Il rischio assuefazione Editoriale

Ho provato anche io a fare un esperimento sociale. Ho fatto una di quelle cose che solitamente fanno quelli dell’Università del Michigan o i ricercatori di quella del Wyoming, e poi pubblicano i risultati in qualche rivista scientifica che, puntualmente come le tasse, altre testate come Focus e Playboy Italia prendono per legge riportandole nei loro articoli e riadattandole al loro target di lettori. Purtroppo o per fortuna ho smesso da tempo di scrivere per queste due testate quindi provvederò in questa sede a spiegarla. Ho preso un caro amico non novarese, grande appassionato e conoscitore di calcio col plus di aver giocato ed allenato in dignitose categorie e l’ho portato al Piola. Conosceva giusto i nomi di tre o quattro del Novara, per intenderci quelli che ogni tanto da qualche parte si leggono (Dickmann, Montipò, Da Cruz più Troest che però è un discorso a parte in quanto lo ha conosciuto personalmente anni fà), e di un paio dell’Empoli; l’ho portato in Rettilineo e gli ho detto “ecco Novara Empoli, noi una squadra a metà tra zona playoff e zona playout ma ampiamente nel mazzo, loro miglior attacco e squadra presunta candidata a salire in A, dove peraltro ci ha giocato nelle ultime due o tre stagioni consecutivamente; guardala, divertiti e poi mi dici”. Il risultato dell’esperimento sociale è stato: “poveri noi, povero calcio, povera Italia, Dickmann cosa ci fa sulla sinistra?, certo che è difficile giocare in attacco nel Novara e non avere una palla giocabile per 90 minuti, l’Empoli senza fare nulla porta a casa un punto, classico in Italia”.

Non sono un conoscitore di calcio come il mio amico, mai ho avuto la presunzione di esserlo o avvertito l’esigenza di diventarlo per parlarne, ma non ho trovato argomentazioni per ribattere se non tirando fuori il tifoso che è in me, che in questo momento ritengo possa e debba essere la sola via di uscita per commentare il Novara calcio. Il tifoso che è in me ha riconosciuto nell’Empoli una squadra che in questo momento è probabilmente un po’ più solida del Novara, con qualche individualità superiore ed un centrocampo che ha dominato (ma trovatemi un’avversaria che contro di noi non prende in mano il centrocampo per gran parte della partita). Una giornata per lo più interlocutoria visto il risultato delle altre è stata la ciliegina sulla torta in un sabato dove, probabilmente, più di quanto siamo riusciti a portare a casa non si sarebbe proprio potuto fare. Insomma, torniamo a fare punti in casa contro una squadra forse e ribadisco forse superiore, non è cambiato nulla in classifica, quindi baci e abbracci va bene così.

Non è questione di essere sempre critici o di cercare di sottolineare sempre quello che non va, ma è proprio una cosa che ho nel dna il rifiuto a priori di una visione del calcio così piatta e razionale. Forse ho sbagliato io epoca, o forse dovevo nascere in Olanda o nascere proprio Zeman, ma non riesco proprio ad accettare che un campionato di calcio sia solo una lunga maratona che si corre da Agosto a Giugno in cui “i conti li facciamo alla fine”. Intendiamoci, al di là di qualche recente forzatura e provocazione, non ho mai avuto la percezione di non poter portare a casa la pelle perché questa squadra ha oggettivamente un qualcosa che la porterà a salvarsi più o meno agevolmente, ma quello che mi preoccupa maggiormente di questa situazione è proprio il rischio assuefazione dell’ambiente di un qualcosa di scontato ed attraente quanto una merda di cane del giorno prima. La gente che si abitua e applaude l’ennesimo rinvio alla carlona sparato nel nulla senza cognizione da Mantovani o Troest, la gente che batte le mani per l’ennesimo dribbling sbagliato di Da Cruz, la gente che si fa l’abitudine per l’ennesimo stop con palla che si ferma a 6 metri, la gente che è contenta perchè a 5 minuti dalla fine si inserisce Macheda per perdere tempo e non lo si mette invece mezz’ora prima che magari segna pure, la gente che entra allo stadio solo cinque minuti prima e a fine partita scappa subito a casa senza fermarsi più per ore nel piazzale a parlare del nulla, la gente che spera e sa che ogni tanto una giornata di libidine come quella di sabato scorso a Venezia ci capita in mezzo a tante altre di nulla assoluto come quella di ieri, la gente che “ma che cazzo volete, un punto contro l’Empoli va bene” . Al di là dei contorni e dettagli differenti che caratterizzano ognuno di noi, non vi state anche voi riconoscendo in questo drammatico dipinto? Questa cosa si chiama assuefazione ed è il rischio più grande che si possa correre, perché piano piano logora e uccide. Un po’ come quelle storie di amore che nascono, culminano col matrimonio e piano piano, giorno dopo giorno senza nemmeno accorgersene, portano ad essere così scontati che, senza che nessuno dei due faccia qualcosa per ravvivare il rapporto, arrivano ad una vecchiaia, seppur passata ancora insieme, fatta di abitudini, presenze scontate e di separazioni in casa. Fossi un Dirigente del Novara, o comunque un Dirigente di una Società di calcio o addirittura della Lega calcio, starei attento proprio a questo pericolo che, diciamocelo chiaramente, non riguarda solo Novara.

E se per combattere questo rischio la sola cosa da fare è tirare fuori la parte più estrema di tifoso che è dentro di noi, forse allora è davvero un bene farlo ma farlo subito. Sproniamo l’ambiente magari prima autoconvincendoci che è bello vedere il nulla in campo perché lo stadio non è solamente il prodotto di 22 comparse con 2 maglie diverse, ma ci sono dietro tante storie che ognuno di noi può scrivere per rendere il tutto più bello. Da una mangiata con amici prima della partita, ad una bevuta nel piazzale, alla goliardia sugli spalti e, perché no, a qualche madonna tirata qui e là all’arbitro o alla panchina avversaria, che tanto a fine partita ci dimentichiamo tutti a vicenda di chi abbiamo urlato dieci minuti prima. Ravviviamo un po’ questo mondo così scontato e banale, perché il rischio di morire con lui è davvero alto. E se proprio dobbiamo assuefarci a questo brutto spettacolo, facciamolo almeno urlando FORZA NOVARA SEMPRE, visto che ci stiamo abituando a non dire più nemmeno quello.

Claudio Vannucci


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: