Rimaniamo in contatto

Pensieri e parole

Quando crolla un muro

Published

on

Per trovare qualcosa di più stucchevole e retorico dei miei articoli, che puntualmente il Vannu si guarda bene dal pubblicare sul blog, bisogna sintonizzarsi sulle pagine del muro.

E mi chiedo il motivo per cui MDS continui nell’errore di affidarsi a gente impreparata e sprovveduta di sopracciglia come il fu Teti o inesperta come il futuro DS dal regal nome savoiardo, Carlalberto, disperdendo risorse e danari che potrebbe risparmiare o incanalare verso una sempre più efficiente Novarello.

Attraverso la “controllata” forzanovara.net, il Santo Patron del Novara Calcio 1908, potrebbe gestire in proprio la campagna acquisti leggendo quanto i frequentatori su quello spazio  suggeriscono, alcuni con competente signorilità, altri con gladiatoria convinzione.

Tutti DS, tutti grandi esperti di mercato (quello dei calciatori, eh, perché quello di viale Dante è troppo impegnativo, lì se acquisti devi pagare), tutti a suggerire cagate che non stanno né in cielo né in terra, tutti presuntuosamente a ribadire cosa e chi acquisterebbero loro, quali degli attuali giocatori in rosa confermerebbero per un’ altra stagione, quali altri invece bisognerebbe scambiare e con chi, sfidando la filosofia Parrigoniana delle “merde merde merde”.

A questi nick muraioli vorrei riservare una frase mutuata, anzi rubata, da una firma prestigiosa di questo blog, di cui il Vannu pubblicherebbe anche la dichiarazione dei redditi sicuro di trovarci scritto qualche vaffanculo : “Avete scassato la minchia”

Comunque il gradino più alto del podio per il post più interessante dell’ ultimo mese e mezzo, se lo aggiudica a furor di popolo tal Massimo Massara da San Genesio e Uniti che in una bottasola tuttoattaccato ha salutato tutto il muro, ponendo fine al suo accondiscendente servilismo verso famiglia MDS e abbandonato il Novara al suo destino, confermando la teoria che ognuno è libero di scendere dal carro del vincitore nel momento in cui lo ritiene più opportuno.

Tanto lo so che sul muro, in virtù di quanto sopra elargito, verrò insultato degli stessi insulti che Salvini quotidianamente riserva al buonsenso, e pur godendo dell’immunità concessami da codesta redazione, anche se del Vannu non c’è molto da fidarsi, intendo non avvalermene, essendo noi di questo blog rispettosi del lavoro affidato a qualsiasi dipendente del Novara Calcio 1908, e Carlalberto da Novaria non fa eccezione.

Tanto anche per lui  ci sarà sempre pronta una penna insanguinata e intrisa di veleno pronta a colpire … o a rendere il merito dovuto.

Nonnopipo

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Pensieri e parole

Di Nazionale, di calcio, di sangue e di merda

Published

on

By

Come sempre, quando la nostra Nazionale di calcio è impegnata in qualsivoglia competizione internazionale che preveda dei gironi preliminari e in cui non abbia vinto in ciabatte le prime due partite, mi tocca prendermi un tir di valium per riuscire a non sclerare di fronte al pattume giornalistico che prospera come il mio rosmarino in giardino durante questa primavera piovosa. Ma d’altra parte è una tradizione che prosegue gioiosa dall’82, salvo poi dover fare pietose marce indietro e altrettanto pietose arrampicate sul famoso carro. Avrei dovuto cogliere le avvisaglie già una settimana fa di quello che puntualmente sarebbe successo se avessimo faticato con quella che rimane tra le prime 4 o 5 Nazionali al mondo, da uno dei mirabolanti ‘Buongiorno’ di Gramellini, il noto re della paccottiglia retorica, l’indiscusso vate del tutto ed esperto del nulla, che riporto qui: Il Caffé di Gramellini | Vietato ai minori | Corriere.it

Come se poi fosse pieno di ragazzini nei cortili che giocano a tennis o piazzano un’asta su due treppiedi e un materasso a terra per emulare i loro beniamini Sinner e Tamberi, ma vabbè lo ha scritto Gramellini che ha ragione per forza perché ci insegna da anni cosa pensare su qualsiasi materia dello scibile umano e soprattutto come tradurlo in parole con i termini giusti senza quelli brutti tipo cazzo, culo, o Gramellini.

Ovviamente la sconfitta (brutta, inappuntabile, meritata, netta, indiscutibile, da continuare a piacere con tutti i sacrosanti sinonimi possibili) con la Spagna ha rinfocolato il solito ritornello che esce ogni qual volta la Nazionale sbaglia una partita in un momento decisivo. E quindi via con la mancanza di talento, con i giovani ‘che non ci sono più’, con la tecnica ‘che non si allena più’, con i giovani che ‘non vengono fatti giocare’ (dagli stessi allenatori propagandati come i nuovi guru del calcio italiano e poi non mettono in campo un giovane neanche se gli tagli le palle, tipo Inzaghi). E non importa se negli ultimi 5 anni abbiamo ottenuto risultati a livello di Nazionali giovanili mai raggiunti in tutta la storia del calcio moderno. Nell’ordine: 1) under 17 vice campione europea nel 2018 e 2019 e fresco titolo di campioni europei qualche settimana fa scherzando in finale contro il Portogallo con Camarda che in finale sul secondo gol manda in bambola pure il raccattapalle e ai quarti Liberali che dribbla pure sua madre; il tutto dopo che dal 2002 al 2017 eravamo stati sostanzialmente irrilevanti a livello europeo a parte due terzi posti a una finale; 2) under 19, campioni europei nell’ultima edizione del 2023 e nell’ordine vicecampioni nel 2016 e 2018 e terzi nel 2022; 3) nazionale Under 20 (che ogni due anni dovrebbe partecipare alla fase finale del Campionato del Mondo U-20, ma la cui presenza in questo torneo dipende dai risultati della nazionale Under-19 al campionato d’Europa U-19) udite udite, dopo decenni di totale irrilevanza dal 1977 al 2015 in cui era pieno di ragazzi che giocavano nei cortili di Gramellini, nel giro di tre edizioni ha raccolto un terzo, un quarto e un secondo posto proprio l’anno scorso. Un discorso a parte va fatto per l’Under 21, che obiettivamente negli scorsi anni ha deluso moltissimo, ma lì ci sarebbe anche da capire che cazzo è passato per la testa in Federazione ad affidare la Nazionale a due minorati calcistici come Di Biagio prima e Nicolato poi con cui ci siamo sostanzialmente bruciati 10 anni in cui si potevano ottenere molti successi. E basta guardare chi schieravamo e come li schieravamo all’ultimo Europeo in cui siamo ignominiosamente usciti ai gironi con la Norvegia. Lì si roba da prendere i forconi e andare a Coverciano, ma chissà per quale motivo tutti silenti.

Ma non c’è niente da fare, il motivo per cui il calcio nostrano è andato a puttane è chiaro e cristallino: è colpa dei cortili vuoti, delle piazze in cui non ci sbucciamo più le ginocchia, delle ore di partite tra sassi, catrame e sterrati che non si fanno più, in cui ci devastavamo le gambe e i più grandi ci menavano come pigne ma cazzo come allenavamo la tecnica così. E non importa se in quei gioiosi periodi abbiamo quasi sempre vinto non grazie alla tecnica ma grazie alla tattica – lo stesso Mondiale dell’82, con buona pace della memoria del grande Bearzot, lo abbiamo vinto perché abbiamo messo Gentile a seguire Maradona pure mentre pisciava e stessa cosa con Collovati su Serginho, Oriali su Zico e Gentile su Eder nella partita successiva col Brasile. E lo dice uno che non ha niente contro la sana prudenza di chi parte da sfavorito, ma per Dio, ristabiliamo un minimo di verità storica. Tipo che oggi non siamo certamente messi peggio di quando andavamo a giocarci un Europeo con Pellè, Zaza e Giaccherini, o della Nazionale del 2014 con Balotelli che passeggiava tipo Gangsta in Da Club contro il Costa Rica, o della grande Nazionale di pensionati e invalidi convocata per gratitudine da Lippi nel 2010 dove le si buscava in allegria da Nuova Zelanda e Slovacchia. E in realtà il fatto che le strade e i cortili si siano svuotati dovrebbe essere visto come un segno di progresso, perché significa che i ragazzi stanno dove devono stare: a imparare a giocare a calcio nei vivai e nelle giovanili, che non mi risulta siano vuoti, anzi. Ma non si capisce perché, l’ingegnerizzazione del talento, l’efficienza e l’ottimizzazione delle performance dovrebbero valere per tutto tranne per quello che a tutti gli effetti è un business come il calcio anche a livello giovanile. Perché comunque, con tutti i nostri difetti e le nostre pecche, abbiamo ancora tra i tecnici più preparati e capaci del mondo. E forse è ora di dirci che quella visione romantica fatta di polvere, sangue e merda che piace ancora tanto a tutti noi, oggi può giusto tirarti fuori l’onesto pedatore che bazzica i campi di periferia.

Jacopo

Continua a leggere

Pensieri e parole

La musica ribelle

Published

on

Negli anni ’70 le frequenze radio erano monopolio dello Stato e la RAI aveva il controllo assoluto sulle frequenze. In quegli anni di grande ribellione, le restrizioni e le frequenti censure provocarono la nascita delle radio libere clandestine che aprivano localmente con mezzi di recupero. Spesso venivano chiuse dalla polizia e rinascevano pochi giorni dopo.

Anche l’editoria subì in parte la stessa dinamica. E ora vengo al punto: grazie alla dritta dell’amico Siviersson sono venuto in possesso di alcuni numeri della rivista del Commandos Club che veniva distribuito allo stadio. Per depistare la legislazione dell’epoca i foglietti distribuiti alla domenica erano tutti “numeri unici” e avevano ogni volta un’intestazione diversa: “Curva Est” “Fede Azzurra” “Noi Commandos” “Alè-alè Novara” e chiaramente “Commandos Club”. Gli autori degli articoli (alcuni dei quali diventarono colonne del giornalismo locale) si celavano sotto nomi di fantasia come Scarpazz, Fungo, l’Illuso, Docomas ecc.

La polemica, l’ironia ed i giudizi tranchant erano all’ordine del giorno e solo ora capisco la verve polemica senza compromessi degli articoli di oggi di Ciumi, sicuramente influenzati dalla cultura dell’epoca. Non poteva mancare la rubrica della posta, antesignana delle opinioni dei tifosi del muro di ForzaNovara.net. Non c’è traccia invece dell’uso del dialetto, perché probabilmente tutti all’epoca lo parlavano e non era necessario un Nonnopipo che lo ricordasse.

Ma ciò che mi ha stravolto è stato l’amichevole scambio di complimenti e convenevoli con la tifoseria vercellese. Non si può parlare di gemellaggio ma poco ci manca. Molti tifosi azzurri andavano volentieri a vedere le bianche casacche che negli anni ’70 galleggiavano tra la serie C e la serie D e sicuramente molti tifosi vercellesi venivano a godersi la serie B a Novara. Probabilmente l’insolita amicizia era giustificata dal fatto che Novara e Pro Vercelli non si incontravano dal 1948 infatti, l’ordine naturale delle cose venne ristabilito quando nel 1977 Pro Vercelli e Novara tornarono ad incontrarsi dopo 30 anni e immediatamente l’amicizia svanì: novaresi e vercellesi tornarono a suonarsele di santa ragione come da tradizione.

Sicuramente alcune copie di quei giornaletti troveranno posto, come è giusto che sia nella “Casa del Novara” che l’Associazione dei Tifosi del Novara sta costruendo. È importantissima la raccolta di documenti e cimeli che nelle nostre cantine e soffitte sono inutili, ingialliscono, si consumano e prima o poi verranno buttati. Nel Museo del Novara troveranno nuova vita, se qualcuno fosse interessato e pensa di possedere ricordi della Storia Azzurra (oggetti, foto, giornali) oppure è in contatto con ex giocatori o con i loro parenti, scriva all’Associazione oppure mi contatti tramite la pagina facebook di semprenovara o alla mia email.

Ulteriori info su https://associazionetifosinovara.it/

Continua a leggere

Pensieri e parole

Disincanto e catarsi

Published

on

By

Penso che immaginare il  disincanto che viene sopraffatto dalla catarsi possa essere un concetto intrigante che sottolinea la nostra trasformazione interiore e il senso di purificazione che abbiamo  sviluppato in questi ultimi giorni, dopo la merda mangiata negli ultimi anni, con una esperienza ( quella di domenica ) che stiamo facendo diventare intensa e coinvolgente.

La catarsi, che secondo  Aristotele era il processo di purificazione delle emozioni attraverso l’arte drammatica, è la forma di liberazione dalle  emozioni negative ( potremmo anche dire dai  blocchi emotivi )  che ci hanno imprigionato negli ultimi tre anni.

Non veniamocela a raccontare:  col cazzo che la serie D è stata emozionante, che Ferranti o il clan dei calabresi prima e dei siciliani ora ci hanno fatto venire il cazzetto duro… anni di merda pura, anni che hanno generato, senza tanti giri di parole, disincanto all’ennesima potenza.

E così è stato rappresentato il nostro senso di smarrimento; quella perdita di fiducia, la consapevole certezza di non poterci rifugiare in quel mondo fatto di illusioni che da sempre ci appartiene e che è indispensabile per ogni tifoso .

Molti di noi hanno vissuto un distaccamento emotivo profondo, e il disincanto, nonostante tutto, è stato un sentimento comune, causato proprio dalla consapevolezza di non poter sviluppare illusioni.

Tuttavia, da dieci giorni a questa parte, se consideriamo la catarsi come un’opportunità per affrontare e superare il disincanto, possiamo aprire la strada a una trasformazione personale e collettiva.

Fiorenzuola ci mette di fronte alle nostre paure, ai nostri limiti e alle nostre vulnerabilità, e con Fiorenzuola possiamo giungere a quella consapevolezza di quel mondo che ci circonda per qualcuno di noi da oltre mezzo secolo.

La catarsi, quindi, diventa il mezzo che ci consente  di rigenerare la nostra sfera emotiva, e ci libera dalle catene dell’apatia e della disillusione. 

Ci permette di riconnetterci con le nostre emozioni più autentiche e di riscoprire la bellezza e la complessità della passione per una squadra che ha sempre rappresentato, anche nelle sue sfaccettature più oscure, una importante parte della nostra vita.

In questo contesto rimetterci la maglietta azzurra  non sarà soltanto un momento fugace di liberazione, ma un processo  di crescita e, speriamo, di trasformazione.

Domenica ritorneremo ad esplorare la profondità del nostro senso di appartenenza ed a  confrontarci con le nostre contraddizioni e i nostri conflitti, con la speranza di  emergere più forti e più consapevoli.

Quindi, sebbene il disincanto sia sembrato, sino ad ieri, come  una barriera invalicabile, la catarsi ci offre la possibilità di superarlo e di risvegliare in noi la speranza di credere ancora nella bellezza della nostra passione e, anche se un po’ azzardato, nel significato di una parte  della nostra esistenza. 

La catarsi sostituirà  il disincanto non come negazione delle difficoltà e delle delusioni che abbiamo vissuto,  ma come accettazione e trasformazione di esse in occasioni di crescita e di rinascita.

Bom vi ho annoiato abbastanza ma è importante che ciascuno di noi sappia fare tesoro di queste esperienze passate e che sia consapevole che Fiorenzuola non sarà la gita fuori porta da raccontare ai propri figli o nipoti ma la pietra con cui ricostruire una passione in parte perduta … un saluto, prima di chiudere, a Jacopo 😜

Ciumi 

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.