Rimaniamo in contatto

Campionato

La polisemia

Published

on

Il fatto che siamo stati i primi, se non gli unici, a lanciare segnali di estrema preoccupazione già dall’inizio di dicembre prevedendo un finale di campionato drammatico non ci da nessuna soddisfazione.

Boriosi, rompi coglioni, ingrati e con interessi personali ( come evidenziato dal Vannu oggi ) è riduttivo …. il pensiero dell’esercito dei bimbiminkia che affollano un muro sempre più sbiadito,     che postano sui social o che scrivono articoli sugli Organi di Stato (pallidi come il controllo di palla di Calderoni), pensiero non manifestato a volte per evidente codardia, è che siamo una massa di schizzati che se la cantano e la suonano…  soloni con la puzza sotto il naso.

Da martedì sera “l’esercito dei bimbiminkia”, invece di concentrarsi sul fatto che era demenziale lasciare Floro Flores da solo in mezzo all’area, ha lanciato strali contro la legge dei poteri forti per un rigore (lampante) che sarebbe stato comunque frutto del caso in una partita giocata bene contro una squadra frastornata per le troppe assenze. Qualcuno ha anche sottolineato il fatto che con due o tre rigori dati, vista la squadra che abbiamo, saremmo stati senza dubbio dalla parte sinistra della classifica.

Ma NOI non capiamo un cazzo, così come non capivamo un cazzo quando abbiamo cominciato a dire che ci eravamo rotti i coglioni di sentire Corini che ci raccontava palle; cosi come non capivamo un cazzo quando abbiamo iniziato a sottolineare che Teti non valeva una minchia come direttore sportivo; così come quando abbiamo evidenziato che un cambio di allenatore a giochi di mercato fatto ci avrebbe messo in enorme difficoltà in primavera; così come la distanza della Società dalla realtà era un elemento di forte preoccupazione. 

Sta nelle caratteristiche polisemiche della parola Novara la differenza di visione …. per la stampa di regime, i bimbiminkia, quelli che “trent’anni di serie c MDS tanta roba” la parola Novara significa speranza, lotta, ottimismo infondato ed anche un po’ di schiena piegata ….

per il resto del mondo, noi compresi, la parola Novara significava, quest’anno, sin dalla prima partita con il Piacenza, mancanza di insieme, mancanza di carattere, incapacità di gestire il cambiamento… una massa di stronzi insomma, dirigenza in testa.

Tutte queste nefaste previsioni si sono concretizzate sabato pomeriggio quando, dopo un primo tempo giocato con dignitosa personalità, il Novara si è sciolto come neve al sole con le sgroppate insulse  di Calderoni, il solito cambio di marcia di Dickmann ( che ormai lo fermerebbe anche Scarda se fosse in campo), i cali di memoria – ormai reiterati – di Montipò che sui palloni lenti si muove come un gatto di marmo, la incapacità di Casarini di velocizzare o di tenere palla… ed abbiamo evidenziato quelli che, sulla carta, avrebbero dovuto essere i punti fermi nell’ossatura della squadra.

… squadra …. anche qui c’è una polisemia : per quei “dirigentoni” che la gestiscono squadra significa prendere dodici o tredici uomini a cazzo, magari con qualche nome importante, ed il gioco è fatto….

per  noi, come per il resto del mondo, squadra significa reparti coesi, comunione di intenti, un leader per ogni reparto che, dentro e fuori del campo, gestisca momenti facili e difficili con i coglioni di filo spinato.

Questo è quanto ci è mancato quest’anno e le responsabilità stanno tutte in chi questa squadra l’ha creata ed avallata … gli stessi che, nel corso dell’anno, ci hanno scassato la minchia quasi ogni settimana perché eravamo distanti e non supportavamo la squadra, perché scrivevamo cose negative mentre, classifica alla mano, la squadra era assolutamente in linea con gli obiettivi…

Dove siete adesso? Incapaci l’avete vista la classifica? Avete provato ad elaborare una tabella simulando i risultati possibili da qui alla fine? …. play out in questo momento … play out….

Ma in ogni società c’è una catena di comando per cui le responsabilità di gestione vanno equamente condivise tra Teti, De Salvo e Morganti … dalla prossima volta, invece di farci chiamare da quel povero cristo di Somma o da qualche giornalista (parola forte) compiacente …. chiamateci direttamente voi.

Ciumi

Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: