Rimaniamo in contatto

Pensieri e parole

” La caga”

Published

on

Di solito, su questo blog, amo scrivere cose leggere, spesso inventate, articoli che, al netto di come stiano andando le cose, possano riuscire nell’intento di strappare un sorriso: oggi no, oggi non ci riesco, oggi mi sento come l’esatto riflesso della partita di ieri, ovvero di merda.

Verso la fine degli anni ’60, un gruppo rock angloitaliano, i cui componenti venivano definiti dagli anziani di allora, “capelloni”, lanciò sul mercato discografico una canzone che ebbe un buon successo.

Il titolo? “Bisogna saper perdere”.

Il testo descriveva il pianto di un ragazzo disperato per essere stato lasciato dalla morosa per un altro, che però, guarda caso, era proprio il di lui amico, sulla cui spalla il povero stava cercando conforto.

“Bisogna saper perdere, non sempre si può vincere, ed allora cosa vuoi? Quante volte lo sai si piange d’amore, ma per tutti c’è sempre un giorno di sole”

Se proprio si volesse poi cercare il pelo nell’uovo, verrebbe di sponte affermare che sarebbe il caso di ribadire che noi le vittorie ce le siamo scordate da un pezzo, altroché “non sempre si può vincere”; qui ormai la vittoria non si riuscirebbe a conquistarla nemmeno se si giocasse contro la squadretta dell’oratorio, e il giorno di sole siamo abituati a vederlo come al circolo polare artico, ogni sei mesi circa.

E mi chiedo se questi giocatori, capaci di piangere lacrime a domicilio, sono a conoscenza che noi si piange veramente per amore, si piange per un sogno la cui dignità, unitamente al sacrosanto diritto di esistere, sta svanendo come neve al sole, esattamente come la favola che ha incatenato “la bella principessa Novara” al giovine e valoroso “Novarello”. Svanirà anche lui, probabilmente, assieme alla squadra che sa di Primavera, la squadra che profuma di freschezza, quella che dovrebbe consentire di guardare al futuro del “reame” con lungimiranza attraverso la lente di ingrandimento delle plusvalenze, quella squadra che lei si, sa vincere!!

Finirà tutto, seguendo la linea filosofica che nulla è per sempe, niente dura in eterno, tranne la nostra fede.    

E va da sè che quando le cose vanno male e la consapevolezza di essere nella merda prende il sopravvento, l’orgoglio e la volontà, in collaborazione con l’istinto di sopravvivenza, inducono a reazioni scomposte, a volte anche cattive. Vanno capite.

 Novara città tranquilla, Novara città dotata di pazienza e di buon senso, Novara una scrollata di spalle e via, Novara abituata a raspare il fondo del barile facendo leva su quei sentimenti che sono una certezza consolidata e offrono garanzie nelle emergenze, Novara civile come i suoi tifosi, pochi ma buoni nel proporsi e nel reclamare i loro diritti, Novara che non scaverà mai le buche per piantarci le croci in mezzo al campo come fecero ad Ascoli, Novara e i suoi tifosi che però esigono rispetto e dignità, quella di cui quest’anno si sono perse le tracce, Novara che è diventata terra di conquista, dove a turno chiunque sa di tornare a casa con le mani piene dopo aver saccheggiato quello che resta di una grande illusione. 

Diversi e molteplici sono gli slogan che la storia ci ha confezionato affidandoli alla filmografia, alla letteratura, fino ad arrivare a quel serbatoio naturale che è la vita di tutti i giorni, ai quali ricorriamo quando, con i pugni serrati e picchiati con violenza sul tavolo, troviamo magicamente la determinazione che ci mancava.

E se è più facile trovare le motivazioni quando la rabbia ti spinge verso il traguardo di un successo importante, più difficoltoso appare reagire quando il minimo risultato utile riguarda la salvezza.

Faccio un esempio: se c’è pari determinazione nel partecipare a un play off e a un play out, l’elemento che fa la differenza è la paura, che artisticamente mi piace definire “la caga”.

Andammo a Pescara sotto di due gol, per quel play off senza speranza, ci andammo allegri a prescindere, fosse andata brutta saremmo rimasti in B.

Ma un play out no, ad un play out non puoi andarci se non con le mutande piene di merda, il cui peso risulta considerevole sin da quando acquisti il il biglietto per la trasferta, come avvenne, in un parallelismo curioso, qualche anno prima a Varese, quando un risultato già compromesso all’andata, ci condannò, l’anno successivo, alla partecipazione al campionato di Lega Pro, condizionato  poi dal mancato rispetto da parte del Capo, delle regole IRPEF. 

Per i più previdenti, nonché dotati di un’emotività trascendente, che avvertono la necessità di portarsi avanti, la caga inizia nel momento in cui si guarda la classifica che per il momento non ti condanna ancora; la si osserva però con gli occhi strabuzzati fuori dalle orbite, mentre la bocca e le mani assumono i tratti caratteristici dell’urlo di Munch. 

Intanto speri che la posizione della tua squadra nella lista, per qualsivoglia motivo che non ti permetteresti mai e poi mai di approfondire, cambi improvvisamente facendo scalare verso l’alto la sua posizione. Ne basterebbe una sola, cazzo … magari due, due piccoli saltini e il gioco è fatto, dai, giusto per essere sicuri.

Ma le nostre maglie sono vuote, non hanno ancora trovato chi le indossi, non hanno ancora capito chi mai quest’anno potrà offrire loro un senso di appartenenza, di orgoglio, di amore. E dubito che mai riusciranno a trovarlo, almeno quest’anno.

E allora restituitele queste maglie, riconsegnatele ai legittimi proprietari; ma non nelle mani di chi le ha offerte facendo firmare un contratto in quanto anche lui dovrebbe renderci la sua lavata e stirata.

Intanto “la caga”, intesa come sostantivo e non nell’ accezione di verbo, ben mascherata dalle mille sfaccettature della vita, continua ad accompagnarci dalla nascita:  il buio, per esempio; i bambini hanno sempre paura del buio, temono che coperti dall’oscurità, ben nascosti, ci siano i mostri, e a volte purtroppo i mostri ci sono davvero. Le caghe ci ricordano che dentro di noi esiste un luogo misterioso che non conosciamo, e che nonostante i nostri ragionamenti e la voglia di riuscire a controllare tutto, c’è qualcosa che ci spaventa e ci terrorizza. 

A volte è un pensiero passeggero accompagnato da una lieve contrazione del corpo, altre una nube insidiosa di grandine e fitta di immagini scure che ci impedisce di prendere sonno, anche se siamo ben consci che l’aspetto negativo non è determinato dalla caga stessa, ma dal fatto che lei ci indica la presenza di un problema.

E la nostra classifica cazzo se è un problema!!!

E allora nonostante tutto, nonostante lo scempio che si sta consumando tra l’incredulità generale, nonostante le forze e le speranze inizino a vacillare, bisogna reagire, cazzo!!! Mica vogliamo stare qui a convivere con la caga fino a quando la classifica ci condannerà definitivamente??

E allora urliamo quella frase che tutti conosciamo, sputiamola in faccia al destino, ai giocatori, alla società, a tutti quelli che non ci credono, a coloro che dopo le farse andate in scena al Piola contro la Ternana, il Venezia, e sabato il Pescara, hanno abdicato o intendono farlo nei prossimi giorni, a chi ritiene impossibile una salvezza figlia di questo schifo di gioco espresso da questa squadra che al massimo riesce a giocare un solo tempo, diciamo a coloro che rifiutano la lotta e con il loro atteggiamento non rispettano chi, in quel momento, ci sta provando davvero, di continuare a crederci fino in fondo, magari raschiando il fondo di che cosa cazzo volete voi, ma crediamoci ancora. 

Gridiamo e crediamoci convintamente che a non mollare un cazzo aiuterà a raggiungere un risultato positivo, come fece Franco Nero nella scena finale del film western “Vamos a matar companeros” quando con quella frase urlata al vento volle simboleggiare, inequivocabilmente, quanto l’unione potesse generare la forza.

Gridiamolo questo “NON SI MOLLA UN CAZZO”, anche se la ragione pretenderebbe un dignitoso silenzio, e che possa suonare come una tromba quando chiama la carica, ricordandoci umilmente di certi tristi momenti, quando la si urlava con in coda un numero infinito di punti esclamativi; ebbene, quei momenti sono tornati, minacciosi e inquietanti, e ci ricordano che siamo giunti a un punto in cui, per chi tiene a cuore le sorti del Novara, diventa obbligatorio urlare con i pugni serrati: NON SI MOLLA UN CAZZO!!!!

