BARI-NOVARA 1-2  6 ottobre 1940 Storia e memoria

L’inizio del campionato di calcio 1940-41 di serie A è sorprendente, il Novara vince a Bari, in casa batte il Milano e pareggia a Firenze alla terza di campionato. Il 21 ottobre 1940 siamo in testa al campionato di serie A.

Il resto poi è meglio che non lo racconto ma rimane quel momento, probabilmente storico e unico in cui il Novara fu primo in classifica in serie A. La partita di Bari fu risolta da due gol nel primo tempo: Versaldi e Barberis segnano nei primi 35 minuti, dominati in lungo ed in largo dagli azzurri.

Nel secondo tempo resistono al ritorno dei galletti ringalluzziti da un dubbio rigore.

“l’undici piemontese, con una salda barriera difensiva, contrasta l’ardente finale dei locali”

    

Gli stadi sono pieni, i tifosi si arrampicano sugli alberi per assistere allo spettacolo domenicale ma i venti di guerra soffiano irruenti, la battaglia d’Inghilterra è al suo culmine e l’Italia vuole fortemente essere protagonista e così scatena tutta la sua potenza bellica contra la Grecia.

Proprio in quei giorni di gloria calcistica per il Novara, l’Italia entra in Grecia, con la benedizione che ben presto diventerà una maledizione, di Hitler , costringendolo qualche mese più tardi ad intervenire direttamente per sostenere lo sforzo bellico contro l’esercito greco.

 

La campagna di Grecia costò in 6 mesi di guerra più di 20.000 vittime italiane e rivelò al mondo ed anche all’alleato tedesco la pochezza del nostro esercito anche di fronte ad un avversario bellico non formidabile come quello greco.

Poteva esserci tutta la propaganda del mondo ma se l’Italia era quella di Beniamino Gigli che faceva piangere anche il più ardito tra i combattenti, come pretendere di vincere una guerra?

 


Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: