Rimaniamo in contatto

Editoriale

La sala d’aspetto.

Published

on

Sarà che, vuoi per il periodo estivo e vuoi perché a tutti prima o poi capita di avercene a che fare, ultimamente frequento più ospedali e medici che stadi, e quindi ho acquisito una certa familiarità, quasi simpatia, per le sale d’aspetto che precedono gli studi medici.  Sono tutte uguali e, contemporaneamente, tutte diverse tra loro; ognuna ha le sue sedie vintage e divanetti ormai sfondati, quadri improbabili appesi ai muri ormai sporchi e riviste consumate da chi, nervosamente, ha sfogliato quelle pagine solo per far passare prima il tempo che separava dalla visita. In ognuno di queste ci trovi sempre tanta gente, tutte con una storia diversa, un destino diverso, un’emozione differente ma con un unico comun denominatore: una fottuta voglia di andarsene a casa il prima possibile. Proprio ieri mi trovavo nella sala di aspetto di un ospedale, fortunatamente solo come accompagnatore ma poco cambia, perché se sei lì vuol dire che in qualche modo la sfiga ha colpito anche te quindi sei in ballo e ti tocca ballare esattamente come chi si deve curare, e invece di sfogliare l’ennesima rivista abbandonata al suo destino, leggevo nervosamente sul mio smartphone che mercoledì prossimo alle ore 14 ci sarà finalmente l’udienza relativa al ricorso fatto da un nutrito plotone di truppe nemiche contro di noi e, probabilmente già in serata, avremo le idee molto più chiare relative al nostro futuro. Mi sono guardato intorno in quel momento, ed idealmente ho immaginato quella sala d’attesa come un ritrovo di tifosi del Novara e delle altre squadre interessate al ripescaggio, tutti lì in silenzio, ognuno con la sua storia, col suo destino, con le sue emozioni in attesa di sapere qualcosa del proprio futuro. Perché alla fine, e mi ricollego un attimo allo scorso editoriale, accetto anche che questa vicenda possa non aver appassionato tutti i tifosi, e magari a qualcuno nemmeno possa averlo interessato minimamente, ma comunque la si pensi il futuro di tutti noi è legato ad una decisione che qualche altro dovrà prendere e che ci comunicherà poi uscendo da quella porta chiusa proprio davanti ad una sala d’aspetto.

Oggi è domenica 29 Luglio, e il fatto che siamo contemporaneamente iscritti al campionato di serie B e di serie C ne è la riprova che qualcosa di particolarmente bizzarro ci stia accadendo. Sono circondato da personaggi che, a suon di dichiarazioni bellicose, si sentono nel diritto di minacciare blocchi ai campionati, di ricorrere ai più disparati ed improbabili gradi di giudizio, di fare vergognosamente pressione mediatica utilizzando qualsiasi mezzo a disposizione e, in mezzo a questo ci siamo noi, che ad oggi la stiamo spuntando, ma che veniamo fatti passare da tutta Italia come la causa del più grande scandalo giudiziario nel nostro Paese. Era dai tempi del goal dello 0-1 segnato da Caracciolo davanti a 60.000 giallorossi che non mi sentivo così accerchiato, ed ovviamente quella situazione di vantaggio durò molto poco. Ma questo non vuol dire che finisca ancora nello stesso modo.

Il fatto è che, sempre oggi domenica 29 Luglio, si registra forse la situazione di stallo più imbarazzante e pericolosa della nostra storia. Abbiamo a Novarello una squadra che, onestamente a ritmi lodevoli e serietà encomiabile, si sta preparando per un campionato che non sa ancora quale sia, con una squadra che appare inadeguata per vincere un campionato di C e totalmente da rifare (o quasi) per uno di B. Un direttore sportivo che, allo stato attuale, può trattare solo quel piccolo numero di giocatori che possano andar bene per entrambe le categorie ma senza potersi ancora esporre con contratti da categoria superiore, e una Società che, forse scottata dai precedenti, in questo momento si è chiusa a riccio e non alimenta quel perverso gioco di dichiarazioni colme di certezze assolute come fanno tutti gli altri.

Ritorno quindi al paragone con la sala d’aspetto dell’ospedale per dire che è evidente, a prescindere dal personale grado di partecipazione, che ognuno di noi si è visto costretto a dover affrontare questa situazione che finalmente sta andando verso una conclusione e credo che un po’ più di ottimismo e positività da parte di tutti in vista dell’epilogo non guasterebbe. Non ho nessun pensiero diverso da quelli esposti negli ultimi editoriali se non quello di non vedere l’ora che questa storia finisca per poterci finalmente calare nella realtà di competenza. Ma sia chiaro a tutti che il nostro obiettivo non può essere diverso dal mangiarci quella famosa ultima fetta di torta che è ancora lì, che ci aspetta con tutta la sua magnificenza e bontà. Noi siamo il Novara Calcio, e la storia dice che siamo destinati sempre e comunque a prenderlo nel culo. Ma anche se questa condizione pare essere un vanto e particolarmente nobile in questa nuova fase storica, c’è comunque chi non si rassegna. Sono convinto che non esistono poteri forti contro di noi e nemmeno disegni avversi studiati a tavolino, altrimenti non saremmo mai finiti in A o, quattro anni fa, non ci avrebbero tolto quei punti di penalizzazione dati ingiustamente. Ci sono battaglie e guerre da vincere, e purtroppo il Novara spesso ha vinto solo battaglie ma perso guerre. Questa guerra invece la vinceremo, perché è giusto così e perché alla fine ci meritiamo tutti di festeggiare con quell’ultima fetta di torta che fotteremo al resto del mondo. E se così non sarà non importa, ci abbiamo provato, nel miglior modo possibile. Ci riprenderemo sul campo ciò che lo stesso ci ha tolto.

Claudio Vannucci

 

foto in testata presa dal blog giramenti

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

Cosa sta succedendo nel Novara FC e cosa succederà.

Published

on

By

Archiviati con Jacopo i ragionamenti tecnici, ed iniziata la settimana finalmente con un po’ più di entusiasmo e speranza per il futuro, vorrei oggi parlare di due aspetti fondamentali sui quali si giocherà nelle prossime settimane il futuro del Novara FC: questione mercato di gennaio, (o meglio reale situazione del threesome Ferranti, Di Battista e Gattuso) e situazione societaria. Procediamo con ordine. C’è un qualcosa che non quadra nel rapporto tra i 3, nel senso che Jack Gattuso continua ripetutamente a chiedere 3-4 acquisti parecchio “pesanti”, in grado quindi potenzialmente di spostare gli equilibri. E fin qua tutto legittimo e in un certo senso pure auspicabile, se non fosse per il fatto che, al momento del suo ingaggio, Di Battista è stato estremamente chiaro circa l’impossibilità di agire sul mercato in maniera impattante. Quello che mi pare strano è il perché una persona coscienziosa come Jack chieda ripetutamente un qualcosa che gli è stato chiaramente detto non sarebbe avvenuto. Le due risposte che mi sono dato sono che, dopo quasi due mesi, si sia accorto di avere una squadra molto più debole del previsto e quindi implori interventi; la seconda, e sarebbe più grave, che qualche altro (leggasi Ferranti) gli abbia invece promesso concreti rinforzi. E purtroppo quoto maggiormente questa seconda ipotesi perché, largo circa, l’arrivo di Jack coincide proprio con una delle poche interviste rilasciate nella quale il Pres parlò effettivamente di mercato. Il tema, però, è sempre lo stesso: per fare mercato servono parecchi soldi che Ferranti stesso non vuole più spendere. Ecco perché non vorrei che la nuova storia di Gattuso fosse nata sotto un’antipatica presa per il culo. Aggiungo: a quanto so, l’idea di Ferranti è sempre la stessa: alleggerire in maniera importante gli ingaggi e quindi procedere prima alla vendita di Bertoncini e Calcagni (i due insieme cubano intorno a 175.000 euro complessivi annui di stipendio), e poi fare mercato ovviamente coerente coi nuovi parametri. Ma sappiamo perfettamente tutti che ai due, prima di una valutazione tecnica sulla quale ci sarebbe comunque da dire, qualsiasi acquirente anteporrebbe una valutazione finanziaria. Ergo sono invendibili. Sul mercato di gennaio, poi, ci si trascina sempre quella errata convinzione che, iniziando il 2 gennaio, i nuovi acquisti per quella data possano essere tutti pronti, abili ed arruolabili. Se a Di Battista verrà imposto prima di cedere e solo dopo di acquistare, ragionevolmente, posto si riuscirà a fare qualcosa, significa che il Novara registrerà qualche eventuale ingresso solo dopo il 20-25 gennaio. Che vuol dire aver già giocato 4 partite del girone di ritorno (di cui 3 “spareggi” salvezza) con la rosa attuale. Mi fanno quindi tenerezza quei tifosi che parlano di mercato di gennaio facendola come sempre molto facile. Ci metto il carico: in settimana Di Battista è dovuto intervenire sul Presidente implorandolo di pagare almeno una mensilità arretrata a quei 7-8 giocatori più giovani che prendono lo stipendio base, proprio perché, viaggiando quotidianamente e avendo parecchie spese, erano disperati. Spogliamoci un po’ tutti da quella visione elitaria del calciatore privilegiato che guadagna bene perché, se è vero che è sempre meglio giocare a calcio che andare in fonderia, è altresì vero che la maggior parte di questi ragazzi prende davvero poco e l’ultimo stipendio visto è stato a ad Agosto. Va detto che Ferranti ha operato assolutamente in linea con le normative, però un conto è vivere con uno stipendio di Bertoncini e un altro con quello di uno a caso della truppa dei giovani. Peraltro l’ambiente del calcio è spietato, e se si diffondesse il dubbio che Ferranti non paga allora sarebbe un enorme problema per Di Battista fare mercato. Molto più di quanto la classifica attuale già lo penalizza.

Il secondo problema è la solita tiritera della cessione societaria. Proviamo a fare chiarezza, visto che su questa tema sembra sempre prevalere un’ipocrisia di fondo in base alla quale è reato fare sempre nomi e cognomi perché “si rischia di creare un danno al Novara Fc e di far saltare le trattative”, come se l’aver omesso i nomi abbia portato a chissà quali closing. Al Tamimi a parte, sul quale è stato detto e scritto di tutto, a quanto a me noto Ferranti nei mesi scorsi ha proposto il Novara ai fratelli Leonardi (della Igor) incaricandoli di ingaggiare qualche altro imprenditore locale per formare una sorta di cordata novarese che avrebbe potuto acquisire una quota rilevante della Società. La risposta è stata “No grazie”. Ferranti quindi ha incontrato prima una cordata con a capo Nini Corda (quello che poi è entrato nell’Alessandria ed è stato silurato 15 giorni dopo), e un secondo possibile acquirente americano con un progetto triennale di investimenti sul settore giovanile che, nei loro piani, in tre anni avrebbe formato giocatori spendibili per la prima squadra. Non se ne è fatto niente. Poi è toccata alla solita cordata di imprenditori con a capo una nota figura biellese che pare ci abbia davvero provato per mesi. Il problema è che questa cordata sembrerebbe aver raccimolato una cifra addirittura inferiore a quella necessaria per concludere questa stagione e che, non mi è chiaro, siano stati scartati dal Pres o loro si siano ritirati stanchi di non esser ricevuti. Poi si è iniziato a fare sul serio, e a Ferranti si è presentato quel famoso ex dirigente calcistico di cui si è scritto sui giornali. Mi devo adeguare a questo andazzo in base al quale se fai nomi becchi denunce quindi vi dico solo che era del sud e che, tra le altre cose, viene ricordato per una divertente querelle con Mourinho. Ma pare che a Ferranti non sia mai piaciuto. Poi è toccato ad un imprenditore noto per aver avuto una squadra nobile in serie C e che recentemente ha acquisito una nobile decaduta in eccellenza. Non mi è dato sapere e capire i motivi per i quali, dopo aver appena acquistato una squadra in eccellenza, voglia comprarne una in C ma tant’è. In mezzo a questi pare si sia fatto vivo un imprenditore che vive dalle parti di Djokovich oltre ad aver bussato alla nostra porta una serie di altri interessati ma caratterizzati dal fatto di essere oggettivamente improbabili ed irricevibili banditi, fino ad arrivare a Pedretti sul quale, al di là delle smentite di Ferranti (ieri incalzato da più domande pare abbia cambiato 3 versioni in 2 minuti netti) è evidente ci sia sotto qualcosa di concreto. E’ altresì evidente che il Pres stia forzando la mano per una cessione e che, probabilmente entro il 2023, il Novara Fc avrà una nuova proprietà.

Proprio su questo ultimo tema, prepariamoci perché da qui alle prossime settimane saremo bombardati di notizie proprio quando ai giocatori servirebbe invece un po’ più di protezione ed isolamento. Non è facile perché se davvero arrivasse una nuova proprietà, allora è credibile pensare che parecchi di questa rosa farebbero le valige, ma se invece rimanesse Ferranti allora sarebbe la normalità per questi ragazzi vedere i soldi all’ultimo giorno possibile, posto li vedranno tutti realmente. Questo per dire che noi tifosi, io in primis, spesso tendiamo ad essere iper critici e bollare i giocatori di turno considerandoli scarsi. Che in parecchi casi della nostra rosa probabilmente è anche vero, ma rimane il fatto che riuscire a stare in carreggiata su questa auto senza freni e con le gomme bucate è davvero un’impresa.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Spegnete il motore.

Published

on

By

Se è vero che dai fallimenti si possono trarre grossi insegnamenti, mi auguro che la massa dopo ieri si sia finalmente convinta di quanto fosse concettualmente e concretamente sbagliata e pericolosa quella perversa convinzione, perennemente reiterata in ogni anno di merda, in base alla quale, visti i risultati in rapporto agli stipendi pagati, sarebbe stato meglio perseguire la strategia di riempirsi solo di volenterosi giocatori, auspicabilmente giovani e provenienti dalle categoria inferiori, perché considerati perfettamente in grado di ottenere gli stessi identici risultati dei colleghi del momento, o magari addirittura superiori. Idea sbagliata, e questa stagione ce lo sta dimostrando. Dal punto di vista sportivo è purtroppo meglio avere una squadra piena di pessimi elementi alla Ciancio, Rocca o Benalouane perché a fine campionato stai certo che non retrocedi. E per chi la butta sull’empatia o sulla simpatia per una squadra che da l’anima, suda la maglia ma perde sempre, dico di ripensare all’affetto che loro stessi provavano per i nostri dopo le sconfitte di un mese fa, e di guardarsi adesso: si sta scivolando dalla curva che canta “siamo sempre con voi non vi lasceremo mai”, per virare prima su “noi vogliamo gente che lotta” a ieri sera con “tirate fuori i coglioni”. Vi do uno spoiler: il prossimo sarà “ci avete rotto il cazzo”. E ben inteso non è una critica alla curva, ci mancherebbe, ma è l’ovvia escalation di una situazione che precipita. Vedrete che quei ragazzini che sudano la maglia a breve usciranno dallo stadio nella totale indifferenza. Ma in fin dei conti sono almeno 15 anni che quando va male sento dire che sarebbe stato meglio avere una squadra scarsa ma che sudava la maglia, o sbaglio?   Aggiungo: mi auguro anche che la si smetta di continuare ogni estate a menarla su quanto non si sia capito niente a livello strategico solo perché non si sono emulati i vari Cittadella, Pro Sesto (dello scorso anno però, visto che in questo è tornata ad essere la solita squadra di merda di sempre) o Virtus Verona. E’ un pensiero pericolosissimo e utopistico, perché la statistica è impietosa: per una volta che ti va bene ce ne sono cento che va male, ma quelle volte che va male rischi la pelle. Da sempre, il 90% delle volte chi spende di più ha più probabilità di vincere, o comunque di non finire male.

Il punto è questo: se Ferranti non ha più risorse da destinare al Novara, se non trova un acquirente in grado di garantire continuità sportiva almeno nel professionismo e se il tessuto sociale, politico ed imprenditoriale della nostra città non è in grado di supportare una squadra di calcio in serie C, è giusto allora adeguarci con una in D o peggio in eccellenza come altre realtà, cito Varese, Treviso e Saronno a titolo di esempio, sono abituate da anni a fare. Continuare in una situazione come questa, con l’attuale proprietà che non sa più cosa inventarsi per levarsi dalle palle, che in aggiunta continua a cercare aiuti e soldi alla chiunque non ha più senso. Non si può continuare a vivere “in leva” con un giocattolo che non ci possiamo più permettere, e con l’aggravante che chi continua a mantenerlo in vita nemmeno lo vuole fare! Togliamoci i panni di innamorati della nostra maglia, e proviamo a ragionare lucidamente: non ha più senso, facciamocene una ragione. Non c’è futuro, e se ragioniamo con la testa del “buon padre di famiglia” capiamo che anche i difensori di ufficio e gli eterni riconoscenti a Ferranti non possono che concordare sul fatto abbia più senso, e sia più dignitoso, girare la chiave e spegnere il motore. Lo dico in lacrime, ma non riesco a trincerarmi dietro l’ipocrisia di essere felice di avere un branco di ragazzi che devono dividersi le spese per l’appartamento e che ci mettono l’anima ma perdono sempre. Mi sembra solo un discorso illogico guidato da una frustrazione di base e incazzatura nei confronti della figura del calciatore che guadagna tanto e non si applica, ma che non porta da nessuna parte se non a macinare rancore. Cosa volete che si trovi da dire ai vari Donadio, Scaringi, Migliardi, Gerardini, Gerbino e compagnia cantante? E’ chiaro che sono da lodare per l’impegno e perché onorano la maglia, il problema sta in chi ci ha imposto questa stagione sportiva in queste condizioni che per primo non ha onorato maglia e storia, e negare il fatto vuol dire solamente fare un torto in primis alla nostra intelligenza.

Ieri tornando a casa ho ascoltato in radio gli amici Danny e Contribunale, e devo dire che non sono molto d’accordo con la loro disamina. La nostra paradossalmente non è una squadra morta, anche ieri prima è andata in vantaggio e poi ha riacciuffato il match prima di capitolare nel finale. Ma la conclusione è la stessa loro, perché se giochi in questo modo contro due squadre fuori dalla nostra portata come Mantova e Atalanta (ad oggi per me la squadra più forte incontrata) e non fai nemmeno un punto, allora quando mai li faremo se nel momento in cui hai incontrato squadracce tipo Pro Sesto, Giana, Pro Patria e Arzignano sei stato pessimo, e hai pareggiato solo quando è andata bene? Ci nascondiamo dietro il fatto che il campionato è lunghissimo, ma come detto da Max Barbero un quarto di campionato è già andato, e se guardi la classifica inizia a formarsi un pericoloso buco. Molti parlano di mercato gennaio, ma con questa media a gennaio sei già retrocesso. Altroché appellarci alla Virtus Verona dello scorso anno o a Ferranti che metta soldi quando è il primo che ce li sta chiedendo attraverso l’idea dell’azionariato popolare. E con quale spirito si può andare a chiedere soldi alla gente quando nessuno di noi può garantire l’impegno futuro della proprietà e, in aggiunta, sta perdendo anche la voglia e la forza di incazzarsi per una sconfitta?

Trovatemi un appiglio per essere ottimista e non ho nessuna remora a seguirvi. Io oggi oggettivamente non lo trovo.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Se son rose fioriranno.

Published

on

By

Bisogna essere chiari: se per azionariato popolare si intende la creazione di una figura giuridica che entrerà con una quota definita nel Novara Fc e che sia in grado di garantire sistematicamente e strutturalmente la vita sportiva allora state tranquilli perché ieri non si è parlato di questo. Va detto subito che è un’iniziativa partita dall’attuale proprietà, e già questo rappresenta un’anomalia di base perché il tutto non può essere gestito dalla proprietà stessa ma dai tifosi, ed infatti Ferranti uscirà subito di scena. Per cui tutti quelli che credono che il tutto nasca per offrire un reale supporto volto per esempio ad acquisto giocatori sono già fuori strada, perché il costo complessivo di questa stagione si avvicina ai 2,5 mln, di cui circa 500 k già saldati ed altri 2 mln da pagare entro giugno. Quindi, sempre per essere chiari, nemmeno i 100k ideali ipotizzati da Ferranti servirebbero concretamente a garantire nulla. Ma se per azionariato popolare intendiamo l’inizio di un qualcosa di positivo, che potrebbe fungere da catalizzatore di interesse e risorse da parte della società civile novarese, e magari in futuro anche a quella imprenditoriale, allora ci siamo. Peraltro, proprio per continuare a non girarci intorno, questo rappresenta l’ultimo disperato tentativo che come piazza e tifosi possiamo fare per non subire passivamente la più che probabile fine del Novara al termine di questa stagione, fatto salvo ovviamente l’arrivo di compratori. Per anni abbiamo parlato, abbiamo preteso, abbiamo fantasticato su azionariati vari, ma in sostanza non abbiamo concretamente fatto nulla. Ieri 19 ottobre, a mio avviso è giusto dire che le fondamenta di qualcosa che potrebbe evitarci in un futuro prossimo la terza categoria o la consegna della nostra maglia a proprietà discutibili, sono state messe.

Troppo presto parlare di dettagli, se non dire che persone di comprovata esperienza professionale, etica e morale quali Enrico Trovati, il Clem Clementoni, Tito De Rosa, Gigi Blasi, ed altri, oltre la supervisione di Coordinamento e Fedelissimi, si sono impegnati a metterci la faccia per provare a costruire le basi di un qualcosa che evolverà in un progetto che verrà presentato alla Piazza idealmente entro il 2023. E’ chiaro che Ferranti in primis dovrà spiegare in maniera chiara che cosa farà dei soldi, che programma ha in futuro, che ruolo effettivo avrà il rappresentante delegato oltre a dargli una poltrona in CDA, che insomma vuol dire tutto e niente. E questo lo deve fare proprio nel rispetto non solo di chi lavorerà per la creazione e la fattibilità del tutto, ma anche di ogni singolo “socio” che verserà la sua quota per partecipare al progetto.

Molto in sintesi ieri è nato questo. Inutile chiedere chi sarà il referente come si chiamerà l’associazione, dove sarà la sede, quanto si dovrà versare. Sono dettagli essenziali che verranno svelati nelle prossime settimane.

Il Vannucci pensiero, che è ovviamente irrilevante, è che le possibilità di successo soprattutto alla lunga sono molto basse. Ma a prescindere dalle mie convinzioni personali non vorrei essere ricordato tra i tanti che hanno parlato, preteso, criticato e detto sempre tanto ma mai fatto nulla o quasi. Mi fido di chi lavorerà in prima linea, mi fido di chi vigilerà (anche perché vorrebbe dire che non mi fido di me stesso e non sarebbe credibile) e credo che a questo punto valga la pena seguire il progetto abbandonando pregiudizi e negatività.

Se son rose fioriranno, sperando che non siano cachi.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: