Rimaniamo in contatto

Pensieri e parole

S’Ammuttadori

Published

on

Vi è mai capitato di sognare una scena di violenza in cui il protagonista siete voi stessi  e di non riuscire a muovervi?

In quel momento, in pieno sogno, venite colti dal panico, vorreste urlare ma non ci riuscite, forse a malapena vi uscirà dalla gola qualche suono gutturale, garrulo e tronco, che viaggia su una frequenza di terrore misto a impotenza, mentre avvertite la sensazione di avere un grande peso sul petto che vi tiene inchiodati a letto,

Niente paura, non si tratta di un’ avvisaglia di infarto, e nemmeno dell’effetto provocato da quel paio di bottiglie di nebbiolo che avete spazzato con gli amici, accompagnando quel pezzo tenerissimo di “cappello del prete” con la vena, che avete cucinato a stracotto.

 Tranquilli, siete solo vittime di “S’Ammuttadori”, il quale, per dare peso al suo intervento, si siede sul vostro petto esattamente all’altezza dello sterno

S’Ammuttadori viene descritto nei racconti popolari, che fanno parte della tradizione sarda, come un demone che agisce in connessione con il sonno della sua vittima di turno.

Esso provoca una sensazione di angoscia, soffocamento e apprensione nel malcapitato.

La leggenda vuole che i pastori sardi erano riluttanti ad addormentarsi per paura di una sua aggressione.

Ecco, ormai è da venerdì notte che puntualmente provo questo disagio notturno.

Con la rimarchevole differenza che, per non farmi mancare niente, io di S’Ammuttadori ne ho ben due. A dire il vero dopo la tragedia consumatasi venerdì sera, di dormire in quella notte non ne sono stato capace, ma per quell’oretta in cui son riuscito a prendere sonno, se non fosse intervenuta prontamente Nonnalanto a farmi rinsavire cunt un a slurdòn, avrei svegliato mezzo condominio, tanto urlavo frasi che poi mi hanno riferito essere alquanto disconnesse da qualsiasi contesto avesse un embrione di logica. E già, perchè il S’Ammuttadori che stava seduto comodamente sul mio stomaco imbursà cume un pidriot druvà al cuntrari, aveva il volto di MDS. Ora potete immaginare tranquillamente quanto l’incubo fosse tremendamente “incubo”.

Tentavo disperatamente di scacciarlo, il demone, ma lui niente, mi guardava e sorrideva compiaciuto, quasi a godere degli slurdòn che  Nonnalanto continuava a fornirmi gratis nel tentativo di svegliarmi.

Ma il bello doveva ancora capitare nelle notti successive, quando i S’Ammuttadori diventarono due. E mentre quello con il volto del Presidente prendeva posizione sullo stomaco, che già nella vita reale aveva in molte occasioni occupato, l’altro, molto più magro del primo, si accomodava, senza troppa delicatezza, sulle mie parti intime, come si usa dire nel buon linguaggio di tutti i giorni, termini che, una volta sbianchettati e sostituiti con altri ben più descrittivi, si possono chiamare esclusivamente con il loro nome, ovvero il cazzo e i coglioni, che ben si sposano con il tipo di demone in questione.

E dopo aver appurato che il secondo S’Ammuttadori mi stava appunto proprio sul cazzo, nel buio dell’incubo, illuminato da una flebile lucina alimentata da una turbina di s-giafòn comandata sempre da Nonnalanto, non ho potuto far altro di intravedere il viso scarno di Teti, che, scusate, ma va sottolineato in rosso, non foss’altro per la sensazionalità di ciò che tra poco rivelerò, era molto, ma molto, ma molto, più brutto del demone originale.

Intanto, il demone principale, ovvero quello che ostentava più spavalda sicurezza, canticchiava il refrain di una canzone assai popolare: “Nella vecchia fattoria ia ia oh, c’è De Salvo che va via ia ia oh, perchè il babbo babbo ba ba babbo, gli fa il culo culo cu cu culo, nella vecchia fattoria ia ia oh”, mentre il secondo S’Ammuttadori, quello con la faccia da Teti, parlava al telefono con un mediatore di Bari per portare a termine una trattativa finalizzata all’acquisto di maiali sovrappeso buoni per fare su salami da mettere sotto grasso.

Fu allora che Nonnalanto, assai turbata dal mio comportamento passivo in balia dei due S’Ammuttadori, e avendo esaurito la scorta di slavadénc a sua disposizione, iniziò a recitare una preghiera nel tentativo di esorcizzare i due demoni che mi stavano possedendo:

 

“O Tesser, insieme a Pablo, 

scaccia via lo diablo, 

e se vuoi darci una botta 

fa tornar Simone Motta

e spazza via sti coglioni

ma ridammi Marco Rigoni     

se poi vuoi combinarla bella

dacci indietro Morganella

e se poi vuoi profumar sto puzzo

ridacci il sindaco Lisuzzo

e Nonnopipo farà un inchino

se a segnar sarà Rubino

ma ben due assai più rari

se a tornar sarà Porcari

E ora scaccia sti brutti attori

demoniaci S’Ammuttadori.

Fu così che dopo questa giaculatoria esorcizzante, con una scorreggia lunga una decina di minuti, quindi il tempo necessario a Pompeu Ronaldo per effettuare un passaggio, mi risvegliai spossato ma finalmente libero dall’essere posseduto. I due S’Ammuttadori non potevano che andarsene in questo modo.

Ora le cose vanno meglio e da ieri dormo tranquillo perché ho provato a non pensare più alla retrocessione, e ho anche deciso di capovolgere la mia vita di tifoso del Novara, che mi ha portato, negli ultimi mesi, ad essere depresso e abbattuto, ora sono abbattuto e depresso.

Nonnopipo  

  

 

 

 

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Pensieri e parole

Forza Easton!

Published

on

Siamo schiavi di una fede.

E la cosa buffa (ma neanche tanto!!) è che non ci dispiace affatto di essere sottomessi.

Risulta altresi strano perfino dover riconoscere che il grafico del nostro umore risulta legato all’andamento di una squadra!!!

Ed è a questo punto che la matassa si sbroglia fornendo una veritá inconfutabile: non si tratta solo di una squadra.

Sarebbe intollerabilmente riduttivo e semplicistico se cosí fosse, e tutto venisse attribuito esclusivamente a un discorso legato al tifo.

Perchè il tifo e, conseguentemente il suo interprete principale che è il tifoso, è composto da quegli ingredienti naturali che si chiamano passione e amore.

E la passione e l’amore sono immortali, infiniti, insensibili al dubbio e all’incertezza.

Li trovi entrambi negli occhi di chi esulta, nelle lacrime di una delusione, nel pallone che gonfia la rete o nel palo che soffoca in gola l’urlo liberatore come troppe volte è capitato a quel bravo e sfortunato ragazzo canadese che risponde al nome di Ongaro. Si rifarà, il ragazzo, si rifarà quando verrà il momento propizio, quando il peso specifico di un gol risulterà raddoppiato.

Intanto ha imparato a proteggere la palla come si deve, inserendo quegli esili centonovantotto dinoccolati centimetri tra la sfera e l’avversario, gesto mai visto a compiersi prima d’ora. Chissà che non sia l’avvento di un cambio di rotta di quella sfera il cui tragitto era destinato a impattare quei maledetti palo e traversa. Il destino sceglierà per lui ciò che sarà giusto, mentre noi faremo di tutto per far si che il pallone cambi direzione evitando l’impatto con quei due sciagurati legni. Forza Easton, ne basta uno, uno solo, come quello di Luigi Della Rocca, fattelo raccontare da chi quel mommento lo ha vissuto.

Perchè, come disse lo scrittore argentino Jorge Luis Borges, “ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per strada, lì ricomincia la storia del calcio”.

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

Continua a leggere

Pensieri e parole

Dubbi

Published

on

In questo angolo di paradiso dove il bianco, donato dal cader della neve, è il padrone assoluto della scena e l’occhio fa la conoscenza con il candore, l’aria che respiri introduce argomenti di purezza assoluta. Lo spazio mischia la tavolozza dei pochi colori rimasti ricomponendola subito dopo, mentre il silenzio assoluto diventa la palestra dell’anima. 

In questo dipinto prendono forma le tue angosce e i tuoi dubbi, perchè mai nessuna certezza potrebbe impedirti domani un passo indietro rispetto alle tue convinzioni attuali.

È stato Lui a donarci tutto questo? Non so, il mio ateismo convinto mi guida fino al punto di poter  escludere questa possibilitá o ipotesi, lasciando però le possibili conclusioni a un nervo assai scoperto.

Di certo, se cosí fosse, Lui non ha dimenticato nulla, nemmeno l’azzurro di quel cielo che colora la mia Maglia.

Se Lui è l’autore, allora quell’azzurro non puó che essere il colore della sua squadra, e io sarei d’accordo con Lui.

E questo potrebbe essere il primo passo, o forse no!!

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

Continua a leggere

Pensieri e parole

La paperella ha compiuto un anno.

Published

on

Quanto segue è stato scritto da Nonnopipo circa un anno fa, in occasione della nascita del gesto  della paperella del Sig. galuppini (volutamente minuscolo)

E così, caro il mio Galuppini, secondo te a Novara ci sarebbe della gente da zittire, gente a cui secondo la tue recenti e ripetute gestualizzazioni, non sarebbe concesso protestare e fischiare legittimamente prestazioni che tifosi, social e stampa, hanno abbondantemente censurato.

Cosa e chi, soprattutto per quale ragione  all’interno della tua esultanza post gol, intendi riprendere, punire, vendicare con l’insulso gesto della paperella, sarebbe opportuno tu lo spiegassi.

Sai, atteggiarti così platealmente vendicativo ricorrendo a un gesto palesemente infantile, per giunta sguazzando nel fango torbido del vago, potrebbe voler dire tutto o forse niente, un po’ come affermare che non ci sono più le stagioni di una volta … e nemmeno i calciatori!

Sai, caro Francesco, ho avuto per un momento la tentazione di richiederti l’amicizia su Facebook, rispondendo a uno di quei flash che questo social spesso propone, bene, sono contento di non averlo fatto.

Tu non potrai mai essere mio amico, tu come quelli che covano rancore per poi vendicarsi alla prima occasione e gioiscono ben sapendo che il bersaglio non possiede altre armi se non quelle del dissenso, cioè l’opposto dell’applauso.

Conquistalo l’applauso, Francesco, anche se ottenerlo attraverso la trasformazione di un calcio di rigore, non è impresa eccezionale, che lo diventa, però, quando peschi dal ricco cilindro delle tue enormi possibilità, il numero che l’ ovazione la strappa istintivamente, così come qualche tua “cagata”, svogliata e supponente, produce l’effetto opposto.

Dettaglia, Francesco, facci sapere quali sono le negatività da te riscontrate che ti hanno spinto a sguainare la spada della vendetta mascherata con il gesto addirittura a due mani della paperella; forse i rumors derivanti da una serie di contrasti persi, oppure l’essere arrivato tardi su una palla raggiungibile con un tantino più di grinta? O forse i fischi che tracimano in campo dalle tribune quando stai (state) offrendo prestazioni il cui limite della decenza avete superato come è avvenuto nelle ultime partite?

Stavolta, caro Francesco, mi sa che l’hai pestata fresca, poi, per caritа, tu sei libero di pensarla come vuoi e dire ciò che pensi, anche con l’ausilio di una ripetizione, per lo più sgradevole, di determinati gesti di pessimo gusto che non meritano nemmeno i miei più sgradevoli insulti.

Con rispetto e senza acrimonia nè rancore.

Nonnopipo

foto presa da pagina FB Mantova Passion

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.