Cuori azzurri da applaudire: Alberto Merlo Cuori azzurri

Questa storia non è troppo diversa da tante altre che raccontano quanto il calcio, a volte, riesca ad essere spietato e cattivo.
Abbandonando per un attimo le luci della ribalta, che illuminano la scena dove si consumano i successi e le glorie, ci si imbatte in racconti che, proprio per come sono andate poi le cose, soggiorneranno per lunghi anni molto più vicini all’anima di quanto sia lecito sperare, riuscendo, con la giusta discrezione, a marcare quelle emozioni capaci di velare i sentimenti con tristezza e nostalgia. Tristezza, perché quando si spezzano le ali ad un sogno non c’è nulla che possa restituirti la storia come avresti voluto fosse.
Quella di Alberto Merlo, giovane promessa delle giovanili del Novara, è proprio una di queste storie, che non celebrano successi, ma raccontano con quanta angoscia e eccessiva disinvoltura, il calcio usi spesso il rovescio della medaglia per mettere in scena episodi dal finale in cui mai avresti voluto essere spettatore.
E noi della redazione di “Novara siamo noi” quegli applausi che sicuramente avresti ricevuto, te li facciamo ora.

In omaggio al protagonista azzurro di questa storia, ho scritto questi versi in dialetto, per il semplice motivo che questa era la lingua che fin da bambini abbiamo sempre adottato, anche quando si giocava …

 

… sül campètt drera la gésa tütt pelà ‘mè ‘l fant da picch
a purtát via di pé la bala l’era bon gnanca al “barlìch”

una spana dzura i áltar, dentar i veni al to balón,
e da bali agh n’era mia…da tüti ti s’eri al püsè bon!!

Sempar prim rivà ‘l campètt sempar l’ültim andá via
la to nona che ’t ciamava : “Alberto!, lè tardi,anduma via!!!”

e smeava da sentì una puesia, quand la bala cun i pé ti caressavi,
l’era cume ascultá una meludia a guardà cume al fulbar ti calciavi.

Ma ‘l temp ch’ al passa l’e un manigold ch’ al roba i ani e cul campètt,
quand l’alenadùr dal Nuara, sciur Calloni, tütt séri at ciama al sò cuspètt.

Ti stavi pü ‘n tla pell dla cuntentèssa, al to nom int la lista di cunvucà!!
e qual unúr, urgoli e che belessa, pudè giügà ‘n tla squadra dla to cità.

Esurdì in serie B a disnöv ani l’è un po’ cume disvegias dopu una cioca,
e dèss ch’ hin drera a dà i furmassion süi brasc at vegna spèssa la pèll d’oca

L’è ‘l vintidü da magg dal növcentsetantasètt*,quand l’arbitro al cumencia la partida,
e ‘l destin che l’è scaruss e impertinent, da vigliacch cum lè at lancia la só sfida.

Un giügadur dal Lecce sü la schena al nümar vott,süi gambi at fa un’entrada d’assasin,
ti meti i man in facia, la buca int una smorfia,dulur,paüra,rabbia,ti piangi mè un fiulìn,

la stadio l’è una tumba, a cala gió ‘l silensi intant che la to vus la squarscia l’aria,
la furtüna che fin lì at cumpagnava l’è ciapà un’altra strá a ti cuntraria.

La riva la barèla e pö la Croce Rossa, it cargan e pö da cursa as va al Magiur,
e l’è un viagg che ‘l finisa la só cursa,propi indua finisa la carriera da calciadur.

e la ment la cura indré a cul campètt drera la gésa indua al balòn cun i pé ti caressavi,
e a cul destin che s’ha vistì mè una carogna cunt un final che propi mia ti meritavi.

 

Grazie Alberto per questa opportunità che hai offerto a me e al nostro blog di ricordarti, restituendoti almeno una piccolissima parte di quella giustizia che un episodio bastardo ti ha tolto.

Nonnopipo

*1977


Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: