Come i gerani sui balconi Pensieri e parole

I proprietari delle squadre di calcio che funzione riconoscono ai tifosi che sostengono la squadra durante la partita? La funzione di abbellimento dello spettacolo. Una funzione di contorno, come i gerani sui balconi in estate. Il proprietario del Novara Calcio 1908 S.p.A. in una recente intervista afferma che, lui, non presta attenzione ai numeri di presenze nello stadio, ma considera solo la qualità del tifo. Se siamo in pochi, pazienza, ma occorre che facciamo un tifo piacevole. Ora che gli ultras nel calcio, nati sulla scia delle contestazioni della società nel secolo scorso, debbano avere un gradevole comportamento, dipende molto da quello che accade in campo. Quest’anno, viste le prestazioni del Novara in casa, non si può chiedere alla tifoseria una partecipazione di qualità.
Bisogna che il nostro ben amato presidente ci sopporti, siamo pochi e per di più siamo pure rompiballe, sempre lì a tagliare il capello in quattro. Vorrei rassicurare chi definisce la tifoseria nuaresa come un’accozzaglia di ‘’maicuntent’’ in perenne disaccordo con la dirigenza della società : ci sono stati momenti che qui si era tutti felici; non mi riferisco solo a quando il tiro di Rigoni si infilò all’incrocio dei pali in Novara vs Reggina, ma anche ogni volta che vedevamo Pablo esultare.

Ma veniamo al punto sulla rarefazione numerica ( eufemismo) che ha provocato una visione della curva piuttosto vuota e quindi con una funzione di abbellimento ai minimi termini. È vero che ormai i fenomeni aggregativi, non solo a Novara, stanno conoscendo un declino dovuto all’estrema individualizzazione ( tutti con la faccia sul visore del telefonino) contrapposta alla socialità ( discorrere con il vicino sui cambi che ha fatto l’allenatore), ma qui ci abbiamo messo del nostro per ridurre le presenze sugli spalti. La gestione dei rapporti con i tifosi va bene quando si offre agli universitari tutto il girone di ritorno a soli due euro simbolici; bel gesto quando alcuni giocatori vanno a trovare il Ginone e fanno una foto con lui o quando vanno in ospedale dai bambini. Va bene, ma occorre studiare, visto l’andamento dei risultati in campionato, qualcosa che sappia ‘’ridare l’entusiasmo’’ ( citaz. Nunez64) . Come fare a ridare l’entusiasmo in un luogo, lo stadio vicino all’Agogna, uno degli ultimi posti di incontro e aggregazione dove ci si può sentire parte del Nuara ?

Analisi delle cause e poi attuazione dei rimedi. La disillusione da parte della tifoseria che si volesse dare continuità con una prima squadra ‘’da play off ’’ è ormai conclamata; abbiamo capito che la priorità è il pareggio del bilancio ( che forse… nel 2019 ) e l’autofinanziamento attraverso la cessione dei giovani ( pura illusione ), tuttavia occorre dare almeno una ‘’quadratura’’ alla prima squadra con una base di giocatori e allenatore non presi al ‘’last minute’’.
Non bisogna chiedere ai noi tifosi di diventare esperti di finanza o di televisione, caro presidente del Novara , lei non può dire che i numeri dei tifosi sugli spalti non è importante, dare solo considerazione al bilancio e ai proventi derivanti dalla televisione, può essere deleterio. Alla televisione SKY, che tiene in piedi il baraccone, serve la tifoseria attorno al campo verde altrimenti lo spettacolo perde la qualità di ‘’evento’’ che può essere venduto. Se la merce è scadente non si vende. Il calcio per essere una merce da televisione deve avere una sua coreografia, e se noi tifosi manchiamo numericamente, miniamo la qualità del quadretto d’insieme.

Trasformare il tifoso pagante in solo un soggetto spettatore e consumatore dell’evento, operazione in atto nelle grandi città della serie A, qui in provincia sta creando solo lo svuotamento causato dalla disorganizzazione societaria e dal non più ‘’riconoscersi’’ in questa squadra. La soluzione non si può ottenere solo all’interno dello stadio, trattandosi la situazione della curva solo la ‘’fotografia’’ della gestione dei rapporti con chi ama il Novara, ma occorre cambiare politica iniziando innanzitutto a considerare il tifoso non semplicemente una variabile della quale si può anche fare a meno ( non ci possono essere troppe squadre come Sassuolo o Chievo con i tifosi numerati, se no SKY a chi vende le partite?).

I gerani vanno bene solo sui balconi d’estate.

Nino1921


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: