restiamo solo Noi.

ciumi

Continua a leggere

Storia e memoria

Campionato 2010/11 dieci anni dopo (ottava parte semifinale e finale play off)

Published

on

“In serie A indì mia…al va al Vares”. Non tutti a Novara credono nella promozione, nonostante una stagione regolare entusiasmante e le continue prove di un gruppo che non delude mai: una prima parte grandiosa, condotta in testa per tutto il girone di andata ed una seconda parte dove la squadra sembra prender fiato tra infortuni, cali di forma e torti arbitrali ma senza scendere mai sotto il terzo posto:

 

 

E’ inutile raccontare con parole nuove le quattro partite dei play off 2011. Tutti noi abbiamo personalissimi ricordi, immagini, suoni e persino odori che ci rimarranno nel cuore e nella mente per sempre. Serve solo qualche foto, qualche ritaglio di giornale e qualche video per riattivare il ricordo di quei giorni: FORZA VECCHIO CUORE AZZURRO

ANDATA SEMIFINALE PLAY OFF: REGGINA-NOVARA 0-0  2 giugno 2011

Al Granillo di Reggio Calabria il Novara si presenta senza l’infortunato Gemiti e con un manipolo di tifosi che sfidano 20.000 tifosi reggini. Il Novara vuole e ottiene il pareggio e anche se i calabresi sono padroni del campo, l’occasione più clamorosa della partita viene sprecata da Rubino. L’accesso alla finale si deciderà al Silvio Piola.

RITORNO SEMIFINALE PLAY OFF: NOVARA-REGGINA 2-2    5 giugno 2011

E’ la notte di Marco Rigoni, è la notte di un’intera generazione di tifosi azzurri che sotterrano incubi e delusioni e sotto la pioggia urlano finchè hanno fiato nei polmoni spingendo quella incredibile parabola in fondo alla rete: indimenticabile!

ANDATA FINALE PLAY OFF: PADOVA-NOVARA 0-0   9 giugno 2011

“quando conta non perdiamo…” è uno dei cori più in voga nello spogliatoio azzurro e anche all’Euganeo gli azzurri ottengono ciò che vogliono. Coubronne, Gheller e Drasceck in campo nei novanta minuti con fanno sentire le assenze di Ludi, Morganella e Bertani. Come a Reggio Calabria la palla gol più clamorosa viene sprecata dal Novara con Pablo Gonzalez

RITORNO FINALE PLAY OFF: NOVARA-PADOVA 2-0   12 GIUGNO 2011

Non c’è storia, non c’è partita. Il Novara domina il Padova che dopo la lunga rincorsa per raggiungere i play off e l’impresa contro il Varese, crolla e dopo un quarto d’ora si ritrova in 10 per un’espulsione sacrosanta di Cesar. Il Novara è spietato e sulla stessa punizione si porta in vantaggio con una bomba di Pablo Gonzalez. Chiude i conti al 23’ del secondo tempo e si consegna alla storia del Novara Calcio, Marco Rigoni. Siamo in serie A, dopo 55 anni siamo in serie A.

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: