Rimaniamo in contatto

Storia e memoria

SALERNITANA-NOVARA 1-2 10 settembre 2005

Published

on

Settembre 2005, il Novara di Cabrini va a Salerno ma la testa di tutti i tifosi è rivolta alla partita con il Genoa. Quella partita, che si dovrà disputare quindici giorni dopo, è percepita come un ritorno a casa; la sfida con i rossoblù ricorda la serie B, risveglia sensazioni ormai lontane degli appassionati più datati  e stimola nuovi giovani tifosi azzurri. Il timore che in quel momento era quasi una certezza, di dover giocare in campo neutro la partita per motivi di ordine pubblico, agita l’opinione pubblica sui social, nei bar e sui giornali.

Ma prima c’è da affrontare la proibitiva trasferta di Salerno mentre nel mondo ed in Italia, sembra una qualsiasi giornata odierna: paura del terrorismo, la solita strage di immigrati in mare, proposte di legge sulle coppie di fatto e sulla riforma elettorale. A distanza di 13 anni, tutti problemi rimasti irrisolti.

Madonna, nonostante i 47 anni è ancora in splendida forma e probabilmente, accompagna gli azzurri nel lungo viaggio verso la Campania.

Il Novara è in una situazione complicata, la nuova società dopo una interessante campagna acquisti, si sta sfaldando e si intravedono le difficoltà che puntualmente arriveranno. I tifosi a giugno avevano capito in anticipo che l’allontanamento di Borgo e la formula “società satellite” della Juventus non poteva funzionare, contestando la proprietà nell’indifferenza della città.

La Salernitana è insieme al Genoa la favorita del girone ed il fattore campo spesso fa la differenza in quel periodo.

Al 15’ la Salernitana, alla prima occasione, passa in vantaggio azzerando le speranze dei 50 tifosi azzurri giunti a Salerno.

Invece Cabrini, all’inizio del secondo tempo, inserisce coraggiosamente la terza punta, affiancando a Rubino ed Elia anche Martinetti.

Il “cobra” diventa una spina nel fianco della difesa salernitana e basta un quarto d’ora per raggiungere il pareggio:

“Rubino raccoglie un pallone al limite dell’area, lo difende da Ignoffo e batte Ambrosio. I 50 supporters novaresi che fino ad allora avevano pensato che a Salerno avrebbero preso solo il sole a dorso nudo sulle tribune della curva nord dello stadio dell’Arechi, esultano quasi sorpresi”

La Salernitana, probabilmente ancora a corto di preparazione è in ginocchio, ed il Novara al 90’ ne approfitta. Scotti ferma fallosamente Martinetti al limite dell’area e viene espulso, la punizione successiva viene affidata a Martinetti che buca clamorosamente la barriera che la Salernitana in confusione totale, dispone malissimo.

I giocatori azzurri si abbracciano sotto la curva dei loro tifosi e festeggiano una vittoria insperata

Da questo momento tutti si concentrano sulla sfida con il Genoa: sotto la spinta dell’opinione pubblica e grazie all’intervento del sindaco Giordano che in odore di elezione si spende personalmente per la causa, la partita viene disputata nel nostro stadio con una divisione dello stadio in due settori: curva sud e distinti ai genoani, curva nord e tribuna ai tifosi azzurri. Il risultato è uno spettacolo cromatico e di folla entusiasmante, la partita si svolge nella massima correttezza ed in un crescendo di emozioni, fino al gol del pareggio, in pieno recupero di Elia. Non sapevamo ancora che sarebbe stato solo un anticipo del nostro ritorno a casa ma forse quel giorno, ritrovammo l’orgoglio per poter tornare a sognare la categoria superiore.

 

  

Se la cava meglio con i video che con la scrittura, spiega meglio il passato che il presente. Ma l’importante è che ci sia Novara ed il Novara di mezzo. La sintesi è la sua dote migliore.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Storia e memoria

Gigi Riva è leggenda

Published

on

E la leggenda giocò contro il Novara. Il 16 dicembre 1962 con la maglia del Legnano, Gigi Riva rimase in panchina e non giocò sul campo ghiacciato di Via Alcarotti ma nella partita di ritorno, il 28 aprile 1963 incrociò i tacchetti con un giovane stopper, il ventiduenne Nini Udovicich. Gigi Riva aveva 18 anni e posso solo immaginare quante sane scarpate si diedero quei due giovani calciatori. Protagonista di quella partita, fu un altro diciottenne, Luigino Giannini che prese un pugno sul naso dopo pochi minuti di gioco accusando una copiosa emorragia. I due ragazzini giocarono insieme diverse volte nelle Nazionali giovanili e si narra che nessuno come Luigino Giannini da Novara riusciva a scambiare la palla con Rombo di Tuono che lo segnalò come il suo partner ideale.

Nell’estate del 1965 Gigi Riva tornò a Novara con la maglia del suo Cagliari per affrontare gli azzurri in Coppa Italia. Non era ancora Rombo di Tuono ma aveva già realizzato una ventina di gol in serie A in due stagioni e a giugno aveva esordito a soli 20 anni in Nazionale. Il 29 agosto il Cagliari sconfisse il Novara uno a zero con un gol di Longoni ed il fotografo de La Stampa immortalò il momento del gol del Cagliari, inquadrando nello scatto il giovane Gigi Riva rendendo la foto per noi unica, per aver fissato inavvertitamente l’immagine della leggenda, in campo contro il Novara.

Quindici anni dopo la sua apparizione sulla panchina del vecchio comunale, Gigi Riva faceva ancora parte della rosa del Cagliari ma non giocava più per i troppi infortuni che avevano caratterizzato la sua carriera.  Quando il 27 febbraio 1977 il Cagliari arrivò allo stadio di Viale Kennedy per incontrare il Novara, un ragazzino già malato di azzurro, andò allo stadio come sempre con suo padre, con il sogno di vedere giocare il mito Gigi Riva, cercandolo invano tra gli undici cagliaritani in campo. Quando a due minuti dal termine un giocatore si alzò dalla panchina per entrare in campo, finalmente pensai di realizzare il mio sogno: era Riva, doveva essere Riva, non poteva essere che Riva. La gioia di vederlo in campo si mischiava con la preoccupazione per le sorti del Novara, con Riva in campo avremmo sicuramente perso. Invece la partita finì con un mesto zero a zero e solo anni dopo scoprii che ad entrare in campo non fu Gigi Riva ma Oreste Lamagni. A mia discolpa una certa somiglianza tra i due e la lontananza dai distinti alla tribuna che a quell’età sembrava siderale.

Non so se quel giorno Riva fosse in panchina, in tribuna oppure a curarsi in Sardegna ma il senso lo avete capito: il mito di Gigi Riva superava qualsiasi immaginazione e la voglia di vederlo in campo fece vedere ad un giovane tifo azzurro Gigi Riva nelle fattezze di Oreste Lamagni.

Continua a leggere

Storia e memoria

Facciamo definitivamente chiarezza sul titolo sportivo

Published

on

By

Riceviamo un contributo da un nostro lettore (che ovviamente parla con cognizione di causa, ma su sua richiesta non citeremo il nome), che dopo aver letto l’editoriale di prima ci ha inviato questo contributo. Lo ringraziamo da parte dello staff di NSM e lo faccio anche io a titolo personale per il suo prezioso aiuto che spero potrà fare un po’ più di chiarezza sulla questione titolo sportivo.

Nell’estate 2021, con la mancata iscrizione di novara calcio spa, è stata attivata con figc la procedura prevista dall’articolo 52.10 delle noif che, di fatto, ha portato il titolo sportivo della “squadra della città” nella disponibilità del sindaco e quindi, tramite una procedura di evidenza pubblica, alla neo costituita novara football club ssd srl (poi trasformata in novara football club spa).
Il titolo sportivo di novara calcio spa è quindi quello oggi in uso a novara football  club spa così come la “tradizione sportiva” di novara calcio è riconosciuta da figc in capo a novara football club spa come “squadra della città”.
L’operazione fatta nel 2021 è diversa da quella di Chievo e la matricola di novara calcio, a differenza di quella del “vecchio” Chievo, non esiste più in figc e non potrà in alcun caso essere messa all’asta.

A testimonianza della grossa differenza tra l’operazione Chievo e Novara, ecco la riprova del fatto che la prima matricola risulta ancora effettivamente affiliata a FIGC mentre la seconda non più.

 

       

 

L’elenco delle Società affiliate è possibile verificarlo qui.

In sostanza, come temevo, il dibattito sull’acquisizione del titolo sportivo è continuamente alimentato da una falsa speranza e soprattutto da una convinzione di base errata: che si possa acquisire e/o rilevare. Nei fatti si è già concretizzato il tutto nel 2021. Facciamocene quindi una ragione: Novara Calcio 1908 non esiste più e soprattutto non esisterà mai più. Riprendiamoci ora la storia “materiale” e custodiamo nei nostri cuori quella affettiva e passata stringendoci intorno a Novara FC.

Claudio Vannucci

 

Continua a leggere

Storia e memoria

L’ultimo saluto?

Published

on

Il 29 novembre è iniziata l’asta fallimentare dei CIMELI, PREMI, PUBBLICAZIONI, COPPE E TROFEI DEL Novara Calcio 1908 che si concluderà il 13 dicembre con l’assegnazione del lotto al miglior offerente.

La romantica ossessione verso la Storia del Novara Calcio mi ha portato a chiedere al referente della procedura fallimentare di visionare il lotto 3 e ho avuto così la possibilità di salutare forse per l’ultima volta quegli oggetti che rappresentano 115 anni di Storia. Il centinaio di coppe e trofei accatastati nelle stanze di Novarello, sono oggetti senza valore, bruttini da vedere, alcuni rovinati e senza un contenuto sportivo intrinseco perché non simboleggiano una vittoria in Champions League ma al massimo una Coppa di Lega di serie C.

Eppure, quegli oggetti contengono un valore che è difficile da spiegare. Accarezzare un’ultima volta la storia del Novara è stato un privilegio ed un onore: il pallone di cuoio preso a calci dai vecchi eroi azzurri, il quadretto con lo storico scudo novarese, la maglia della promozione 2002/03, la Targa di riconoscimento della Stella d’oro al merito sportivo, le decine di pubblicazioni d’epoca, lo stendardo storico del A.C. Novara, sono oggetti che emozionano e non dovrebbero finire nelle mani sbagliate.

Il Comune di Novara è riuscito tramite la Soprintendenza ad ottenere la sospensione della vendita all’asta che da oggi è bloccata per 120 giorni. È il segnale che l’amministrazione cittadina sta veramente cercando di portare a casa la Storia del Novara evitando speculazioni. Questa è un’ottima notizia, vedremo se definitiva.

Finita la parte sentimentale, segnalo che probabilmente la nuova proprietà del FC Novara dovrà mettere immediatamente nel conto anche il rifacimento degli spogliatoi, il cambio delle panchine da campo, il rinnovo degli sky box e tutto il materiale attualmente in uso allo Stadio Piola. Questo materiale che fa parte di altri due distinti lotti è all’asta e giustamente non è stato bloccato dalla Soprintendenza. Viene attualmente usato dal FC Novara ma dal 13 dicembre i nostri ragazzi e le squadre ospiti, potrebbero non avere più uno spogliatoio nel quale cambiarsi ed una panchina sulla quale sedersi. Eviterei volentieri una figuraccia a livello nazionale ed invito vecchia e nuova proprietà a fare un’offerta.

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.