Rimaniamo in contatto

Pagelle Ignoranti

Pagelle ignoranti del mondiale

Published

on

Si conclude come meglio non si poteva un grande 2018 dal punto di vista sportivo, con la Francia che torna sul tetto del mondo dopo esattamente 20 anni dalla prima volta, come se la retrocessione del nostro Novara o la conseguente esclusione dell’Italia dal mondiale (cosa che tra l’altro arriva quando il sottoscritto ha 20 anni, l’età più bella per godersi il mondiale in compagnia) non bastasse a farci capire che è realmente ATROCE. Come già sottolineato dal nostro capo redattore, noto esponente di filosofia morale ad Oxford, è stato un mondiale pieno di gnagna e tanta tanta ignoranza.

Analizziamo qualche spunto partendo ovviamente dai campioni del mondo, con un Deschamps che malgrado i soldi e il fregio di essere uno dei tre uomini ad avere fatto il double come allenatore e calciatore, rimane umile dimostrando 10 anni in più della sua età aggiungendo un sorriso con sette denti mancanti.

Che dire poi dei vari Giroud, campione del mondo senza aver compiuto una conclusione in 7 partite, o Umtiti, la cui clausola è fissata a 500mln, ma che non ha ancora capito come spazzare un pallone in area di rigore.

Puntando il radar in Sudamerica troviamo poi Argentina e Brasile, il cui grado di ignoranza è stato direttamente proporzionale a quanto abbiano fatto cagare. Per i verdeoro un Neymar direttamente uscito dal Papeete e più in forma di Tania Cagnotto, per la Seleccion una combo Maradona-Sampaoli degna dei migliori film di Jerry Cala’; al primo diamo la scusante della bamba, al secondo invece neanche quella. Fisico da zio Mimmo che vende la verdura sul treruote, outfit da zingaro ripulito e si va a far capire che è facile vincere con Messi, Higuain e Dybala, ma con Pavon ragazzi è tutta un’altra cosa.

Non puo’ rimproverarsi niente in questa classifica il Giappone, capace di prendere tre gol in 25 minuti, di cui uno al 93esimo su calcio d’angolo a favore, essendo la squadra con l’altezza media più bassa contro invece quella più alta, cioè il Belgio. Non a caso gia’ arrivare agli ottavi per meno gialli nei confronti del Senegal è storia.

Un’Africa che anche in questo mondiale ha deluso le attese, tranne la Tunisia, che forse di attese ne aveva troppe, tanto che un suo giocatore è riuscito nell’impresa di mettersi due dita in gola e vomitare in campo.

Un destino che ha punito la Serbia, praticamente eliminata da due gol di Kosovari, ma che invece ha concesso una seconda chance alla Svezia, passata da dover crocifiggere Durmaz per il fallo fatto a dieci secondi dalla fine contro la Germania cosa che solo Parravicini aveva osato fare, a giocarsi la seminifinale con gli Inglesi, molto legati alle tradizioni, tipo quella di non vincere mai un cazzo.

Per concludere bisogna ammettere la nostra sportività nel rispettare quando sono uscite prima la Germania e poi la SpagnAHAHAHAHA. E soprattutto: facendo i complimenti ai galletti, ricordando che potranno vincere altri 50 mondiali, ma che per fortuna quello che contava l’hanno perso.

Francesco Sartorio

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Pagelle Ignoranti

LE PAGELLE IGNORANTI DI MALLOREDDUS NOVARA 3-3

Published

on

By

LANNI: Anche oggi si guadagna la pagnotta in terra sarda, disinnescando diversi tentativi loro. Sul secondo gol rimane impietrito peggio di noi una volta scoperto che siamo fuori dai playoff.
DIFESA: Nel primo tempo reggiamo abbastanza bene, nel secondo siamo più impauriti di quando ti ritrovi fuori casa alle 22 e 02. Pogliano nel primo tempo sembra Cannavaro, ma nel secondo tempo assomiglia sempre di più a Potourodis. Bellich come sempre, per non sbagliare, spazza via tutto ciò che è animato. Corsinelli inizia bene con un cross che termina a Livorno, poi avvita bene il piede e migliora. Colombini fino a quando non sviene in campo non fa male.
CENTROCAMPO: Collodel lascia sul campo del Nespoli un polmone per quanto corre. Buba nel primo tempo sbaglia 10 palloni su 6, ma quando lo azzecca andiamo in rete. Subentra poi Hrkac che è mobile quanto noi al primo calcetto dopo cinque mesi e infine Ivanov, che sarà pure bravo, ma è evidente che, se dopo essere subentrato ed in entrambe le occasioni ci siamo fatti rimontare, un po’ di sfiga la porta.
ATTACCO: Rossetti in versione Dzyuba è on fire. Panico becca il cinquecentesimo palo della sua stagione. Zunno come al solito semina scompiglio, mentre Moreo è contento di essere entrato in campo.
JO CONDOR: Presentarsi in Sardegna a fine aprile con una giacca nera sotto il sole non è una gran mossa tant’è che nel secondo tempo perde un po’ la bussola. Peccato.


FORZA NOVARA SEMPRE!
Francesco Sartorio

Continua a leggere

Pagelle Ignoranti

LE PAGELLE IGNORANTI DI NOVARA – OLANDESINA POCO DI BUONO 3-2

Published

on

By

LANNI: Il primo tempo si fa una dormita che neanche dopo il pranzo di Natale. Nel secondo invece, è più sotto pressione di Speranza; la doppia parata finale è roba da restarci secchi, ma lui disinnesca i tiri e pure le madonne dei pistoiesi.
DIFESA: Vale piu’ o meno lo stesso discorso di Lanni. Nel complesso non fa male, ma negli ultimi 25 minuti sembra di assistere all’assedio di Cartagine. Il tiro di destro di Cagnano è passibile di processo per direttissima. Pogliano e Bellich sono coordinati come il suono e l’immagine sul sito streaming di Al-Jazeera. Anche Corsinelli ogni tanto si autolancia, il problema è che poi non parte.
CENTROCAMPO: Oggi Buba fa scristianizzare pure Papa Francesco. Anche Bortoletti quando in un possibile 4 vs 1 riesce a sbagliare il passaggio. Hrkac entra armato di cattive intenzioni e con un elmetto desueto dalla guerra dei Balcani. Bene anche Collodel che esce per una lama nel fianco da parte di Valiani che, malgrado il girello, l’è ancura bon. Malotti è un Recoba depotenziato, ma con la maremma maiala in canna.
ATTACCO: Lanini finalmente può smerciare l’orologio preso alle cinque del mattino dal bangla fuori l’Hollywood, ma il Jo non lo sa ed è contento lo stesso. Anche Panico, Rossetti e Zunno bene anche se col passare del tempo sono mobili quanto un pandino in salita.
JO CONDOR: Negli ultimi 25 minuti è in catalessi, menomale ci pensa Mavillone Gheller a far volare 6 schiaffi con la panchina avversaria.
FORZA NOVARA SEMPRE!
Francesco Sartorio

Continua a leggere

Pagelle Ignoranti

LE PAGELLE IGNORANTI DI BUSTOCCHIA-NOVARA 1-3

Published

on

By

LANNI: Riesumato dalle pulizie di primavera ed appesantito dalle festività pasquali, si sveglia solo quando deve raccogliere la palla dalla rete. Il palo di rimpallo dopo sedici secondi gli fa capire che si vincerà facile.
DIFESA: Oggi veramente tutti bene, persino Lamanna sembra essere un giocatore di calcio. Non era facile marcare Parker alias” Spiderman del Ticino” e Latte “e Miele” Lath.
CENTROCAMPO: Nel primo tempo causa più lamenti ed urla a noi da casa che quasi sembra di essere davanti al Muro del Pianto di Gerusalemme. Secondo tempo invece tutta altra musica con Buba e Ricky sugli scudi. Hrkac invece rimane umile e va direttamente col piedone sullo sterno avversario. Malotti come Inzaghi al mondiale 2006 contro la Repubblica Ceca.
ATTACCO: Lanini è il motorino truccato che ti faceva vincere le gare clandestine di paese. Rossetti e Nonno Peppe bene. La combo traversa di Lanini e autopalo del difensore invece meno bene per il mio rapporto col Vaticano.
JO CONDOR: Nessun giudizio tecnico o tattico. Condivido solo le sue parole post Pergolettese. È stato un inverno lungo è buio per tutti noi tifosi, ma ora è finalmente primavera.
FORZA NOVARA SEMPRE!

Francesco Sartorio

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: