Rimaniamo in contatto

Campionato

Giù le mani dalla maglia …

Published

on

 

Il Vannu vi aveva già avvisati a fine gennaio : “se non volete farlo per noi fatelo almeno per voi..”

invece un cazzo …..

leggo tanti appelli, in prossimità della partita di venerdì, dove si invitano i giocatori a farlo solo per la maglia…. TENETE GIÙ LE MANI DALLA MAGLIA!!!

Che i giocatori, i giocatori tutti nessuno escluso, lo facciano solo per loro….

Fatelo per voi  perché se non vinciamo venerdì prossimo saremo il vostro incubo, ovunque voi andiate..

Fatelo per voi per dimostrare, almeno nell’ultima partita della regular season, che avete un minimo di dignità e di coglioni …

Fatelo per voi perché chi resterà, e qualcuno resterà, si porterà dietro una macchia e insulti per tutto il prossimo campionato….

Fatelo per voi perché vi giuro che il prossimo anno con questo blog vi sputtaneremo ad ogni partita, senza pietà ..

ma non fatelo per la Maglia perché quella non vi appartiene, abbiamo anche fatto male a prestarvela quest’anno….

non battetevi il petto, se segnate ( e spero proprio che lo facciate più di una volta ) ma abbassate il capo, con costrizione ed umiltà, e ritornate concentrati a metà campo per farne un altro… in silenzio… siete pagati per questo ….

prima della partita entrate in campo con una maglia piegata e deponetela vicino alla curva … potrete tornare a prenderla solo alla fine se avrete vinto … sempre in silenzio e con umiltà ….

poi vedremo cosa succederà … avremo bisogno di qualche colpo di culo … ma sarà un altra storia, adesso cominciate a pensare solo a venerdì…

Per quanto riguarda la Società mi aspetto che Morganti, De Salvo e Teti, nel pieno stile di quanto dimostrato sino ad ora, venerdì se ne stiano a casa e si guardino la partita, con interesse o meno – cazzi loro -, in televisione….

Quella di venerdì non è la vostra partita ma la nostra…. statevene a casa o negli spogliatoi … non vi vogliamo vedere … con noi non c’entrate un cazzo… che in panchina ci vadano solo quelli che sono tecnicamente necessari.

Di Carlo adesso: fai il tuo una buona volta e metti in campo gli undici uomini che ritieni abbiano quel minimo di coglioni necessari per una partita simile. Ci hai rotto il cazzo con tutti questi esperimenti, del modulo non ce ne  frega una minchia, mettine in campo undici che siano capaci di mangiare l’erba, di rompere garretti, di sfiancarsi sino quasi a morire.

Voi tutti guardate adesso la foto in testa a questo articolo, guardatela bene … capirete perché quella maglia non vi appartiene e non può appartenervi …. siete nessuno… dimostrateci venerdì che per un giorno siete stati qualcuno pure voi.

ciumi

 

 

,

 

 

Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

I numeri di Arzignano-Novara

Published

on

Guadagniamo un altro punto sulla Pro Sesto (+10 / +7), manteniamo quota -3 dalla salvezza ma perdiamo punti con quasi tutte le altre squadre che ci precedono, Arzignano compreso che con il pareggio, grazie agli scontri diretti, mette un altro punto tra noi e loro. La corsa sulla Pro Sesto rimane l’opzione più probabile per la salvezza diretta anche se Trento e soprattutto Renate rimangono ancora abbordabili (i lombardi sono a -3 con una partita in meno ma con ancora lo scontro diretto da disputare al Piola).

In quest’ottica i recuperi di mercoledì 21 tra Alessandria-Pro Sesto e AtalantaU23-Renate saranno fondamentali per la nostra salvezza diretta. Una sconfitta del Renate lascerebbe i lombardi a -3 e una vittoria o un pareggio dei grigi terrebbe la Pro Sesto oltre la fatidica soglia degli otto punti che in questo momento significherebbe salvezza per la Pergolettese e non per noi.

Con la scelta di schierare tre centrali “statici” che non superano mai la metà campo, Gattuso imposta la partita per portare a casa il punto e raggiunge l’obbiettivo. I numeri confermano la pochezza della partita con l’Arzignano che qualcosa in più ha provato a fare. Il 3-5-2 ha sicuramente dato certezze difensive ed i quattro clean sheet consecutivi confermano la bontà della strada scelta ma Gattuso deve avere la libertà di proporre un piano B, un modulo differente per sbloccare certe partite ed essere un po’ meno prevedibile soprattutto adesso che il “fattore sorpresa” è svanito ed i nostri avversari hanno capito il nostro gioco.

Con il Mantova la partita sarà molto semplice, incontriamo la squadra che sta dominando il campionato con il miglior attacco, la miglior difesa ed un possesso palla altissimo con punte del 79%. Hanno segnato più del doppio dei nostri gol e hanno subito meno della metà dei gol subiti dal Novara. Possanzini ha fatto un lavoro straordinario con un gruppo sicuramente di qualità ma non superiore al Padova, al Vicenza o alla Triestina. Evidentemente l’esperienza vissuta come vice di De Zerbi per sei anni dal Foggia allo Šachtar qualche frutto lo ha dato. Quindi le possibilità di fare punti contro i Virgiliani, statisticamente parlando sono quasi nulle.

Ma il calcio è lo sport più bello del mondo proprio perché la squadra più debole ha sempre la possibilità di battere quella più forte e quindi mi aspetto da parte di Gattuso qualche trappola tattica e tanto spirito di sacrificio da chi entrerà in campo.

Continua a leggere

Campionato

I numeri di Novara-Pro Sesto

Published

on

Con la vittoria contro la Pro Sesto, il Novara tiene aperte le due strade verso la salvezza diretta.

La prima strada ci vede a -3 punti da dalla Giana e a -4 dal Trento (3 + scontro diretto). La seconda strada, ci porta a + 9 dalla Pro Sesto che però ha una partita da recuperare ma nella peggiore delle ipotesi andremo a -2 punti dalla salvezza. Alla Pro Sesto abbiamo mangiato sette punti nelle ultime cinque partite e continuo a immaginare il + 8 sui lombardi come la via maestra verso la salvezza.

La Pro Sesto ha confermato la pochezza offensiva che la sua organizzazione difensiva ed un modulo a sorpresa con la difesa a quattro non sono riusciti cambiare nella sostanza: un solo tiro su calcio da fermo nello specchio della porta novarese in 95 minuti è veramente il nulla. Bravo Gattuso a non cadere nel tranello tattico di Paci e brava la squadra che ha avuto la pazienza e la fortuna dei più forti nel trovare il gol al momento giusto. Il Novara dimostra di essere diventata squadra vera e solida con l’unico problema del gol: sono solo quattro le reti realizzate nelle ultime sei partite, tutte conquistate dalla vecchia guardia (Bonaccorsi, Urso, Di Munno e Calcagni) e tutte realizzate da difensori e centrocampisti.

Come sempre il dato statistico può essere letto in due modi: positivo, quando le punte cominceranno a segnare, il Novara diventerà ancora più vincente; oppure negativo, con zero gol del reparto offensivo in sei partite non si può fare molta strada. Al di là dell’impegno e dell’utilità tattica di Ongaro la coppia d’attacco più prolifica rimane Scappini-Corti.

Domenica avremo uno degli ultimi scontri diretti per la salvezza. L’Arzignano è una squadra che ha “numeri” migliori dei nostri in tutti i reparti: attacca molto e tira in porta con frequenza elevata, difende meglio di noi in generale ma probabilmente peggio del Novara 2.0. Mister Bianchini dispone la squadra con un 4-3-1-2 molto offensivo per la categoria con due punte centrali ed un trequartista. Fino ad ora e speriamo che continui a farlo, la squadra veneta ha sicuramente underperformato e meriterebbe una classifica migliore.

La partita promette spettacolo, mi accontenterei di un brutto incontro con il risultato delle ultime tre partite.

Continua a leggere

Campionato

I numeri di Novara-Virtus Verona

Published

on

Una Maratona. Il campionato del Novara è una corsa faticosissima verso il traguardo; siamo stati ultimi per tanti chilometri: dopo 18 giornate eravamo ultimi con 12 punti ed avevamo 8 punti di distacco dalla quota salvezza. Due giornate dopo il Novara 1.0 grazie ai gol di Corti e Scappini e le parate di Desjardins sconfigge Fiorenzuola e Alessandria, supera tre avversari e arriva a cinque punti dalla salvezza.

Centimetro dopo centimetro il Novara 2.0 recupera altri due punti in cinque partite arriva a -3 dalla salvezza. In realtà i punti da recuperare per raggiungere la salvezza sono quattro perché siamo deficitari negli scontri diretti con il Trento ma l’importante è la tendenza a recupere punti sugli avversari. La corsa è ancora lunghissima e martedì ci sarà il primo bivio della stagione: la salvezza si può raggiungere, conquistando il sedicesimo posto e mettendo otto punti tra noi e la Pro Sesto. Se martedì il Novara riuscirà a vincere contro la Pro Sesto distanzierebbe di nove punti i lombardi che però devono recuperare una partita contro l’Alessandria. Anche un’eventuale, per nulla scontata, vittoria della Pro Sesto contro i grigi lascerebbe il Novara a + 6 e quindi a soli due punti dalla salvezza rendendo questa opzione la più probabile da conquistare. Senza vittoria, da martedì sera l’unica opzione per evitare i play out rimarrebbe la remuntada su Pergolettese (probabile), Trento (improbabile) ed in caso di eventuale suicidio collettivo su Giana, Renate e Arzignano.

La Pro Sesto, all’opposto della scorsa stagione, gioca un calcio maledettamente brutto: fatica tantissimo a creare azioni da gol e difende con tanti uomini. Giocherà per il pareggio provando qualche sortita, cercherà il gol su calci piazzati e sarà molto difficile giocarci contro. Bisognerà avere pazienza e massima concentrazione.

Contro la Virtus Verona il Novara ha dominato la partita e i numeri sono nettamente a favore degli azzurri: 19 tiri verso la porta avversaria e un indice di “gol attesi” di 2,27 che è un valore molto elevato. Forse Gattuso ha trovato la strada per tornare a produrre azioni da gol in serie anche se la fase realizzativa è ancora deficitaria (un solo gol in tre partite).

Bene anche la fase difensiva (6 tiri subiti e indice XGa di 0,99) e soprattutto porta inviolata per la seconda partita consecutiva. Ora Gattuso ha una difesa ed un centrocampo titolare con i giusti cambi che danno garanzia di rendimento e solidità. In attacco non è ancora chiaro quale potrà essere la coppia migliore da schierare. Se Gattuso riuscirà a trovare la coppia di attacco giusta tra i cinque attaccanti a disposizione avrà completato il suo piano d’azione.

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.