Autocritica Pensieri e parole

L’ attuale crisi costituzionale in cui versa l’ Italia, unitamente alla censura applicata dal Capo redattore Capo ( al Vannu fa piacere la ripetizione di questo termine celebrativo), mi ha allontanato per un lungo periodo dai problemi reali e importanti del paese, guidandomi a una conclusione inoppugnabile che è riuscita nell’impresa storica di mettere d’ accordo perfino Mattarella , Salvini e Di Maio, con l’appoggio esterno di Berlusconi e tutto il PD finalmente unito: questo blog è  totalmente astemio in fatto di critiche.

Da oltre un anno, ovvero da quando ha emesso non i primi vagiti, ma bensì i primi vaffanculo, non ho mai letto la minima critica a riguardo di ciò che gli autori (termine abbondantemente esagerato) quivi hanno pubblicato.

Escludendo qualche piccola e innocua, forse infantile, sicuramente velata e allusiva, incursione sul muro da parte dei soliti leoni da tastiera che la mattina si svegliano e sanno che devono correre più forte della gazzella se vogliono entrare gratis al Piola, non ho mai colto una critica che una.

A tal riguardo le possibili spiegazioni non possono essere che due: la prima è che coloro i quali  scrivono su queste desolanti pagine,  sono talmente bravi e coraggiosi al punto che critiche non se ne possono muover loro, la seconda, invece, è che nessuno ci legge. Ne esisterebbe una terza che si collocherebbe in alternativa alla seconda, ovvero che chi ci legge non ci caga nemmeno di striscio.

Allora qualche pudica criticuccia la butto giù io, pronto a subirne le conseguenze, fosse anche l’epurazione in stile editto bulgaro di Berlusconiana memoria, quando pubblicamente, l’ allora Cavaliere, silurò Biagi, Santoro e Luttazzi.

Paragone esagerato, me ne rendo conto, il Vannu è molto più perfido del Berluscainquisito.

Adesso la redazione ha deciso di regalare a quella manciata di lettori che corrono dietro alle cagate che compaiono purtroppo con frequenza  bi-giornaliera come la nomina del candidato Premier in questi giorni, una nuova rubrica che è il frutto delle incazzature di Siviersson contro il sistema che regola il calcio in Italia.

Tale appuntamento è stato battezzato dal vulcanico Capo redattore Capo ( al Vannu fa sempre più piacere la ripetizione di questo termine) “entrata a gamba tesa di Siviersson n.”.

Dispiace annotare che dopo la seconda entrata a gamba tesa il povero autore si sia spezzato una spalla dovendo poi ricorrere a un intervento chirurgico.

Intanto i vaffanculo sparati dalla penna-revolver del Ciumi, se fossero stati acqua avrebbero superato il Moses allagando piazza San Marco.

Tra le altre cose, che volutamente tralascio per non finire nel mirino censorio del Capo Capo (alla terza ripetizione di solito ha una piccola erezione), mi preme sottolineare come una persona seria quanto lo è il Depa, si sia lasciato coinvolgere dal Pulitzer Vannu Pulitzer (impercettibile, piccola eiaculazione), in una rubrica pre gara riguardante precedenti incontri con l’avversaria di turno. A parte il fatto, del tutto irrilevante, che personalmente ritengo questa rubrica interessante quanto una televendita di tappeti persiani, il dramma è che da quando sono stati pubblicati questi articoli, non ne abbiamo più vinta una che una!!!

Non voglio calcare la mano sulla pelata che i due autori sfoggiano con orgoglio, ma confidando che l’ Imperatore Claudio Vannu Imperatore ( emissione di piccoli gemiti di piacere), legga gli articoli prima di pubblicarli, spero non sorvoli su queste segnalazioni e tragga le debite conclusioni.

E che dire poi della foto, che introduce un’altra perla settimanale, raffigurante l’autore della rubrica “ le pagelle ignoranti” che, con disinvoltura, esibisce una più che generosa pancia?

Altrocché “pagelle ignoranti”!!!, per essere in sintonia con la linea editoriale votata con maggioranza bulgara dalla intera redazione e tracciata dal Principal leader Vannucci Principal leader (ragiungimento dell’acme orgasmica), più confacente con tale linea, appunto, si doveva avere il coraggio di chiamarla “padelle ignoranti”

E poi, gli editoriali del Mitico Editor Vannu Mitico Editor (due orgasmi di fila non cela fa più da anni), sono di una noia riscontrabile  solo in quelli del Massimo Barbero su forzanovara.net.

Per fortuna che qualche brivido ce lo riserva di tanto in tanto il Ciumi, che dopo aver insultato nell’ordine: società (sportiva e civile), dirigenti, tifosi, giocatori, leoni da tastiera, gazzelle, giornalisti o presunti tali …  ma mica quelli avversari eh, i nostri!!!, come d’incanto gli torna il sorriso che al Direttore gli vien voglia subito di limonarlo.

Infine, ma non ultimo in quanto a impegno, abbiamo il dovere di sovrintendere alla buona crescita  del più giovane del gruppo, sognatore come è giusto che sia a quell’età, quando gli ideali sono sangue vitale. A spanne promette assai bene, essendosi avviato, seppur con i modi del bravo ragazzo, sulla linea espressiva di stampo Ciumiano, per assomigliare al quale mancano ancora i vaffanculo con la punta avvelenata, pur disponendo di una buona e domestica versione dialettale, ovvero di quel propedeutico e mai a Novara offensivo “va da via ‘l cü.

Poi c’ero io, che non ho sbagliato affatto la coniugazione del verbo essere; “c’ero io” in quanto non credo che il Magnifico Direttore di questo blog Magnifico Direttore, me la farà passare liscia.

Pazienza, vorrà dire che chiederò ospitalità a qualche testata, testina, o testa di cazzo … almeno il passi da mettere al collo e entrare gratis allo stadio è assicurato.

Nonnopipo      


Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: