Equilibrio e amore, due parole chiave per rinascere Campionato
Dopo la disfatta di Carrara, spiace leggere sui social e sentire in giro così tanti attacchi alla squadra. Nessuno vuole giustificare la pessima prestazione e le scelte del mister, ci mancherebbe, ma sappiamo tutti quanto la serie C sia un campionato di merda, e come singoli episodi possano condizionare le partite. Ancora invece mi sembra prematuro giudicare la squadra, che dopo Piacenza sembrava pronta alla conquista della serie A (giuro di aver sentito con le mie orecchie nel settore ospiti del Garilli “con questa squadra lo scorso anno andavi ai playoff”), mentre ora siamo inevitabilmente condannati ad un’amara retrocessione nei dilettanti. Ripigliamoci cazzo! Siamo tutti d’accordo sul fatto che in alcuni reparti la rosa possa sembrare incompleta, ma dare giudizi ora mi sembra affrettato. I greci parlavano di epochè, sospensione del giudizio, come atteggiamento del saggio.
Personalmente mi pare saggio non essere estremisti in questo momento, ma concentrarci sul nostro compito di tifosi, ovvero tifare, sostenere la squadra e spronarla a dare il massimo. Mettiamo da parte rabbie, incazzature, e lasciamo che sia il tempo a dirci da che parte stare. La società Novara Calcio ha già dimostrato in passato ed in più occasioni di capirci poco o nulla, e anche su questo siamo tutti d’accordo, ma se vogliamo veramente dare una mano alla squadra criticare a vuoto non porta da nessuna parte. Parliamo di amore verso la maglia, quale occasione migliore di questa sera per dimostrare di amarla? Al Piola non arriva un’ Arzachena qualunque, ma la Pro Patria, una nostra rivale storica, tantè che il primo coro che ricordo aver imparato allo stadio inneggia proprio all’odio verso Busto appunto, e Pavia. Quale occasione migliore per ricompattarsi e divertirsi, andando allo stadio per il gusto di tifare e di sostenere la nostra maglia? Abbiamo una città stracolma di (finti) tifosi di altre squadre da riconquistare, e questa stagione può essere determinante per un rilancio o, viceversa, per l’apatia più totale.
Quindi tutti allo stadio a cantare “Busto Busto vaffanculo”, con la voce e con il cuore e sono sicuro che fra un mese staremo parlando di un’altra classifica!
Forza Novara sempre!

Lupo
P.S. sembra inutile ripeterlo, ma stasera si gioca un derby. Abbiamo una curva enorme, compattiamoci il più possibile in mezzo, si canta e ci si diverte!

 


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: