Rimaniamo in contatto

Editoriale

Martedì vinciamo noi.

Published

on

Avete presente la perfetta catena di montaggio di una qualsiasi officina meccanica di una delle tante aziende industriali che per esempio producono biscotti? Gli operai che ci lavorano partono dai singoli materiali, li appoggiano su un rullo, li fanno entrare nelle singole parti delle macchine che li puliscono, li tagliano, li assemblano, li mettono in cottura e alla fine li impacchettano pronti per finire in un altro reparto della filiera distributiva fino ad arrivare nelle nostre case. Ogni passaggio è preciso, perfetto nei suoi ritmi di lavoro e nei rispetti dei tempi in modo che non ci sia mai nessun intoppo e si possano ogni giorno produrre un buon numero di confezioni finite. Ecco, i campionati di merda sono tutti sempre incredibilmente simili ad una perfetta catena di montaggio aziendale: arrivano i giocatori, si allenano col nuovo allenatore, si spendono belle parole, si creano aspettative ed entusiasmo, inizia il campionato solitamente male, non ci si scoraggia, la classifica non è buona, iniziano gli infortuni, ci si mettono gli arbitri, la piazza contesta, si prova a rialzarsi tutti insieme ma sul medio periodo i risultati continuano a non arrivare, ci si demoralizza, si cambia l’allenatore, quello nuovo crea entusiasmo, si vince la prima partita ma nel medio periodo i problemi ritornano. Se ci fate caso lo schema è sempre lo stesso, quasi mai c’è una deviazione ad un tema che nel caso di una catena di distribuzione industriale porta sempre al lieto fine dell’impacchettamento, ma nel caso di un campionato di calcio non è così scontato succeda.

Seppur con oggettive differenze rispetto alle prestazioni viste all’epoca di Corini, è evidente di come il trend di Di Carlo abbia preso una pericolosa tendenza al ribasso: vittoria, pareggio, sconfitta che, classifica alla mano, ci ha ancora mantenuto nella zona retrocessione peraltro avvicinandola drammaticamente, e il fatto si sia giocato contro tre squadre che, a prescindere dalla loro posizione in classifica, non sono state assolutamente espressione di un calcio spumeggiante e di valori tecnici dei loro giocatori clamorosamente superiori ai nostri, rende la situazione generale ancor più complessa e pericolosa. Ma questa classifica, vista dal punto di vista di una piazza incattivita che non è intenzionata a perdonare la minima cosa e a concedere più sconti a nessuno e che ieri non ha avuto dubbi nell’attribuire ai cambi dell’allenatore la sconfitta in Irpinia, bisognerà velocemente accettarla, visto che le posizioni di fine Febbraio molto spesso sono coerenti con quelle che leggeremo a metà Maggio, e ciò indica una sola cosa: ogni partita sarà una battaglia sportiva che andrà affrontata con un livello di cattiveria agonistica molto alta. Se nessuno ci regalerà nulla e tutto dovremo guadagnarcelo, sarebbe già un buon passo avanti non commettere certi errori da principianti tipo parlare di playoff in conferenza stampa (sarebbe anche opportuno che chi pone ai giocatori le sue domande quantomeno non le faccia con la malizia di chi vuole portare i calciatori, che premi nobel di intelligenza non lo sono per definizione, a dire cose che magari non pensano, ma questa riflessione la scrivo solo tra parentesi perché come sempre finisce che faccio incazzare qualcuno e davvero non voglio farlo), o commettere in partita errori banali in fase difensiva come successo ieri ad Avellino.

Le mie competenze calcistiche sono troppo scarse per poter capire se davvero le sostituzioni effettuate da Di Carlo ieri sono state la causa della sconfitta, per cui come sempre mi baserò sulle sensazioni avute vedendo la partita. Ho visto un Novara che, pur coi suoi noti limiti, ha provato a fare la partita e a vincerla, esattamente come ha fatto nelle precedenti due gare nelle quali, tolta la prima che si è messa meglio, i cambi effettuati sono stati simili: Di Carlo mi ha sempre dato l’impressione ad un certo punto di volerla provare vincere inserendo attaccanti nel finale, atteggiamento che difficilmente si vedeva prima quando ci si accontentava di non perdere o di non prendere goleada tipo a Parma. Se è vero che il goal del 2-1 è nato da un errore di mancata marcatura a Gavazzi fatta da chi ha preso il posto di Dickmann (per cui non vi è una riprova che senza questa sostituzione il goal non lo avremmo preso, semmai solo una sensazione) forse concettualmente me la prenderei più con chi ha colpevolmente lasciato solo il giocatore avellinese che con chi ha fatto il cambio, visto che mi aspetterei da un giocatore di serie B che non commetta simili leggerezze. Ma sono dettagli che non aggiungono nulla e non portano da nessuna parte quando invece noi ora abbiamo bisogno di positività e di costruire e non di distruggere con le nostre considerazioni e bocciature. Il fatto è che quando giochi 3 partite in 7 giorni sei obbligato a far rifiatare i tuoi giocatori, a fare turnover e far giocare un po’ tutti e questo è proprio il nostro vero limite visto che non possiamo permetterci di farlo causa inadeguatezza della rosa. Tolti i soliti noti, con gli altri in campo è un terno al lotto. Mi auguro quindi che Di Carlo ora abbia provato sulla sue pelle cosa voglia dire affidarsi a taluni elementi e che abbia capito su chi possa realmente contare in certe situazioni.

Nella passeggiata in centro col Mister è stato possibile fare una lunga chiacchierata in cui è emerso tutto il suo carattere forte e la voglia di vincere. Nessuna difesa a prescindere da parte mia nei suoi confronti ma solo una considerazione: abbiamo un allenatore che in poco più di un decennio di attività ha perso addirittura un preliminare di Champions causa una papera del portiere al 96′, ha allenato 7 anni in A ed è passato quasi sempre indenne in piazze sicuramente più problematiche della nostra (Livorno, Cesena, Spezia tanto per citarne 3). Se è vero che oggettivamente nemmeno Corini sul one to one a pelle mostrava di essere inadeguato, è altresì vero che Di Carlo si porta con se una dote di carisma e di esperienza che sarebbe un peccato mortificare con uno scetticismo frutto solamente della nostra delusione accumulata in questi mesi. Il “peccato originale” (cit. Ciumi) è stato fatto nella scorsa estate con una rosa discutibile e per questo Di Carlo non ha colpa. Sbaglierà come tutti, ma a questo punto della stagione vale la pena sostenere lui e la squadra. Al netto di quella forma di paraculismo che è normale trovare in certi allenatori navigati, ci ha detto con convinzione che lo scorso anno il suo Spezia, se avesse avuto l’attacco di questo Novara, sarebbe andato sicuramente in A. Probabilmente tra questa forzatura piaciona e il “finché sarà nel Novara sarà il mio Van Basten” di Sergio Borgo usata con gente che si faceva fatica a classificare come calciatori, esiste una via di mezzo che è fatta della nostra realtà, con giocatori che effettivamente sulla carta spesso sono superiori agli avversari e che, con un gioco un pelo più organizzato e spregiudicato, speriamo ci regalino una salvezza che sarebbe davvero atroce non portare a casa. Fortunatamente si gioca subito e in questi casi è meglio così. Martedì sera lo stadio sarà probabilmente un po’ più pieno del solito causa massiccia presenza ospite, ma questo spero sia ugualmente da stimolo per i ragazzi che vestiranno la nostra maglia. Tanta gente da mezzo nord Italia verrà a Novara per assistere ad una festa che, peccato per loro, sarà la nostra. Tutti al Piola.

Claudio Vannucci

 

 

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

…che lei salva lui!

Published

on

By

E cosa succede dopo che lui ha scalato la torre e salvato lei?

Che lei salva lui

Il celebre finale di Pretty Woman è ciò che più si avvicina alla realtà che abbiamo vissuto quest’anno. Un anno iniziato in salita, con tanti rischi e incognite, dove inizialmente ci ha visti tutti protagonisti uniti nel prendere per mano la squadra, proteggendo un improbabile gruppo col fine unico di salvaguardare, o meglio salvare, il nostro Novara. Unione che partita dopo partita si è inevitabilmente sgretolata, vinta da quei fatti che, inequivocabilmente, mostravano il disastro di un progetto low cost insostenibile e, forse, irrealizzabile. Il tutto durato fino a quando, col cambio di proprietà e la creazione di un nuovo gruppo, lentamente abbiamo assistito al ribaltamento dei compiti, questa volta con la squadra che ha preso per mano la piazza accompagnandola ad una salvezza che, dopo i soli 15 punti dell’andata, pareva irraggiungibile. E cosi siamo arrivati alle 20 di domenica 19 maggio 2024 quasi con gli occhi lucidi, forse pure un po’ magonati, perché quella fine di stagione più volte auspicata da tutti, e ieri sera arrivata, pone fine ad una storia probabilmente di irripetibile, quanto meno per come è maturata, e che ricorderemo tutti con affetto per sempre. Se prima tutto era da buttare, oggi ci sono molte basi sulle quali costruire una nuova stagione che non potrà prescindere da alcuni rinnovi: Gattuso in primis (mi risulta che con la salvezza sia scattato il rinnovo automatico), Urso e Ongaro. Quanto meno perché l’eventuale perdita rappresenterebbe un fatto impopolare e poco gradito.

Torno a ripetermi rispetto al precedente editoriale: ha vinto Lo Monaco, ha vinto la proprietà, ha vinto la filosofia dello spendere qualcosa in più. E adesso arriva il bello perché se prima si doveva parlare di costruire l’arca di Noè per salvarci, ora c’è da costruire un castello, ma soprattutto una nuova storia che speriamo non dovrà più raccontare angosce e paure di retrocessione. Concordo con chi sostiene che, talvolta, sia meglio una salvezza ottenuta con lacrime e sangue di una totalmente anonima e anaffettiva, ma è altresì vero che un lieto fine ottenuto una volta non rappresenta garanzia futura di finale analogo. E se oggi sono qui a raccontare la mia tristezza per la fine di questa stagione è solo perché ci siamo salvati (bene), perché se lo stesso gruppo avesse perso i playout oggi staremmo parlando di altro. Certamente siamo alla vigilia di un’estate molto più tranquilla della scorsa, in cui i nostri pensieri saranno solo rivolti al calciomercato inteso come un momento di speranza positiva e non come lo scorso in cui, al telefono con l’amico Faranna, la domanda che ci facevamo dopo ogni rumors era: “e chi cazzo è questo?”. Ma di questo avremo tempo per parlarne.

Oggi è tempo di goderci questa salvezza, e di rendere onore a chi ha contribuito a raggiungerla. Abbiamo vinto un po’ tutti, dove nel tutti ci metto quello zoccolo duro di tifosi che ha mangiato tanta, tantissima merda. Ma non ha mai mollato. E’ stato un anno difficile, soprattutto triste perché si è reso protagonista di tanti addii di cuori azzurri che ci hanno lasciato. E mi piace oggi pensare che siano tutti lì, un po’ magonati come siamo noi, ma felici per aver vinto. Perché poi il calcio si sintetizza cinicamente così: perdere una finale di playoff o vincere un playout alla fine porta allo stesso risultato: esserci ancora il prossimo anno. E noi ci saremo.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Abbiamo vinto tutti

Published

on

By

In queste occasioni la mia testa si divide sempre tra quella corretta scaramanzia che imporrebbe di non esporsi troppo fino a quando l’obiettivo non è stato raggiunto, e quel rispetto alla razionalità ed oggettività dei fatti che, ovviamente, mi fanno guardare con un po’ di disprezzo e noia chi fa notare quanto la salvezza sia ancora da conquistare. In questi casi mi e gli ricordo che il nostro compito è quello di essere tifosi, e pertanto dovremmo dare per scontato un approccio più umile da parte della squadra ma, contemporaneamente, più sereno nostro. Perché in tutto il mondo oggi è evidente come il Novara si sia salvato. Poi, certo, è tecnicamente possibile perdere con 3 goal di scarto la partita di ritorno, ma mi permetto di suggerire ai cultori del “non dire gatto se non l’hai nel sacco” di non eccedere in manifestazioni tafazziane porta sfiga. E che cazzo, siamo reduci da 9 mesi di merda, vinciamo in trasferta 1-3 la partita di andata contro una squadra che, ricordiamolo, con ieri ha perso 5 partite su 5 in questa stagione contro di noi, è così reato godere?

Con la partita di ieri (o con quella di domenica prossima, se preferite) si sta delineando la vittoria di PLM. Ha avuto ragione lui. Ma soprattutto ha avuto la ragione la filosofia in base alla quale bisogna spendere per inserire in rosa qualità o, comunque, esperienza. Solo dopo si possono questionare alcune scelte che, oggettivamente se guardiamo il mercato invernale, non hanno pagato. Ma con la partita di ieri (o con quella di domenica prossima, se preferite) nasce davvero la vera era PLM (& Co), perché è adesso che potrà agire costruendo una squadra da zero, senza il pensiero di una classifica drammatica e, auspicabilmente, con un innesto di liquidità sufficiente a far si che non si debba mai più convivere con lo spettro di una retrocessione.

Con la partita di ieri (o con quella di domenica prossima, se preferite) è nata una nuova stella. O semplicemente si è guadagnata non solo la riconferma, ma una maglia titolare Gaston Ongaro, che per proprietà associativa rappresenta un’ulteriore vittoria di PLM visto che è stato un acquisto tutto suo. Forse il ragazzo ci ha messo un pochino troppo ad ambientarsi, forse ci ha messo un pochino troppo a trovare la forma, forse è anche stato un pochino sfigato ma anche un pochino troppo timido, ma certamente dal punto di vista tecnico sempre impeccabile. Certo andrà messo nelle condizioni di dare il meglio, e probabilmente gli va affiancato un “Felice Evacuo” del caso, ma il goal segnato ieri è cosa che difficilmente si vede in questa categoria.

Con la partita di ieri (e speriamo anche con quella di domenica prossima) si è dimostrato quanto anche questa categoria non può fare a meno della tecnologia. Sono sempre stato un estimatore del var, sicuramente perfettibile e criticabile per alcune distorsioni al gioco del calcio che ha provocato, ma se è visto come uno strumento in grado di correggere un errore macro allora è perfetto. Come ho detto è perfettibile, e in tal senso grida vendetta il non goal della Giana, ma altrettanta vendetta avrebbe gridato la non concessione del nostro rigore apparso evidente a tutti allo stadio. Non posso non pensare a che campionato avremmo potuto fare se la tecnologia fosse stata presente in tutte le partite. Certamente non saremmo primi, ma magari ci saremmo risparmiati Fiorenzuola.

Con la partita di ieri (e speriamo anche con quella di domenica) ha vinto anche tutto lo zoccolo duro del tifo novarese. Ieri davvero pochi gli occasionali presenti (magari sono stati occasionali da trasferta ma vabbè, ci sta) perché i cuori azzurri presenti al velodromo erano davvero quelli che ogni domenica sono lì a soffrire sugli spalti. Non solo non c’è stata competizione coi locali, ma quando siamo così c’è competizione solo coi mostri sacri di tifoserie della categoria.

E allora che arrivi domenica e si festeggi definitivamente. Ce lo meritiamo tutti.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Nessuna opzione diversa dalla salvezza

Published

on

By

Triestina Novara si sono incontrate dopo un girone di ritorno nel quale entrambe hanno conquistato lo stesso identico numero di punti. Solo che la prima giocava per provare ad ottenere il terzo posto mentre l’altra la salvezza diretta. Questo certifica nuovamente come il girone di andata, o meglio i primi tre mesi dello stesso, abbiano rappresentato qualcosa di molto simile ad una sentenza. Ma i numeri raccontano anche di un Novara in grado evidentemente di giocarsela oggi con la maggior parte delle avversarie a prescindere dalla classifica occupata da queste. Coi se e coi ma non si va da nessuna parte, ma se avessimo ottenuto all’andata gli stessi punti ottenuti al ritorno saremmo oggi al settimo posto, ovvero avremmo disputato un onesto playoff passando, se bravi e fortunati, uno o due turni prima di lasciare il palcoscenico a qualche altra compagine più attrezzata. Settimo posto che, tanto per dire, sarebbe stato ben più onorevole e lodevole di quel decimo posto ottenuto lo scorso anno da una squadra molto più quotata di questa. In chiave imminenti e molto probabili playout, anche se non lo ammetteranno mai, la verità è che il Novara FC è la squadra che nessuno oggi vorrebbe incontrare, e probabilmente lo stesso sarebbe capitato se avessimo dovuto disputare i playoff. Che qualcuno sano di mente a Fiorenzuola oggi possa sostenere che sia meglio giocare contro di noi rispetto ad una Pro Sesto, Pergolettese o Arzignano, non ci credo esista nemmeno se si materializzasse ora davanti a me. Detto questo, domenica prossima potremmo beneficiare di una combinazione di risultati favorevoli non così impossibile, anzi. Non dobbiamo infatti sperare in una sconfitta casalinga del Real Madrid contro il fanalino di coda, ma di tre risultati (vittoria Novara, pareggio o sconfitta Pergolettese, pareggio o sconfitta Pro Sesto) che tranquillamente potrebbero verificarsi senza che nessuno possa gridare allo scandalo, a differenza di alcuni risultati un po’ naïf successi le scorse settimane. Le buone notizie sono però finite.

Quel dannato minuto di ieri, nel quale in sequenza è arrivato prima il pareggio della Pergolettese e poi quello della Triestina in pieno recupero, può essere una mazzata psicologica devastante. Paradossalmente una sconfitta in Friuli per 4-0 avrebbe lasciato meno strascichi dell’ennesima beffa subita in tempo di recupero che, ormai, è diventato un marchio di fabbrica di questa stagione. Che una partita si possa risolvere nel recupero fa parte dell’ordine delle cose, ma che questo, nel poco bene e tanto male, sia ripetutamente successo è un qualcosa che difficilmente può trovare una spiegazione razionale. Non ne va bene una, e anche il primo fortunoso pareggio dei locali va nella direzione di una sfortuna inenarrabile. Così come l’ennesimo non fischio arbitrale in occasione del secondo pareggio, unito ad un possibile rigore non dato a favore, fortificano in me l’impressione che il “sistema” sia totalmente avverso a PLM. Il mio ultimo editoriale ha causato qualche critica, soprattutto dalla parte buonista e “verginona” del tifo, quella che va sempre bene tutto e che mai una volta faccia lo sforzo di capire una provocazione. E’ evidente che non chiedessi a PLM di presentarsi negli spogliatoi avversari o nel “palazzo” con gli assegni in mano, ma invece che facesse un po’ di casino e provasse ad influenzare il mood. Come fanno tutti i Dirigenti mestieranti del calcio, in qualsiasi categoria. Non so se questo gli è riuscito col Legnago evidentemente sceso al Piola in ciabatte, certamente non è riuscito ieri dove è arrivata appunto l’ennesima riprova di come, nel dubbio, il Novara debba essere penalizzato. Detto questo, sfortuna a parte, non può essere un caso che questa squadra non riesca a mantenere un vantaggio fino alla fine. Evidentemente ci sono limiti caratteriali molto più profondi, uniti ad una spirale negativa tale per cui, arrivi all’85’, e ti tremano pure le corde vocali.

A questo punto, salvo un lieto fine tra sette giorni, è arrivato il momento di tacere durante la settimana e di presentarsi allo stadio e fare la sola cosa che possiamo fare: tifare. La sola storia che fa fede è quella che viene scritta, quindi ringraziare oggi PLM perché in sua assenza saremmo stati al posto dell’Alessandria è una narrazione inutile in caso di retrocessione ai playout, così come dannarci troppo pensando all’inizio di questo campionato pensando ad un qualcosa che, in quel momento , non era possibile fare: vincere di più. Portiamo a casa la stagione e poi ognuno tragga le sue considerazioni, ognuno faccia le polemiche che vuole, ognuno si tolga i sassolini nella scarpa che ritiene. Solo dopo. Oggi serve salvarsi.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.