Rimaniamo in contatto

Pensieri e parole

Quando i calciatori danno i numeri

Published

on

Chissà cosa passa nella testa dei calciatori quando devono scegliere il numero da impataccare sul retro della maglia, appena sotto il cognome, e ora anche su un gambale dei pantaloncini?!

Scelta legata a qualche ricordo, ricorrenza, magari qualcosa di misterioso o esoterico, comunque un numero che li accompagnerá, con alterna fortuna, nell’arco di tutta una stagione, quindi una decisione importante e mai casuale.

Qualunque sia poi il motivo, bisogna però riconoscere che taluni accoppiamenti, oltre ad essere davvero singolari, danno origine a combinazioni curiose, se non addirittura divertenti.

È il caso dell’ex portiere del Cagliari, Marco Fortin, che scelse il 14 dato che la pronuncia del numero, in inglese, ha una grande assonanza con il suo cognome in italiano.
Sempre per lo stesso motivo, l’attaccante marocchino Zeroualy dell’Aberdeen, deceduto a soli 27 anni in un incidente automobilistico, scelse appunto lo 0.

Altri e più discutibili motivi spinsero l’allora giovanissimo portiere del Parma, Gianluigi Buffon, a volere l’88, numero notoriamente associato alla ideologia nazifascista, essendo i due numeri 8 indicanti la doppia H (in quanto ottava lettera dell’alfabeto italiano), ovvero il saluto nazista Heil Hitler.
Il portierone della nazionale, una volta informato del fatto, cambiò il numero scegliendo il 77 che nella “smorfia napoletana” ricorda le gambe delle donne. Decisamente meglio e ottima scusa per evitare polemiche.

Restando sempre nell’area piccola, dove abbondano curiositá numeriche degne di nota, è doveroso ricordare il portiere americano del Los Angeles Galaxy, Steve Cronin, che per primo, in mezzo ai pali, sulla schiena portò lo 0, mentre i suoi colleghi, Rogerio Ceni, portiere goleador del San Paolo, e l’indimenticabile funambolico portiere della nazionale olandese, Jan Jongbloed, che partecipò al mondiali in Germania nel’74 e in Argentina nel ’78, scelsero rispettivamente uno stravagante 01 e l’8.

Per terminare la rassegna ricordo che Lupatelli, attuale preparatore dei portieri della primavera della Juventus, volle a tutti i costi indossare la maglia con il numero 10 del Chievo, dove ci deve essere per forza un’aria particolarmente misteriosa di stranezze, se anche il centrocampista De Guzman, ora all’ Eintracht Francoforte, per la sua esperienza clivense si approprió del numero 1.

Come fu per Osvaldo Ardiles ai mondiali argentini nel 1978, quando il criterio seguito dalla sua nazionale per l’assegnazione dei numeri fu quello dell’ordine alfabetico che a lui impose il numero di solito assegnato al portiere.

La schiena a tre cifre, invece, venne inaugurata dall’australiano Thomas Oar, attaccante della stessa squadra dalla quale proviene il nostro Andrea Orlandi, l’Apoel di Nicosia, quando esordì in nazionale con il 121.

Con la maglia neroazzurra, ricordato oltre ai gol segnati e per la sua grande generosità, Iván Zamorano cedette a un certo Ronaldo il suo numero 9, adottando egli il 18 con l’aggiunta di un piccolo segno + tra i due numeri.

Come allora non definire maniacale la motivazione che portò alla scelta del 69 da parte dell’ex terzino francese del Bayern di Monaco, Bixente Lizarazu, in quanto nato nel ’69, il cui peso ottimale pari a chilogrammi 69 era distribuito lungo un metro e 69 centimetri di altezza???!!!

Dopo questo elenco forse un tantino noiosetto, spero che una ghignata possa scaturire dopo aver letto che l’ex centrocampista del Perugia, Fabio Gatti, scelse il 44 per scimmiottare la famosa canzoncina per bambini cantata molti anni fa allo Zecchino d’oro e che Stefano Sensi del Sassuolo, con il cognome che porta, altro non avrebbe potuto scegliere se non il numero 5.
Ma la vera chicca, quella che sa di fiaba, quella il cui accostamento, da solo, meriterebbe una standing ovation, è senza ombra di dubbio il 7 scritto sotto il nome dell’ attaccante della Lazio Nani a cui i tifosi della Lazio hanno subito dedicato una variante di una nota canzone romanesca: “…s’ annamo a divertí, Nani Nani”

Nonnopipo

 

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Pensieri e parole

Fine dei giochi: il TAR toglie ogni speranza a Pavanati

Published

on

E’ finalmente arrivata la sentenza definitiva sul ricorso del Carpi FC 1909 che chiedeva la riammissione in serie D e l’annullamento del provvedimento per il riconoscimento dell’Athletic Carpi come società rappresentativa della città di Carpi.

Riassumo velocemente le puntate precedenti:

Novara, Casertana, Sambenedettese e Carpi sono state escluse dalla partecipazione ai campionati professionistici per inadempimenti finanziari.

Casertana prima e Sambenedettese poi sono state ammesse al campionato di serie D con la stessa compagine societaria esclusa dalla serie C (debiti e tasse non pagate compresi). Questo è stato possibile perché nessun’altra società si è proposta per rappresentare le due città in serie D.

A Carpi come a Novara, il Sindaco ha predisposto un apposito bando che ha consegnato il diritto di essere la società rappresentativa della città all’Athletic Carpi nella città di Carpi e al FC Novara nella città di Novara.

Il vecchio FC Carpi 1909, forte della sentenza a favore della Sambenedettese ha fatto ricorso al TAR che in un primo giudizio monocratico aveva confermato il diritto al FC Carpi di iscriversi in serie D.

Il 5 ottobre il TAR, riunito in Consiglio ha dichiarato inammissibile il ricorso decretando definitivamente il pieno di diritto dell’Athletic Carpi di rappresentare la città di Carpi in serie D.

La motivazione del tribunale si riconduce alla “pregiudiziale sportiva” ovvero, il TAR se ne lava le mani, dicendo che la competenza per la materia è la Giustizia Sportiva e non il TAR.

La sentenza è una pietra tombale sulle pretese sportive del FC Carpi ma soprattutto ed è quello che ci interessa, sulle eventuali pretese sportive del Novara Calcio 1908 di Pavanati. Ora l’unica strada percorribile per il Carpi come per il Novara è quella del risarcimento economico tramite ricorso al Consiglio di Stato.

La mia personale conclusione a questo pippone giuridico-sportivo è: TAR e FIGC hanno trovato come sempre, l’escamotage giusto per togliersi a vicenda le castagne dal fuoco. Dal prossimo anno non ci saranno più dubbi: una società esclusa dai campionati professionistici per motivi finanziari potrà tranquillamente iscriversi al campionato di serie D in sovrannumero perché hanno diritto ad una sorta di prelazione su altri eventuali pretendenti. Una vera beffa per FC Carpi e Novara Calcio 1908.

Ora il destino di Pavanati & C è segnato: possono andare avanti all’infinito alla ricerca di un risarcimento economico che non otterranno mai ma dal punto di vista sportivo non hanno più possibilità di rinascita. Le due squadre giovanili messe in piedi per mascherare una continuità societaria, sono perfettamente inutili.

Pavanati potrebbe a questo punto fare la prima cosa di buon senso della sua breve gestione: rimettere il titolo sportivo della società nelle mani del Sindaco, sciogliendo la società Novara Calcio SpA per sopravvenuta impossibilità di conseguire l’oggetto sociale.

Ridarebbe così un minimo di dignità alla sua persona e riconsegnerebbe il Novara Calcio 1908 ai loro legittimi proprietari: i tifosi.

Depa

 

Continua a leggere

Pensieri e parole

Duemilatrecento risposte

Published

on

I numeri sono importanti.

La media spettatori in C2 nei primi anni 2000 era di 1000 spettatori a partita, l’anno della promozione in C1 (2002-03) avevamo totalizzato 318 abbonati, in C1 gli abbonati erano tra i 750 e 1100 e solamente con forti promozioni avevamo raggiunto i 1700 abbonati.

Anche in serie B gli abbonati oscillavano tra i 2.269 e i 3.439 nell’anno post serie A.

2300 abbonati in serie D, destinati ad aumentare di qualche unità in questa ultima settimana, sono un numero che dice molte cose.

Prima di tutto è un messaggio chiaro ed inequivocabile a Pavanati e De Salvo: decidiamo noi chi è il Novara, per chi vogliamo tifare e a chi doniamo la nostra passione. Sono certo che con loro al comando, neanche regalando gli abbonamenti, avrebbero fatto questi numeri.

Questi numeri dicono anche che lo zoccolo duro dei tifosi azzurri è aumentato negli anni e resiste ad ogni tempesta. Se 20 anni fa in quarta serie lo zoccolo duro era di 1000 eroici tifosi ora questi sono almeno il doppio, in un momento storico dove la gente allo stadio va sempre meno volentieri.

L’altro messaggio dei 2300 abbonati è a Ferranti che si sta rivelando come il Presidente ideale: empatico, passionale, corretto e onesto. Ci stiamo fidando per l’ennesima volta, dell’ennesima persona diversa: noi siamo questi, ci riporti dove ci compete e riconquisti prima possibile la nostra storia, il nostro titolo, il nostro nome: Novara calcio 1908.

MEDIA SPETTATORI E ABBONATI NEGLI ULTIMI 20 ANNI:

C2 2000-01              1.075 spettatori

C2 2001-02                 794 spettatori

C2 2002-03              2.036 spettatori, 318 abbonati

C1 2003-04               2.460 spettatori, 756 abbonati

C1 2004-05               1.713 spettatori, 860 abbonati

C1 2005-06               2.720 spettatori, 1784 abbonati

C1 2006-07                1.790 spettatori, 774 abbonati

C1 2007-08               2.164 spettatori, 1.108 abbonati

C1 2008-09               2.241 spettatori, 1.157 abbonati

C1 2009-10                3.785 spettatori, 1.691 abbonati

B   2010-11                 5.449 spettatori, 2.269 abbonati

A   2011-12                10.957 spettatori, 7.211 abbonati

B   2012-13                 4.675   spettatori, 3.439 abbonati

B   2013-14                 5.069 spettatori, 3.311 abbonati

C   2014-15                 4.062 spettatori, 3.140 abbonati

B   2015-16                 4.890 spettatori, 3.055 abbonati

B   2016-17                 4.203 spettatori, 2.810 abbonati

B   2017-18                 4.044 spettatori, 2.739 abbonati

C   2018-19                 3.007 spettatori, 2.308 abbonati

C   2019-20 covid

C   2020-21 covid

Depa

Continua a leggere

Pensieri e parole

Inquietanti similitudini

Published

on

Nei giorni scorsi mi ha incuriosito un messaggio social di Franco Amato.

Inutile ricordare chi è Amato. Anzi ricordiamolo: campione del mondo a La Coruña nel 1988 e a Wuppertal nel 1997, Campione d’Europa a Lodi nel 1990, 6 volte Campione d’Italia con l’Hockey Novara, 2 Coppe CERS sempre con il Novara, 3 volte capocannoniere con il Novara, più di 600 gol con la maglia azzurra del Novara.

Praticamente un monumento dell’Hockey su Pista italiano, una icona dello sport novarese.

Il messaggio social diceva: “La mia prima maglia dell‘hockey Novara quello vero però non le chiacchiere di oggi” e l’immagine era quella di un derby con il Vercelli.

L’ultimo campionato disputato dall’Hockey Novara è datato 2008-09. Da 13 anni il glorioso Hockey Novara è inattivo, ha sospeso ogni attività ma non è fallito, è stato “ibernato” e tenuto in ostaggio dal suo proprietario, Massimo Rapetto. Recentemente l’Hockey Novara ha dato segnali di rinascita, con un tentativo di rilancio del settore giovanile e l’organizzazione di alcuni eventi in previsione del centenario del club del 2024.

La reazione social di Franco Amato, recentemente coinvolto dal club di Rapetto per la sua immagine trascinante, non lascia presagire nulla di positivo sul nuovo corso dell’Hockey Novara e sicuramente proveremo a tornare su questo argomento, cercando di tenere i fari accesi sulla vicenda.

E’ però inquietante che le due storiche società sportive novaresi, l’Hockey Novara 1924 e il Novara Calcio 1908, stiano seguendo percorsi simili: entrambe sono state escluse dai propri campionati per motivi economici, entrambe non sono fallite, entrambe sono state sostituite da nuove ed oneste realtà (l’Azzurra Hockey e il FC Novara), entrambe mantengono matricola storica e trofei, entrambe vengono tenute in ostaggio dai loro proprietari.

E’ vero che l’esclusione del Novara Calcio è recentissima ma proprio perché a Novara siamo riusciti a dimenticare, sia a livello politico che sociale, una Istituzione come l’Hockey Novara senza fare nulla, è opportuno ripetere fino allo sfinimento e continuerò a farlo anche se è fastidioso, anche se toglie il sonno a tanti amici tifosi: finchè il Novara Calcio 1908 non fallirà, il FC Novara non potrà mai essere il mio o il nostro Novara.

Le Norme parlano chiaro: “Il titolo sportivo di una società, cui venga revocata l’affiliazione ai sensi del comma 7 dell’articolo 16, può essere attribuito ad altra società a condizione che la società in liquidazione appartenga alla Lega Dilettanti e che la nuova aspirante al titolo si accolli ed assolva gli eventuali debiti di quella in liquidazione cui viene revocata l’affiliazione.”

Impossibile e anche profondamente ingiusto che Ferranti si accolli i debiti di De Salvo-Rullo-Pavanati solo per riconquistare il titolo sportivo. Ma il rischio di rimanere nel limbo per decenni, esattamente come l’Hockey Novara è altissimo e l’unica maniera per evitare questa specie di incubo, è che i creditori del Novara Calcio 1908 (fornitori, dipendenti, banche, istituzioni pubbliche) chiedano prima possibile il fallimento della società di Pavanati e De Salvo.

E’ evidente che Ferranti non può fare nulla per portare al fallimento il vecchio Novara Calcio 1908 ma l’acquisizione del titolo sportivo, deve essere la sua priorità, il suo pensiero fisso ogni mattina e le sue conoscenze ed i suoi compagni di viaggio devono aiutarlo a raggiungere velocemente questo obbiettivo.

E visto che ci siamo, le Istituzioni cittadine dovrebbero farsi carico di ridare alla città anche l’Hockey Novara oltre che il Novara Calcio 1908. Non basta sostituirle con società rappresentative della città, non è giusto che la Storia  rimanga in ostaggio di personaggi da serie televisiva.

Depa

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: