Rimaniamo in contatto

Dialetto

La siloria sensa i bö

Published

on

Succede quando mi incazzo per qualsiasi motivo, di ritrovarmi, senza volerlo, ad esprimere i miei pensieri e le mie ragioni ricorrendo all’uso del dialetto.

Si tratta sicuramente di un riflesso incondizionato, di quelli che aiutano il soggetto con l’incazzatura in corso d’opera, ad accrescere le proprie convinzioni e, contemporaneamente, riuscire ad incutere all’interlocutore di turno un certo disagio dovuto alla sua probabile scarsa capacità di traduzione, un po’ come avviene con gli svizzeri i quali, lasciandoti li come un pirla davanti alla loro arroganza teutonica, fanno finta di non capire l’italiano quando invece lo comprendono benissimo … o forse no, niente di tutto ciò??!!

È che, semplicemente, in dialetto ci si incazza meglio, ecco la verità!!

Così, dunque, il volgar ma dotto linguaggio, senza nulla voler togliere alla unificazione verbale voluta dall’Alighieri, assume un carattere di scarico delle tensioni, mentre il confortevole e tanto caro ai novaresi “ma va da via ‘l cü!!!”, che quando ci vuole non ha nessun epiteto in grado di sostituirlo degnamente, proprio come il nostro centroavanti per il quale non esiste alternativa alcuna, assomiglia ad un lavacro simile ad un percorso in una piscina di quei centri benessere tanto in voga di questi tempi.

A dire il vero, sempre allo stato attuale, non esiste nemmeno il centravanti titolare, perdutosi tra chili in eccesso, malanni muscolari di varia natura, e infargiú da stagión … ecco … i la savevi, i parli dal Nuara e incumencian a girám i bali, che pö i sarissan i cujón.

E giá chi suma in viá, adèss i devi fà una cunfession:

La prima volta che ho pugiá al pé dentar al mür da cinta dl’ Alcarotti, i gh’ avevi si e no vott o növ ani, (chi l’è che ‘m cunussa l’è giá fai i cünt, i altar che ‘s na rangian) vündas giügadur i purtavan indoss una maia russa, i altar vündas dal Nuara, inveci, una maia bianca.
E capivi mia parché la gent la vusava “forza azzurri”.
Ben, da alura ghè cambiá bèli gnenta : poch i capivi prima poch i capissi ‘dèss.
Strategii, tattichi, schema, tüti robi che par mi i cüntan cume al dü da picch quand la briscula l’è fiur.

A mi dal fulbar m’interessa madumá la part püssè puetica, cula che at fa batt al cör,
cula che t’obbliga a disvigiat prestu la matina dal dí dla partida e sentí li in bass sü ‘l stomich, un pés che as trasfurma quand al riva fin tacá al gardión, int un grupp che l’è sempar lì prunt a slenguás in lacrimi a la prima uccasión.

A Nuara la ciamuma al “magón”, giüst par rend l’idea, l’istéss da cula voia da piàng che ho ducià ‘n ti öcc di mè amis quand dò smani fa i suma perdü al derby sensa gnanca fa un tir vèrs la porta di biciulan.

E par tasè da dumenica passá, quand dopu la partida giügá in cula citá bèla ‘mè ‘n debít, i seri alégar cume una musca int un paés da stitich.

Ecco, se ‘dèss i duvissi guardà la rabbia che gh hó dentar, i vó ‘vanti a parlá dialètt fin a Nadal, quand a sücéda che suma tüti püssè bunari.

Ma ‘dèss no, ‘dèss son ancura rabius ‘mè ‘n gat salvadigh, e i gh n’ ho par tüti: a cumincià dl’arbitro, cul gran bastardón e vigliacón che gh ha mia avü ‘l curágg da sübià un rigur gross ‘mè la cüpula da San Gaudensi, l’alenadúr, i giügadúr, al timuniér e al padron dal vapur.

I vöri mia tirá in bal di scüsi, ma al mè Nuara m’ ha fai gní in ment la storia da cul padron dla cassina che, par lavrá la tèra, l’ era cumprá una gran bèla siloria, sensa peró vurè spend di altar sold par i bö che la siloria avrissan duvü tirá.

Vabè, sfugá m’ ho sfugá, anca se son ancura tribüla ‘mè l’intestin quand l’ incuntra una pürga d’oli d’ ricin, e posso sin da ora affermare che sabato sarò al mio solito posto, in quanto, come dice il mio Presidente de “Quelli dell’Alcarotti”, non si molla un cazzo e non si indietreggia nemmeno di un centimetro … toh … guarda un po’…devo essermi calmato veramente!!!!

Forza Novara tutta la vita … no questa assolutamente mai in italiano eh!!!

Forsa Nuara tüta la vita.

Nonnopipo

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Dialetto

Giüstissia.

Published

on

Quand im trovi al Piola, che l’è la mè secunda ca, e senti parlà al dialèt, istintivament im volti a la ricerca da chi, in cul precis mument, l’è dré parlal.

Un po’ cume quand tit trovi luntan da Nuara, o adiritüra a l’estero, e at capita da sentì cula lengua cusì particular.

Ti vurarji sübit identificà al “pruprietari” da sta parlada, füssa mia d’ altar par ribadigh, urgugliusament la stessa pruveniensa e la cundivision sulidal dl’ identich idioma.

Parchè nüm, che i parluma al dialèt, i suma sicürament da Nuara, o quantumenu i n’ uma respirà l’aria fin da fiulìn.

Ti sculti cula parlada cusì particular, che g’ ha mai schiscià l’öcc a la réal Türin, e l’è luntanissima par cadensi e armunii a la püssè renta a nüm Milan, che sübit la ment la va a verificà se l’esista una quai cunuscensa cunt al tipu che ti gh è d’innai, süperand int un santi e amen tüti cui inütil cunvenevul.

Suma da Nuara, a basta cul, l’è una carta d’identità a pèl, ansi, a lengua, una testimuniansa a cel düèrt, e l’è sè cusì.

E sübit ti entri in sintunia cun ‘sta persuna, purtatur san da nuaresità, ambasciatur storich e cultüral e, ‘diritüra, Ministar di esteri dla to cità. Chissà se i Sindich che i hin guvernà Nuara eran, o i hin bon da parlà al dialèt? Da vün son sicür, l’era al Lisandar Bermani, che l’è scrivü di puesii che quand ti a légi it fan gni sü la pèl d’oca!!

Inveci al Sciur Nissün che ti ghè davanti al parla un dialèt cun la certificassion da madre lengua nuaresa.

Ma gh è un particular, che püssè da qualsiasi altra cundivision teriturial, e püssè da qualsiasi legàm pulitich, agh i identifica cume citadin dla santa madre patria nuaresa, as manifesta quand ti vegni a savé che al fradèl che ti gh è davanti l’è, anca lü, un tifus dal Nuara Calcio 1908: 1908 parchè nüm i s’evan mai falì, fin a quand una brüta rassa da manigold, nissün da Nuara, l’è pensà ben da fa sciüstrina di nostar sentiment e dla nostra storia. I cinés i disan da sétat sü la riva dal fiüm e spétà cun passiensa che, prima o pö, al cadavar dal to nemìs al passa. E cusì, par furtüna e giüstissia, ho legiü sta matina prestu, che la Guardia da Finansa gh ha pensà lé a dagh la pussibilità a l’ültim rivà da sta quadrascia da vigliacòn, d’ avegh tantu temp a dispusission pa imparà a légg e parlà al nuares, sbatandal in galéra. Che bèla nutissia, anca se, a dì ‘l vér, i provi un sentiment da tristèssa mis-cià a rabbia.  

Ma lassuma pèrd sta brüta storia e turnuma al nostar amìs, che cume tì al ricorda al prufüm di ass da legn bagnà dla cürva dal mercà, che d’ invernu i giasciavan, e suta al prim sul dla primavera, i rinsecchivan fin al punto da büsgat al cü suta furma da schégia. Tai lì i dü nuares d’una certa età che in mèss d’ una strà i ricordan i giügadur che i hin fai part dla vita da tüti e dü, ben sètt sü vündas i eran nuares!!, al Tato Lena, al Canto, Mascheroni, al Lüisin Giannini, al Renatino Gavinelli supranuminà la freccia da Catignaga, al Testa Celestino da Cameri e cul che ancura incö l’è cunsiderà la bandiera dal Nuara, profugo dl’ Istria, ma nuares a tuti i efètt: al grand Nini Udovicich. 

E cusì, cun un ricord dréra l’altar, i finissan par pruvà cumussion quand as va a finì a parlà dal President da cul Nuara, al geometra Santino, si, Santin e bom, parchè vün da famiglia ti la ciami mia par cugnom.

Is lassan dopu un po’, cinq, dés minut, forsi un’ura ‘bundanta, ma gh ha mia impurtansa. I s’ han mia scambià al numar dal telefono e gnanca i nom … l’è bastà sentì girà par aria una quai parola in dialet nuares par demulì qualsiasi mür, qualsiasi barriera: in fund a basta poch quand l’è tantu cul che ti gh è in man e int al cör. L’è stai sè truvas e cunussas luntan da Nuara par ricurdà l’Alcarotti e cui ass bagnà cunt una quai a-scheggia che ta spungeva la pèl dal cü.

‘Dèss al Piola l’ è tüt fudrà da pultruncini che mì i cuntinui a ciamà scagnìn, e al dialèt l’è sempar püssè rar sentil parlà, testimuniansa sincera che al témp al passa e i tradission is trasfurman in ricord, ma una speransa am piasarissa cultivà cun tenerèssa: che un dumàn, tra tantu temp, al nostar President dal Nuara “Fulbar Clab” la ciamaruma madumà cunt al sò nom, Massimo, cusì cume i ciamavan Santìn cul che l’è stai al mè President.

L’è l’augüri püssè sincer che igh podi fa.

E dopu che i dü nuares i s’ han salüdà e i hin andai ognün par la so strà, al durs dla man al va a sügà l’ümid di öcc, intrament che al cör e l’anima i süssüran cun infinì amur: “forsa Nuara tüta la vita”.

Nonnopipo 

Continua a leggere

Dialetto

Un “bagn” int l’Agogna as néga a nissün

Published

on

Im caci dré a scriv una puesia, int la lengua dla mè gent

una puesia che la parla un po’ da tütt e un po’ da gnent

 

una puesia nè lunga nè cörta che ti la podi anca cantà

cun i paroli d’ una cüntula che ti fè sveltu a imparà

 

una puesia d’ una volta, mia a culùr ma in bianch e negar

che mia tüti hin bon da légg chi l’è camuff e chi l’è  alegar

 

nè sustansiusa nè mudesta un po’ liscià un po’ rüghénta

nè trop giascià a temperatüra ambient, da sicür mia sbruiénta

 

un po’ büsarda e un po’ canaja e di volti fin trop sincera

prufümà ‘mè un filon da pan che al düra fin a sera

 

grisa cume al duvria véss un nuembar un po’ nebiùs

cargà da dulsa nustalgia, ‘mè i ricord alegar e dulurùs

 

legéra ‘mè ‘na falüspa da paia ch’ la vula int la turmenta

sensa pretesi da véss bèla a la sveltina ma anca lenta

 

una puesia che ‘nt i so rimi la ricorda la mè Nuara

al so dialèt e la so gent, generusa e mai avara

 

una squadra e la so maja cunt un balòn da pià a piscià

un culùr ‘mè cul dal cél da restà fin a-stracüntà

 

‘dèss che certa brüta gent lè turnà dentar la fogna

se i duvissan fas véd ancura i a niguma dent l’Agogna

 

 e al nuares, i la savuma, al g’ha lunga la memoria

e sta brüta e spurca storia la resista int la memoria

 

parchè al cör al pica fort quand al veda stu culùr

ch’ al fa viscà una lampadina alimentà dal nostr’ amùr  

 

e ‘dèss che ‘l magòn al riva e ‘l trova pü ‘na via d’uscita*

Nonnopipo av dà un basìn e … “forsa Nuara tüta la vita”.

 

Nonnopipo

*Licenza poetica esatto sarebbe “surtì”

Continua a leggere

Dialetto

Grassie (quasi) a tüti

Published

on

Non traduco mai in italiano le mie poesie dialettali, ma questa volta faccio un’ eccezione affinché possa arrivare a tutti in modo chiaro, ad alcuni farà piacere ad altri forse no. Non si può piacere a tutti.

 

L’è una storia un po’ trop lunga par cüntala in puesia

ma una rima dréra l’altra, pü nissün la porta via.

L’era dré rivà l’autün, incertèssi e delüsion

parchè una maniga ‘d balurd l’è büsgà al nost balòn

Sensa pietà nè sentiment, al püssè unèst l’è un disgrassià

da mis-ciai insèma al rüt, in mèss d’un camp a cuncimà.

Ma lassuma sta sta gent, se de no am végn da tra sü

che a mètagh i man indoss ti a tirarji via pü

La memoria i la san tüti, g’ ha un’ inissi e mai una fin

e da sti quatar carugnon, is ricurdaràn anca i fiulin

Scüsim la sfogu anca parchè, custi chi hin dì da festa

scancelarò sti piöcc dal lüff, che im viundan par la testa

par fa dal post a un brav om, che cun curagg e cun ardùr

l’è pruvà a restitüì a tüti, dignità speransa e unùr

e dal Nuara a l’ha dimustrà, al sarà sempar al prim murus

e mi i speri che prestu o tardi, al diventarà anca al so spus

cul ch’ l’è fai al Sciur Ferranti, s’ ha infilà dentar la storia

e Nuara e i nuares tantu lunga g’ han la memoria

e par mia dismentigà al Di Bari, un pensier al diretur

che curénda dréra al temp, l’è creà un capulavur

grassie ai magaté, e un quai vigiot ch’ l’è rifilà un quai pé ‘nt al cü

in sta categuria vuncia e scarusa, igh turnuma propi pü

grassie anca al Marchionni, ch’ l’è pià in man sta caruana

e l’è fai da parafülmin a püssè d’ una scalmana.

grassie a tüta cula gent, che l’è sgübà dür par al Nuara

gent che ‘nt’al cör la purtarà, al ricord d’ un’alba ciara

grassie propi a tüti quanti, dai distinti a la tribüna

anca a tüti i criticòn che i na perdunan mia vüna 

E s’ l’è vera che da sempar, i migliur i stan in fund

un grassie ai NUARES, un grassie gross cume l’è ‘l mund

 

Nonnopipo

 

 

È una storia un po’ troppo lunga per raccontarla in poesia

ma una rima dietro l’ altra, più nessuno la porta via

Stava arrivando l’autunno, incertezze e delusioni

perchè un gruppo di gente senza scrupoli ha bucato il nostro pallone (metafora)

Senza pietà nè sentimento, il più onesto è un disgraziato

andrebbero mischiati insieme al letame, in mezzo a un campo a concimare

Ma lasciamo stare sta gente, se no mi viene da vomitare

che a mettergli le mani addosso non le tireresti via più

La memoria lo sanno tutti, ha un inizio e mai una fine

e di questi quattro carognoni, si ricorderanno anche i bambini

Scusatemi lo sfogo anche perchè questi sono giorni di festa

cancellerò questi pidocchi del lupo*, che mi girano per la testa

per far posto a un bravo uomo, che con coraggio e con ardore

ha provato a restituire a tutti, dignità speranza e onore

e del Novara lo ha dimostrato, sarà sempre il primo fidanzato

e io spero che presto o tardi diventerà anche il suo sposo

quello che ha fatto il Signor Ferranti, si è infilato dentro la storia

e Novara e i novaresi assai lunga hanno la memoria

e per non dimenticare il Di Bari, un pensiero al direttore

il quale correndo dietro al tempo, ha creato un capolavoro

grazie ai giovani giocatori e a qualche vecchietto che a loro avrà rifilato qualche scarpata nel culo

in questa categoria unta e sporcacciona (a qualcuno non piacerà questo termine, pazienza!) non torneremo proprio più

grazie anche a Marchionni che ha preso per mano questa carovana

e ha fatto da parafulmine a più di un fulmine

grazie a tutta quella gente che ha lavorato duro per il Novara

gente che nel cuore porterà il ricordo di un’ alba chiara

grazie proprio a tutti quanti dai distinti alla tribuna

anche a tutti i criticoni che non ne perdonano mai una

E se è vero che da sempre, i migliori stanno in fondo

un grazie ai NUARES, un grazie grosso come il mondo.

 

Nonnopipo

*semi di cespuglio di bosco a doppia punta, particolarmente odiosi, che si attaccano ai vestiti

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: