Le convergenze parallele Analisi Tecnica

Di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a piangere sulla propria situazione. Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose.”

…. piacerebbe a tutti noi che qualcuno si incazzasse (nel vero senso della parola) dall’altra parte del tavolo e, con quei coglioni che mancano a chi è andato in campo giovedì, ribalti la situazione cambiando le cose … ma Malcom X resta un sogno in un mondo di sogni.

Noi, purtroppo, siamo fermi alle elucubrazioni sintattiche proprie di un periodo a metà tra gli anni 60 e anni 70 : le convergenze parallele.
Nel senso, per i più giovani, che Società e Tifoseria ( questa volta uso il maiuscolo ) convergono su alcuni punti mantenendo però inalterata identità, differenze culturali e, soprattutto, percezione della realtà.

Siamo ormai arrivati alla sublimazione della geometria iperbolica: convergeremo forse ma all’infinito … e in quell’infinito noi ( la Tifoseria ) ci saremo ancora, lui ( Teti … perché è ora che i cognomi siano fatti) non ci sarà più … cenere della sua cenere.

Anche giovedì sera, al di là dello spettacolo visto in campo, abbiamo assistito al solito teatrino degno di una politica da prima Repubblica… hanno vinto tutti.

Non solo siamo tristi in campo ma siamo, soprattutto, tristi fuori…. tristi e spudoratamente menzogneri.

Raramente ascolto “azzurri in campo” alla fine della partita: un po’ perché, sia che si vinca che si perda, sento il bisogno di condividere con me stesso vittorie o sconfitte … un po’ perché, direi soprattutto, le interviste hanno quel sapore di Minculpop dove la domanda ostica diventa difficile da fare come un dito in culo …. ma giovedì sera Marco Foti, con il quale spesso divergo ma la cui onestá intellettuale è fuori discussione, mi ha illuminato: “Corini, che le sue colpe le mantiene per quella mancanza di parvenza di un gioco, con quelli che ha a disposizione sta facendo più punti di quanti dovrebbe aver fatto”…. cazzo è vero!!!!

Questi non sono “emozionabili”, “impressionabili”, “delle buone individualità disposte male”…. questi sono scarsi scarsi …. ceppe di minchia della peggior specie.

Incapaci di un taglio, di una diagonale, di uno stop a seguire, di un allungo in profondità , di un “ dai e vai”….. ceppe di minchia dove, onesti pedatori come Moscati o Dickmann, o funamboli fini a se stessi come Chaja, Di Mariano o Da Cruz sembrano eccellere … povere ceppe di minchia anche loro.

Forse inseriti in un contesto diverso ciascuno di loro potrebbe esprimersi diversamente ma il contesto è questo e la loro scelta ( uno per uno ) ha un solo ed unico interprete: il nostro magnifico direttore sportivo (minuscolo, rigorosamente minuscolo).

Soprannominato “braghetta” dai più intimi, negli ultimi tre anni ha portato a casa plusvalenze per la Società e figure di merda per i tifosi : le convergenze parallele.

Famoso per le sue apparizioni estemporanee ( al calcio mercato ci va solo l’ultimo giorno) si manifesta raramente in conferenze stampa e, quando lo fa, si esprime con il nulla assoluto … un po’ come Corini.

Gran parte del disastro di quest’anno è merito suo sia nella scelta degli interpreti che nella definizione dell’omogeneità dei medesimi.

Ora i resti del popolo azzurro sono schierati pensando che la cacciata di Corini possa essere la panacea di tutti i mali … in realtà qua neanche Ancelotti saprebbe cavare un ragno dal buco …. una squadra di cacche abbiamo e, obtorto collo, una squadra di cacche ci terremo fino alla fine dell’anno.

Ed essendo la sublimazione della tristezza ( basta guardare poi la foto in copertina ) basterebbe forse applicare il teorema di Malcom X per ribaltare la situazione …. ma bisognerebbe essere uomini e, in quanto tali, riconoscere i propri errori.

Un vecchio proverbio cinese dice “ se un uomo commette un errore può non commetterlo più per tutta la vita … ma se commette lo stesso errore per due volte di seguito, allora sarà destinato a non imparare mai e a commetterlo mille altre volte ancora “…..

Dimentichiamo Chiavari e pensiamo a febbraio …. c’è da essere estremamente preoccupati …. preoccupati di brutto.

Ciumi


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: