La siloria sensa i bö Dialetto

Succede quando mi incazzo per qualsiasi motivo, di ritrovarmi, senza volerlo, ad esprimere i miei pensieri e le mie ragioni ricorrendo all’uso del dialetto.

Si tratta sicuramente di un riflesso incondizionato, di quelli che aiutano il soggetto con l’incazzatura in corso d’opera, ad accrescere le proprie convinzioni e, contemporaneamente, riuscire ad incutere all’interlocutore di turno un certo disagio dovuto alla sua probabile scarsa capacità di traduzione, un po’ come avviene con gli svizzeri i quali, lasciandoti li come un pirla davanti alla loro arroganza teutonica, fanno finta di non capire l’italiano quando invece lo comprendono benissimo … o forse no, niente di tutto ciò??!!

È che, semplicemente, in dialetto ci si incazza meglio, ecco la verità!!

Così, dunque, il volgar ma dotto linguaggio, senza nulla voler togliere alla unificazione verbale voluta dall’Alighieri, assume un carattere di scarico delle tensioni, mentre il confortevole e tanto caro ai novaresi “ma va da via ‘l cü!!!”, che quando ci vuole non ha nessun epiteto in grado di sostituirlo degnamente, proprio come il nostro centroavanti per il quale non esiste alternativa alcuna, assomiglia ad un lavacro simile ad un percorso in una piscina di quei centri benessere tanto in voga di questi tempi.

A dire il vero, sempre allo stato attuale, non esiste nemmeno il centravanti titolare, perdutosi tra chili in eccesso, malanni muscolari di varia natura, e infargiú da stagión … ecco … i la savevi, i parli dal Nuara e incumencian a girám i bali, che pö i sarissan i cujón.

E giá chi suma in viá, adèss i devi fà una cunfession:

La prima volta che ho pugiá al pé dentar al mür da cinta dl’ Alcarotti, i gh’ avevi si e no vott o növ ani, (chi l’è che ‘m cunussa l’è giá fai i cünt, i altar che ‘s na rangian) vündas giügadur i purtavan indoss una maia russa, i altar vündas dal Nuara, inveci, una maia bianca.
E capivi mia parché la gent la vusava “forza azzurri”.
Ben, da alura ghè cambiá bèli gnenta : poch i capivi prima poch i capissi ‘dèss.
Strategii, tattichi, schema, tüti robi che par mi i cüntan cume al dü da picch quand la briscula l’è fiur.

A mi dal fulbar m’interessa madumá la part püssè puetica, cula che at fa batt al cör,
cula che t’obbliga a disvigiat prestu la matina dal dí dla partida e sentí li in bass sü ‘l stomich, un pés che as trasfurma quand al riva fin tacá al gardión, int un grupp che l’è sempar lì prunt a slenguás in lacrimi a la prima uccasión.

A Nuara la ciamuma al “magón”, giüst par rend l’idea, l’istéss da cula voia da piàng che ho ducià ‘n ti öcc di mè amis quand dò smani fa i suma perdü al derby sensa gnanca fa un tir vèrs la porta di biciulan.

E par tasè da dumenica passá, quand dopu la partida giügá in cula citá bèla ‘mè ‘n debít, i seri alégar cume una musca int un paés da stitich.

Ecco, se ‘dèss i duvissi guardà la rabbia che gh hó dentar, i vó ‘vanti a parlá dialètt fin a Nadal, quand a sücéda che suma tüti püssè bunari.

Ma ‘dèss no, ‘dèss son ancura rabius ‘mè ‘n gat salvadigh, e i gh n’ ho par tüti: a cumincià dl’arbitro, cul gran bastardón e vigliacón che gh ha mia avü ‘l curágg da sübià un rigur gross ‘mè la cüpula da San Gaudensi, l’alenadúr, i giügadúr, al timuniér e al padron dal vapur.

I vöri mia tirá in bal di scüsi, ma al mè Nuara m’ ha fai gní in ment la storia da cul padron dla cassina che, par lavrá la tèra, l’ era cumprá una gran bèla siloria, sensa peró vurè spend di altar sold par i bö che la siloria avrissan duvü tirá.

Vabè, sfugá m’ ho sfugá, anca se son ancura tribüla ‘mè l’intestin quand l’ incuntra una pürga d’oli d’ ricin, e posso sin da ora affermare che sabato sarò al mio solito posto, in quanto, come dice il mio Presidente de “Quelli dell’Alcarotti”, non si molla un cazzo e non si indietreggia nemmeno di un centimetro … toh … guarda un po’…devo essermi calmato veramente!!!!

Forza Novara tutta la vita … no questa assolutamente mai in italiano eh!!!

Forsa Nuara tüta la vita.

Nonnopipo


Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: