Analisi tragica Campionato

C’era aria di riscatto dopo l’ultima al Piola contro il Perugia.
Si percepivano le vibrazioni che salivano in superficie dal fondo del barile che ancora una volta veniva raschiato.
Disperazione inconscia? Probabile.

Si respirava a pieni polmoni il desiderio della rivalsa, ricorrendo al cuore da buttare oltre l’ostacolo, anche in considerazione del fatto che a Chiavari prima o poi in quello stadio a noi particolarmente avverso, anzi proprio sfigato, un risultato positivo si sarebbe materializzato. E anche quest’anno a Chiavari se mai si vince l’anno prossimo.

Se poi anche il DS, con una previsione perentoria e pericolosa quanto lo può essere un giro in bicicletta in tangenziale, garantiva la vittoria contro l’Entella, c’era di che sperare positivo.

Va comunque posto in evidenza come, sulla chat di questo blog, girasse voce che più di qualcuno ci avrebbe pure fatto una scommessina, voce che veniva confermata quando anche il Capo redattore, quello che firma gli editoriali, mi spronava a investire una cifra importante.
Mi risulta, dopo una sommaria e sbrigativa indagine, di essere stato il solo ad aver scommesso un cinquantino sulla vittoria del Novara.
Minchia!! Nonnalanto si è pure un po’ incazzata affermando che non ci capisco molto di calcio. È vero, ha ragione; ma vogliamo considerare il fatto che se uno come Teti che oltre ad essere antipatico e incompetente ha pure dei difetti, e che negli ultimi anni ha dimostrato di essere una grandissima testa di … calcio, dice che vinciamo di sicuro, cazzo!!! io di uno così mi fido, e una scommessina la faccio no???!!!

Adesso aspetto che la societá dia il nullaosta a Teti per rimborsarmi le 50 euro che ho scommesso … perchè se un DS parla in questo modo esplicito è ovvio che esprime il pensiero della società.

Ma il problema principale per ottenere il rimborso è dato dall’impossibilitá di trovare il Capo che da tempo (troppo) non si fa piú sentire, difatti la causa di questo perdurante silenzio è dovuto alla lunghezza dei suoi capelli che avrebbero bisogno di una accorciatina e di una adeguata acconciatura.
Proprio per questa malaugurata condizione pare che il Dottor Massimo De Salvo sia volato in Corea del Nord, per sottoporsi al taglio di capelli nella sede dell’Università “Il Pelitecnico” a Pyongyang, dove opera il parrucchiere del presidente Kim Jong-un.
Gira voce che anche il DS abbia già pianificato un viaggio della speranza in Corea per tentare un trapianto di sopracciglia che lo stesso parrucchiere eseguirà. È già partita la ricerca di un donatore.

Intanto il Teti fa sapere di essere stato frainteso quando al ritorno da quella che sarebbe dovuta essere una folgorante vittoria, ha affermato che metà degli attuali giocatori non farà più parte della rosa; in realtà lui ribadisce di aver detto che più della metà dei giocatori non ha mai letto il romanzo di Umberto Eco “il nome della rosa”, e anche in questo frangente io gli credo, in quanto, secondo me, l’altra metà non ha mai avuto tra le mani un libro.

Comunque giovedi sera mi sono accorto che qualcosa non stesse andando per il verso giusto, quando invece dei soliti tre-quattrocento messaggi che il mio amico MCE (MCEnrico) invia a partita in corso di svolgimento, riuscendo nell’impresa di frantumare i maroni anche a San Gaudenzio che di maroni se ne intende, il numero dei messaggi saliva vertiginosamente fino a toccare i novecentocinquanta-mille.
Va specificato che quando il MC si rende conto che i rumori stridenti che giungono dal fondo del barile sono quelli provocati dal raschiamento offerto da una prestazione squallida del Novara, viene assalito da un compulsivo bisogno di conforto messaggistico. La statistica vuole che il picco di post inviati è stato raggiunto in occasione delle tre sostituzioni operate dall’Eugenio.
E noi che lo conosciamo e gli vogliamo bene, tra un “va da via ‘l cü!!” e un “rumpa pü i bali” spegniamo il cellulare.

Per tutto il resto fanno fede l’editoriale del Vannu e l’analisi tecnica del Ciumi.

Nonnopipo


Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: