LE NON PAGELLE IGNORANTI DI ENTELLA-NOVARA Pagelle Ignoranti

È un giovedì qualsiasi di un febbraio abbastanza mite. Veniamo da un pareggio grigio col Cittadella. Io sono in treno di ritorno a Novara, e mi becco nella carrozza il Vannu. Lui provato da una giornata di duro lavoro, io provato dalla dura scelta del post sui social per fare likes. Mi propone l’idea per il Blog (anzi per la verità sono io) delle Pagelle Ignoranti. Ora la mia rubrica serve per cercare di tirare fuori un sorriso o una battuta per quei pochi scemi che tifano una squadra principalmente e molto spesso di merda, più o meno odiata e non cagata da nessuno a livelli alti (tanto da non avere neanche l’HD ieri sera su Sky) e per ultima (ma non per importanza) pure maledetta dal Signore Gesù. Ma se questa squadra non stimola più neanche la passione di chi ci crede sempre, figuriamoci se può stimolare qualcosa di ignorante. Niente più del compitino per ciascuno di tutti quelli che indossano la NOSTRA maglia. Oggi non me la sento neanche di provare a cercare di far ridere, perché oltre la Madonna che piange per le nostre bestemmie, stasera ogni cuore azzurro è provato dell’ennesima delusione. Così si conclude il 2017 come era iniziato, con una sconfitta per 2-1 in rimonta (allora a Trapani). Un anno che, dopo quello del 2014, penso sia stato uno dei più deludenti degli ultimi dieci. Si spegne la luce per un po’ e forse questo non fa male. Auguro a chi ci crede sempre, a chi pensa che prima o poi al 93esimo Troest segnera’ in rovesciata, a quelli che “vaffanculo ora basta” ma poi sono sempre lì un 2018 migliore. Auguro ai giocatori del Novara di capire se veramente si vuole sposare la causa, sennò la porta è quella. Auguro a MDS di ritrovare l’entusiasmo lui in primis da trasmettere a un vecchio sul punto di morte che è la piazza di Novara oggi. Auguri a Teti di fare mea culpa e di darsi da fare per recuperare. Auguro al Signore di essere meno atroce con i colori azzurri. Insomma, auguri e vaffanculo a tutti.

Forza Novara Sempre, ovunque e comunque
Francesco Sartorio.


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: