Rimaniamo in contatto

Editoriale

Carpe diem

Published

on

Tre Palermo Novara differenti, due partite di serie B e una di A, tre partite ancora troppo lontane alla fine del campionato per poter essere considerate determinanti per il resto della stagione ma comunque tutte e tre illuminanti sul futuro, tre partite in cui il Novara partiva probabilmente sfavorito, soprattutto nell’ultima partita giocata nel capoluogo siciliano prima di quella di ieri, tre partite in cui il monte ingaggi complessivo delle due formazioni in campo si è sempre presentato parecchio distante. Fondamentalmente la storia recente di partite contro i rosanero racconta quindi di un contesto pressoché identico, con una grande squadra pronta a divorare la piccola di turno seguita da poche decine di tifosi, peraltro sempre in condizioni pietose dopo la sobrietà di pranzi che stenderebbero qualsiasi umano normodotato. Se Palermo città ci ha sempre dato tanto in termini di ospitalità e provvigioni, la squadra di Zamparini ci ha invece sempre tolto molto più di quello che probabilmente avremmo meritato sul campo. In A, vinto il jolly dello slittamento dell’esordio casalingo al Piola per il buffo sciopero dei giuocatori (non abbiamo la riprova ma quella partita li avremmo divorati), in B una loro vittoria in casa loro al 91′ e soprattutto la soddisfazione di vincere matematicamente quel campionato in casa nostra di fatto condannandoci ad un playout perso mentalmente prima di giocarlo. Insomma, se è vero che tutto ciò che il calcio ti toglie prima o poi te lo restituisce, frase da inserire solitamente nell’elenco delle grandi puttanate che vengono dette perché difficilmente si realizzano, nei cuori dei tifosi Nuares non poteva che esserci una grande speranza di rivalsa riassumibile in “prima o poi il culo glielo facciamo”.

Sono anche parecchio incredibili le analogie di questi risultati con quelli dei nostri ultimi campionati, giocati con allenatori parecchio differenti tra loro che hanno dovuto operare in contesti differenti e con giocatori molto diversi dal punto di vista fisico, caratteriale, tecnico e anagrafico, ma che alla fine hanno avuto più o meno un percorso comune fatto da un inizio parecchio problematico, una ripresa con filotto di risultati utili consecutivi e soprattutto un numero di vittorie incredibili, spesso in trasferta, contro le big di turno. Verrebbe da dire che questo Novara si sta creando una sorta di marchio di fabbrica che va oltre a qualsiasi attore protagonista che di fatto ne è il primo artefice concreto, e che ci sta facendo guadagnare di diritto quel ruolo, che personalmente adoro, di squadra cerchiata in rosso dagli avversari, ovvero quella da non poter sottovalutare perché la possibilità di fare una brutta figura giocandoci contro è elevatissima. Solo la Spal e il Crotone, forse perché non percepite realmente come grandi e quindi ci hanno confuso, possono vantarsi di non aver contribuito a far crescere questo marchio di fabbrica, ma c’è anche da dire che quando schieri un tridente in campo fatto da Baijde, Kanis e Luckanovic visto contro gli spallini lo scorso anno puoi solo sperare che la madonna di Boca scenda in campo e ti protegga almeno la schiena, visto che per l’integrità del culo manco Gesù Cristo avrebbe potuto ottenere risultati apprezzabili.

Ma Palermo Novara non è stata solo una grande partita che ricorderemo, è infatti coincisa con la decima partita di questa stagione. Perché va detto, soprattutto ai lettori diversamente novaresi, che il nostro pubblico si è abituato ormai a campare di una serie di stereotipi, di frasi fatte (spesso sensate va riconosciuto) e di messaggi subliminali diabolici che, secondo me, ci vengono impressi nella mente il giorno della presentazione estiva da MDS. Sono certo che se ascoltassimo i suoi proclami al contrario, visto che ascoltati nel verso giusto appaiono sempre interpretabili in almeno 4 o 5 modi, probabilmente sentiremmo questi precisi proclami subliminali satanici che manco i Led Zeppelin sarebbero così precisi nel propagarli coi loro dischi: “arriviamo a 50 punti e poi ci divertiamo”; “compra te il Novara visto che parli”; “questo giocatore costa troppo”, “l’importante è mantenere la categoria”, “Secondo a Vercelli lui sì che ne capisce” e soprattutto “aspettiamo dieci partite prima di giudicare”. Con queste 6 frasi il tifoso Nuares bene o male ci campa una stagione, cosa che se ci aggiungessimo anche  “più figa per tutti” e “in pensione nuovamente a 35 anni di contributi” potremmo buttarci in politica e avere un’autostrada verso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Bene, dopo 10 partite allora siamo quindi tutti autorizzati a parlare, ma siccome io per natura lo faccio anche dopo la prima di campionato, ora mi limiterò a lasciare solo un paio di spunti di riflessione. Il primo riguarda la figura dell’allenatore. Sono uno di quelli che ha sempre pensato che un allenatore più del 20% non potesse incidere perché in campo non ci scende lui e certi rapporti di forza sono oggettivi. Mourinho, Conte e Guardiola, per fare degli esempi, non salverebbero mai questo Benevento perché oggettivamente è più debole delle avversarie. Ma in queste ultime due stagioni ammetto di aver riconsiderato questa percentuale verso l’alto perché, soprattutto quando hai una squadra che si colloca agli estremi (cioè quando è molto forte o molto debole), l’importanza dell’allenatore diventa fondamentale. Un allenatore in grado di trasmettere tranquillità, convinzione e di dare un minimo di organizzazione al gioco allora fa la differenza. Eugenio Corini, non mi stancherò mai di dirlo, non solo si è trovato nella condizione di gettare nel cesso tre quarti di preparazione estiva a causa di uno stitico mercato estivo sbloccato solo a campionato iniziato, ma è da circa un mese che quasi non riesce a fare una partitella settimanale a causa della carenza di giocatori. Per uno che guarisce tre si fanno male e due vanno in gita in Nazionale. Lavorare in questa condizione non è facile, e pur con qualche oggettivo errore di troppo, appare evidente che abbia raggiunto risultati apprezzabili e che stia tenendo saldamente a galla quella che ha più parvenze di essere una zattera invece che una nave da crociera.

La seconda considerazione è quella sui giovani. E’ oggettivo e sotto gli occhi di tutti che quando peschiamo il giocatore “di seconda fascia”, quello magari più giovane che idealmente non parte titolare ma se la può giocare (verrebbe facile oggi fare l’esempio di Moscati) allora ci prendiamo con una percentuale incoraggiante. Quando invece ci dobbiamo mettere denaro fresco e andare a prenderci per esempio la nostra punta di diamante, questa percentuale scende a livelli preoccupanti. A questa riflessione mi sono anche dato due risposte, che immagino non piacciano ai seguaci dei messaggi subliminali sopra citati. La prima è che tendiamo a voler prendere la punta di diamante sempre alle nostre condizioni, che spesso non sono le stesse del mercato. Ergo il mercato, che non regala nulla, ci da solo quello che le nostre condizioni ci consentono di acquistare. Quando MDS ha messo denaro giusto nel momento in cui col denaro acquistavi ciò che volevi, ha preso bene (verrebbe facile anche qui fare l’esempio di Felice Evacuo), quando invece siamo entrati nelle nostre logiche perverse (ma sensate) il risultato è stato insoddisfacente; banalmente, pagando il giusto compreresti gente forte e seria. La seconda è che davvero non ci capiamo una mazza, valutiamo forti quelle che sono pippe e pippe quelli che sono forti. Non vedo alternative. C’è anche una terza ipotesi, che forse è la più realistica, e che si sintetizza nel non contare una mazza nel giro dei procuratori. Potremmo metter sul piatto tutti i soldi che vogliamo ma una punta seria a noi non la danno (terzo esempio facile facile con Caputo). Se siamo secondi vincendo in casa di una big e non schierando i 3 attaccanti più forti, forse una riflessione in Società la farei.

Rimane però il fatto fondamentale: il Novara ha due palle granitiche, è seconda a un punto dalla prima e sopperisce ad evidenti carenze tecniche con un cuore immenso. Tutte caratteristiche che dovrebbero riempire di orgoglio una tifoseria come la nostra che, per ovvi motivi, non potrà mai avere una rosa piena di campioni strapagati e non vanta in bacheca coppe e coccarde. Non so voi, ma io sono orgoglioso di poter parlare in questo momento del mio Novara, perché porca puttana non rubiamo niente e ci guadagniamo tutto col nostro sudore. Sbagliamo magari 30 passaggi ma corriamo come dei matti e non tiriamo mai via la gamba, ci crediamo sempre e mai e ribadisco mai quest’anno abbiamo avuto l’impressione di essere realmente inferiori ai nostri avversari. Ma cosa diamine serve ancora agli scettici per volere un po’ più bene a questa squadra? Corini magari sbaglierà ancora, il filotto vincente prima o poi (speriamo poi) finirà ma comunque siamo lì nel mezzo per giocare alla pari qualcosa che stiamo dimostrando di poter permetterci di giocare.

Riavvolgiamo i nastri, ragioniamo con la nostra testa, col nostro cuore e soprattutto coi nostri occhi senza trincerarci dietro a stupidi stereotipi che servono solo ad accettare una mediocrità costante. Siamo una squadra che può fare male a chiunque, godiamo di questo, approfittiamo del momento e riempiamo lo stadio martedì sera. Il ferro va battuto fino a quando è caldo, e ora è incandescente. Avanti Novara!

Claudio Vannucci

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

Orgogliosamente nicchia

Published

on

By

Adesso inizio subito con una delle mie riflessioni che, al solito, farà incazzare un po’ di gente probabilmente perché ho ragione. Ieri sera, mentre raggiungevo Piazza Martiri, ho dovuto farmi largo tra la folla rossonera festante. In quel tragitto io, il Barba, il Prof Sartorio (che nel frattempo Prof lo è diventato davvero), Moia, e un amico dei Fedelissimi, eravamo i soli 5 pirla vestiti di azzurro in mezzo ad una marea rossonera. Mi sono sentito come gli irriducibili del battaglione Azov asserragliati dentro l’acciaieria Azovstal, circondati dai russi che continuavano a bombardare. Con le ovvie proporzioni dettate dal contesto differente e con eccesso di licenza poetico metaforica, Piazza Martiri chiusa al traffico e concessa quasi totalmente solo agli irriducibili azzurri mi ha davvero ricordato quello scenario. Una città in festa per il Milan e in mezzo noi e il nostro mondo. Chiarisco: i milanisti hanno fatto bene a festeggiare così come avrebbero fatto bene interisti o juventini, non è questo il punto. Il tema è che se è normale che in tutte le città d’Italia la fazione vincitrice abbia festeggiato, trovo non sia assolutamente normale la proporzione in base alla quale noi siamo oggettivamente nicchia della nicchia. Mi viene facile fare questo discorso perché mi ritengo completamente “deserieazzato” da almeno 12 o 13 anni, ed è legittimo che non sia così per gli altri, tuttavia è oggettivo che la situazione in cui la passione per una squadra di A, che per come la vedo io dovrebbe essere considerata un po’ “l’amante o l’amichetta” esterna al quotidiano rapporto coniugale, a Novara sembrerebbe essere decisamente all’opposto, con i bianco azzurri nel ruolo di terzo incomodo che ogni tanto ci fa divertire a letto. Ogni tanto noi che abbiamo il Novara al primo posto sembriamo proprio come la parte “debole” di un rapporto di coppia, in cui sappiamo perfettamente che il nostro partner ci fa le corna ma, un po’ per convenienza, un po’ per paura di perderla e un po’ perché non abbiamo voglia di discutere, ci voltiamo dall’altra parte e va bene così. Perché il vero paradosso è proprio che se lo fai umilmente notare ti becchi pure gli insulti. Ecco, non mi venite a raccontare che tutta Italia è così, con la stessa proporzione, perché non è vero. Mi pare chiaro, e se così non lo fosse lo ribadisco nuovamente, che non è un ragionamento anti Milan visto che avrei scritto lo stesso se avesse vinto l’Inter o la Juve, come deve essere altresì chiaro che nessuno deve darmi alcun tipo di giustificazione. Ognuno faccia quello che crede, come crede e come si sente di farlo, ma ho la presunzione di dire che ci ho preso. Poi se come ieri devo abbassare la testa perché obbligato a passare in mezzo a 150 tifosi festanti che mi guardano pure ridendo perché indosso la maglietta azzurra (metà dei quali però presenti al Piola in serie A e B, ovviamente col piglio di quelli che hanno inventato loro il tifo a Novara) non mi venite a rompere le palle se me la prendo con gli occasionali da grande occasione o da categoria. Occasionali sono e occasionali resteranno, cosi come Novara siamo e Novara resteremo: puttane provinciali senza mezze misure, che vanno dove tira il vento. Chiusa la polemica senza davvero nessun dito puntato contro nessun amico in particolare.

Questa è la vigilia di un’estate che poche volte nella mia vita posso apprezzare dal punto di vista sportivo. Non vedo l’ora di gustarmi la costruzione della compagine che affronterà il prossimo campionato di C, di leggere le conferme e i nuovi acquisti. Al di là dell’ennesima sobria dichiarazione del Pres “si punta chiaramente alla B”, è tangibile la sensazione che si stia costruendo qualcosa di importante e soprattutto duraturo. E lo penso perché mi pare di percepire un riavvicinamento ai nostri colori anche dalla parte imprenditoriale della città, dopo quella politica chiaramente molto esposta già dallo scorso agosto. Sono sempre stato molto critico con certi noti Imprenditori, soprattutto la scorsa estate perché quel gruppo che avrebbe potuto salvarci prima ha deciso di attendere alla finestra, confermando il solito (prezioso, lo ammetto e ne do atto) appoggio esterno. Non mi riferisco quindi oggi a loro, ma a tutta quella serie di imprenditoria minore che mi pare stia smettendo di vedere il Novara come un qualcosa di umiliante cui starne alla larga. Ovviamente vedremo tra qualche settimana chi e come aiuterà Ferranti, ma che sia cambiata l’aria è evidente. Concordo con l’amico Renato Ambiel quando, in un passaggio a Radio Azzurra (e riferendosi al Ds Cordone, ma concettualmente varrà anche per il prossimo) il nuovo Direttore Sportivo avrà un compito “abbastanza” semplice nel senso che, a differenza della massa dei suoi colleghi, non si troverà nell’inevitabile situazione in cui prima dovrà vendere e poi, solo dopo, eventualmente acquistare al ribasso. E’ uno dei pochi col privilegio di trovarsi un portafoglio pieno (di quanto lo vedremo, sicuramente in termini assoluti non poco in rapporto agli altri), di poter scegliere chi confermare di questa stagione e di puntare agli obiettivi prefissati. Non sarà comunque facile oltre al fatto che, come ho scritto tempo fa, è proprio da questa estate che non solo si potranno e dovranno mettere le basi per una sorta di continuità, ma implicitamente si rischierà di mettere le basi per futuri disastri finanziari. Non sono e non sarò mai persona che si accontenta ma, a differenza di prima, credo aver pagato sulla mia pelle lo scotto dell’insostenibilità. I due campionati di C vinti nell’era De Salvo sono l’emblema di un paradosso cui è difficile non dover affrontare: in genere si vince solo spendendo e tanto, a meno che non sei un qualcosa di strano stile Cittadella o Sudtirol, che però lo diventi solo negli anni e in contesti senza pressione, perché se da zero ti metti a provare a fare la stessa cosa è molto probabile che fai parecchio male. Ma se spendi tanto senza potertelo permettere prima o poi salti. Se per noi sarà un’estate eccitante, vedrete che per molte altre realtà (alcune delle quali hanno goduto per le nostre tragedie) sarà un’estate molto complicata e di merda. Una serie C concepita come un accumulo di debiti e di contratti onerosi non è sostenibile se poi non vinci. Non mi piace parlare di altri ma, giusto per fare un esempio, mi piacerebbe vedere il bilancio di un Padova soprattutto se, anche quest’anno, non riuscirà a passare in serie B. Se il giusto compromesso probabilmente è insufficiente per ottenere certi risultati, la sola cosa che chiedo a Ferranti è quella di essere sempre onesto nella narrazione. Se ancora ieri, sul palco, dice che l’obiettivo è la serie B io ci credo. Ci devo credere. Non gliel’ho chiesta io e non gliel’ha chiesa nessuno, ma se è un obiettivo credibile, possibile e sostenibile non sarò certo io che mi metterò a fare le crociate ambendo, al contrario, ad una tranquilla e conservativa mediocrità. A Ferranti ho sempre detto una cosa: “Novara non ha bisogno di vincere, ma ha bisogno di aver la percezione di poterlo fare”. Solo così può funzionare, ed è così che ha funzionato quest’anno già dall’inizio.

La stagione non è ancora finita. Ammetto che mi piacerebbe molto diventare Campione d’Italia di serie D, giusto per pigliare per il culo i “pluriscudettati” d’oltre Sesia, ma comunque continuo a ritenere questa possibilità come un extra e nulla di più. Se il nostro destino è quello di essere orgogliosamente nicchia, allora continuiamo ad esserlo. Ognuno di noi sa chi c’è stato quest’anno, ognuno di noi ieri sera ha stretto la mano ed abbracciato chi ha ritenuto meritevole di ricevere questo gesto. Essere nicchia è qualcosa non per tutti, o lo sei o non lo sei. E se lo sei, credetemi gli altri non sono nulla.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Un’ estate da libidine

Published

on

By

Se serviva una garanzia che questa squadra ha strameritato di vincere con così largo anticipo il campionato, è arrivata nelle ultime due giornate. Abbiamo giocato due partite contro due squadre che avevano ancora altissime velleità di centrare i play off, due di quelle che nel girone d’andata per un certo periodo prima che staccassimo tutti in classifica ci avevano dato qualche pensiero. E le abbiamo meritatamente vinte entrambe, quando sarebbe stato fisiologico e per certi versi molto ‘italiano’ staccare la spina e lasciare punti non avendo più nulla da chiedere. Non ho visto quella col Chieri, ma ieri mi è parso chiaro per l’ennesima volta che in questo campionato fossimo di un altro livello. E lo dice uno che ciclicamente, ma ovviamente in particolare dopo il crollo in casa con la Sanremese, qualche serio dubbio sulla reale tenuta soprattutto mentale di questa squadra se l’era posto.

Ieri non abbiamo sostanzialmente mai sofferto, a parte un paio di mischie e il troppo spazio lasciato a Manasiev (gran bel giocatore, incredibile che uno così a 37 anni non abbia mai calcato una volta in vita sua un palcoscenico da professionista). E abbiamo avuto la conferma che quello davanti con la maglia numero 9 è un giocatore senza senso in queste categorie, dove nonostante sia palesemente un alieno riesce ancora a trovare le motivazioni per stare una partita intera sul pezzo, segnando un gol pazzesco da fuori, un altro di rapina come da suo repertorio, e infine fottendone uno a Gonzo (Pablo, non prendertela, è fatto così), andando addirittura in tante occasioni a prendersi la profondità sulla fascia. Insomma, è un mostro, e a questo punto pure io che sono sempre molto prudente nell’andare incontro alle richieste dei giocatori che vogliono monetizzare il più possibile il momento di hype, inizio a pensare che davvero un sacrificio fuori dai parametri varrebbe la pena farlo per lui. Non per altro, ma perché perdere a zero oggi un giocatore che magari l’anno prossimo in C ti spara 20 gol, e che potresti rivendere 3 o 4 volte i soldi che ci spendi per un anno di nuovo ingaggio sarebbe davvero un peccato.

Ora ci affacciamo a questa poule scudetto, che ci consegna ancora qualche partita ‘vera’ in cui ci giochiamo qualcosa, anche se dobbiamo dire che pure ieri da tifoso ho avvertito un coinvolgimento emotivo molto maggiore rispetto alle ultime partite di campionato giocate in ciabatte come ne abbiamo viste per tanti anni. La mia sensazione è che in tanti, con le ambizioni espresse da Ferranti per la prossima stagione, in questa coda di campionato si stiano giocando una possibile riconferma che potrebbe essere l’occasione della vita e quindi ci stiano mettendo quel qualcosa in più anche ora, in un momento in cui fisiologicamente quasi tutti staccano la testa. Le prime indiscrezioni che filtrano parlano di un budget importantissimo per la prossima stagione in C, con nomi che farebbero bagnare le mutande anche agli amici della tribuna (e non per l’incontinenza). Sarà un’estate dolce, come non ne vediamo da tanto tempo, in cui spero ci prenderemo qualche rivincita anche nei confronti degli usurpatori di simboli e marchi così facciamo rilassare un po’ il Depa. Per una notte torneremo anche ai ruggenti anni ’80 (che io odio con tutto me stesso, ma che devo ammettere funzionano molto nell’attrarre un certo pubblico nostalgico) con Jerry Calà alla festa promozione di domenica. Più libidine di così si muore.

Jacopo

Continua a leggere

Editoriale

Dardan Mania episodio 2

Published

on

By

Prima di leggere questo ragionamento invito tutti, soprattutto chi non lo avesse fatto ai tempi, a rileggere il primo episodio della saga “Dardan Mania” scritto nel mese di novembre. Lo potete fare cliccando qui. Di carattere sono uno troppo pratico per piegarmi all’opinione buonista in base alla quale “non è delicato parlare oggi di mercato anche perché la stagione non è ancora finita”. Non prendiamoci per il culo, al netto delle due inutili partite finali e del torneo per lo scudetto dei dilettanti (certamente affascinante ma pur sempre un’appendice finale che non cambia nulla alla stagione, al limite la può rendere ancor più eccezionale ma vabbè) con domenica a Gozzano è di fatto finito il nostro campionato. Gli appunti e critiche rivolte a Ferranti nel corso di queste ultime settimane sul fatto che sarebbe stato sbagliato progettare una prossima stagione in C senza avere ancora la certezza di far parte di quella categoria, sono stati i classici mal di pancia da tifosi preoccupati ma è chiaro ed evidente che qualsiasi Società seria già oggi sta pianificando la stagione successiva. Mi soffermo su questo punto perché, purtroppo e per fortuna, la costruzione da zero in poche settimane di una squadra vincente come la nostra possono sfalsare decisamente la realtà, e portare qualcuno a credere che basti solo investire e “buttarci tanti soldi” che tutto è semplice. Il fatto che a noi sia riuscito non vuol dire che sia la regola e, soprattutto, che sia replicabile anche in categorie superiori. Perdonate quindi l’autoreferenzialità nel chiedervi di (ri)leggere quell’articolo, ma sappiate che, delicato o indelicato, opportuno o inopportuno che sia, nel mondo reale (e non quello perfetto nella testa di noi tifosi) da lunedì il tema Dardan Vuthaj è in cima alla lista di Ferranti e Novara FC tutto, operatori di mercato e media tipo il nostro noto amico Schira, che tanto si occupò di noi fino alla scorsa estate, e che già si è fatto vivo lanciando il meteorite dell’addio. Ovviamente non ho la minima idea di cosa vorrà fare e farà il nostro bomber, e chiaramente mi piacerebbe tanto che rimanesse con noi. Ma sono altrettanto chiaro nel dire che, dovessi scommettere oggi il mio solito bicchiere di acqua minerale, lo farei sull’addio di Dardan. E questo lo penso da novembre.

Nell’editoriale di domenica ho scritto che il mio personale modo di ringraziare Ferranti è stato quello di attribuirgli la mia stima, e non i tipici e banali ringraziamenti a scadenza, e forse questo articolo in un certo senso va proprio in questa direzione perché dettato proprio da questa stima che ho per lui, nella speranza che qualcuno leggendolo magari possa valutare che non può sempre essere tutto bianco o nero, ma talvolta esistono delle sfumature che poi fanno la differenza. Una di queste, per esempio, è comprendere che in serie C cambierà il concetto di contratto e di fiscalità. A un Vuthaj, che già prende una cifra per molti di noi inarrivabile, dopo un campionato come questo è chiaro che gli si dovrà riconoscere (oltre al premio) un adeguamento dell’ingaggio che, ricordo per chi abbia resettato dalla mente, per la Società corrisponde più o meno al doppio. Inoltre, va previsto che per un giocatore del genere servirà (immagino) un triennale a tutela sua e tutela della Società. Le cifre di quest’anno le so, ma qui, per dare un’idea immediatamente comprensibile, ne scrivo altre: immaginiamo prendesse 100, ipotizziamo che chiederà 200 per chiudere nella migliore delle ipotesi a 150, quindi alla Società costerebbe 300 per 3 anni, ovvero 900. Ora, rimane il fatto incontestabile che noi siamo tifosi e che, come avevo già scritto, fondamentalmente sono tutti cazzi di Ferranti cosa fa, come lo fa e affrontare la “grana” Vuthaj, però vorrei sperare che quello che ci è successo, e soprattutto la situazione finanziaria che ci ha portato direttamente o indirettamente all’epilogo che tutti noi abbiamo vissuto sulla nostra pelle, ci abbia quanto meno insegnato qualcosa. Stiamo attenti che è proprio ora che non solo si mettono le basi per (speriamo) prossime vittorie, ma si mettono anche quelle per i possibili disastri finanziari futuri. Non è certo in D dove al 30 giugno cessano tutti i contratti che si può finire male, ma è proprio dalla C.

Comprendo chi si barricherà dietro al “Dardan non si tocca” ma attenzione a non trasformare un eventuale addio in negatività e critiche non costruttive. Diffido chiunque a interpretare quanto sto per scrivere come uno “sputare nel piatto dove ho mangiato” perché non è così. Ma ricordatevi che, proprio per fare un esempio lampante, il Rimini per assurdo sta vincendo il suo campionato di D dopo aver ceduto il nostro bomber. Quindi non è che la sua presenza è condizione necessaria e sufficiente per vincere. Allargando la questione con esempi eclatanti, l’Inter in tempi ed epoche differenti ha vinto dopo aver ceduto gli intoccabili Altobelli, Ibrahimovic e Icardi. Questo per dire che non è mai, o comunque non è solo il singolo che ti permette di fare bene, ma è il lavoro del gruppo con alle spalle una guida tecnica credibile e una Società seria ed ambiziosa che fanno il tutto. In sintesi quello che conterà, qualora dovesse andarsene, sarà il suo sostituto che certamente quest’anno avrà giocato in un campionato professionistico e che, paradossalmente, anche guadagnando più di quanto guadagna oggi Vuthaj, sarebbe più facile trovargli una formula (magari prestito di un anno con possibilità di riscatto al verificarsi di determinate condizioni) più sostenibile di una contrattualizzazione da zero. Ricordiamoci che Dardan ha giocato da noi quest’anno proprio per i motivi per i quali è altamente possibile, non certo ed ovvio ma altamente possibile, che il prossimo giochi ancora in D nel Novara FC di turno, che questa volta potrebbe chiamarsi Catania o magari Casale (che a gennaio già aveva provato a suon di soldi a prendercelo). E questo in barba ad ogni logica, può succedere proprio perché, lo ribadisco, è più facile che certe cifre girino in D che in C, e un giocatore già magari predisposto di suo a questo tipo di carriera ci sguazzi. Io ho imparato a chiamarli professionisti, tanti li chiamano puttane, scegliete voi il termine che preferite ma il fatto rimane.

Che Vuthaj, dopo cinque mesi a ribadire che della C non gliene fregasse nulla, ma solo D o B, magicamente abbia modificato la narrazione con “a Novara anche in C” è totalmente irrilevante. Tante cose si dicono e scrivono, ma poi la storia si costruisce coi fatti. E sappiate tutti, incazzati, indignati, speranzosi, o menefreghisti che siate, che Dardan stesso (o chi per lui) ha ovviamente già presentato il conto a Ferranti dei 31 goal su 33 partite, con relativa richiesta per rimanere. Ma come è giusto che sia. Vuthaj ha firmato con noi tra fine agosto e inizio settembre, quindi ci ha già dimostrato di saper attendere la situazione giusta al momento giusto. Per cui, l’invito che voglio fare oggi è di non mandare in vacca tutto l’entusiasmo qualora, tra un mese o due, dovesse finire altrove. Se poi si troverà la quadra, e rimarrà a Novara sarò il primo ad essere felice (ma in questo caso sarò davvero curioso di vedere che budget realmente Ferranti metterà a disposizione) e tutto questo sarà solo uno dei tanti ragionamenti che si fanno. Non per forza sbagliato, ma sicuramente oggetto di critiche o frecciatine sceme. Quello che mi interessa però è ricordare in primis che siamo finiti così proprio perché abbiamo goduto negli anni di una gestione non sostenibile. Il concetto di sostenibilità è relativo, perché il PSG e il City in qualche modo riescono ad essere comunque sostenibili nonostante abbiano rose da un miliardo di euro, tuttavia per i comuni mortali la sostenibilità nel calcio è un qualcosa sul quale non possono prescindere. E la seconda cosa, è che i presidenti, gli allenatori e i giocatori vanno e vengono, ma quello che rimane siamo noi e la nostra maglia. Se leggete ancora questi articoli è perché in estate avete sposato il progetto Novara FC. E se lo avete fatto allora concorderete sul fatto che il Novara FC deve venire prima di tutto e tutti. Se poi ci sarà un Dardan in più, meglio.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: