Il peso della penna Pensieri e parole

Come era facile ipotizzare, relativamente allo spiacevole incidente successo a Bruno Tedino durante Novara Palermo il Giudice sportivo si è pronunciato con una non pronuncia. In sostanza ha “detto” che non si è potuto nemmeno archiviare il caso visto che lo stesso, inteso come possibile episodio causato dal pubblico e quindi passibile di un provvedimento nei confronti della Società, per gli organi preposti al giudizio non sussiste. E’ evidente che il nostro ex allenatore sia stato vittima di un “qualcosa”, che sia stato determinato da un evento traumatico piuttosto che da un malore non è dato saperlo, ma appare evidente a chiunque si approcci alla vicenda con una visione lucida e serena che questo potesse essere il solo epilogo possibile visto che, sul campo (e immagino dalle telecamere), non è stato trovato assolutamente nulla che potesse ricondurre il tutto ad un lancio di qualche oggetto dagli spalti.

Come più volte ho scritto, lavoro a Milano; sono circondato quotidianamente da colleghi e amici che del Novara sanno il giusto, ovvero nulla, e che captano cosa succede nel nostro mondo esclusivamente da quello che gli racconto io o da quel poco che i media nazionali scrivono. Lunedì mattina in ufficio sono stato accolto da persone stupite e indignate per un gesto considerato criminale e scemo fatto da una tifoseria insospettabile. Ovviamente considerato avvenuto al 100% proprio perché così è stato raccontato dai media che, eccezion fatta per la quasi totalità di quelli locali (ma ci mancherebbe che così non fosse) hanno avuto un approccio palesemente inquisitorio e di condanna verso un episodio sul quale non è mai esistita una prova o una testimonianza al di fuori del dolore fisico che purtroppo Tedino ha evidentemente provato. La cosa vergognosa è stato leggere i titoloni di alcune primarie testate nazionali sul web e ascoltare i commenti live di Sky totalmente a senso unico, seguiti a ruota da alcuni media palermitani che però si sono messi nella condizione di nemmeno essere presi in considerazione visto la ridicola e fantascientifica ricostruzione del fatto degna di una fiction girata a Cinecittà.

Come dicevo, la cartina tornasole dell’immagine della Società e della città si ha nel verificare come si viene percepiti all’esterno, da chi non si sofferma nei dettagli e non verifica in profondità le notizie (quindi parliamo del 95% della popolazione almeno) e la reazione dei miei colleghi certifica l’evidente danno di immagine subito dal Novara ma anche dai suoi tifosi. Sono l’ultimo che può permettersi di dare lezioni di giornalismo, ma credo di non poter essere smentito da nessuno se faccio presente le differenze tra lo scrivere per esempio “Giallo a Novara, malore a Tedino, si indaga sull’accaduto” oppure “L’allenatore del Palermo Bruno Tedino colpito da un oggetto lanciato dagli spalti”. La penna che si impugna o i tasti che si digitano possono essere armi micidiali in grado di spostare l’opinione pubblica, e proprio per questo da chi lo fa per mestiere ci si aspetterebbe almeno un livello di onestà intellettuale che si è fatto francamente fatica a ritrovare in certi titoloni e in certe ricostruzioni.

Ed ovviamente, in tutto questo, la Società Novara Calcio è riuscita come spesso accade a farmi girare i coglioni proprio per l’immobilismo adottato. L’intervento di MDS, che ho lodato e lodo ancora, è stato preciso e puntuale ma di fatto è rimasto confinato nel microcosmo novarese. Pur immaginando che a quelle parole  a Radio Azzurra siano seguite telefonate ai diretti interessati, e comprendendo pure l’attesa di un’eventuale pronuncia della Procura che poi non è avvenuta, trovo errato non aver pubblicato ieri pomeriggio almeno una nota di sdegno nei confronti di chiunque si sia permesso di andare oltre alla mera cronaca e al racconto dei fatti realmente accaduti ma abbia contribuito ad alimentare il sospetto. Non si può sempre stare zitti per paura che qualcuno si offenda e non si può sempre e comunque stemperare i toni in virtù di un buom clima che, casualmente, è sempre ostile nei nostri confronti. Da lettore di giornali pagante, da tifoso militante e da uomo di stadio mi son sentito offeso da questo trattamento inquisitorio e sufficiente che ci è stato riservato, che per quanto mi riguarda avrebbe meritato una replica ufficiale del Novara Calcio che, mentre sto scrivendo questo articolo, purtroppo non è ancora avvenuta. Nel rispetto di Bruno Tedino che non si è sicuramente divertito ma anche e soprattutto nel rispetto e a tutela di noi tifosi.

Mai una gioia insomma.

Claudio Vannucci

 

(la foto in testa all’articolo è stata presa sul web fonte Tuttosport)


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: