Rimaniamo in contatto

Pensieri e parole

Quando i calciatori danno i numeri

Published

on

Chissà cosa passa nella testa dei calciatori quando devono scegliere il numero da impataccare sul retro della maglia, appena sotto il cognome, e ora anche su un gambale dei pantaloncini?!

Scelta legata a qualche ricordo, ricorrenza, magari qualcosa di misterioso o esoterico, comunque un numero che li accompagnerá, con alterna fortuna, nell’arco di tutta una stagione, quindi una decisione importante e mai casuale.

Qualunque sia poi il motivo, bisogna però riconoscere che taluni accoppiamenti, oltre ad essere davvero singolari, danno origine a combinazioni curiose, se non addirittura divertenti.

È il caso dell’ex portiere del Cagliari, Marco Fortin, che scelse il 14 dato che la pronuncia del numero, in inglese, ha una grande assonanza con il suo cognome in italiano.
Sempre per lo stesso motivo, l’attaccante marocchino Zeroualy dell’Aberdeen, deceduto a soli 27 anni in un incidente automobilistico, scelse appunto lo 0.

Altri e più discutibili motivi spinsero l’allora giovanissimo portiere del Parma, Gianluigi Buffon, a volere l’88, numero notoriamente associato alla ideologia nazifascista, essendo i due numeri 8 indicanti la doppia H (in quanto ottava lettera dell’alfabeto italiano), ovvero il saluto nazista Heil Hitler.
Il portierone della nazionale, una volta informato del fatto, cambiò il numero scegliendo il 77 che nella “smorfia napoletana” ricorda le gambe delle donne. Decisamente meglio e ottima scusa per evitare polemiche.

Restando sempre nell’area piccola, dove abbondano curiositá numeriche degne di nota, è doveroso ricordare il portiere americano del Los Angeles Galaxy, Steve Cronin, che per primo, in mezzo ai pali, sulla schiena portò lo 0, mentre i suoi colleghi, Rogerio Ceni, portiere goleador del San Paolo, e l’indimenticabile funambolico portiere della nazionale olandese, Jan Jongbloed, che partecipò al mondiali in Germania nel’74 e in Argentina nel ’78, scelsero rispettivamente uno stravagante 01 e l’8.

Per terminare la rassegna ricordo che Lupatelli, attuale preparatore dei portieri della primavera della Juventus, volle a tutti i costi indossare la maglia con il numero 10 del Chievo, dove ci deve essere per forza un’aria particolarmente misteriosa di stranezze, se anche il centrocampista De Guzman, ora all’ Eintracht Francoforte, per la sua esperienza clivense si approprió del numero 1.

Come fu per Osvaldo Ardiles ai mondiali argentini nel 1978, quando il criterio seguito dalla sua nazionale per l’assegnazione dei numeri fu quello dell’ordine alfabetico che a lui impose il numero di solito assegnato al portiere.

La schiena a tre cifre, invece, venne inaugurata dall’australiano Thomas Oar, attaccante della stessa squadra dalla quale proviene il nostro Andrea Orlandi, l’Apoel di Nicosia, quando esordì in nazionale con il 121.

Con la maglia neroazzurra, ricordato oltre ai gol segnati e per la sua grande generosità, Iván Zamorano cedette a un certo Ronaldo il suo numero 9, adottando egli il 18 con l’aggiunta di un piccolo segno + tra i due numeri.

Come allora non definire maniacale la motivazione che portò alla scelta del 69 da parte dell’ex terzino francese del Bayern di Monaco, Bixente Lizarazu, in quanto nato nel ’69, il cui peso ottimale pari a chilogrammi 69 era distribuito lungo un metro e 69 centimetri di altezza???!!!

Dopo questo elenco forse un tantino noiosetto, spero che una ghignata possa scaturire dopo aver letto che l’ex centrocampista del Perugia, Fabio Gatti, scelse il 44 per scimmiottare la famosa canzoncina per bambini cantata molti anni fa allo Zecchino d’oro e che Stefano Sensi del Sassuolo, con il cognome che porta, altro non avrebbe potuto scegliere se non il numero 5.
Ma la vera chicca, quella che sa di fiaba, quella il cui accostamento, da solo, meriterebbe una standing ovation, è senza ombra di dubbio il 7 scritto sotto il nome dell’ attaccante della Lazio Nani a cui i tifosi della Lazio hanno subito dedicato una variante di una nota canzone romanesca: “…s’ annamo a divertí, Nani Nani”

Nonnopipo

 

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Pensieri e parole

Ieri, oggi, domani … forse.

Published

on

Il calcio possiede attributi talmente grossi al punto che, autonomamente, è in grado di generare ricordi che viaggiano liberi nel tempo.

C’è tendenza ad affermare che il calcio di una volta era più bello, più pulito di sicuro; certo, anche i più giovani ora sanno che il football di allora era tutta un’altra cosa, Non certo perchè rispetto ad oggi c’erano gesti atletici più eclatanti, mirabolanti fantasie, ma semplicemente perchè il calcio di adesso viene ucciso appena nato. Un gesto di Messi è lodato, se va bene, solo per un paio di giorni, dopo basta, esso finisce nel dimenticatoio, senza riflessioni, senza racconto, senza poesia, senza ricordo.

Mi sono chiesto più volte: “ci sarà pure un motivo per cui è meglio vedere le immagini sgranate e quasi al rallentatore di Italia-Germania 1970, piuttosto dell’ l’ultima finale mondiale svoltasi in Catàr (nell’accezione dialettale della sostanza secreta dalle mucose delle vie respiratorie) per giunta in super mega alta definizione in 4K ?” Il motivo è semplicissimo e banalmente facile da spiegare attraverso la velocitа con cui il nostro tempo inghiotte e digerisce ogni cosa, restituendola spolpata dei contenuti più “emotivi”, quelli che stazionano accanto al cuore.

Oggi si pretendono emozioni forti, possibilmente in rapida successione. Questa è la differenza rispetto alle slow motion a cui eravamo abituati.
La sete del tifoso diventa arsura se non interviene il ricordo a tentare di placarla.

E allora esistono dipinti che la mente umana appende ai muri di una personalissima galleria espositiva. Quindi ecco le gocce di sudore che bagnano le rughe e le guance sul volto magro e scavato di “Gigirriva”, trasformarsi in una sfera di cuoio e sfondare l’ennesima rete e portare in trionfo la Sardegna. Ora chiudo gli occhi e vedo la maglia numero 14 di un olandese guidare l’Arancia Meccanica alla conquista di un gioco reso spettacolare dall’incastro di undici fenomeni che vestivano contemporaneamente la maglia dell’Ajax, vedo accasciarsi, in un angosciante episodio di morte in un triste pomeriggio di ottobre, il povero Renato Curi, vedo il Rivera, che tra lo stupore generale entra negli ultimi sei minuti della finale dell’Azteca 1970.

Poi, quasi in una trasfigurazione scenica, subentrano imperiosi i ricordi di casa, quelli che si trovano a chilometro zero, quindi autoctoni, per cui vedo gli occhi spiritati di Jimmy Fontana, la scia luminosa lasciata nel cielo del Piola da quel tracciante partito dal piede di Rigoni che ci  pagava il biglietto per il prossimo giro sulla giostra a cui qualcuno tolse la corrente elettrica, l’improvvida, per i padovani ma salvifica per noi, sostituzione di El Shaarawy, i due petali “cremonesi” di Ventola che profumavano di serie B, il capolavoro di Mimmo Toscano, la testa pelata del Nini, le bombe di Enzo, le partenze fulminee della freccia di Caltignaga che si trasformano nelle serpentine di Scienza, i “ragionamenti” a centrocampo di Carrera, i muscoli di Piccinetti, le danze di Giannini, il cuore di Pinamonte e i baffoni neri stampati sul volto dell’ uomo di Castrovillari … e le affettuose carezze che il Celestino di Cameri, sorridendo, lasciava su quei capelli tagliati a zero di un bambino che vedeva il calcio, allora, come ostinatamente lo vede adesso, solo con qualche ruga in più per entrambi.

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

Continua a leggere

Pensieri e parole

7.547.267 volte grazie Presidente Ferranti

Published

on

Con la pubblicazione del bilancio di esercizio 2022/23 del NOVARA FOOTBALL CLUB S.P.A. si chiude definitivamente la breve ma intensa storia della Presidenza Ferranti.

La lettura del bilancio oltre ad un noioso elenco di numeri incomprensibili, svela alcuni retroscena e chiarisce situazioni che spesso ci impegnano in discussioni inutili: nella stagione 2022/23 l’unico acquisto “oneroso” è stato quello di Bortolussi per 150.000 euro dal Cesena poi rivenduto al Padova per 123.000 euro. Questo rende l’idea di come il mercato in C sia a costo cartellino zero. Anche una società ambiziosa come quella di Ferranti della stagione scorsa ha speso praticamente nulla per i cartellini dei giocatori e ha investito (tantissimo) sul costo degli ingaggi dei calciatori presi a costo zero.

Per i nostalgici di Novarello, è giusto sapere che il ritorno della squadra nel regno del male di MDS è costato 212.563 euro di affitto in un anno e non penso che il fallito de facto sarà disponibile ad uno sconto alla nuova proprietà. Niente in confronto però ai soldi buttati via per “accordi di risoluzioni contrattuali che hanno comportato incentivi all’esodo per complessivi Euro 242.736”.

Ogni partita disputata al Piola consente di incassare tra biglietti e abbonamenti la bellezza di 15.400 euro per un totale di 293.000 in una stagione. Mi chiedo quanto potrà incassare una Giana Erminio o un Arzignano. Alla fine, le uniche entrate di una società di serie C sono costituite da: incassi da stadio, sponsorizzazioni e contributi federali. Per una società come il Novara di Ferranti significa incassare non più di 1.300.000 euro. I costi per il personale (ingaggi dei calciatori e stipendi vari) sfiorano i 5 milioni su un totale di costi di 7,3 milioni di euro.

Il totale delle perdite nelle due stagioni 22/23 e 21/22 è stato di 7,5 milioni di euro, una perdita molto simile a quella messa insieme da MDS, passata a Rullo che l’ha peggiorata e scaricata a Pavanati che in poche settimane ha fatto fallire il Novara Calcio 1908. Ma al contrario dei suoi indegni predecessori, Ferranti ha coperto con soldi veri e personali tutte le perdite fino all’ultimo euro, ha resistito alla tentazione di cedere la società ad avventurieri italiani e stranieri che avrebbe consentito, come a MDS di sgravarsi dei propri debiti. Ha infine ceduto una società come promesso, senza debiti ad una realtà che fino a prova contraria è seria e credibile.

Quindi grazie Massimo Ferranti, spero che ti sia divertito e che le gioie vissute abbiano reso più leggero il pensiero dei tanti soldi bruciati per la nostra passione. Per la nuova proprietà un monito ed un unico consiglio: Lo Monaco o chi per lui, tira fora i solt.

Continua a leggere

Pensieri e parole

La capacità di non farsi scivolare addosso le cose

Published

on

By

C’è un aneddoto che a mio parere riassume perfettamente quello che è stato il Gigi Riva uomo, prima ancora del calciatore che è chiaramente uno dei 2 o 3 più forti bomber ogni epoca italiani, ma per quanto mi riguarda è una statistica che lascia davvero il tempo che trova. Un aneddoto raccontato da Totti nel suo libro (perché Totti ha scritto un libro) e che è stato anche ripreso da Federico Buffa in una delle sue Storie, e riguarda il ritorno a casa dopo la conquista del Mondiale 2006: una volta giunti a Roma, alla notizia che alcune delle autorità federali e soprattutto dei politici che avevano spernacchiato quella Nazionale prima della partenza sarebbero saliti sul pullman per celebrare la vittoria, Riva che all’epoca era Commissario degli Azzurri, prese il suo trolley e se ne andò via. Senza piazzate, senza pretendere che nessuno lo seguisse, solo l’impossibilità di adattarsi ad una situazione che stonava troppo con la propria dimensione morale, uscendone coerentemente in silenzio. Quella che nel libro è definita giustamente la capacità di non farsi scivolare addosso le cose, e che manca così tanto al mondo del calcio di oggi, che accetta qualsiasi cosa, scende a qualsiasi compromesso, annulla qualsiasi valore etico, e neanche a farlo apposta lo ha dimostrato plasticamente proprio nel giorno della morte di Rombo di Tuono e in quelli immediatamente precedenti, nella baracconata della Supercoppa.

Inutile dilungarsi sui motivi per cui la kermesse in Arabia sia stata un circo indegno perché lo dicono il numero degli spettatori, il contesto che tutti abbiamo potuto constatare e lo ha detto molto bene anche Sarri che è ovviamente una delle parti in commedia ma ha almeno il pregio di dire ogni tanto le cose come stanno. Ma mai avrei immaginato che proprio nel momento del ricordo di un uomo che per rettitudine, appartenenza, sacrificio ha incarnato il meglio di questo sport e l’Italia nel mondo nella maniera migliore, avremmo assistito al suo sfregio in diretta, senza che nessuno degli indegni commentatori Mediaset abbia avuto le palle di dire una sola parola al riguardo. Solo Zazzaroni nel dopopartita ha provato a segnalare la gravità dell’episodio, ma è stato rapidamente liquidato dalla conduttrice che ha giustificato il fatto come ‘culturale’, legato al fatto che non è abitudine di quei popoli onorare i morti con il classico minuto di silenzio. Sta di fatto che nel giorno in cui l’Italia perde uno dei suoi simboli (perché Gigi Riva non è stato solo un calciatore e chi ha oggi almeno 60 anni lo sa bene), non abbiamo trovato niente di meglio da fare che permettere a gente che non sa distinguere un terzino da un portiere di fischiare il ricordo di una leggenda del nostro calcio, uno che ha sacrificato due peroni alla Nazionale più eroica di tutti i tempi, quella della Partita del secolo. Il tutto senza che nessuno in campo o fuori abbia fatto una piega, e senza che neanche i media oggi dicano una parola su questo fatto. Eppure, la variegata cloaca mediatica internet e social è stata prontissima ad accompagnare la crociata contro gli insulti razzisti a Maignan, sollecitando misure esemplari tanto che uno degli autori probabilmente sarà a breve daspato a vita. Insulti che sono arrivati da un gruppo talmente sparuto di idioti e percepiti da talmente poche persone che con ogni probabilità il giudice non avrà neanche gli elementi per chiudere la curva per un turno.

E i tifosi non sono da meno, visto che anche oggi i social sono molto più pieni di gente che si piglia a insulti per uno step on foot e per un rosso piuttosto che manifestare indignazione per questo week end della vergogna. Io mi chiedo davvero cosa serva ancora al tifoso medio per disamorarsi del calcio di alto livello e riconoscere l’abisso morale in cui è caduto il giocattolino. Perché vi dò una notizia, se non siete in grado di farlo siete come quelli che hanno fischiato il minuto di silenzio per Gigi Riva. E a furia di farvi scivolare addosso le cose rischiate di assomigliare sempre di più ai vermi.

Jacopo

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.