Il nostro dovere l’ avremo fatto. Noi si, lo avremo fatto fino in fondo.

Nonnopipo 

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Pensieri e parole

… solo per rispondere al Vannu.

Published

on

Giusto per rispondere al pezzo del Vannu, metto insieme alcune considerazioni forse già esposte in altre circostanze.

Novara è sempre stata cosi, nostalgicamente rassegnata, bella addormentata nel bosco che però nessun principe potrà mai svegliare, nemmeno Ferranti.

 

Pronta a farsi da parte senza reclamare, invisibile perchè avvolta nella semplicità un po’ egoista della nebbia, culturale e sportiva, come lo stecco che si nasconde dentro lo zucchero filato.

Triste, mesta e mite comunque, buona e elegante, a volte raffinata come solo una gran signora sa esserlo, orgogliosamente priva di cavaliere, quindi non accompagnata nè da Messer Na got meneghino nè da Monsü Parèi torinese.

Troppo buona, troppo sincera e vera o falsa e cortese, sicuramente ingenua, e da troppe faccende affaccendata, autentica come solo una moneta fior di conio sa esserlo.

Indifferente e fatalista anche quando accetta, favorendo sfacciatamente un consumo del territorio tale da collocarla ai primi posti nel Paese per questa specialità.  

A Lei sono stati sottratti gandi affetti, grosse partecipazioni emotive, strutture sociali di grande importanza, senza mostrare le unghie nè far udire il sinistro rumore stridente dei denti digrignanti.

Prima l’ Ente Risi, che strappatoci approdò nella vicina Vercelli, seguito qualche anno dopo dall’ esproprio del titolo di capoluogo del Distretto Militare e, in rapida successione, dall’Università del Piemonte Orientale che più orientale di Novara, in Piemonte, si poteva registrare solo la limitrofa Trecate. Quindi tocca a un pezzo di Provincia salutare Novara, ovvero tutta la parte a nord di quella linea tracciata dal blu dei due laghi, che si insinua fin dentro la naturale bellezza di una serie di valli montane tra le più incantevoli dell’ intero arco alpino. Difficile mettere d’accordo tre realtà territoriali così diverse tra loro per ciò che riguarda storia, cultura e territorio, tenute insieme solo dai confini tracciati su una cartina geografica: troppo diverso il Verbano turistico dei Borromeo rispetto alle asprezze dell’Ossola che si magnificano nella Formazza, e del Cusio dai tratti pittorici che sembrano impressi su una tela addormentata nel tempo, che lì scorre lentamente salvo accelerare bruscamente quando si va a registrare la forza dell’ impatto economico legato all’ industria del rubinetto. 

Ma Novara non si è scomposta, silenziosa e disinteressata, quasi snob, che diventa facile confondere quando sconfina nel menefreghismo, che null’altro è se non l’ anticamera della rassegnazione colpevole. Almeno questa è stata l’immagine offerta dalle varie amministrazioni chiamate ad assistere a tali espropri e che nulla hanno tentato al fine di opporsi a questa emorraggia di strutture che, una dopo l’altra, hanno salutato Novara.

Novara e le sue contraddizioni; il Novara Calcio 1908 che nel 2014 ebbe l’ardire di sfidare e vincere, sola contro tutti, le mafie con i guanti di seta, che poi te la fanno pagare facendoti saltare per aria. Ma il Novara è anche quello che assiste alla condanna di un Bertani, calciatore più sciocco che colpevole, o se preferite colpevolmente sciocco, unico condannato, e mai riabilitato, di quel letamaio che fu il calcioscommesse.

Novara che si incendia per una avventura in Coppa Italia la cui unica certezza è determinata dal poter misurare la propria forza al cospetto di una squadra di serie A e muove tredicimila persone portandole a San Siro, trasformando la Padana superiore in una arteria intasata come manco quella di un infartato poteva esserlo. Novaresi, non certo tutti tifosi, semplicemente entusiasti di aver assistito a Davide che le suonava per un tempo intero a quello spocchioso di Golia.

Novara che celebra due promozioni in modo completamente diverso: quella della serie A, lussuriosa e universale, ospitata come si conviene ad un grande avvenimento nella magnifica cornice di Piazza Martiri, mentre la successiva cavalcata in lega pro, resa più difficoltosa dalle follie penalizzanti legate all’ IRPEF, celebrata quasi in sordina in una piazza Puccini sin troppo ampia, per giunta con il timore di disturbare una città che già si era distaccata dalla sua squadra, a prescindere dalle millecinquecento maglie azzurre che invasero Lumezzane.

Capace però di mobilitarne altrettante in corteo per richiedere l’interessamento ufficiale delle autorità politiche, finalizzato alla ricerca di investitori in grado di garantire la sopravvivenza del calcio in città.

Quindi, caro Capo redattore Vannu, condividendo quasi tutti i contenuti esposti nel suo “pezzo”, le cosiglio di non di non illudersi su un possibile cambiamento di rotta o di tendenza delle abitudini purtroppo consolidatesi con l’ avvento della nuova gestione, che da parte sua, come da Lei sottolineato, ha fatto in fretta ad adeguarsi al tran tran.   

Il Novara del calcio, prima il 1908 e poi l’FC, e la sua città, divntano così interpreti e protagonisti di un film d’ amore in cui l’amore stesso mai esploderà tra loro. Caratteri schivi per natura entrambi, scontrosi e di poche parole, forse antipatici, freddi e distaccati, mai veramente innamorati ma condizionati dall’arrapatura del momento che il fuoco accende, destinato a spegnersi sempre troppo presto e velocemente.

Nati tra riso e zanzare, abituati a farci togliere quello che è nostro di diritto, siamo diventati spettatori ai quali puoi proporre qualsiasi film che non la faremo lunga più di tanto, come del resto è sempre successo e come spiegato all’inizio di questo articolo.

Incazzati per le vigliaccate iniziate con MDS, Re dei malmostosi e degli ignavi, e terminate con il bavoso immobiliarista certamente, riconoscenti a Ferranti and friends di sicuro, ma senza esagerare dai, in fin di cünt suma nuares, Capì Vannu? 

Forsa Nuara tüta la vita 

Nonnopipo    

Continua a leggere

Pensieri e parole

Chi è quello con la maglia numero …

Published

on

In attesa che la società ci ragguagli sull’esistenza del nuovo allenatore, concedendo qualche stralcio e/o straccio di informazione, intervista ufficiale o quant’ altro, cazzeggiamo un poco con qualcosa di leggero che parla di un problema di interesse generale.

 

Lo confesso: sarà per la vista che è sempre più scarsa ogni anno che passa e perde decimi quanto il partito del Berlusca perde voti, sarà che i giocatori, il prossimo campionato, salvo tre o quattro riconfermati, saranno facce e numeri nuovi, credo che sarà dura, molto dura riconoscerli e ricordarne il nome, anno dopo anno sempre più difficile.

Se si considera che l’ ultimo campionato è stato un calvario in tal senso, riuscendo dopo sette mesi a beccarne quattro barra cinque su dieci, prevedo che da settembre in poi spaccherò i maroni ai miei compagni di viaggio, come mai avvenuto in precedenza, chiedendo loro chi è questo o quello.

Le ho tentate tutte per riconoscerli, anche quando il cognome dei giocatori mi giocava vigliaccamente contro inducendomi all’ errore: Pagliai e Paglino, che se non fosse stato per la folta chioma di quest’ ultimo, ancor adesso sarei qui a chiedermi quale dei due usava lo scooter sulla fascia.

Gli stessi dubbi mi hanno fatto compagnia per quanto riguardava il riconoscimento tra Vimercati e Bonaccorsi la cui statura era pressochè identica, mentre per l’identificazione degli altri ricorrevo a tutto quanto i giocatori mi mettevano involontariamente a disposizione.

I tatuaggi sono stati determinanti, da sempre. Un serpente sul polpaccio destro, un geroglifico sull’ avambraccio sinistro, un nome di donna stampigliato sul coppino sono stati elementi fondamentali e di grande aiuto per non farmi fare la figura del pirla.

Mi ricordo circa e sottolineo circa tre anni fa, giocando contro l’ Albissola, al cospetto dei loro difensori e centrocampisti, alti quanto il campanile dell’Alfieri, noi schierammo gli interpreti di un noto cartone animato di Walt Disney che non farete fatica ad abbinare ad un concetto di altezza, ovvero Stoppolo, Cattaneolo, Peraltolo e Mallamolo. Non fui aiutato dalla statura dei nostri, così come non sarei in grado di dare ad ognuno dei sette nani il giusto nome.

Ma il segno di riconoscimento per antonomasia, fatto salvo il colore della pelle non certo per razzismo becero, ma semplicemente per effetto della diversa quantità di pigmentazione nelle cellule della cute, è senza dubbio alcuno la pelata, la quale vanta il pregio dell’ inconfondibilità con qualsiasi condizione di luce o condizione metereologica, nebbia compresa. E qui non posso esimermi dal ricordare la “pelata” più nobile, più rappresentativa, praticamente sacra, appartenuta al grande Nini.

Altri segni attengono alle specificità di alcuni giocatori: se una rimessa laterale in zona attacco raggiunge il centro area come un perfetto calcio d’angolo, non c’è dubbio alcuno, ad effettuarlo non può essere altri che Frank Amoabeng, così come una punizione la cui battuta centra il sette della porta avversaria o il cancello d’ entrata del Provini non può che partire dal sinistro di Pablo.

Inconfondibile, infine, Dardan Vuthay e non solo per il ciuffo biondo, bensì per come è riuscito a spiegare la natura del calciatore che diventa cacciatore, mentre il pallone è l’arma di cui dispone, e la porta è la preda.

Andiamo dunque a cominciare, sperando di non arrivare a maggio e chiedere ancora “Scüsim, fiöi, cume as ciama cul lì?

Nonnopipo 

Continua a leggere

Pensieri e parole

Il padrone del vapore

Published

on

By

Quando sei a capo di un azienda le scelte, facili o difficili che siano, sono sempre e solo le tue.

E quando sei a capo di una teorica start up dove devi iniziare da zero ma non ti puoi inventare niente perché devi ricostruire sulle macerie lasciate da una massa di cialtroni, certe scelte sono ancora più difficili.

È questo lo scenario che si è trovato davanti Massimo Ferranti lo scorso anno ed è quasi il medesimo scenario che sta affrontando nella stagione corrente; il salto da un campionato dilettantistico a quello attuale comporta scelte societarie, tecniche e gestionali completamente differenti con l’aggravio di costi che si convertono in  pluriennali … quelle scelte debbono essere estremamente ponderate perché poi, se ne sbagli anche solo una, te la trovi sul gobbone per due o tre anni.

L’entusiasmo e la passione spesso non bastano e, indipendentemente dal fatto che il “ferry” ha sulle spalle un cinquantino di anni di esperienza, sei di conseguenza costretto ad attorniarti da una serie di collaboratori che, in un contesto per te nuovo come una squadra di calcio, non possono essere fidati ma, spesso, scelti ” a pelle” o suggeriti da quei “grandi vecchi” che, dopo aver banchettato su ciò che poi è diventato maceria, hanno riapparecchiato la tavola pronti ad un nuovo festino.

E il peso di tutto ciò è aggravato da quella massa di coglioni che siamo noi tifosi pronti a definire splendide o improvvide quelle scelte senza conoscerne minimamente i risvolti ma, come spesso avvenuto in passato, proni al passaggio del padrone, pronti ad abbeverarsi alla sua corte sin quando tutto va bene ma altrettanto pronti, al primo segnale di difficoltà, ad abbandonarla confidando, a destra e manca, quanto sia folle un percorso .. tanto paga sempre Pantalone.

Come diceva De Andrè in una delle sue più belle canzoni ” la gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio, la gente da buoni consigli se non può più dare  il cattivo esempio …”.

Massimo Ferranti ha fatto tanto in pochi mesi ed ha fatto anche qualche cazzata … come fa qualsiasi buon imprenditore che ha dovuto prendere delle decisioni con rapidità, raziocinio ed a volte un po’ di follia.

Quando Massimo Ferranti riuscirà, come la trama del film a titolo di queste poche righe, a sbarazzarsi della corte attuale ed a consolidare la sua struttura di supporto siamo certi ne vedremo delle belle.

Buon lavoro signor padrone testa alta e schiena dritta .. come sempre.

Ciumi

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: