Rimaniamo in contatto

Campionato

Quando nemmeno lo speaker ti da una mano.

Published

on

Intanto entro in uno stadio che mi suggerisce immediatamente di aver sbagliato occhiali: il binocolo, avrei dovuto portare!

Succede sempre in quegli stadi dove una pista di atletica, sporca e fatiscente, allontana l’evento dalla realtà percepibile anche solo con il banale ausilio degli occhiali di uso quotidiano.

Che poi alla seconda di campionato sia del tutto normale non riuscire ad individuare con precisione i giocatori azzurri, credo si possa accettare e comprendere.

Tutti, tranne il Ciumi, che stanco delle mie continue richieste di identificazione, ha sibilato che i giocatori si devono riconoscere soprattutto dai movimenti che compiono in campo.

 A tal riguardo, seguendo il suo consiglio, sono riuscito a capire chi fosse Di Gregorio, non tanto per i movimenti da lui compiuti, ma per la maglia di colore diverso indossata, e il Pompeu Da Silva Ronaldo per la lentezza atavica e bradipesca dei suoi movimenti.

Ci fosse stato in funzione un tabellone luminoso, almeno lontanamente simile a quello del Piola novarese, e uno speaker che recitasse la giaculatoria delle formazioni scese in campo,  magari sarei riuscito anche a localizzare Sciaudone che, mi hanno confermato quelli con la vista buona, essere risultato tra i migliori in campo.

Per Cacia non ci sono stati problemi, essendo quello che sui cross saltava almeno mezzo metro più in alto rispetto a tutti gli altri.

Un’ altra cosa che mi sono chiesto riguardava il motivo per cui sui tabelloni pubblicitari elettronici comparisse il nome del Presidente della Repubblica Francese, Macron.

Che già mi stava stava sulle balle prima per via dei continui double face riguardo al tema dei migranti, e che per giustificare la chiusura dei suoi porti, si è spinto sin dentro la più odiosa antipatia possibile, accusando noi italiani di violare le regole internazionali per vendicarci del mondiale vinto dai francesi … poi qualcuno mi ha informato che “macron” null’altro era se non lo sponsor tecnico del Piacenza, che, in fondo in fondo, fa pure cagare come il resto dello stadio.

Sono a conoscenza, altresi, della non obbligatorietà, in lega pro, di dotarsi dei due contaminuti di solito sistemati dietro le porte; non c’è problema, a Piacenza non c’è proprio un cazzo, persino le reti delle porte, che sono ancora quelle dentro cui il Darione Hubner fiondava i suoi gol, hanno avuto bisogno di un rammendo volante ordinato da uno scrupoloso segnalinee.

Che dire poi delle sostituzioni, che non si capiva chi mai fosse entrato e al posto di chi, essendo lo speaker disattivato, o se presente, muto peggio di un film del 1920? 

Ecco, mi sono reso conto del cambio Schiavi per Cattaneo quando i giocatori azzurri si sono avvicinati alla curva per ricevere il giusto tributo. Che colpa ho io se i due centrocampisti sono alti … anzi bassi uguale?

Però non mi è sfuggita la sostituzione di Cacia, essendoci arrivato per deduzione logica: quando uno stadio tutto, tifosi ospiti e locali, riserva una standing ovation a un giocatore che sta per essere sostituito, i casi sono due: o ha subito un brutto infortunio, o è un campione che probabilmente ha lasciato buoni ricordi; ecco, avendo notato la totale assenza di barellieri in campo, va da sè che di un grande giocatore si potesse trattare, quindi non poteva che essere Cacia, che il Signore ce lo conservi!!

Nonnopipo          

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: