Martedì vinciamo noi. Editoriale

Avete presente la perfetta catena di montaggio di una qualsiasi officina meccanica di una delle tante aziende industriali che per esempio producono biscotti? Gli operai che ci lavorano partono dai singoli materiali, li appoggiano su un rullo, li fanno entrare nelle singole parti delle macchine che li puliscono, li tagliano, li assemblano, li mettono in cottura e alla fine li impacchettano pronti per finire in un altro reparto della filiera distributiva fino ad arrivare nelle nostre case. Ogni passaggio è preciso, perfetto nei suoi ritmi di lavoro e nei rispetti dei tempi in modo che non ci sia mai nessun intoppo e si possano ogni giorno produrre un buon numero di confezioni finite. Ecco, i campionati di merda sono tutti sempre incredibilmente simili ad una perfetta catena di montaggio aziendale: arrivano i giocatori, si allenano col nuovo allenatore, si spendono belle parole, si creano aspettative ed entusiasmo, inizia il campionato solitamente male, non ci si scoraggia, la classifica non è buona, iniziano gli infortuni, ci si mettono gli arbitri, la piazza contesta, si prova a rialzarsi tutti insieme ma sul medio periodo i risultati continuano a non arrivare, ci si demoralizza, si cambia l’allenatore, quello nuovo crea entusiasmo, si vince la prima partita ma nel medio periodo i problemi ritornano. Se ci fate caso lo schema è sempre lo stesso, quasi mai c’è una deviazione ad un tema che nel caso di una catena di distribuzione industriale porta sempre al lieto fine dell’impacchettamento, ma nel caso di un campionato di calcio non è così scontato succeda.

Seppur con oggettive differenze rispetto alle prestazioni viste all’epoca di Corini, è evidente di come il trend di Di Carlo abbia preso una pericolosa tendenza al ribasso: vittoria, pareggio, sconfitta che, classifica alla mano, ci ha ancora mantenuto nella zona retrocessione peraltro avvicinandola drammaticamente, e il fatto si sia giocato contro tre squadre che, a prescindere dalla loro posizione in classifica, non sono state assolutamente espressione di un calcio spumeggiante e di valori tecnici dei loro giocatori clamorosamente superiori ai nostri, rende la situazione generale ancor più complessa e pericolosa. Ma questa classifica, vista dal punto di vista di una piazza incattivita che non è intenzionata a perdonare la minima cosa e a concedere più sconti a nessuno e che ieri non ha avuto dubbi nell’attribuire ai cambi dell’allenatore la sconfitta in Irpinia, bisognerà velocemente accettarla, visto che le posizioni di fine Febbraio molto spesso sono coerenti con quelle che leggeremo a metà Maggio, e ciò indica una sola cosa: ogni partita sarà una battaglia sportiva che andrà affrontata con un livello di cattiveria agonistica molto alta. Se nessuno ci regalerà nulla e tutto dovremo guadagnarcelo, sarebbe già un buon passo avanti non commettere certi errori da principianti tipo parlare di playoff in conferenza stampa (sarebbe anche opportuno che chi pone ai giocatori le sue domande quantomeno non le faccia con la malizia di chi vuole portare i calciatori, che premi nobel di intelligenza non lo sono per definizione, a dire cose che magari non pensano, ma questa riflessione la scrivo solo tra parentesi perché come sempre finisce che faccio incazzare qualcuno e davvero non voglio farlo), o commettere in partita errori banali in fase difensiva come successo ieri ad Avellino.

Le mie competenze calcistiche sono troppo scarse per poter capire se davvero le sostituzioni effettuate da Di Carlo ieri sono state la causa della sconfitta, per cui come sempre mi baserò sulle sensazioni avute vedendo la partita. Ho visto un Novara che, pur coi suoi noti limiti, ha provato a fare la partita e a vincerla, esattamente come ha fatto nelle precedenti due gare nelle quali, tolta la prima che si è messa meglio, i cambi effettuati sono stati simili: Di Carlo mi ha sempre dato l’impressione ad un certo punto di volerla provare vincere inserendo attaccanti nel finale, atteggiamento che difficilmente si vedeva prima quando ci si accontentava di non perdere o di non prendere goleada tipo a Parma. Se è vero che il goal del 2-1 è nato da un errore di mancata marcatura a Gavazzi fatta da chi ha preso il posto di Dickmann (per cui non vi è una riprova che senza questa sostituzione il goal non lo avremmo preso, semmai solo una sensazione) forse concettualmente me la prenderei più con chi ha colpevolmente lasciato solo il giocatore avellinese che con chi ha fatto il cambio, visto che mi aspetterei da un giocatore di serie B che non commetta simili leggerezze. Ma sono dettagli che non aggiungono nulla e non portano da nessuna parte quando invece noi ora abbiamo bisogno di positività e di costruire e non di distruggere con le nostre considerazioni e bocciature. Il fatto è che quando giochi 3 partite in 7 giorni sei obbligato a far rifiatare i tuoi giocatori, a fare turnover e far giocare un po’ tutti e questo è proprio il nostro vero limite visto che non possiamo permetterci di farlo causa inadeguatezza della rosa. Tolti i soliti noti, con gli altri in campo è un terno al lotto. Mi auguro quindi che Di Carlo ora abbia provato sulla sue pelle cosa voglia dire affidarsi a taluni elementi e che abbia capito su chi possa realmente contare in certe situazioni.

Nella passeggiata in centro col Mister è stato possibile fare una lunga chiacchierata in cui è emerso tutto il suo carattere forte e la voglia di vincere. Nessuna difesa a prescindere da parte mia nei suoi confronti ma solo una considerazione: abbiamo un allenatore che in poco più di un decennio di attività ha perso addirittura un preliminare di Champions causa una papera del portiere al 96′, ha allenato 7 anni in A ed è passato quasi sempre indenne in piazze sicuramente più problematiche della nostra (Livorno, Cesena, Spezia tanto per citarne 3). Se è vero che oggettivamente nemmeno Corini sul one to one a pelle mostrava di essere inadeguato, è altresì vero che Di Carlo si porta con se una dote di carisma e di esperienza che sarebbe un peccato mortificare con uno scetticismo frutto solamente della nostra delusione accumulata in questi mesi. Il “peccato originale” (cit. Ciumi) è stato fatto nella scorsa estate con una rosa discutibile e per questo Di Carlo non ha colpa. Sbaglierà come tutti, ma a questo punto della stagione vale la pena sostenere lui e la squadra. Al netto di quella forma di paraculismo che è normale trovare in certi allenatori navigati, ci ha detto con convinzione che lo scorso anno il suo Spezia, se avesse avuto l’attacco di questo Novara, sarebbe andato sicuramente in A. Probabilmente tra questa forzatura piaciona e il “finché sarà nel Novara sarà il mio Van Basten” di Sergio Borgo usata con gente che si faceva fatica a classificare come calciatori, esiste una via di mezzo che è fatta della nostra realtà, con giocatori che effettivamente sulla carta spesso sono superiori agli avversari e che, con un gioco un pelo più organizzato e spregiudicato, speriamo ci regalino una salvezza che sarebbe davvero atroce non portare a casa. Fortunatamente si gioca subito e in questi casi è meglio così. Martedì sera lo stadio sarà probabilmente un po’ più pieno del solito causa massiccia presenza ospite, ma questo spero sia ugualmente da stimolo per i ragazzi che vestiranno la nostra maglia. Tanta gente da mezzo nord Italia verrà a Novara per assistere ad una festa che, peccato per loro, sarà la nostra. Tutti al Piola.

Claudio Vannucci

 

 


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: