Oye Como Va? Analisi Tecnica

La canzone continua con “mi ritmo” … e anche a noi sarebbe piaciuto vederlo il ritmo… ma ci manca soprattutto il “bueno par gozar” … perché è ormai tanto tempo che non ci divertiamo più.

Lo spunto di questo preludio ci arriva da un Santana non originale che, a dispetto dei suoi 38 anni, ha dimostrato – anche se solo per dieci minuti – di avere nelle gambe e nel cuore molto più ritmo dei 15 da noi schierati ieri.

Ha ragione il Vannu con il suo assist nell’editoriale di oggi. Non perché sia difficile interpretare tecnicamente la partita (Mister Viali, che ha cominciato a romperci il cazzo, ci ha regalato anche ieri spunti di analisi interessanti) ma perché è diventato veramente noioso farlo … una noia mortale.

Non ci dilungheremo quindi sull’analisi di una partita dove abbiamo espresso tutta la pochezza tattica che probabilmente ci meritiamo di esprimere ma comincia ad essere doveroso soffermarci su come è stata costruita questa squadra.

Quando, quasi in contemporanea, furono annunciati il nuovo direttore sportivo ed il nuovo allenatore i dubbi si vanificarono (o almeno sono stati temporaneamente vanificati) dalla stima e dalla fiducia reciproca che Ludi e Viali si espressero. E se tanta fiducia e tanta stima erano, e sono, reali non possiamo che ritenerli conniventi nei criteri con i quali, insieme, hanno deciso di creare l’ossatura con la quale affrontare, ai tempi, un campionato che poteva oscillare tra la seconda e la terza lettera dell’alfabeto.

Nonostante il casino di agosto pensiamo sia chiaro anche ai più ottimisti ed innamorati che la squadra sia stata costruita per la C.  Quindi ci chiediamo: “assunto che abbiamo preso, o mantenuto “obtorto collo”, elementi che per la serie C sono più che dignitosi; assunto che li abbiamo presi tutti a tempo debito; sti due cazzo di allenatore e direttore sportivo avranno ben concordato tra di loro che messi insieme potevano e dovevano essere funzionali .. NO??”

Bene quindi, assunto tutto quanto esposto sopra, e considerato che abbiamo avuto due mesi e oltre per provare schemi, moduli, fasi di impostazione, linee di difesa, diagonali, calci d’angolo, punizioni, e tutto quello che ne viene di conseguenza … ma porca troia perché abbiamo in rosa una sfilza infinita di veri o falsi trequartisti? Perché ci costringono a buttare la croce su Ronaldo senza avere in rosa uno che lo possa sostituire? Perché la questione Sansone (che poi tecnicamente è uno dei pochi buoni che abbiamo) è stata trattata col culo? Perché abbiamo in rosa solo due centrali veri e uno da far crescere? Perché non abbiamo due esterni importanti ma solo due ceppe e mezza di minchia? Perché? Perché? Perché?

Pensiamo che se i dati fossero pubblici ci accorgeremmo di avere una delle rose più costose del girone A; ma se diamo un’occhiata all’assortimento degli elementi non possiamo non accorgerci che siamo limitati nelle scelte di variazione di modulo e, di conseguenza, arroccati su un 4312 con un centrocampo fatto da onesti pedatori del pallone. O, perlomeno, arroccati su un modulo sino a quando, più o meno a quindici minuti dalla fine, lo spirito di Mourinho si impossessa di Viali e comincia a mettere in campo, a cazzo, tutti gli attaccanti, le punte, i trequartisti che si trova in rosa.

La piantiamo qui perché, altrimenti rischiamo di essere pedissequi, e anche perché i coglioni cominciano i a giraci a mille. Che se ne vadano in culo Viali, Ludi e tutti gli altri … siamo passati dal monitoraggio preliminare a una verifica costante e puntuale delle minchiate che potrebbero continuare a fare …. Occhio che nel culo quest’anno prima di prenderlo partono gli sberloni.

Ciumi


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: